13 Dicembre 2015, 09.50
Lavenone
Valsabbini

Arrivederci partigiano

di val.

L'hanno accompagnato questo sabato al cimitero di Lavenone per il suo ultimo viaggio. Antonio Paredi, l'ultimo partigiano di Lavenone, aveva 96 anni. L'avevamo intervistato dieci anni fa


Ecco l'articolo pubblicato allora sul Giornale di Brescia. Vallesabbianews non c'era ancora.
Chissà perchè l'avevamo chiamato Osvaldo...
--------------------------------------

LAVENONE – Infiltrato in questura a Brescia per conto del Corpo di Liberazione Nazionale, nella Brigata d’assalto Garibaldi “Michele Marino”, la 122 bis, con il nome di battaglia “Kepeu”, ha rischiato grosso subito dopo la Liberazione, quando è stato accusato di collaborazionismo dai partigiani valsabbini.

Un brutto quarto d’ora risolto grazie ad una telefonata dalla locanda “Alla lepre” vicina a casa.
E’ Osvaldo Paredi, classe 1919, di gennaio, l’ultimo partigiano di Lavenone, meccanico all’Ave di Vestone prima della seconda guerra mondiale, calzolaio seguendo le orme del padre e, per alcuni anni, gestore di una delle più frequentate “balere” della Valle Sabbia.

La guerra l’ha sorpreso al termine del servizio militare prestato a Durazzo.
Si trovava a Roma su un aereo nel luglio del ’43 quando gli americani, in quel momento “nemici”, presero a bombardare la capitale.
Dopo l’8 settembre è tornato a Lavenone a piedi e si è poi ritrovato a Brescia, di fronte agli americani diventati “amici”, quando il suo comandante, Bettoni, fece di tutto per evitare un ulteriore spargimento di sangue contribuendo a consegnare agli alleati la città già liberata.

Così ci ha raccontato il Paredi. Siamo andati a trovarlo per sentire del “suo” 25 aprile.
Lui ci aspettava ed ha rinunciato per una volta a salire con il suo piccolo fuoristrada fino al fienile con roccolo che possiede in “Sengrana”, proprio sul confine fra i comuni di Lavenone, Vestone e Pertica Bassa.

Con gli occhi lucidi almeno quanto il cervello, ha rivissuto con noi per ore la sua esperienza, arrivando fino ad acquattarsi dietro al tavolo di cucina per mimare quella volta che a Vobarno ha incontrato la colonna dei tedeschi in fuga.

«Il 25 aprile? Aspetta un momento – ci ha detto al momento di iniziare a srotolare la sua storia e i relativi documenti conservati in una cartelletta -. Ne ho fatta di strada, prima, ce n’è da raccontare, c’è da fare un libro».

Osvaldo Paredi ha rischiato molto, in quei frangenti, e ha avuto tanta fortuna.
Noi saltiamo a piedi pari fino al giorno in cui è diventato un partigiano: «Era il Natale del ’44 quando, i tedeschi che stavano al Milano di Idro, riuscirono a prendermi dietro casa, come disertore.
Per fortuna sono riuscito ad impietosire un ufficiale che, in cambio della promessa di arruolarmi nella Monterosa, mi ha lasciato andare: "entro tre giorni voglio vedere i documenti", mi aveva intimato.
Me li sono fatti fare, falsi, dai partigiani a Brescia, e sono rimasto lì, infiltrato in questura con il ruolo di “gappista”, quello che doveva avvisare se erano previsti rastrellamenti».

Ed è a Brescia con il suo comandante Bettoni che anche per Osvaldo Paredi arriva il giorno della Liberazione.
«Quella mattina eravamo in Piazza Loggia e gli americani sono arrivati a Sant’Eufemia – ricorda -. Lì hanno incrociato la coda della colonna di tedeschi in fuga, hanno sparato con i carri e hanno distrutto tutto ad altezza d’uomo.
Per fortuna è intervenuto Bettoni a fermarli. "Ve la consegnamo noi la città", gli ha detto "aspettate ad entrare".
E siamo corsi in Castello dove c’erano gli ultimi fascisti che non ne volevano sapere di arrendersi. Li abbiamo convinti, per questo che gli alleati non hanno avuto bisogno di sparare nemmeno un colpo per entrare».

