29 Novembre 2021, 09.19
Blog - Genitori e figli

Peccato che tu sia femmina, la violenza psicologica sulle donne

di Giuseppe Maiolo

Uomini in scarpe rosse a Ravenna. Un flash mob tutto maschile per manifestare contro la violenza sulle donne e segnalare che serve un processo di cambiamento rispetto alla violenza degli uomini la quale ha radici profonde e radicate


Un piccolo gesto simbolico ma sempre più necessario per mobilitare la coscienza dei maschi e svelarne la violenza.

Questo non vuol dire che i maschi siano tutti violenti, ma che la cultura della violenza è maschile e non ha confini. Soprattutto si manifesta in una infinità di modi e azioni di abuso. C’è la violenza domestica che esplode dentro le realtà familiari e quella che emerge in tempi di pandemia.

Ma sarebbe un errore attribuire la colpa ai vari lockdown che, invece, hanno sollevato il coperchio sul maltrattamento intra-familiare, diretto o indiretto.

Caso mai l’isolamento sociale ha evidenziato la tossicità delle parole e dei gesti quotidiani che si annidano nelle relazioni domestiche dove, esplicita o meno, può esprimersi la svalutazione del femminile e la disparità di genere. 
Altrimenti non sentiresti ancora oggi bambini che alla domanda “Cosa fa tua madre?” ti rispondono: “Niente, sta a casa!”

Così, prima di tutto c’è la violenza di genere, quella che conduce al femminicidio ed è nutrita dal potere aggressivo dei maschi che considerano la donna ancora un oggetto di proprietà. La parola stessa “femminicidio” rimanda all’omicidio di donne solo in quanto donne, ovvero femmine, che possono essere, come sono in realtà, mogli, compagne, amanti o ex, ma anche figlie, sorelle, amiche o vicine di casa e coinquiline. Donne però colpevoli di aver sfidato il potere del maschio. Martorizzate da quegli uomini violenti non per gelosia, quanto perché maschi incapaci di sopportare l’autonomia e l’emancipazione del femminile. È sempre e solo una questione di potere, in sostanza legato a un maschile strutturato sull’aggressività primordiale e sulla dominanza arcaica che fa ancora parte del cervello rettile il quale, all’origine, regolava la sessualità tra maschio e femmina e assicurava la continuità della specie.

Ma questo dire non è per nulla una giustificazione della violenza, quanto piuttosto un elemento necessario per capire come mai svalutazione, abuso e violenza facciano ancora parte delle relazioni uomo-donna e possano essere mortifere anche prima degli atti fisici, devastanti e distruttivi. Mi riferisco alla violenza psicologica sulle donne che precede il maltrattamento fisico.

Ricordo ancora oggi una giovane donna che in momento del suo lavoro per ritrovare se stessa, raccontò un episodio della relazione con il padre.   

“Ricordo un giorno quando ero bambina accanto a mio padre, mentre lungo la pietraia stavo con lui a pescare. Era la passione che avevamo condiviso e che ci aveva visto vicini, in silenzio. Io lo guardavo e lo imitavo. Ero la sua ombra, la duplicazione dei suoi gesti e dei suoi tic, il clone del suo mondo chiuso e isolato dalla vita. Quella foto, scattata da un amico, sembrava imporci di sorridere senza riuscirci ed era la testimonianza della nostra esistenza: l’una a fianco dell’altro ma senza una pur minima vicinanza affettiva. Ricordo che una volta, sorpreso dai risultati della mia pesca, invece di complimentarsi mi disse: «Peccato che tu sia femmina, saresti stato proprio figlio mio, se fossi nata maschio!”.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.iovivobene.it



Vedi anche
30/11/2020 09:40

Nuove forme di violenza sulle donne La violenza sulle donne, di cui si parla in questi giorni di novembre, non diminuisce. Cresce invece e si trasforma, oppure si sposta dalla realtà al web e viceversa

02/12/2019 07:53

Educare i maschi Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...

22/01/2022 07:42

Povertà educativa e cultura della violenza La violenza sulle donne da parte dei maschi è purtroppo una realtà quanto mai ricorrente, ma le riflessioni sul maschilismo che la alimenta continuano ad incontrare inaccettabili resistenze

25/11/2019 10:00

Coltivare la tolleranza La giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne che ogni anno ricorre il 25 novembre, a mio avviso dovrebbe essere prima di tutto un’occasione per condividere la lotta all’intolleranza

24/11/2018 15:00

Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza 




Altre da Genitori e Figli
22/01/2022

Povertà educativa e cultura della violenza

La violenza sulle donne da parte dei maschi è purtroppo una realtà quanto mai ricorrente, ma le riflessioni sul maschilismo che la alimenta continuano ad incontrare inaccettabili resistenze

03/01/2022

Il Capodanno nella psiche e l'arte del cambiamento

Si dice che il Capodanno sia una sorta di compleanno collettivo e i festeggiamenti rappresentino per tutti, nel bene e nel male, la consapevolezza di un anno in più. Ne deriva che le reazioni a questa ricorrenza siano diverse

31/12/2021

Coltivare la speranza

Se c’è una parola che nei giorni natalizi e di fine d’anno ricorre più di frequente, questa è la “speranza”.

22/12/2021

Regali o doni?

Tempo di feste e tempo di regali. O di doni? Non è una domanda retorica, perché le due parole non sono equivalenti né sinonimi. Hanno origini ed etimologia diversa

15/12/2021

L'albero di Natale, ancora metafora della nostra esistenza

Nei preparativi per il Natale ancora oggi, oltre al Presepe come narrazione della cristianità, c’è l’albero da adornare all’esterno o in casa

06/12/2021

Videogiochi da regalare. Pensiamoci!

Regalare videogiochi per le prossime feste? È una domanda che mi sento rivolgere di frequente. La risposta richiede riflessioni e partirei da quelle che possono emergere a seguito di un recente intervento in una scuola primaria relativo alla sicurezza online dei bambini e per la prevenzione del cyberbullismo

22/11/2021

La gentilezza come cura

Come al solito le giornate dedicate ad un tema sono uno stimolo. E non tanto per proporre slogan accattivanti, che non cambiano nulla, ma azioni di riflessione

13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il “Gioco del calamaro” la serie TV coreana che sta spopolando

31/10/2021

Halloween e il valore delle narrazioni

Halloween non ci appartiene come cultura, ma ai bambini piace questa festa di provenienza celtica. Un tempo serviva a rappresentare il momento del passaggio dalla vita alla morte e a raccontare del cambiamento con cui ogni individuo deve fare i conti

10/10/2021

Scuola. Stanno tutti bene?

Non siamo ancora usciti dalla pandemia e la scuola appena iniziata, impegnata non poco con le misure di controllo, le sicurezze da garantire, i turni e gli innumerevoli problemi gestionali, sembra trascurare interrogativi del tipo “Ma come stanno i ragazzi?” e “Come stanno i docenti?”