26 Gennaio 2017, 07.00
Valsabbia
Anniversari

«Nikolajewka, la giornata degli eroismi più fulgidi»

di Cesare Fumana

Ricorre quest’oggi, 26 gennaio, il 74° anniversario della battaglia di Nikolajewka, l’ultimo sanguinoso combattimento degli Alpini durante la ritirata di Russia, che vide protagonisti, fra gli altri, i battaglioni valsabbini “Vestone” e “Val Chiese”


I reparti nei quali erano inquadrati la maggior parte degli alpini delle nostre terre facevano parte con il btg. “Verona” e il gruppo “Bergamo” del 6° reggimento Alpini, che rappresentava l’avanguardia della colonna in ritirata, al cui comando fu chiamato il generale Luigi Reverberi, comandante della divisione Tridentina.

Fu lui, quando ormai stavano calando le prime ombre della sera e sembrava che non ci fosse più niente da fare per rompere l’accerchiamento, a salire su un semovente tedesco e, incurante della violenta reazione nemica, al grido di “Tridentina avanti!”, a trascinare i suoi alpini all’assalto.

Ricordiamo quei tragici ed eroici momenti
proprio con le sue parole, pronunciate in occasione dell’Adunata della Tridentina, svoltasi a Gavardo il 26-27 ottobre 1946, pubblicato integralmente sul giornale “Monte Suello” della sezione Ana di Salò n. 5 dell’agosto 1996.

“… Dal 17 gennaio 1943, ebbe inizio, o Alpini, l’Impresa che vi ha imposto alla ammirazione del Mondo, perché compiuta in circostanze così spaventosamente avverse che nessuna mente, per quanto ottimista, avrebbe potuto presagirne la felice soluzione. [...]

Si videro in questa tragica odissea, che durò per oltre 15 giorni, i più generosi esempi di cameratismo: alpini che si caricavano del carico dei compagni più stanchi; alpini che portavano barelle con feriti ed ammalati; alpini che sostituivano i quadrupedi nel traino delle slitte.
[...]

11 accerchiamenti spezzati, 14 battaglie combattute e vinte in una steppa desolata che non offriva alcun conforto, con una temperatura assiderante che alle volte ha raggiunto i 40 gradi sotto zero, sono le poste che il destino aveva messo al nostro riscatto. [...]

Ma la sorte avversa vuole ancora chiudere questi soldati in un cerchio di ferro e fuoco per farla finita, per stendere un nero sudario sulla grande vicenda. Eccoci alla memorabile giornata di Nikolajewka: martirio e gloria della “Tridentina”. È questa la giornata degli eroismi più fulgidi: è questa la giornata che pur pagandolo a carissimo prezzo i reparti della “Tridentina” acquistano il maggior titolo di gloria. [...]

E qui consentite a questo vecchio soldato, giunto ormai al fine della sua vita militare, di dirvi come mai egli abbia tanto amato come in quel giorno; come mai egli abbia tanto ringraziato il destino, come in quel giorno, nel quale ha potuto darvi prova della sua grande passione alpina. [...]

Allora il vostro generale, divenuto solo e semplicemente il Padre dei Suoi Alpini, vi ha guardato negli occhi; ha visto il vostro scoramento davanti all’impossibile ed ha offerto a Dio la sua vita, perché voi foste salvi; e nel preciso intendimento di compiere il suo ultimo dovere verso di voi, che già tante prove di affetto gli avevate dato, partì solo, avanti a tutti, fidente che Iddio avrebbe accolto il suo sacrificio per la vostra salvezza: e la lotta fu ripresa con rinnovata energia e la vittoria fu nostra e davanti a noi fu aperta finalmente la via del ritorno.

Non ho mai parlato con alcuno di questo episodio che pure è noto; perché certi ricordi si conservano gelosamente custoditi nel cuore; ma oggi qui, a solo a solo con voi, che potete comprendermi, alla vigilia di lasciare volontariamente l’Esercito dopo tanti anni di servizio, ho voluto dirvi quale è il più grande orgoglio, che porto con me e che servirà a rendere meno doloroso il distacco da quella divisa che ho vestito per 35 anni e, ritengo, senza mai venir meno alle leggi dell’onore militare e civile”.