«Sono tornato a casa dietro ai tedeschi, che prima erano andati verso il Garda, poi hanno dovuto risalire la Valsabbia. Sono arrivato a Lavenone il 26 sera.
Il 27 mattina sono venuti a prendermi quelli delle Fiamme Verdi che mi accusavano di essere fascista. Se non mi avesse risposto Bettoni al telefono, chiarendo chi ero e cosa avevo fatto al suo fianco, non so come sarebbe finita».

Poi il Paredi ci accompagna giù per le scale e ci fa vedere il suo ordinatissimo laboratorio da calzolaio... e la storia continua.

Ubaldo Vallini

.... Fino a Ieri qualla terrena. Per molto tempo ancora quella impressa col coraggio e con la dedizione negli affetti familiari.
Arrivederci.




Aggiungi commento:

Vedi anche
11/12/2020 05:50

Paredi, la fine di un'epoca Tre generazioni a fare e poi vendere scarpe, nel solco di un'antica tradizione itinerante. Così Paredi Calzature, ditta di Barghe conosciuta molto più in là. Paredi chiude e, per il tramite di Vallesabbianews, ringrazia

23/08/2013 14:00

In ricordo del partigiano Amerigo Bagozzi Questa domenica mattina un'escursione sul sentiero "Giacomo Perlasca" fino a malga Paio Alto, nel Comune di Lavenone, dove il 26 agosto 1944 fu ucciso il partigiano delle Fiamme Verdi

25/04/2019 08:33

Il ritorno del partigiano Se una mattina di primavera incontrassi un partigiano… Piccolo racconto per non dimenticare…

23/03/2017 18:06

Il partigiano Franco «Il partigiano Franco» è il titolo del libro di Anna Maria Catano che verrà presentato questo lunedì 27 marzo in città, alle 17.30 nella sala Alberi di Palazzo Martinengo Colleoni (ex Tribunale) in via Moretto 78 

27/04/2018 07:00

Il sentiero del partigiano «Campi» Verrà inaugurato martedì 1 maggio a Vobarno il sentiero dedicato al partigiano Cristoforo 'Rino' Campanardi. Appuntamento alle ore 8.15 in Largo Donatori di Sangue




Altre da Lavenone
07/01/2022

Mattia Frapporti, amaro addio al ciclismo

Troppe delusioni e amarezze nelle ultime stagioni e il ciclista professionista di Lavenone ha deciso di appendere la bici al chiodo

04/01/2022

Incendio lungo la Comunale

Solo il tempestivo intervento da parte del gruppo “Aib Protezione civile” ha evitato che un piccolo incendio potesse propagarsi al bosco circostante

27/12/2021

Canto della Stella? Sì, no, forse

A Idro e attorno al lago, il tradizionale canto di questua è "in forse" anche quest'anno

27/12/2021

Bilancio di fine anno

Servizi, infrastrutture, risparmio energetico e viabilità fra gli ambiti d’intervento dell’amministrazione comunale nel corso del 2021

16/12/2021

Inizio lavori nel 2022

Ci sono accordi e firma: sarà la Collini - Pavoni a realizzare la Variante di Lavenone. Cantieri nel secondo quadrimestre 2022. Trenta mesi di tempo per concludere l'opera

(1)
21/11/2021

Doveva starsene lontano: arrestato

Una storia di alcool, violenza e degrado quella che ha messo ulteriormente nei guai in 54enne di Lavenone, al quale già era stato vietato di avvicinarsi alla moglie

29/10/2021

Nuovo progetto di svaso

Acque nuovamente agitate, sul lago d’Idro, a causa della partecipazione della Comunità montana, insieme a Regione Lombardia e Aipo, alla formulazione di un nuovo progetto per la regolazione delle acque

27/10/2021

Mortale a Lavenone

Lungo la 237 del Caffaro, a Lavenone, ha perso la vita un motociclista di 64 anni. Si chiamava Renzo Vaglia ed abitava a Idro
VIDEO

25/10/2021

«Baremo 10 K», Frapporti compie l'impresa

Operazione compiuta! Il Frappo ha superato i 10 mila metri di dislivello scalando per 10 volte il Baremone percorrendo 220 km di sola salita

22/10/2021

Marco Frapporti sfida il Baremone

Per chiudere la sua stagione il Frappo ha deciso di dare vita a una sfida contro il tempo lungo i tornanti della strada del Baremone