30 Novembre 2007, 00.00
Vobarno
Biblioteca di Vobarno

Centro mediatico e sociale

di Davide Vedovelli

A quasi due anni dall’apertura della nuova sede della biblioteca comunale abbiamo fatto una lunga chiacchierata con il sig. Gian Bonelli, storico bibliotecario di Vobarno, analizzando con lui potenzialità e problematiche.

A quasi due anni dall’apertura della nuova sede della biblioteca comunale abbiamo fatto una lunga chiacchierata con il sig. Gian Bonelli, storico bibliotecario di Vobarno, analizzando la situazione, le possibilità, le potenzialità e le problematiche di un centro bibliotecario importante e vasto come è quello di Vobarno, situato in P.za Corradini.
I dati che forniremo sono quelli aggiornati alla data 31/12/2006.
“Siamo al terzo trasloco- ci dice- e di strada ne abbiamo fatta molta. Mi ricordo che fino 25 anni fa eravamo al terzo piano del palazzo comunale, poi ci siamo trasferiti nel centro del paese, in Via Castegnino, e già quello era stato un traguardo importante per l’epoca, e poi siamo giunti a quest’ultima ubicazione.

I documenti presenti nella vecchia sede erano 30.000, ma a causa della struttura molti erano di difficile consultazione ed il potenziale era sotto utilizzato, bisognava superare diversi ostacoli, anche fisici, per raggiungere un volume.
Analizziamo alcuni dati importanti. Al 31/12/2006 i volumi, nella nuova sede, erano 36.000, di essi 7.341 dedicati ai ragazzi. Vanno poi aggiunti 37 documenti, che fanno parte del fondo antico, 35 edizioni del 1500 che possiamo dire siano la parte museale della biblioteca.
Oltre ad i classici libri sono presenti 64 periodici correnti (tra cui il Graffio), 816 tra cd musicali e vinili, 497 videocassette, 230 DVD, 45 CD Rom, 1280 diapositive, 98 dipinti, 450 fotografie e 16 carte geografiche”.

I numeri bastano da soli a dare l’idea della vastità e dell’importanza che un centro bibliotecario di questo genere riveste, non solo a carattere vobarnese, ma di tutto il nord-est del lago di Garda che comprende Valle Sabbia, Valtenesi e Alto Garda. La superficie della struttura è di 2000 mq.!
Gli utenti registrati sono 1572, di cui 946 Adulti, 523 ragazzi e 103 tra enti ed associazioni. I prestiti sono stati: 18.787 (libri), 287 tra DVD, cd, ecc...
I prestiti interbibliotecari sono stati 1219, di cui ben 819 da Vobarno verso altri poli bibliotecari.
La biblioteca di Vobarno è inserita nella RBP (Rete Bibliotecaria Provinciale), è informatizzata dal 1989 e ha predisposto ben 6 postazioni Internet, aree multimediali e di consultazione.
Va detto che il servizio di prestito dei libri e del materiale mediatico è interamente gratuito. Questo enorme sviluppo è stato possibili grazie all’appoggio delle istituzioni che hanno creduto molto in questo progetto, rendendolo di fatto un punto di riferimento quasi provinciale.

Dopo questa rapida panoramica di tipo statistico parliamo del rapporto biblioteca cittadinanza. Innanzitutto è molto forte il legame con gli istituti scolastici, c’è collaborazione e vengono portati avanti progetti comuni.
“Temevamo - continua il sig. Bonelli - che decentrando l’ubicazione della struttura avremmo perso molto pubblico, ed invece l’affluenza è costante e molto buona. Mentre prima le persone passavano velocemente, magari dopo aver fatto la spesa o essere stati all’ufficio postale, ora vengono appositamente facendosi una passeggiata e si fermano per più tempo nella struttura. Questo anche perché siamo riusciti a creare un ambiente accogliente, che invita il visitatore a fermarsi, consultare e sfogliare i volumi. Era il nostro obbiettivo, e posso ritenermi soddisfatto.

