30 Ottobre 2021, 07.50
Vobarno
Lettere

E se il gioiello fosse stato uno zircone?

di Andrea Magri

Non direttamente, ma con una lettera aperta alla popolazione, Il Cda della Fondazione Irene Rubini Falck risponde alla lettera da noi pubblicata a firma di Giovanni Scalora dal titolo "Che fine ha fatto il gioiello di Vobarno?"


Il CDA è stato combattuto se rispondere o meno alla pubblicazione del Sig. Scalora, ma tacere voleva dire acconsentire o non aver nulla da raccontare e visto che di cose da riportare ce ne sarebbero davvero tante, risponderà esclusivamente in questa lettera aperta alla popolazione.

E’ doveroso informare i cittadini che
l’attuale CDA della Fondazione è in carica dal settembre 2019, nominato dal Sindaco di Vobarno, pertanto tutti i componenti sono cambiati rispetto ai precedenti.
Nonostante gli attuali consiglieri non siano chiamati a rispondere di scelte economiche e gestionali fatte da altri amministratori, si sentono in dovere di precisare come il loro impegno profuso fino ad oggi è stato dedicato in gran parte alla gestione e prevenzione della ben nota pandemia Covid 19, che a tutt’oggi non risulta terminata con le devastanti conseguenze che ne ha determinato.

Quanto sopra ha avuto notevoli ripercussioni sia per la salute di ospiti e operatori che per la Fondazione ha la priorità assoluta, sia sul bilancio della stessa, a causa delle mancate entrate finanziarie generate dal divieto di ingresso di nuovi ospiti imposto dalle cogenze normative a copertura dei post letto purtroppo liberati dai decessi.

Al CDA corre altresì l’obbligo di ricordare alla cittadinanza che il Sig. Giovanni Scalora, autore della lettera pubblicata in data 22/10/2021 su Valle Sabbia News è stato autorevole componente del CDA nel periodo 2017/2019, con la guida di ben due Presidenti diversi, quindi protagonista delle scelte che secondo il suo dire hanno provocato perdite di bilancio negli anni 2018/2019.

Si potrebbero elencare una serie di situazioni mal gestite in precedenza, ma a loro avviso merita un’attenzione particolare l’”Affare delle Farfalle” per la cui cauzione la Fondazione ha versato 23.400€.
La rinuncia alla vittoria del bando ha comportato la perdita di denaro e non risulta agli atti che la Fondazione abbia chiesto nessun risarcimento ai responsabili di quel madornale errore… ed altro ancora.

Ci sembrerebbe pertanto, il Sig. Scalora la persona più indicata a dare le dovute spiegazioni che hanno causato la situazione che egli stesso denuncia, anziché lanciare illazioni che lasciano il tempo che trovano se non minare l’immagine della Fondazione e intimorire il personale che è impegnato a lavorare con tanta cura e dedizione verso gli ospiti, unica mission della Struttura.

Il nuovo CDA è ricorso, giocoforza, alla collaborazione di consulenti esterni proprio per fare chiarezza sullo stato dell’arte che in quel momento andava chiarito a livello di bilancio, ricostruendo tutta la documentazione necessaria a spiegare le perdite rilevate.
Con molta probabilità, alle difficoltà finanziarie riscontrate, si è aggiunta nella pratica anche la modalità gestionale non prettamente ordinata di chi ne era responsabile e competente, al punto da perdere di vista l’andamento generale.

E’ volontà del CDA comunque informare la Comunità Vobarnese sullo stato attuale della Fondazione, delle problematiche ereditate e delle misure che sta predisponendo per riportare in equilibrio i bilanci futuri e rilanciare positivamente il ruolo e l’immagine di quel gioiello che sicuramente splendeva e splende tutt’ora per la professionalità e la competenza di tutto il personale e per gli ospiti che sono la linfa vitale di questa grande realtà.

