13 Gennaio 2021, 11.18
Serle
Amministrazioni

Cercasi nuovo gestore per bar ed edicola

di Redazione

L'edicola all'interno del bar Boifava, chiuso da inizio gennaio, era l'unico punto di vendita dei giornali sul territorio di Serle. A breve il bando di affitto del locale


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...




Vedi anche
04/10/2015 10:08

Asta per il bar di piazza Boifava C’è tempo fino al 15 ottobre per presentare l’offerta economica per l’asta indetta dal Comune di Serle per la locazione del bar “Al Boifava”

25/12/2017 08:00

Un anno di successo per «Al Boifava» Grazie al lavoro di sei ragazzi diversamente abili, il bar di fronte al Municipio di Serle ha ripreso vita e ha contribuito ad animare nuovamente il piccolo centro valsabbino

08/06/2016 07:40

Un museo a «Casa Boifava» E' quello predisposto dai ragazzi della Terza A delle Medie di Serle. Per realizzarlo si sono dati da fare per un anno intero in orario extrascolastico. L'hanno  presentato nei giorni scorsi alla popolazione

02/07/2016 09:15

Anche a Serle «Non solo bar» Dopo la positiva esperienza di Lavenone, aprirà anche a Serle un bar sociale gestito dalla Cogess, dopo che il bando del Comune per la sua gestione è andato deserto due volte

02/01/2018 10:30

Dopo 50 anni chiude l'edicola La storica edicola del “Giornal” a Roncone ha chiuso dopo quasi mezzo secolo di attività. Ora quotidiani e riviste alla vicina coop



Altre da Serle
18/02/2021

Omicidio di Serle, inoltrata nuova istanza di risarcimento

La famiglia di Eduard Ndoj, ucciso dal serlese Mirco Franzoni nel 2013 con un colpo di fucile, chiede formalmente che l'imputato rispetti quanto deciso dai giudici e provveda al risarcimento

17/02/2021

In un paese normale...

Controreplica della minoranza di Serlesì alla risposta a suon di manifesti da parte della maggioranza e dall’amministrazione comune in merito a un precedente volantino, con alcune precisazioni

14/02/2021

Un bambino, un'amica e 2 addii

Oggi ho due belle notizie: la nascita di Edoardo, nipote di mia sorella Valentina, ed il compleanno della mia amica Sara Ragnoli. Ricorderò pure due persone che ci hanno lasciato: Gianpietro Fenaroli e Gianpiero Lavi

11/02/2021

Risposta piccata a suon di manifesti

Al volantino della minoranza su cosa caratterizza un paese civile, risponde punto per punto l’amministrazione comunale, tirando in ballo anche l’amministrazione precedente

11/02/2021

«A Serle gesti e toni preoccupanti»

In merito al manifesto pubblicato dall’amministrazione comunale e dall’attuale maggioranza consiliare dicono la loro gli ex amministratori

04/02/2021

SerleSì: «Da cosa si vede un paese civile?»

Critiche da parte della minoranza consiliare in merito alle ultime scelte dell’amministrazione comunale che a detta dell’opposizione ha smantellato iniziative faticosamente costruite

28/01/2021

Scuola dell'infanzia, polemica in Consiglio comunale

L'opposizione attacca la maggioranza riguardo ai contributi alla scuola dell'infanzia. La replica del sindaco: “Nessuna riduzione, aumentato anzi il contributo medio a bambino e siglata una nuova convenzione”

16/01/2021

Cariadeghe, la gestione torna in capo al Comune

La fine di una convenzione comporta che l'altopiano torni ad essere gestito dal Comune. Lascia l'incarico lo storico “custode” Gianbattista Tonni

08/01/2021

Sprar di Serle: i risultati, i ringraziamenti

Pubblichiamo volentieri la lettera aperta degli operatori di Area, alla conclusione del progetto di accoglienza per i rifugiati, conclusosi dopo tre anni per volere dell’a nuova Amministrazione comunale

05/01/2021

«Domanda di attualità», ma il Consiglio cassa

Il 30 dicembre a Serle si è tenuto l’ultimo consiglio comunale, con un solo punto all’ordine del giorno: “la razionalizzazione delle società partecipate”. Poteva trattarsi di un semplice adempimento formale ma non è stato così