15 Febbraio 2024, 08.51
Filosoficherie

Riscrittura di uno scritto sulla scrittura

di Pseudosofos

Conoscete il mito del dio egiziano Teuth contenuto nel Dialogo “Il Fedro” di Platone? E la sua re-interpretazione valsabbina


Quante volte abbiamo sentito lamentele di questo tipo: “I social sono l’origine di ogni male della gioventù!”, “L’uso dei social riduce le capacità dell’intelligenza!”. Se poi, chi parla, ha un residuo di vera fede cattolica, potrebbe anche affermare indignato: “I social sono l’inferno. La dannazione eterna dell’intelletto umano!”.

Ora mi domando: diremmo la stessa cosa della scrittura? Saremmo disposti a sostenere che è orribile e deleterio per l’intelligenza scrivere e imparare attraverso segni calligrafici? Non proprio, suppongo. Eppure, una simile critica alla scrittura è stata... scritta.
E non certo da un Panco Pinco qualunque, ma dal grande filosofo greco Platone. Egli, in uno dei suoi due dialoghi dedicati all’amore, il Fedro, fa raccontare a Socrate il mito del dio egiziano Teuth.

Si tratta del dio che ha regalato in dono all’umanità la scrittura alfabetica. “Che bella cosa che ha fatto questo dio!” potremmo pensare noi insegnanti. Ed invece, nel racconto di Socrate, il dio viene apostrofato dal saggio re egizio Tamus. Egli gli rimprovera il fatto che l’alfabeto porterà solo danni agli uomini.

Ecco le sue parole: “L’alfabeto ingenererà oblio nelle anime di chi lo imparerà: essi cesseranno di esercitarsi la memoria perché, fidandosi dello scritto richiameranno le cose alla mente non più dall’interno di sé stessi, ma dal di fuori, attraverso segni estranei: ciò che tu hai trovato non è una ricetta per la memoria ma per richiamare alla mente.
Né tu offri vera sapienza ai tuoi scolari, ma ne dai solo l’apparenza perché essi, grazie a te, potendo avere notizie di molte cose senza insegnamento, si crederanno d’essere dottissimi, mentre per la maggior parte non sapranno nulla; con loro sarà una sofferenza discorrere, imbottiti di opinioni invece che sapienza”.

Insomma, la scrittura avrebbe reso le persone meno dotte e più stolte.
Proprio ciò che molti oggi pensano come effetto dei social sulle avide giovani menti odierne. Chissà quale Capo di Stato, però, avrebbe oggi il coraggio di chiamare gli “dei” che hanno inventato i social (gli dei Jobs e Zuckerberg, per esempio) e apostrofarli con garbo come ha fatto il re egizio Tamus con Teuth. Perché, a dirla tutta, i lamentoni, solitamente, non sono coraggiosi. Essi sono per lo più pesanti da sopportare: si sfogano con chi non c’entra nulla!

Ora, ho fatto leggere il mito di Teuth ad alcuni studenti la settimana scorsa. Diversamente da come ci si sarebbe potuto aspettare da questi degenerati che usano le nuove tecnologie, hanno deciso che a loro non piaceva la critica alla scrittura del re Tamus raccontata da Socrate, ovvero Platone.
Di conseguenza hanno pensato a due potenzialità della scrittura che bilanciassero le due critiche di Tamus.

Hanno quindi deciso di riscrivere e aggiornare il mito di Teuth di Platone. Sì, sì! Non sto mentendo! Studenti, considerati dementi dai lamentoni che li immaginano dementi a motivo dell’uso da loro fatto dei social, hanno pensato di non essere d’accordo con Socrate e, di conseguenza, lo hanno criticato.

A loro giudizio, infatti, la scrittura ha due caratteristiche positive nello sviluppo dell’intelligenza umana. “La prima, caro il nostro bel Tamus, è che la scrittura impone di pensare a ciò che si scrive. Mentre chi discute oralmente non sempre pensa bene a ciò che dice. Nello scrivere, è necessario attivare il pensiero. La scrittura sviluppa il raziocinio critico.

