22 Gennaio 2019, 11.41
Economia in pillole

Uno sguardo allo stato d'animo degli investitori

di Roberto Trevisani

Si è appena concluso un anno particolarmente negativo per i mercati finanziari. Le reazioni ad un 2018 ballerino 


Si è appena concluso un anno particolarmente negativo per i mercati finanziari, non tanto per l’entità dei cali ma per il coinvolgimento di quasi tutte le forme di investimento con il risultato che oltre il 90% delle categorie di strumenti finanziari ha registrato perdite nel 2018.
 
Come hanno reagito gli investitori?
Se l'andamento dei mercati, specialmente azionari, in alcuni momenti da montagne russe potrebbe aver fatto girare la testa a qualcuno, uno stato di vera preoccupazione regna invece su chi, alla ricerca di rendimenti superiori allo zero virgola degli investimenti prudenti, si è fatto tentare dall’assumere rischi maggiori rispetto al passato. 
 
Non possiamo tralasciare i nostalgici dei vecchi investimenti in obbligazioni e titoli di stato che oggi si trovano a dover tentare di digerire l'utilizzo dei fondi di investimento. La serenità apparente che davano i primi è stata sostituita dal disagio per i secondi, prevalentemente senza scadenza, senza un rendimento dichiarato in anticipo e per di più con la mal gradita caratteristica di avere un valore che cambia giornalmente. 
 
Cosa si potrebbe fare? 
Questi primi giorni dell’anno potrebbero essere l'opportunità di fare il punto della situazione dei vostri investimenti ripensando al motivo per cui sono stati acquistati e focalizzando l'attenzione sul livello del rischio: non fermatevi alle diciture basso, medio o alto ma cercate di capire le ricadute potenziali in caso di scenari fortemente avversi. 
 
Se già ora, dopo piccole discese, vi sentite sofferenti potreste non essere in grado di mantenere la rotta con mercati in burrasca. 
 
Come ci vestiamo?
Un investimento potrebbe essere paragonato ad un vestito: può apparire molto bello nella vetrina del negozio, ma una volta indossato se non è della nostra taglia non ci farà sentire a nostro agio. 
 
Mantenendo il paragone nel campo dell'abbigliamento, ogni vestito ha uno scopo e non rispettarlo può non essere una buona idea: proviamo ad immaginarci con una tuta da sci in spiaggia o con un costume da mare in montagna in pieno inverno.
 
Qualcuno è sereno
Coloro che stanno investendo per raggiungere degli obiettivi specifici, con un grado di rischio coerente e tollerato potranno non essere contenti dei risultati dello scorso anno ma avranno vissuto più serenamente i momenti di oscillazione dei mercati consapevoli delle scelte effettuate. 
 
E voi come vi sentite?

 
Roberto Trevisani
 
Via Quarena 145 - Gavardo (BS)
telefono 328 6457362
mail: studio@robertotrevisani.com
pagina facebook: Studio Roberto Trevisani
-----------------------------------------------
 
Abbiamo chiesto a Roberto Trevisani di aiutarci ad affrontare i piccoli e grandi problemi che le famiglie o le aziende possono incontrare ogni giorno in campo finanziario ed economico.
 
Lo potete leggere, ma anche chiamare o gli potete scrivere, ha promesso che vi risponderà.
  
 
 


Aggiungi commento:

Vedi anche
17/01/2017 07:08

Previdenti sì, investitori forse Ci proteggiamo non investendo… ma forse un'altra soluzione c’è

06/12/2017 06:56

Soldi in paradiso, colpevoli intoccabili e risparmiatori rimandati... a settembre Qualche consiglio forse scontato ma non banale per sopravvivere alla malafinanza

12/03/2019 10:00

E allora spendo! Perché quando gli investimenti non rendono si ha la tentazione di spendere?

20/09/2016 07:46

La mia banca è per sempre?

La Banca: un servizio oggi essenziale per gestire l’economia famigliare. Tra contraddizioni e rischi nascosti.
Ce ne parla Roberto Trevisani

13/05/2019 18:31

Come perdere soldi lasciandoli sul conto corrente Impariamo a conoscere e combattere il nemico numero uno dei risparmi non investiti




Altre da Economia e Lavoro
11/06/2021

Banca Valsabbina cresce nel fintech

Siglato un accordo per l'acquisizione del 17,5% della veneta Mycredit Service, specializzata in servizi di invoice management

10/06/2021

Pirla: un anno di lavori

C’è chi si chiede, transitando sulla 237 del Caffaro quando diventa tangenziale di Odolo, che cosa sta succedendo alla montagna. Sono i lavori di Terna ed A2A per costruzione di una “sottostazione”

08/06/2021

I primi 50 anni di Consuelo

La storica gelateria festeggia il mezzo secolo di attività: un punto di riferimento e un luogo di ritrovo per i ragazzi di molte generazioni

05/06/2021

Famiglia Cooperativa, bilancio e rinnovo cariche

Anche quest’anno l’assemblea dei soci della Famiglia Cooperativa Valle del Chiese si terrà con delega al rappresentante designato per l’approvazione del conto economico ed elezioni

04/06/2021

Cercasi impiegato amministrativo

La proposta arriva dall’Azienda Speciale Albatros, la “municipalizzata” di Lumezzane. L’assunzione è a tempo indeterminato, il relativo bando scade il 15 giugno

29/05/2021

Cybersecurity, un arma contro il mostro silenzioso

L’appuntamento – promosso dalla delegata di Confindustria Brescia a Legalità e Responsabilità Sociale d’Impresa, Alberta Marniga - ha affrontato il tema della sicurezza digitale e i rischi che le aziende corrono ogni giorno a causa dei pericoli informatici

28/05/2021

Busi Group, da Paitone al Sudamerica

Dal primo paese della bassa Valle Sabbia a Santiago del Cile il viaggio delle attrezzature dell'azienda di Paitone per la gestione dei rifiuti attraverso le nuove tecnologie

27/05/2021

Imbal Carton punta sull'impresa responsabile

Dopo un 2020 di successo nonostante la pandemia, l'azienda di Prevalle concentra gli investimenti del 2021 nella responsabilità verso clienti, dipendenti, territorio e ambiente. Nasce la linea di packaging “Fresh4you”

26/05/2021

Master in Management dell'Impresa Responsabile

Questo venerdì 28 maggio alle 10 il webinar per la presentazione del corso che inizierà l’8 giugno e si terrà nella ex centrale elettrica di Barghe. Ecco come partecipare

26/05/2021

Imprenditrici bresciane tra la Valle Sabbia e il Trentino

Esperienze diverse ma simili intenti quelli di alcune imprenditrici bresciane che hanno scelto di operare nella ristorazione tra la Valle Sabbia e il Trentino