15 Settembre 2016, 15.50
Ricorrenze

«Lui scende a Nozza o a Vestone?»

di Beppe Biati

E' trascorso un anno dalla scomparsa di Pino Greco, montanaro degli Abruzzi e più valsabbino dei valsabbini. Beppe Biati oggi ci dà modo di ricordarlo. Lo facciamo molto volentieri

 
“LUI SCENDE A NOZZA O A VESTONE?”
Il ricordo di un amico scomparso
 
Lui scende a Nozza o a Vestone?
Molti elementi quella mattina congiuravano ad acuire il disagio di uno stazzonato professore con valigia.
Seicento chilometri di treni nella notte. Cinquanta di corriera nella nebbia. La brusca, abbacinata materializzazione di un fiume che contendeva alla strada un segmento angusto di fondovalle. E poi il sole che svaporava fra boschi mollicci, tralicci balenanti e una chiesa improvvidamente accoccolata sotto dirupi incombenti… tratta Barghe-Vestone, di quel 30 ottobre 1972.
Il posto era San Gottardo. Il professore ero io. 
Quel “lui” era il preannuncio di una diversità…”.

Così ci raccontavi il tuo ingresso in Valle Sabbia, tu, uomo delle plurime e positive relazioni, quelle d’acchito, e quelle, per contrapposto, profonde, che si insediavano con naturale e sperimentata duttilità. Su e giù per questa Valle, dove, per te, “riconoscere l’affannosa e mitragliante apnea di certe tirate del savallese era un gioco da ragazzi, come pure distinguere la cantilena ciondolante di Idro o i curiosi scambi vocalici dei Bagossi”.

Ti esercitavi nella decrittazione di un linguaggio che trasmetteva non tanto precisi riferimenti lessicali, quanto arcane energie fonetiche e risonanze suggestive. Come quelle della tua terra, del resto, che sempre fa capolino nelle tue descrizioni e nel tuo animo. (Bussi Off Quel paese che non c’è più).

E così iniziava quella tua professione di insegnante, nobile e intessuta di piccole grandi realtà, davanti a volti intensi, ad occhi sgranati di curiosità, di cose da comunicare, da insegnare, con la diversificazione pedagogica dell’approccio, unico nella dedizione, caratterizzato e su misura, “individualizzato”, rispetto all’alunno.

Pedagogia della promozione umana, attraverso una empatica relazione, non scontata, ma resa “carne viva”, “spirito diffuso”, cultura vera.
La nozione contava sì, ma il fine era la formazione integrale della persona, come uomo, come cittadino, parte significativamente sociale di un gruppo, dove la “polis” civica era da costruire, arricchire, consolidare.
Tu, che provenivi da una turbinosa militanza giovanile nel paese più rosso d’Abruzzo e ti incontravi con un mondo cattolico: incontro di tolleranza e di curiosità.

Sì, tu portavi dentro delle rabbie proletarie e dei radicali risentimenti contro le prepotenze padronali e gli opportunismi dietro l’angolo, che si incanalavano, qui, nella tua verde Valle, per la predilezione degli ultimi, dei ragazzi che ti raccontavano degli squarci di cielo delle Pertiche o del Savallese, assieme alla dura fatica delle fienagioni su pendii scoscesi, di raccolti affidati alle nubi e alle tempeste.

Affanni, ristrettezze, privazioni: tu c’eri e lo raccontavi.
In ogni caso gli alunni, proprio come oggi prescrive la pedagogia più avveduta, in un approccio non assillante con i garbugli morfologici e sintattici. 
Gli alunni con le loro famiglie, il loro portato, il loro contesto, il loro futuro, indirizzato su principi e valori, come da lascito resistenziale e da Costituzione italiana, senza reticenze e senza vergogna.

Così da Preside (“praesidium”, presidio dell’Istituzione), una vocazione realizzata, quasi naturale conseguenza di trasmissione di valori e di guida saggia ed attenta. Una predestinazione scontata, per studi, cultura, sapienza comunicativa, merito, lavoro sul campo.
Il mio viatico – scrivevi – era Don Milani, con la sua Scuola di Barbiana”.
Il riscatto sociale attraverso la cultura, questo era il senso di quella tua asserzione.

Credo che i tuoi insegnanti/colleghi/amici,
presenti qui e quelli che ti ricordano, abbiano impresse queste suggestioni, anche e soprattutto laddove asserivi che ogni processo cognitivo viaggia e si nutre di rapporti sociali e dialogici, “le emozioni”. 