Inoltre, seconda sua caratteristica positiva, lo scrivere aiuta ad imparare ad esprimersi con più chiarezza, perché per comunicare con gli altri in maniera chiara non è sufficiente ricordarsi qualcosa a memoria, ma è necessario anche possedere la perizia di esporlo in modo da farsi ben comprendere. Questa perizia è la scrittura a formarla”.

Avendo assistito con i mei stessi occhi e i miei orecchi a questo evento di riscrittura del Fedro di Platone, posso concludere solo in un modo: non sono i social a bloccare l’intelligenza dei giovani. Sono le lamentele di chi, di generazione in generazione, non ha il buon senso di comprendere ciò che, probabilmente, è solo fuori della portata della sua fossilizzata intelligenza.





Vedi anche
03/11/2009 13:02

Don Boifava, un mito sulla scena A Serle intensa interpretazione di Sergio Isonni su testo di Vittorio Nichilo, al termine della giornata di studi sul sacerdote patriota

01/07/2015 07:35

Urano e Gea Esiste un mito, un mito antico. È, come ogni mito, un mito crudele e vero - un mito greco. Narra di lordure e sangue e, poiché la vita - se non tutta almeno gran parte - è lordura e sangue, è anche un mito doloroso, o ridicolo - il che poi è lo stesso...

09/05/2017 11:38

Platone, Aristotele.... Renzi e Macron Vi racconto questa barzelletta: Hegel, Kant, Platone ed Aristotele, Marx, il renzismo e la fine del populismo

02/02/2007 00:00

Un corso per leggere i geroglifici Quanto i soci del sodalizio culturale Eureka di Gavardo siano appassionati delle vicende che riguardano l’antico Egitto cosa nota. Ora in preparazione un corso di “medio egiziano” per l'interpretazione dei geroglifici.

25/09/2012 06:00

Sulla gru per sei ore E' sceso in cambio di una promessa l'artigiano egiziano di Treviglio che ieri si era arrampicato su una gru a Vestone.




Altre da Terza Pagina
14/04/2024

Gli attrezzi in legno di 4000 anni fa

Inaugurata alla presenza delle autorità la mostra “L’età del Legno. 4000 anni fa al Lucone” presso il Museo archeologico della Valle Sabbia

13/04/2024

La luce di Annalisa Durante

Annalisa Durante, la torcia che diffonde luce dovunque sia raccontata la sua storia

12/04/2024

Testimoni di Geova, la campagna contro le tossicodipendenze

La sezione valsabbina dei Testimoni di Geova è impegnata in un'importante campagna mediatica per combattere un fenomeno che coinvolge ormai circa 300 milioni di persone nel mondo

11/04/2024

«Colore!»

L'associazione culturale salodiana “Il Salòttino” inaugura la nuova stagione di mostre questo sabato, 13 aprile, alle 18 con un vernissage

10/04/2024

Bagolino in corsa per far parte dei Borghi più belli d'Italia

Passa alla fase di “verifica sul campo” il comune valsabbino, che aveva avviato il percorso per ricevere il prestigioso riconoscimento nel 2024

10/04/2024

Testimoni sempre vivi

Questo sabato, 13 aprile, l'Amministrazione comunale e l'Ateneo di Salò ricordano la strage di Piazza Loggia in occasione del 50° anniversario

10/04/2024

In mostra manufatti in legno e tessuti di 4000 anni fa

Sarà inaugurata sabato presso il Museo Archeologico di Gavardo un’importante mostra sui ritrovamenti del sito palafitticolo del Lucone, fra i quali la porta in legno più antica d’Italia

10/04/2024

Dallo scavo alla vetrina del museo

Il direttore del Mavs Marco Baioni spiega il percorso che compiono i reperti, in particolari quelli in legno e in fibre vegetali, particolarmente deperibili, dal ritrovamento alla loro conservazione

09/04/2024

Civis Gattopardo, un viaggio nella storia e nell'attualità

Questo venerdì prende inizio la quarta edizione della rassegna "Civis Gattopardo", avviata nel 2021 e che affronta temi legati alla storia e alla politica

06/04/2024

Università del Tempo Libero di Vallesabbia, focus su salute e benessere

Quattro martedì di aprile con altrettanti medici per parlare di salute e prevenzione nell'ambito della fortunata iniziativa patrocinata dalla Comunità Montana