10 Ottobre 2012, 07.19
Vobarno Barghe Villanuova s/C Valsabbia
Famiglia

Una rete per l'affido

di val.

C'è la pratica dell'affido nel futuro dei minori in difficoltà. Anche la Valle Sabbia si sta attrezzando. Giovedì sera a Barghe un incontro aperto a tutti per vedere come fare.


Troppi bambini in difficoltà, anche in Valle Sabbia, devono ricorrere alle comunità di accoglienza. Serve una rete di famiglie.
Dopo "La resilienza" con la psicopedagogista Mariella Bombardieri, "La famiglia come risorsa: l'esperienza dell'affido familiare" è il titolo della seconda serata dedicata da Vallesabbianews.it alle tematiche familiari. Serie di incontri organizzati in collaborazione con l'associazione culturale Agape e le amministrazioni comunali di Villanuova, Barghe e Vobarno.
 
L'appuntamento è per questo giovedì alle 20 e 30 al teatro dell'oratorio di Barghe.
Per l'occasione, presentate dall'assistente sociale della Valle Sabbia Mara Ceriotti, interverranno le esperte Sabrina Perrino del Consultorio familiare "Nodi", la coordinatrice di "Prendimi in affetto" Sara Modora e Cristina Riccardi dell'AiBi, associazione che si occupa di sensibilizzare al tema il territorio e di sostenere l'attività delle famiglie affidatarie, una delle quali, prima di aprire al dibattito, racconterà la sua esperienza.
Quello dell'affido è un tema drammatico e quanto mai attuale, non fosse altro per il fatto che coinvolge i minori, notoriamente la parte più debole della società.
E i "numeri", anche quelli valsabbini, indicano che c'è ancora molto da fare.
 
Nel corso del 2011, nel solo Distretto valsabbino, sono rimasti senza una famiglia che potesse avere cura di loro 63 minori.
Quarantacinque sono stati affidati ad Istituti protetti, solo per 18 c'è stata la possibilità di ricreare un ambiente familiare.
Intendiamoci: le strutture di accoglienza funzionano bene, bimbi e ragazzini vengono accolti da professionisti seri e in alcuni casi sono indispensabili.
 
Un ambiente famigliare accogliente, però, a certe condizioni, è senza dubbio più idoneo a sostenere un processo di crescita, soprattutto dal punto di vista affettivo e relazionale.
A questi 63 minori, sempre nella sola Valle Sabbia, se ne aggiungono una novantina che ricorrono al servizio di assistenza domiciliare.
Per il momento in Valle non è stato attivato l'affido temporaneo (per alcune ore al giorno), un sistema potrebbe fornire risposte adeguate anche per gran parte di questi casi.
 
Non per ultima la spesa: la tutela dei minori costa alle amministrazioni comunali della Valle più di 700 mila euro ogni anno.
Con i contributi alle famiglie affidatarie si spenderebbe tutti molto meno.
Senza contare che l'esperienza dell'affido è senza dubbio gratificante e arricchisce dal punto di vista umano.
Insomma: vale proprio la pena di capire come funziona.
 
Questo giovedì sera a Barghe è l'occasione buona per farlo.
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
31/05/2016 16:18

«Quando una famiglia ci tiene» Accoglienza familiare, affido, affido diurno o part-time… per ogni storia una storia diversa. Da oggi anche sotto l’egida della Comunità montana di Valle Sabbia

11/04/2017 11:09

Alcune testimonianze Dopo un anno di lavoro il Servizio Affido e Accoglienza familiare di Valle Sabbia raccoglie i frutti. Il bisogno è alto, soprattutto di affidi leggeri (chiamati anche part time), ma i progetti attivati sono positivi

11/04/2017 11:06

Corso di formazione sull'affido e l'accoglienza familiare Prenderà il via il prossimo 19 aprile presso la biblioteca di Vobarno un corso specifico sull'affido e l'accoglienza familiare in Valle Sabbia promosso da Vallesabbia Solidale, Comunità montana e comuni valsabbini

28/05/2018 09:45

Il «buon vicinato» arriva a Vobarno È in programma per questo mercoledì, 30 maggio, presso l’oratorio di Vobarno la terza serata di testimonianze sull’affido leggero in Valle Sabbia

03/02/2018 08:00

Il buon vicinato esiste ancora! Questo lunedì sera all’oratorio di Vestone una serata di testimonianze sulle esperienze di affido leggero in Valle Sabbia



Altre da Villanuova s/C
23/10/2020

Un anniversario da ricordare

La F.O. Running Team vuole festeggiare il 35° anniversario del primo titolo italiano di maratona del presidente Osvaldo Faustini

20/10/2020

Rimane il presidio

Gino Pilenghi non si trova e le ricerche sono temporaneamente sospese. Rimane il presidio in palestra a Villanuova, con la Protezione civile pronta a riattivare la macchina dei soccorsi

19/10/2020

L'ultimo viaggio del sergente Romano

Saranno celebrati questo martedì alle 14:30, partendo dalla camera mortuaria dell’ospedale di Gavardo, le esequie del 99enne Claudio Romano, uno degli ultimi reduci della battaglia di El Alamein

19/10/2020

A Cristina Cocca il premio Lav per i diritti degli animali

La giovane villanovese prima ex aequo al bando “Nuove ricerche per i diritti animali – Premio Maurizio Santoloci”, promosso dalla Lav (Lega anti vivisezione)

19/10/2020

Inversione di marcia

Gira sulla tangenziale per scappare via alla coda e non si accorge che da dietro arrivava una moto

19/10/2020

Pilenghi: oggi vertice in Prefettura

Dopo otto giorni, la macchina delle ricerche impiegata per ritrovare Luigi “Gino” Pilenghi, fa una pausa, in attesa di nuove decisioni

18/10/2020

Dopo una settimana nessuna traccia di Gino

L'ottantottenne di Villanuova manca da casa ormai da più di una settimana, ma le ricerche continuano

17/10/2020

Immaginare nuovi spazi di partecipazione sociale

Immaginare nuovi spazi di partecipazione, in altri modi e con altri perché. È questo il tema affrontato in un incontro del progetto di Housing sociale “Effetto ambra”

16/10/2020

Delitto Mantovani, chiesta la riesumazione della salma

Il padre di Jessica Mantovani, la giovane trovata morta alla centrale idroelettrica di Prevalle nell'estate 2019, chiede giustizia. La riesumazione permetterà di far analizzare ulteriore materiale biologico

16/10/2020

Avanti con le ricerche

Per ora senza risultato alcuno, ma proseguono le ricerche dell'88enne di Villanuova svanito nel nulla sabato scorso