Nelle foto:
. da sinistra, il tenente colonnello Policarpo Chierici comandante del Val Chiese, il tenente Baietti (futuro Presidente della Sezione di Brescia), il colonnello Paolo Signorini comandante del 6°Rgt. Alp., il generale Luigi Reverberi a rapporto a Nikolajewka il 26 gennaio 1943
. il gen. Luigi Reverberi prima della partenza per la Russia
. la consegna della medaglia d'oro al valor militare al gen. Luigi Reverberi in piazza della Loggia a Brescia il 21 gennaio 1951


Aggiungi commento:

Vedi anche
22/01/2016 14:05

Nikolajewka, sacrario degli Alpini Si terrà questo sabato, 23 gennaio, a Brescia, la commemorazione della Battaglia di Nikolajewka, l’ultimo eroico sacrificio delle Penne nere durante la ritirata di Russia nella Seconda guerra mondiale

26/01/2021 09:45

78 anni fa la Battaglia di Nikolajewka Non si terranno quest’anno a Brescia le celebrazioni delle Penne nere in ricordo dell’ultimo combattimento della Campagna di Russia, ma gli Alpini non dimenticano

26/01/2012 10:51

Nikolajewka, l’ultima battaglia Ricorre oggi l’anniversario dell’ultimo sfondamento in Russia degli alpini in ritirata. Sabato a Brescia l’annuale commemorazione dell’Ana.

26/01/2018 12:00

Nikolajewka, a Brescia l'anniversario solenne Si concluderanno questo fine settimana a Brescia le celebrazioni per il 75° anniversario dell’ultima eroica battaglia che consentì agli alpini in ritirata di tornare “a baita”

25/01/2018 11:30

Un nuovo ponte per il 75° di Nikolajewka Parla anche bresciano il progetto del “Ponte degli Alpini per l’amicizia”, che le penne nere dell’Ana stanno realizzando in Russia per il 75° anniversario della tragica battaglia degli Alpini




Altre da Valsabbia
21/06/2021

Inizia l'estate

Con il solstizio inizia ufficialmente la stagione estiva, che più di ogni altra è dedicata alle ferie e alle vacanze. Aspettiamo le foto delle vostre vacanze!

21/06/2021

Interventi a sostegno dell'agricoltura nelle aree montane

Il Bando della Comunità Montana mira ad aiutare gli operatori del settore agricolo con particolare attenzione a potenziamento e sviluppo delle aziende. Per fare domanda c'è tempo fino a fine giugno

20/06/2021

Focus sulla fragilità dei bambini

Il Poliambulatorio con sede a Vobarno torna ad ospitare Fondazione Cesvi, offrendo alla cittadinanza un’occasione unica di confronto e riflessione

19/06/2021

Cordoglio per la morte di Padre Oscar

E’ giunta inaspettata in Valle Sabbia la notizia della prematura morte di monsignor Oscar Therà, il "figlio delle stelle" che amava trascorrere periodi di riposo in Degagna

18/06/2021

Aliscargo Airlines, a capo degli azionisti Alcide Leali

La nuova compagnia aerea per il trasporto intercontinentale delle merci vede alla guida degli investitori privati l’imprenditore valsabbino, già fondatore di Air Dolomiti e patron dei Lefay Resorts

18/06/2021

Al via Acque e Terre Festival

Quindici spettacoli in nove Comuni nell’arco dell’estate per l’attesa rassegna che regala musica, teatro e cultura di qualità

17/06/2021

Cosa significa essere un «Comune turistico»

E’ sufficiente istituire un assessorato al turismo, elencare edifici storici ed eventi estivi per essere un comune turistico? Secondo l’Istat non basta e vediamo perché. Ecco come sono messi i Comuni valsabbini

16/06/2021

Aria spa, Girelli: «Un nuovo problema. Per i centri estivi bando da rifare»

La segnalazione del consigliere regionale valsabbino del Pd: «600 tra Comuni e parrocchie che avevano partecipato al bando, ora dovranno ripresentare le domande»

15/06/2021

Cinque milioni di euro per la Protezione Civile

Le risorse stanziate dalla Regione saranno destinate all'acquisto di mezzi, dotazioni tecniche e attrezzature necessari alla gestione delle emergenze. Massardi: “Protezione Civile risorsa fondamentale per il nostro territorio”

15/06/2021

Scuola finita, ora c'è la maturità

Bilancio in chiaroscuro per gli alunni del “Perlasca” per l’anno scolastico appena trascorso segnato dalla didattica a distanza. Da mercoledì il via agli esami di Stato