01 Aprile 2015, 19.53
Vestone
Infortunio

Schiacciato da un frigorifero

di val.

Raffaele Tirali 23 anni, originario di Vestone, da qualche anno abitava a Paitone. Stava lavorando come "chef de rang" in un hotel svizzero di Saint Moritz. L'incidente è avvenuto martedì pomeriggio


Morire a 23 anni, schiacciato da un frigorifero in un giorno di lavoro. È quanto è successo a Raffaele Tirali, originario di Vestone e da sei anni residente a Paitone con mamma Anna. Raffaele, dallo scorso mese di novembre lavorava al “Chesa Cantarella” di Saint Moritz, ristorante sulle Alpi svizzere dell’Engandina, nel ruolo di “chef de rang” alle dipendenze degli chef argentini di origine italiana Ezequiel e Diego Barbuto.

L’esatta dinamica dell’incidente è al vaglio della polizia del Cantone dei Grigioni. Secondo una prima ricostruzione, nel pomeriggio di martedì, il 23enne stava scendendo reggendo un frigorifero alto un paio di metri che era stato sistemato su un montacarichi. Raffaele era un ragazzone, ma la sua prestanza fisica non ha impedito al mobile, sbilanciato forse da un movimento brusco del macchinario, di schiacciarlo.

I colleghi di lavoro si sono accorti del carico non più in equilibrio,
dietro al quale era rimasto Raffaele che non rispondeva alle loro chiamate. Per liberarlo sono dovuti intervenire i vigili del fuoco ed operare dall’alto, ma tutto è stato inutile. A cedere sotto il peso del frigorifero, provocando con ogni probabilità la morte istantanea del giovane, le vertebre cervicali.

La notizia che era accaduto qualche cosa a quel simpatico ragazzo,
pieno di vita, sempre sorridente e positivo, è arrivata veloce in Valsabbia. Martedì sera papà Moreno, pensionato, che nel tempo libero organizza un corso di ballo in oratorio a Vestone e che è il riferimento della logistica Avis valsabbina in chiave mangereccia, era stato visto fuggire via sconvolto.

L’episodio si è però delineato nella sua estrema gravità
solo nel pomeriggio di ieri. Moreno e Anna avevano infatti raggiunto subito la Svizzera, da dove torneranno nel pomeriggio di oggi accompagnando la salma del loro ragazzo. E le notizie erano frammentarie. «Non sappiamo ancora la data dei funerali», ci ha detto ieri la mamma, insegnante di scuola materna, ancora incredula per quanto era accaduto al figlio. La coppia, da tempo separata, ha avuto anche una figlia, che ora ha 28 anni e che li ha resi nonni già un paio di volte, con la nascita di Asia e quella più recente di Zoe, arrivata giusto nei giorni scorsi.

Raffaele Tirali, diplomato al liceo Socio-psico-pedagogico Maddalena di Canossa, prima di raggiungere la Svizzera, felice di aver trovato finalmente un impiego che lo soddisfaceva, aveva avuto un esperienza lavorativa tramite un’agenzia interinale. Proprio lì aveva conosciuto il fratello del suo attuale datore di lavoro e riteneva di essere stato molto fortunato. Basta leggere alcuni dei commenti sul suo profilo facebook per avere contezza di come quel ragazzo d’oro era inserito nella comunità di appartenenza, con amici di tutte le età, ritratto nelle fotografie sempre con un sorriso, o con una smorfia scherzosa. Già.

Sono stati tanti, tantissimi, i suoi amici, ieri che era il primo d’aprile, a pensare ad uno dei suoi celeberrimi scherzi con i quali amava intrattenerli. Poi il sorriso si è fatto amaro, lasciando posto alle lacrime. «L’ultima volta che ci siamo sentiti e io mi lamentavo per cose stupide e futili mi hai detto “la vita è bella e tu vali molto di più” – scrive Silvia -. Ne farò tesoro, buon viaggio».


Commenti:
ID56776 - 01/04/2015 20:11:33 - (sole) -

Condoglianze alla famiglia....ho conosciuto Raffaele lo scorso anno ...un ragazzo allegro e gentile ....mi spiace tantissimo ....

ID56781 - 01/04/2015 20:48:12 - (Flocchini Benedetto) - Condoglianze

Pazzesco! Profondamente commosso mi unisco al vostro dolore con un grande abbraccio, nel ricordo e nel rimpianto della persona speciale che è venuta a mancare.

ID56783 - 01/04/2015 21:05:28 - (armandoilias) - condoglianze alla famiglia

purtroppo oggi, quest'ora, questo minuto, questo secondo ci siamo ma nessuno di noi saprà se ci sia il secondo dopo.

