14 Marzo 2016, 07.51
Agnosine Anfo Odolo
Incidente

Insidiosa Provinciale

di val.

Doppio incidente quasi in contemporanea, domenica pomeriggio lungo la 237 del Caffaro. Il primo in territorio di Agnosine, l'altro un minuto dopo in quel di Anfo. Due anche i motociclisti a finire gambe all'aria


Prima uscita stagionale per i motociclisti della domenica, che a frotte amano percorrere la 237 del Caffaro.
Curve che però presentano ancora numerose insidie per i meno accorti fra gli appassionati delle due ruote.

Il primo incidente alle 16:11, questo l'orario registrato da Areu per la partenza dei soccorsi, è avvenuto dove la 237 del Caffaro funge da circonvallazione all'abitato di Odolo, anche se si trova territorialmente nel Comune di Agnosine.

In pieno rettilineo, non si sa bene perchè, ma quel tratto su viadotto è provvisto di "giunti" che sembrano dei gradini, un 22enne con Yamaha R1 ha fatto tutto da solo, perdendo il controllo del mezzo che stava guidando, facendosi disarcionare per poi finire la sua corsa con una lunga strisciata, mentre procedeva in direzione di Brescia. 

Per fortuna sembra che i danni maggiori li abbia subiti la potente motocicletta.
Il centauro, infatti, soccorso dai volontari di Pronto Emergenza, è finito sì all'ospedale di Gavardo, ferito più nell'orgoglio che nel fisico, visto che i medici l'hanno accolto con un rassicurante "codice verde".
Pochi danni grazie al fatto che nello smorzare la sua corsa il pilota non ha incontrato altri ostacoli se non l'attrito dell'asfalto e anche all'abbigliamento protettivo indossato.

Un minuto dopo, sempre sulla 237, ma in territorio di Anfo, tradito dallo scivolamento della ruota anteriore su quella che aveva tutta l'aria di essere una "strisciata" di gasolio, è caduto invece una altro centauro, un 24enne di Orzinuovi in sella ad una Honda Cbr fireblade.
La curva è la "solita": quella che attraversa il Rio Perone, teatro di innumerevoli incidenti.

Il 24enne stava viaggiando in direzione di Ponte Caffaro e nel cadere è finito già da "sdraiato" contro una Renault che procedeva nel senso inverso. 
Per fortuna l'auto era dotata di "minigonna" assai bassa, tanto da rifiutare di accogliere motocicletta e pilota sotto la sua pancia.
Il danno per entrambi sarebbe stato certamente più grave.

Sul posto sono intervenuti i volontari dell'ambulanza di Vestone ed il ricovero è avvenuto sempre a Gavardo, questa volta con codice "giallo".

.in foto: la curva del Rio Perone con la strisciata di gasolio; la fiancata della Renault; il danno al Cbr.




Commenti:
ID64890 - 14/03/2016 09:30:43 - (carl) -

Nel caso di Anfo, molto probabilmente, il motociclista è caduto per colpa della strada sporca di gasolio.Ora i danni chi li paga??? E se l'incidente avesse avuto conseguenze drammatiche, chi avremmo dovuto " ringraziare"!!???Come sempre i preposti utilizzano la classica consuetudine del "chissenefrega", poi quando ci scappa il morto, allora iniziano le inutili polemiche ed i classici scarica barile.....

ID64891 - 14/03/2016 09:44:06 - (ubaldo) - Cosa intendi per 'preposti'?

Forse pensi che ci possa essere, magari anche la domenica, uno stradino che corre dietro a tutte le auto o ai camion che perdono dei liquidi per ripulire immediatamente l'asfalto? Sono dell'opinione che bisogna finirla con l'ieda che ci sia sempre un responsabile (ovviamente diverso da noi) quando ci capita qualche cosa. Stavolta il gasolio, un'altra volta un sassolino perso da un camion e via scusando. E lo dico da motociclista. Perchè con questa solfa, fra un po', chi cura le strade ci farà andare in giro tutti a 30 all'ora ed imbottiti come carri armati. E mettere l'occhio si dove si infilano ruote no?

ID64892 - 14/03/2016 09:58:35 - (Venturellimario) -

Mi fa specie questa tua risposta, per l'appunto essendo motociclista, lo sai benissimo che il gasolio in terra non te ne accorgi fino a quando non ti sei steso....Diciamo pure che le nostre strade ormai sono arrivate al limite della percorribilità, almeno in sicurezzaConcordo sul fatto che sia impossibile intervenire sempre in tempo

ID64893 - 14/03/2016 09:59:21 - (carl) -

La polemicha è comunquie costruttiva; visto che tutti i vari Enti sono sempre belli zelanti nel continuare a farci pagare le varie tasse... Lo siano anche nella cura del patrimonio ed anche nella tutela dei propri cittadini.....