A titolo esemplificativo ma  non esaustivo alcuni dei correttivi che il CDA ha apportato per riportare il bilancio al pareggio:

-dal 01/07/2021 è stato riaperto il Centro Diurno Integrato, unità d’offerta molto richiesta sia dalla popolazione vobarnese, che dai paesi limitrofi;

-dalla stessa data si è dovuto procedere ad un aumento delle rette, decisione molto sofferta ma necessaria (nonostante ciò la Fondazione rimane in tutta Brescia e provincia una delle RSA con tariffe più calmierate);

-internalizzazione di tutto il servizio di lavanderia, dopo aver valutato che, avendo il personale assunto, si potevano utilizzare le tre risorse per il servizio completo;

-si sono implementati i servizi alberghieri (parrucchiera, podologa ecc.);

-si è provveduto ad ampliare l’orario della fisioterapia per pazienti esterni sino alle 19.00;

-con debita comunicazione ad ATS ed informazione ai medici di medicina generale, dal 01/08/2021 si è attivata l’Assistenza Domiciliare Integrata Privata;

- organizzazione di eventi di beneficenza aperti al pubblico attualmente esclusivamente presso il Parco della Salute vista l’emergenza sanitaria;

-si sta lavorando inoltre a progetti futuri.
 
Per quanto riguarda le problematiche ereditate, al CDA non pare questa la sede opportuna per le dovute spiegazioni, pertanto lo stesso avrà modo di sviscerare la suddetta situazione che si è trovato ad affrontare, in occasione del Consiglio Comunale.

Per il CDA
Il Presidente Andrea Magri




Vedi anche
22/10/2021 07:08

«Che fine ha fatto il gioiello di Vobarno?» Se lo chiede Giovanni Scalora in questa lettera che, della Fondazione Irene Rubini Falck, analizza i bilanci degli utlimi anni

28/01/2021 09:22

Sull'opuscolo di fine anno Oggetto della lettera a firma di Giovanni Scalora, quanto contenuto negli opuscoli redatti a fine anno, in merito alla Fondazione Irene Rubini Falck, dalle compagini amministrative di maggioranza e di minoranza

16/03/2021 10:49

Il bilancio c'è ma... Giovanni Scalora torna a scriverci in merito alle questioni che riguardano la Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno

27/05/2016 14:08

Aiutaci ad aiutare Il 5 per mille? Donalo alla Fondazione Irene Rubini Falck Onlus di Vobarno. Ecco come fare

12/08/2014 07:21

Rubini Falck: nuovo Cda con polemica Accuse di incompetenza, di mancato rispetto delle regole democratiche e di inaffidabilità. Il rinnovo del Cda della Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, voluto dalla nuova amministrazione comunale, sta creando non pochi malumori




Altre da Vobarno
21/01/2022

Energia solare «green» per spese più sostenibili

E' la linea scelta dal Comune, che installerà due nuovi impianti solari fotovoltaici con sistema di accumulo integrato. Obiettivo ridurre le spese e avere più risorse da impiegare per le necessità dei cittadini

(1)
20/01/2022

Gli ottantacinque di Domenica

Tanti auguri a Domenica Ravera, di Collio di Vobarno, che porprio oggi, giovedì 20 gennaio, raggiunge la ragguardevole età delle 85 primavere

12/01/2022

«La bellezza oltre lo specchio»

Tornano, a cura di Synlab Santa Maria, i Tè della Salute in edizione digitale. Appuntamento giovedì 20 gennaio, necessaria l'iscrizione online

07/01/2022

Sostegno alle famiglie in difficoltà

C’è tempo fino al 31 gennaio per presentare la domanda per buoni alimentari e contributi per affitti, utenze domestiche e tassa rifiuti

28/12/2021

Svista all'incrocio

Non si ferma allo stop, urta un’altra auto che finisce sul marciapiede. Per fortuna solo ferite lievi

25/12/2021

Natale coi nonni

Una giornata speciale quella vissuta dagli ospiti della Fondazione I.R. Falck di Vobarno con un pranzo di Natale con lo spiedo degli Alpini

23/12/2021

Dottoressa Arianna

Complimenti ad Arianna, di Vobarno, che si è laureata in Scienze della formazione primaria con 110 e lode

17/12/2021

Compendio d'idraulica

Un volume promosso dalla Ivar come strumento didattico per gli studenti di Vobarno

16/12/2021

Il musical dei giovani dell'oratorio di Vobarno approda a Salò

Dopo il successo del debutto alla festa della Madonna della Rocca lo scorso settembre e altre repliche in provincia, lo spettacolo musicale arriva ora sul Garda

13/12/2021

Natale a Vobarno

Dalle Natività allestite dalle scuole dell'infanzia ai cori gospel con tè e vin brulè, tante le iniziative per vivere insieme le festività natalizie