ID56785 - 01/04/2015 21:32:50 - (Iva) - iva condoglianze alla famiglia

Purtroppo il destino è stato veramente atroce con questo ragazzo che sorrideva alla vita. Porgo le mie più sentite condoglianze alla famiglia e non ci sono parole per esprimere il dolore per questa vita spezzata prematuramente. Benetelli Iva Mara- Barghe

ID56791 - 01/04/2015 23:28:04 - (molli) - condoglianze

Non è giusto morire cosi giovani mentre si fa il proprio lavoro.Condoglianze alla famiglia.

ID56795 - 02/04/2015 00:15:02 - (Tc) - ...

Sentite condoglianze...mi dispiace tantissimo sono toccato...

ID56796 - 02/04/2015 06:39:07 - (stefano1511) - che dolore

sempre carino sempre gentile ed educato quando venivi a trovare tua mamma al termine del suo lavoro, mi dispiace tanto che il tuo futuro sia stato così breve ,un abbraccio forte ai genitori.

ID56799 - 02/04/2015 10:45:42 - (sonia.c) - Condoglianze alla famiglia.

si.siamo tutti precari su questa terra e fragili...non ci sono parole. un abbraccio.

Aggiungi commento:

Vedi anche
03/04/2015 08:11

Raffaele, sabato mattina i funerali La salma dello sfortunato ragazzo è giunta ieri dalla Svizzera a Paitone, dove è stata allestita la camera ardente e dove i tanti amici suoi e della famiglia hanno dato inizio ad una sorta di pellegrinaggio.
Qui la cronaca dell'infortunio

28/11/2015 09:43

Raffaele, nessun colpevole Aveva 23 anni ed è morto otto mesi fa schiacciato da un frigorifero nel montacarichi di un ristorante a Saint Moritz, azionato dall'esterno, ma avrebbe fatto tutto da solo. Lo sfogo e l'amarezza di mamma Anna

04/04/2016 10:00

A Saint Moritz per chiedere giustizia Si è tenuta ieri nella località svizzera la fiaccolata in ricordo di Raffaele Tirali, il ragazzo di Paitone morto mentre lavorava al ristorante Chesa Chantarella, per chiedere alla giustizia elvetica di riaprire l’indagine già archiviata

28/04/2016 07:12

Schiacciato dal ceppo Maurizio Ghidini, che in Pertica tutti chiamavano Claudio, è morto schiacciato da un ceppo rotolato a valle con tutte le radici

07/09/2007 00:00

Il trattore si ribalta e lo uccide Ancora un infortunio mortale a coinvolgere un pensionato vestonese. A poche ore dal funerale del 59enne deceduto in seguito alla caduta da un albero, Pietro Bonera, 78 anni, rimasto schiacciato dal trattore che stava manovrando a Isola.




Altre da Vestone
12/05/2021

Ridateci il camioncino di papà

Era stato piazzato dai figli sulla tomba di Vaifro Turrini, nel cimitero di Nozza. E' rimasto lì sei mesi poi è scomparso

(2)
12/05/2021

Medicina di territorio, belle parole ma...

«Si stanno muovendo tutti per invertire lo stato di abbandono che la medicina sul territorio sta subendo da anni (vedi le proteste a Salò). Tutti meno che i valsabbini». Così un lettore, riferendosi al Presidio di Nozza

(1)
10/05/2021

Finalmente si riparte...

Nei giorni scorsi si è riunito il Direttivo del Club Alpino di Vestone e si è decisa la riapertura dell’attività per gruppi del “CAI dei grandi” e per l’Alpinismo Giovanile

10/05/2021

Un nuovo ecografo per il Consultorio

E’ già in funzione dalla fine di marzo e sabato scorso è stato ufficialmente inaugurato, alla presenza di quanti si sono dati da fare per ottenerlo

09/05/2021

Scontro all'incrocio

Una mancata precedenza causa malfunzionamento dei freni. Così un 59enne di Vestone è finito all’ospedale

08/05/2021

«Ripartiremo in autunno, ma a precise condizioni»

Così Nicola Cargnoni, gestore della sala vestonese, che in realtà sta già pensando come e con quali ghiotte occasioni cinefile ricominciare. E dispensa consigli su cosa andare a vedere nei Cinema che hanno riaperto in città

07/05/2021

L'ultimo reduce del «Vestone» è «andato avanti»

Si terranno questo sabato pomeriggio a Levrange, suo paese natale, i funerali del reduce di Russia Primo Zambelli

03/05/2021

Al via le iscrizioni per la Ivars Tre Campanili

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per la mezza maratona di corsa in montagna di Vestone in calendario il prossimo 4 luglio

03/05/2021

Libri per beneficenza

Sono quelli del professor Ludovico Galli, donati dallo storico stesso all’Associazione Amici della Storia di Vestone. Il ricavato è stato devoluto all'ospedale di Desenzano

(1)