ID64894 - 14/03/2016 10:24:04 - (ubaldo) -

E allora quella non era una macchia di gasolio, perchè si vedeva e si vede anche nella foto (che ho fatto io). Tu Venturellimario sei un endurista no? Se fai un volo perchè prendi male il solco lasciato da un trattore te la prendi col Comune perchè non ha sistemato o fatto sistemare la stradina vicinale? No: impari a stare più attento. Semmai col Comune te la prendi se non ti lascia passare. Ecco come la penso. Sul discorso tasse/benefici sono con carl.

ID64895 - 14/03/2016 11:00:54 - (roberto74) - Assolutamente d'accordo....

con Ubaldo. Ogni volta la colpa è della strada e degli altri. Venturelli, che soluzione proponi? Mettiamo un guardiano ogni curva H24?

ID64896 - 14/03/2016 11:11:49 - (Venturellimario) -

Non sono endurista Boh soluzioni non ce ne sono molteQuello che è certo le strade fanno schifo tra buche e altro

ID64897 - 14/03/2016 11:17:37 - (sorech) -

La striscia io l'ho vista già sabato verso le 21,30, si vedeva chiaramente anche con il buio ed iniziava- o finiva- dalla rotonda di Sant'Antonio. Ero in macchina ma ho cercato di non passarci sopra. In moto ci vado ogni giorno da marzo a novembre e le strade sono quello che sono, però l'attenzione ci deve sempre essere, purtroppo mi sembra che i "colleghi" spesso si immaginano in pista e non su una normalissima strada!

ID64899 - 14/03/2016 11:43:59 - (Venturellimario) -

sorechSu l'ultima parte del messaggio hai perfettamente ragione

ID64901 - 14/03/2016 12:25:26 - (Tc) - ...

riporto un esempio accorsomi qualche mese fa...stavo percorrendo con la mia auto una curva a velocita' regolare,ad un certo punto senza sapere come e perche' son finito contro un pioppo a bordo strada,non mi son fatto assolutamente niente,ma l'auto 3000 eur di danno...ho chiamato una pattuglia di polizia locale e gli ho fatto appurare,mettendola a verbale che la sede stradale era sporca e scivolosa per macchie d'olio in terra,ho fatto foto e poi denuncia al comune...alla fine dopo 5 mesi sono stato totalmente risarcito...bisogna sbattersi un pochino,ma avere sempre una testimonianza,anche privata,ma se quella delle forze dell'ordine ancora meglio...

ID64902 - 14/03/2016 12:32:59 - (Venturellimario) -

TC, se eri in moto, forse ora non eri qui a raccontarlo.

ID64904 - 14/03/2016 12:57:28 - (Tc) - venturellimario

vero,il mio era solo un esempio...puo' anche succedere che in moto si cada e ci si riesca anche a non farsi male,dipende da come si cade...;-)

ID64912 - 14/03/2016 18:23:53 - (snaf) -

Ubaldo, la volta che succedesse a lei, e non glielo auguro di cuore, forse cambierebbe idea. Non è giusto rassegnarsi al fatto che le strade qui siano oleose o maltenute. Se dopo che uno sta attento, guida sobrio, a velcità moderata e con tutte le prudenze del caso finisce ancora fuori strada, allora non va bene. Non ci si può sentire in una roulette e lo dico dopo che anche la mia auto, scendendo da agnosine l'anno scorso (a bassa velocità e con un'auto che ha un'ottima tenuta), ha perso aderenza in condizioni in cui non doveva per nessun motivo e caso vuole sulla strada umida c'erano riflessi un po' troppo sospetti. Fiancata da rifare pagata di tasca mia e una rabbia che se ci penso mi sale ancora oggi.

ID64913 - 14/03/2016 18:24:55 - (snaf) -

Convivere con i camion delle industrie della valle non deve comportare rischiare la vita o migliaia di € di danni. Si chiedano alle aziende pesanti contributi per la pulizia costante o si separino totalmente percorsi civili da industriali. Il grandissimo numero di incidenti che accadono non credo possa essere tutto per incoscienza, alcool e altri comportamenti dolosi. Davvero i conti non tornano. E noi dovremmo essere fatalisti? No grazie, ho già dato

ID64915 - 14/03/2016 18:37:42 - (ubaldo) - Mi è successo

In moto fino ad ora dovrei aver fatto circa un milione di chilometri (forse mi ci vuole ancora qualche mese). Mi è successo e non solo una volta di finire per terra sul gasolio o a causa della sabbia. Mi son dato del coglione, ho leccato le ferite, ho imparato, ed ora sto più attento. Pensi che c'è chi il terreno scivoloso lo va a cercare apposta: bassa velocità, rischi minori, divertimento assicurato. Non è il mio caso perchè non potrei farne a meno, ma la maggioranza dei motociclisti in moto possono anche fare a meno di andarci. Se vogliono evitare il rischio di cadere, insomma, possono usare l'auto. So di essere politicamente scorretto, ma la penso così.