Non ti abbiamo conosciuto abbastanza: questo è il grande rincrescimento.
Uomo di immensi affetti familiari e di grandi profili di vita: tra tutti la relazione come base, il rispetto come segno confermativo di ogni rapporto, l’ascolto come presupposto. Diversità di vedute nel mondo e sul mondo, ragioni per le proprie scelte, incondizionata dedizione agli assunti di base: mai e poi mai prevaricazione!
Distinzione sempre, però, perché il tuo background aveva le stimmate del paese-fabbrica, delle occupazioni, della celere, degli intossicati dal cloro, delle discriminazioni per i figli degli operai.

Come adeguatamente darti il commiato, l’arrivederci; esternarti il ringraziamento per essere vissuto, per come hai vissuto, per come hai affrontato una lunga, difficile e dolorosa malattia, con l’inarrestabile continua volontà del “potercela fare”.

Come inno alla vita, “quella incalzante metamorfosi” che è la vita, come spesso affermavi nelle tue riflessioni:
“Ma sì, a volte oltre le cime brunite e l’azzurro del cielo, ti capita di immaginare altro. Non gli stereotipi rimuginati ai catechismi vari, neppure quel toccasana compassionevole a cui ci si attacca quando si sente che i giorni scappano via.
Un altro Dio. Un Dio delle cose.
Quello che ordina gli spazi e le energie.
Quello che sta negli interstizi delle tue cellule e degli altri esseri viventi. 
Quello che fa scorrere i fiumi e sorveglia le nuvole nella notte. 
Sono solo tentazioni. 
Poi di fronte all’enormità di quella trascendenza appena lambita e al tumulto degli echi interiori, lo sguardo si abbassa alle cime ferme degli abeti, ai torrenti traslucidi, allo sfolgorio della neve…
Così sei torrente, sei albero, sei pensiero liquefatto in gocce di umori silvestri. Sei molecola sintonizzata con l’armonia universale. 
Momento pieno e infinitesimale dell’Eterno”! 

Vivi nei nostri cuori, Pino!
 
Beppe Biati

-----------------------------------------------
Pino Greco ha scritto anche per noi, redazione e lettori di Vallesabbianews.

Di lui abbiamo pubblicato, fra inediti e non: L'alfredoCarolaUna vita intensa e leggeraGilberto "Pà e lart", Per Pino MonteleoneDov'è Nikolajewka?Il «Campi»Prediligo, una storia di CarnevalePartigianiPer l'amico Mauro PanzeraA Casto, su e giù per un ventennio,SlowValleyL'AnfobaremoUn eremita senza pretese di santitàPertiche on the roadIl cuore dei laghiAgostoIl giro grande, Il salame dell'appartenenzaA proposito de "Il caro estinto"Il PerloncNostalgia de "La Stella"Vobarno, il paese fabbricaArturo Soardi, ciao professoreL'urlo di Alina, Ferita apertaPer GrazianoPer Luciano ManarìPerlonc, una storia che continuaLa scuola e i suoi problemi, oggi e vent'anni faLa grande storia di Brescia scritta da due valligianiRicordando Tiziano RattiIl presepe della discordiaGiamba, ti sia lieve la terraAddio caro amico Aldo, l'ultimo pezzo ad aprile dello scorso anno: Caro Mauro.

Leggeteli, insieme ai suoi libri questi scritti sono il suo testamento culturale (u.v.)
 


Commenti:
ID68260 - 15/09/2016 19:19:48 - (Iva) - Pino indimenticabile

Ancora oggi non riesco ad accettare di non vederti più con il tuo splendido sorriso, so che tu sei nello spazio infinito e che da là ci guardi e sorridi. Tu sei sempre nel mio cuore uomo di talento, di grande cultura, uno scrittore poeta e non ti scorderò mai. Con affetto

ID68261 - 15/09/2016 19:21:11 - (Giacomino) - Leggendo ho rivissuto

con emozione alcuni momenti dell'amicizia con Pino.

ID68262 - 15/09/2016 20:53:46 - (lettore) - Impossibile dimenticare...

