22 Gennaio 2019, 11.41
Economia in pillole

Uno sguardo allo stato d'animo degli investitori

di Roberto Trevisani

Si è appena concluso un anno particolarmente negativo per i mercati finanziari. Le reazioni ad un 2018 ballerino 


Si è appena concluso un anno particolarmente negativo per i mercati finanziari, non tanto per l’entità dei cali ma per il coinvolgimento di quasi tutte le forme di investimento con il risultato che oltre il 90% delle categorie di strumenti finanziari ha registrato perdite nel 2018.
 
Come hanno reagito gli investitori?
Se l'andamento dei mercati, specialmente azionari, in alcuni momenti da montagne russe potrebbe aver fatto girare la testa a qualcuno, uno stato di vera preoccupazione regna invece su chi, alla ricerca di rendimenti superiori allo zero virgola degli investimenti prudenti, si è fatto tentare dall’assumere rischi maggiori rispetto al passato. 
 
Non possiamo tralasciare i nostalgici dei vecchi investimenti in obbligazioni e titoli di stato che oggi si trovano a dover tentare di digerire l'utilizzo dei fondi di investimento. La serenità apparente che davano i primi è stata sostituita dal disagio per i secondi, prevalentemente senza scadenza, senza un rendimento dichiarato in anticipo e per di più con la mal gradita caratteristica di avere un valore che cambia giornalmente. 
 
Cosa si potrebbe fare? 
Questi primi giorni dell’anno potrebbero essere l'opportunità di fare il punto della situazione dei vostri investimenti ripensando al motivo per cui sono stati acquistati e focalizzando l'attenzione sul livello del rischio: non fermatevi alle diciture basso, medio o alto ma cercate di capire le ricadute potenziali in caso di scenari fortemente avversi. 
 
Se già ora, dopo piccole discese, vi sentite sofferenti potreste non essere in grado di mantenere la rotta con mercati in burrasca. 
 
Come ci vestiamo?
Un investimento potrebbe essere paragonato ad un vestito: può apparire molto bello nella vetrina del negozio, ma una volta indossato se non è della nostra taglia non ci farà sentire a nostro agio. 
 
Mantenendo il paragone nel campo dell'abbigliamento, ogni vestito ha uno scopo e non rispettarlo può non essere una buona idea: proviamo ad immaginarci con una tuta da sci in spiaggia o con un costume da mare in montagna in pieno inverno.
 
Qualcuno è sereno
Coloro che stanno investendo per raggiungere degli obiettivi specifici, con un grado di rischio coerente e tollerato potranno non essere contenti dei risultati dello scorso anno ma avranno vissuto più serenamente i momenti di oscillazione dei mercati consapevoli delle scelte effettuate. 
 
E voi come vi sentite?

 
Roberto Trevisani
 
Via Quarena 145 - Gavardo (BS)
telefono 328 6457362
mail: studio@robertotrevisani.com
pagina facebook: Studio Roberto Trevisani
-----------------------------------------------
 
Abbiamo chiesto a Roberto Trevisani di aiutarci ad affrontare i piccoli e grandi problemi che le famiglie o le aziende possono incontrare ogni giorno in campo finanziario ed economico.
 
Lo potete leggere, ma anche chiamare o gli potete scrivere, ha promesso che vi risponderà.
  
 
 


Aggiungi commento:

Vedi anche
17/01/2017 07:08

Previdenti sì, investitori forse Ci proteggiamo non investendo… ma forse un'altra soluzione c’è

06/12/2017 06:56

Soldi in paradiso, colpevoli intoccabili e risparmiatori rimandati... a settembre Qualche consiglio forse scontato ma non banale per sopravvivere alla malafinanza

12/03/2019 10:00

E allora spendo! Perché quando gli investimenti non rendono si ha la tentazione di spendere?

20/09/2016 07:46

La mia banca è per sempre?

La Banca: un servizio oggi essenziale per gestire l’economia famigliare. Tra contraddizioni e rischi nascosti.
Ce ne parla Roberto Trevisani

13/05/2019 18:31

Come perdere soldi lasciandoli sul conto corrente Impariamo a conoscere e combattere il nemico numero uno dei risparmi non investiti




Altre da Economia e Lavoro
20/01/2022

La metallurgia supera in modo brillante il Covid

Analizzati i bilanci di quasi 200 realtà attive nel comparto: la crisi legata al Covid non stravolge gli equilibri precedenti. La quota di aziende che si posizionano nella classe A (quella che include gli operatori più virtuosi) rimane invariata rispetto all’anno precedente (30%). Per gli altri livelli si registrano leggere variazioni.

15/01/2022

Servizio civile, futuro lavorativo

È quello proposto fra gli altri dall’Associazione Volontari Ambulanza di Valle Sabbia. Vale per ragazzi e ragazze di età compresa fra i 18 e i 29 anni (non compiuti). Entro il 26 gennaio la domanda

11/01/2022

Un anno di Social Work

Nel corso del 2021 sono un centinaio le persone che hanno trovato un’occupazione attraverso il servizio di avviamento al lavoro della Comunità montana

03/01/2022

I 70 anni di storia della forneria Pellizzari

Lo storico panificio si è dotato di un nuovo forno di ultima generazione. Causa pandemia festeggiamenti ed inaugurazione sono stati rinviati a data da destinarsi

30/12/2021

Anche nel 2020 il settore Alimentare regge all'urto della crisi

Analizzati i bilanci di circa 130 realtà attive nel comparto: nel 2020 la quota di aziende che si posizionano nella classe A (quella che include gli operatori più virtuosi) si attesta al 29% del totale, tre punti percentuali in meno rispetto a quanto registrato prima della crisi

26/12/2021

Ancora rumori, polvere e odori dalle Fonderie Mora

Nei giorni scorsi Legambiente ed Comitato Cittadini hanno incontrato il sindaco Davide Comaglio

(3)
25/12/2021

«El tirolés che vindìa i paröi» e «èl molèta»

Alzino la mano coloro che avendo sulle spalle un discreto fardello di anni vissuti serenamente, non ricordano il “ramaio di Tione” che, col suo furgone carico di articoli di rame, ogni primo lunedì del mese si recava al mercato di Nozza!

23/12/2021

ISM (Indice Sintetico Manifatturiero): il Sistema Brescia sta meglio del 2009

Nel 2020 il sistema manifatturiero bresciano, nonostante le difficoltà legate alla pandemia da Covid-19, ha mostrato significativi segnali di tenuta, che confermano la generalizzata robustezza del Made in Brescia

10/12/2021

Nuovo record per le esportazioni bresciane

Nel 3° trimestre 2021, le esportazioni bresciane, pari a 4.554 milioni di euro, hanno espresso l’importo più elevato da quando è disponibile la serie storica, evidenziando un incremento del 21,4% rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 18,9% rispetto allo stesso periodo del 2019