ID64919 - 14/03/2016 22:47:54 - (zine) -

@Snaf..."Si chiedano alle aziende pesanti contributi per la pulizia costante o si separino totalmente percorsi civili da industriali"? (che poi cosa vuole separare in Valsabbia? Mah?!?!) ...per fortuna c'e' liberta' di pensiero, ma non abusiamone, va. Pero', ora che mi ci fa pensare, io che in passato ho sbattuto per una lastra di ghiaccio, come capita a tanti, posso invocare e pretendere l'intervento di Dio! Quel biricchino cosa avrà messo a fare la lastra di ghiaccio dove dovevo passare io?!?! Ubaldo, ti quoto al 100%.

Aggiungi commento:

Vedi anche
03/10/2009 18:14

Moto contro auto ad Anfo Lunghe code questo sabato pomeriggio sulla 237 del Caffaro, a causa di un incidente, per fortuna senza gravi conseguenze, che fra Anfo e Ponte Caffaro ha coinvolto un'auto ed una moto.

14/12/2014 08:45

Sbanda e finisce contro un furgone Incidente dovuto al fondo stradale viscido, ma anche ad imperizia e disattenzione, quello avvenuto ieri pomeriggio lungo la 237 del Caffaro in territorio di Anfo

08/05/2017 07:46

Ancora su quelle curve Non sarebbero in pericolo di vita i due feriti più gravi nell'incidente avvenuto questa domenica pomeriggio fra Anfo e Ponte Caffaro, entrambi di Lodrone

15/04/2015 09:12

Caccia grossa... col pullman Incidente... venatorio lungo la 237 del Caffaro. In territorio di Anfo, poco prima di incontrare le recinzioni della Rocca, un autobus di linea che saliva verso Ponte Caffaro ha centrato in pieno un capriolo

01/09/2014 07:03

Grande rischio ad Anfo Possono dirsi davvero fortunati gli occupanti delle due autovetture che ieri pomeriggio si sono scontrate lungo la 237 del Caffaro, nei pressi dell'abitato di Anfo




Altre da Agnosine
12/04/2021

Spiedo e taragna per l'ambulanza

Polisportiva e cacciatori Acl insieme, ad Agnosine, per una giornata di solidarietà. Obiettivo: una nuova ambulanza per Pronto Emergenza

12/04/2021

Da Odolo a Villanuova

Nuova destinazione per don Gualtiero Pasini che lascia la guida delle parrocchie di Odolo, Binzago e Gazzane per diventare amministratore parrocchiale nel suo paese natale

07/04/2021

Franco e Tina, grazie di cuore

Una lettera di ringraziamento, da parte di un'amica, ai due farmacisti di Agnosine che ora si godranno la meritata pensione

01/04/2021

Cade con l'e-bike, vola in elicottero

Brutta avventura quella occorsa ad un biker di 63 anni scivolato lungo un ripido sterrato sul Bertone

20/03/2021

Carissimo Don Pietro Chiappa

E’ con immensa gioia che oggi voglio scriverti e altrettanto fiero, orgoglioso di te per il nuovo incarico che il Vicario zonale ti ha assegnato...

20/02/2021

Agnosine punta tutto sulla sicurezza

Contributi regionali, l'aiuto della Comunità Montana di Valle Sabbia e risorse comunali in campo per la messa in sicurezza di alcuni punti critici del paese

03/02/2021

Dal Cavallo... a cavallo del guard-rail

Tanto spavento, per fortuna pochi danni e nessuno ha dovuto ricorrere al ricovero in Pronto soccorso

04/01/2021

Geiger vince il ricorso contro la Provincia

Mancano le prove. L’ente pubblico è stato condannato a rifondere alla società che gestisce l’impianto di trattamenti rifiuti le spese di giudizio

24/12/2020

Tamponati al 70%

Sono gli ultrasettantenni di Agnosine, che in massa hanno partecipato allo screening-Covid proposto dall’Amministrazione comunale, di cui abbiamo già scritto nei giorni scorsi

24/12/2020

Auguri in musica dalla Filarmonica Conca d'Oro

Vista l’impossibilità si svolgere concerti dal vivo, la Filarmonica Conca d’Oro ha realizzato un video per rivolgere a tutti gli auguri di buon Natale
• VIDEO

Agnosine, il paese la sua gente

Il Santuario della Madonna di Calchere

14/04/2020

Il nuovo municipio di Agnosine è stato inaugurato nel 2006. Lo stabile, 340 metri quadri di nuovi uffici sistemati assieme ad un vasto complesso abitativo che ospita negozi ed appartamenti

14/04/2020

E’ stata l’azienda che per più di 50 anni, fino alla fine degli anni ’70 del secolo scorso, più di altre ha tracciato la storia italiana del mobile multiuso (2)

14/04/2020

E' la chiesa parrocchiale di Agnosine, tempio dalle antiche origini, già citata in un documento del 1037.
L’edificio attuale risale al 1771


14/04/2020

Col suo campanile domina la valle.
L’attuale costruzione risale al 1674 ed è stata eretta su una struttura precedente