Non è stato facile progettare lo spazio in modo idoneo, ma siamo riusciti a creare diverse aeree per i diversi target di utenza - ha aggiunto -. Molte le facce nuove che abbiamo visto, persone che hanno scoperto la biblioteca, ma anche molti curiosi che vengono solamente per vedere come è la struttura. Un altro obbiettivo che ci siamo posti è quello di farci conoscere anche dal pubblico della terza età che poco usufruisce della biblioteca e stiamo lavorando anche in questa direzione. La gente poi ci vede come un intermediario tra le varie associazioni e i vari assessorati, vengono da noi, espongono le loro richieste e noi ci facciamo portavoce verso chi di dovere. Abbiamo anche un ruolo sociale quindi e questo ci gratifica ancora di più. La gestione della struttura, molto vasta, a volte rappresenta un problema però. Ora siamo in tre bibliotecari fissi, ma a volte, causa anche un atteggiamento non proprio corretto dell’utenza, la gestione diventa difficile e faticosa. Un altro elemento importante è che restiamo aperti 38 ore la settimana, dal lunedì al venerdì, dando un servizio continuo. Per ora non vediamo la necessità di prolungare le ore d’apertura”.

Credo siano d’obbligo i complimenti da parte di tutti al sig. Bonelli per un altro traguardo raggiunto riuscendo a progettare, gestire ed organizzare una realtà come questa: una cosa possibile solo con una grande esperienza, disponibilità e sensibilità, doti che certamente non gli mancano.
Torneremo nei prossimi giorni a parlare di biblioteca e di iniziative legate ad essa, approfondendo alcune tematiche.
Per ora… buona lettura.


Aggiungi commento:
Vedi anche
01/12/2018 06:54

La Biblioteca di Vobarno: finale di partita? ...e così ne scrive Gian Bonelli, lo storico bibliotecario, ponendo in dieci punti le sue perplessità sui destini dell'istituzione

06/05/2015 06:54

La potenzialità della storia «Per un futuro economico del patrimonio storico-culturale di Vobarno» così si intitola il progetto che verrà presentato da Gian Pietro Brogiolo in biblioteca a Vobarno questo venerdì sera

08/03/2018 07:00

Nuovi successi e ulteriori soddisfazioni! Anche i colleghi di lavoro presso il Comune di Vobarno desiderano augurare a Gian Bonelli “buona pensione!”

08/03/2018 06:14

Il Gian Otto marzo: festa della donna e quest’anno anche festa di un grande uomo

30/03/2008 00:00

A Odolo all'ombra delle storie Apertura straordinaria, la prima di una serie, della nuova sede della biblioteca odolese, questa domenica 30 marzo. L'appuntamento è dalle 16 alle 19. Previsto il normale servizio da biblioteca ed un laboratorio creativo per i più piccini.



Altre da Vobarno
25/01/2021

I 95 di nonna Bianca

Tanti auguri a Bianca Vella, di Vobarno, che proprio oggi, lunedì 25 gennaio, raggiunge la veneranda età dei 95 anni

22/01/2021

«Cuore di donna, battiti da non tradire»

Quanti di noi sanno che il killer numero uno per le donne non è il cancro al seno o all’utero, ma la cardiopatia ischemica? Per saperne di più Santa Maria Synlab organizza un “tè della salute” digitale

22/01/2021

Fondi per manutenzione straordinaria delle riserve naturali

Anche le riserve naturali valsabbine potranno beneficiare dello stanziamento di 867mila euro per la tutela ambientale e la salvaguardia delle riserve naturali

21/01/2021

A ricordo del collega Giorgio Zaninelli

Profondo cordoglio ha destato fra i colleghi la prematura scomparsa del 52enne di Idro. La vicinanza alla famiglia

18/01/2021

Investita sulle strisce

E’ successo ad una ragazzina di dieci anni che stava andando a scuola. Emergenza da “codice rosso”, per fortuna risultata poi meno grave

12/01/2021

Dedicata a Giuseppe Zanardelli

Sull’elegante facciata del municipio di Vobarno è posto un ricordo marmoreo alla memoria di Giuseppe Zanardelli, il grande statista bresciano

11/01/2021

Abbandonata in galleria

Che ci faceva quella moto da fuoristrada parcheggiata sul cordolo della galleria? Se la sono ritrovata gli agenti della Locale di Vobarno, che si sono poi dati da fare per ricostruire la vicenda

11/01/2021

Buoni spesa negli esercizi convenzionati

Le famiglie messe in difficoltà economica dall'emergenza Coronavirus potranno richiedere presso il Comune dei buoni spesa per acquistare generi alimentari e di prima necessità. Ecco come

08/01/2021

Open day virtuali all'Istituto Perlasca

Imprescindibili in un periodo in cui organizzarli in presenza è impossibile, gli open day dell'Istituto superiore valsabbino sono in programma per la settimana prossima

07/01/2021

Aperitivo al bancone in zona rossa

Pesanti sanzioni sia per gli avventori sia per i gestori del bar dove ieri nonostante i divieti i clienti stavano consumando all’interno del locale