01 Novembre 2022, 09.00
Blog - Genitori e figli

Le chat dell'orrore, quei tredicenni vittime e carnefici!

di Giuseppe Maiolo

Quei settecento ragazzini, e forse anche più, che nei giorni scorsi abbiamo scoperto scambiarsi materiale pedopornografico e immagini di sevizie sui bambini, ci hanno scioccato


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...



Dopo una lunga indagine la Polizia postale ci ha rivelato un’incredibile diffusione di foto e video di una raccapricciante violenza. Sconvolge non poco, perché eri abituato a pensare agli adulti che la veicolavano e la diffondevano. Invece la prospettiva qui è cambiata totalmente.

Abusi e torture, rapporti sessuali tra aduli e minori o con animali, scene di squartamento impensabili e difficili da visionare anche per gli operatori esperti della Polizia, sono circolati tra i minorenni, che a quanto pare non sono apparsi né sconvolti né consapevoli di quello che facevano. Come mai? È la domanda inquietante che ci possiamo fare.

È cambiato il modo di intrattenersi e comunicare delle nuove generazioni? Può darsi. Di sicuro sta accadendo qualcosa che ha a che fare con la normalizzazione e l’abitudine alla violenza, quella che porta i minori a non riconoscere la differenza tra una carezza e un pugno, tra un rapporto di amore e un abuso. Vale a dire che si è abbassata la soglia di percezione del male.

La stessa forse, che recentemente ha spinto due ragazzine di 10 anni a picchiarsi e farsi filmare dai compagni per un compenso in danaro.

È necessario chiederci cosa stia accadendo a figli e quale mondo stiamo consegnando loro. Una chat degli orrori come quella scoperta dalla Polizia postale dove i minori attingevano senza tanto controllo a un materiale pericoloso, privi di consapevolezza per i danni della diffusione, ci segnala una grave incapacità empatica e una terribile solitudine davanti all’onnipresente cellulare.

Per molti versi c’è una distanza inimmaginabile tra il mondo dei ragazzi e quello degli adulti e una povertà relazionale che rende i minori di oggi vittime e carnefici allo stesso tempo.

Però non si tratta di trovare le colpe della famiglia e della scuola o scoprire la trascuratezza di genitori e insegnanti, quanto piuttosto riflettere sul rapporto che hanno gli adulti con l’universo digitale e quale atteggiamento educativo usiamo con i minori.

Non è sufficiente pensare solo alle punizioni per correggere i comportamenti, ma serve sapere che siamo di fronte a una sfida educativa epocale che grava sulle spalle di tutti, nessuno escluso.

Forse è illusione quella che ci spinge a pensare di risolvere i pericoli della rete vietando il cellulare e i social ai minori di 12 anni, quando gli adulti per primi li usano con assiduità. Potrebbe servire di più una dieta digitale da applicare a scuola e a casa e pretendere, con giusta causa, che in aula così come in volo il telefonino non stia acceso.

Abbiamo però bisogno di coerenza nell’educare e di impegno adeguato alla complessità del tempo. Credo necessaria un’energia comune fatta di quella utile riprovazione sociale che prima ancora della sanzione sottolinea l’errore o l’inadempienza delle regole. Poi c’è bisogno di collaborazione tra famiglia e scuola e di progetti comuni che aiutino la famiglia a curare di più la comunicazione empatica e la scuola a sviluppare l’educazione alle emozioni, in particolare quella che bambini e adolescenti provano online, la loro realtà più frequente.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.iovivobene.it  




Vedi anche
21/07/2020 08:55

Fatti gravi tra i giovani e mancanze degli adulti La scoperta delle “chat dell’orrore” e i due giovani che hanno assunto un cocktail di sostanze letali: questi i tragici fatti proposti dalla cronaca recente. Ma i genitori e gli adulti dove erano?

18/10/2019 09:26

Hikikomori. Quei ragazzi ritirati in casa “A casa mia sto bene, ho la mia camera, il mio pc, il mio mondo!”. Così dicono quelli che piano piano se ne vanno da scuola e dalla vita di tutti i giorni richiudendosi in casa. Via da tutto

08/12/2015 08:58

Bullismo, la violenza del silenzio Colpisce l’orrore delle sevizie contro un minore di 13 anni che viene legato ad un cancello e trattato come un urinale...

20/01/2019 08:00

Se le maestre picchiano i bambini Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale

29/06/2020 10:21

Gavardo, arrestato per detenzione di materiale pedopornografico La segnalazione da parte di Google e di un'agenzia statunitense che si occupa di bambini scomparsi e sfruttati ha permesso alla Polizia Postale di Brescia di fermare un uomo in possesso di circa 800 tra immagini e video ritraenti minori




Altre da Genitori e Figli
13/11/2022

Baby gang? I nostri figli arrabbiati!

C’è una paura crescente che circola tra di noi e non di rado diventa angoscia e terrore per la violenza giovanile...

24/10/2022

Riconciliazione, la strada possibile per la pace

Riconciliazione è vocabolo fondamentale per uscire dall’umana ferocia. È la condizione senza la quale non può accadere alcun rinnovamento perché è l’avvicinamento degli opposti

17/10/2022

La risata che fa bene alla mente

“Di questi tempi non c’è proprio niente da ridere!” è una frase che capita di sentire sempre più associata sempre ai disagi della vita e alla carenza di prospettive. Invece...

10/10/2022

La speranza, quella possibile fiducia che sostiene

Fa rima con resilienza la parola “speranza” ma anche con resistenza e perseveranza, che sono dotazioni necessarie per superare le avversità e andare avanti

03/10/2022

Resilienza, linfa vitale per andare avanti

La “resilienza” è una parola comune, usatissima, a volte anche a sproposito. Non appartiene al linguaggio psicologico che però l’ha adottata, ma a quello della metallurgia.

26/09/2022

Resistere, resistere, resistere

Resistere è una parola che porta con sé il concetto di “stare” e, con il rafforzativo “ri” allude alla forza che serve per opporsi, anche con ostinazione, a tutto ciò che può travolgere.

19/09/2022

Non si può morire di cyberbullismo

Non è più tollerabile che si muoia di bullismo e cyberbullismo. Se ne parla per una necessaria cronaca, per far conoscere gli elementi che lo hanno determinato o mostrare i possibili colpevoli e le motivazioni che li "armano"

12/09/2022

Insegnare vuol dire...

Insegnare, dice il vocabolario, è verbo transitivo che vien dal latino “insignare” e significa “imprimere segni”...

04/09/2022

Le parole da salvare per vivere

Soffermarsi sulle funzioni delle parole, ci serve. Perché esse appartengono a noi, sono forme che ci abitano e ci descrivono, ponti con cui trasmettiamo il pensiero.

28/08/2022

La gentilezza, energia che fa star bene

Si fa un gran parlare di gentilezza in questo periodo. In parte per moda, ma molto per necessità in un mondo di disattenzione e indifferenza e dominato da rapporti di arroganza e prepotenza.  C’è un grande bisogno di premura e di attenzione, di partecipazione affettiva da trasmettere non solo con azioni gentili ma con pensieri e parole