Grazie, Preside Biati, per questo toccante ricordo del nostro amato e stimato Pino Greco.I nostri amici, i nostri cari continuano a vivere accanto a noi in un'altra dimensione, ugualmente importante e profonda. Spesso "rivedo" il mio Preside di allora entrare nell'atrio della scuola con la sua inconfondibile falcata e sorridere a tutti indistintamente, lo "sento" commentare con buon senso e pragmatismo le disposizioni ministeriali o intervenire con pacatezza nelle diatribe tra colleghi... Pino continua a vivere e a dispensare consigli: basta sapersi mettere in ascolto...

ID68269 - 17/09/2016 08:25:20 - (sonia.c) - si, impossibile dimenticare..

quanto manca.. quanto è VIVO nel cuore di molti..GRAZIE signor Pino.

ID68270 - 17/09/2016 08:33:37 - (sonia.c) - la parola uccide,la parola salca-cura..

la sua,GRANDE Pino,ha solo salvato-curato..Il suo amore per la vita e l'umanità,il suo impegno e la fortissima determinazione a restare..UMANO sono l'eredità di una GRANDE ANIMA ! GRAZIE signor Pino!

Aggiungi commento:

Vedi anche
15/09/2015 13:32

In memoria di Pino Greco Al sovrano degli astri...

15/09/2015 13:42

Pino Greco e la scuola Valsabbina Verranno celebrati questo mercoledì alle 13:45, nalla chiesetta di San Bernardo in Costalunga a Brescia, i funerali di Pino Greco. Giancarlo Marchesi qui traccia una breve biografia intrecciata al mondo della scuola

13/09/2015 21:07

Pino Greco è andato avanti Il male terribile alla fine ha vinto e Pino Greco, amico, uomo di scuola, fine intellettuale ed esteta, è andato avanti

27/05/2014 06:26

Ferita aperta Il  28  fa quaranta anni. Poteva essere il tempo della memoria senza asprezze, quella dei reduci che hanno metabolizzato il lutto in adunate, rievocazioni, concerti e pacche sulle spalle...

14/09/2015 11:07

Schegge di memoria Ti conoscevo bene Pino, per quel tanto che un ragazzo pieno di gioia e nel periodo della sua crescita può sapere di un amico fraterno che frequenta sovente la sua casa




Altre da
29/03/2021

Vola solo chi osa farlo

Andrea, 24 anni, di Villanuova sul Clisi. Il suo sogno di bambino ha messo le ali

24/03/2021

Una mano sul cuore

Nella valigia dei ricordi del papà (Fusi Attilio classe 1921 Alpino 6° Reggimento Divisione Tridentina) ho trovato tra foto, lettere, piastrina del lager, libri con dediche, anche un’immagine della Madonna dell’Aiuto...

05/02/2021

Ambra, chef bagossa alla Nic

Nic sta per Nazionale Italiana Cuochi. Da qualche settimana ne fa parte Ambra Marca, chef, imprenditrice della ristorazione, di Bagolino. Unica bresciana, per la Nic si occupa di formazione

01/01/2021

Severino e i 102

Tanti auguri a Severino Zola, di Odolo, che oggi, 1 gennaio, festeggia il compleanno numero 102, per la prima volta quasi "in solitaria"

12/12/2020

Cittadinanza onoraria all'ex farmacista

Con una cerimonia in municipio alla presenza dell’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Alessandro Mattinzoli, l’Amministrazione comunale ha attribuito il riconoscimento per il prezioso servizio espletato per la comunità

17/11/2020

Commendator Possi

Pochi giorni fa sono stati assegnati dalla Prefettura i titoli di Commendatore, Cavaliere e Ufficiale

21/10/2020

Ciao Mario, gigante buono

Se n’è andato improvvisamente Piermario Baruzzi, il pugile. Aveva 74 anni. Un mito negli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso

20/10/2020

Ciao Mina

Se ne è andata nei giorni scorsi “la Mina”. Impossibile non sapere chi fosse per chi ha frequentato gli ambienti parrocchiali a Gavardo...

19/10/2020

L'ultimo viaggio del sergente Romano

Saranno celebrati questo martedì alle 14:30, partendo dalla camera mortuaria dell’ospedale di Gavardo, le esequie del 99enne Claudio Romano, uno degli ultimi reduci della battaglia di El Alamein

24/09/2020

Un villanovese alla guida dell'Orientale di Napoli

Il nuovo rettore del prestigioso ateneo partenopeo è originario di Villanuova sul Clisi dove in passato è stato anche consigliere comunale