05 Settembre 2020, 08.21
Treviso Bs
Luoghi di culto

Restaurata la Santella dei Morti

di D.C.

A Treviso Bresciano, durante il periodo estivo, alcuni volontari si sono dedicati al recupero della Santella dei Morti, riportandola al suo originale splendore


L'antica costruzione, dedicata alla Madonna del Carmelo, è stata sistemata, ritinteggiata ed abbellita con il posizionamento di un nuovo quadro, identico al precedente, raffigurante la Madonna nell'atto di salvare le anime immerse nei tormenti del Purgatorio.

Edificata nel 1922 per volontà dell'allora parroco pro-tempore don Giovanni Ragni, (arciprete di Treviso Bresciano dal 1919 al 1929), la Santella sorge in località "Faègol" per un motivo ben preciso: siamo nella Valle dei Morti.

Valle dei Morti così chiamata poiché qui, nell'estate del 1630, venne allestito il Lazzaretto per i malati di peste, e vennero collocate le fosse comuni, necessarie per le numerose sepolture dovute all’immane tragedia. Tale luogo è stato certamente scelto dalle autorità locali del XVII secolo perché collocato in una posizione di favore rispetto alle tre frazioni di Vico, Trebbio e Facchetti: vicino, comodo, ben servito dalle comunicazioni, ricco d'acqua e al tempo stesso appartato e nascosto. La pestilenza decimò di non poco il piccolo comune di Treviso, che da 1300 abitanti passò a 317 superstiti.

Momenti terribili, in cui il paese si sarà certamente rivolto alla preghiera, e spesso nei momenti di maggior pericolo, il popolo, il clero e le autorità civili si trovano insieme per fare un voto pubblico a Dio. A questo si deve certamente la processione che, nei secoli successivi, ha continuato a snodarsi, nell’ultima domenica di luglio, dalla parrocchiale di San Martino, portandosi, tra canti e preghiere dedicati a  coloro che erano sepolti nella Valle dei Morti, proprio sul prato "Faègol", terminando qui con l'omelia dedicata alla salvezza dell'anima.

Ed è per ricordare tutto questo che il 30 luglio 1922, don Pietro Santi (Economo che resse la parrocchia dal 1916 al 1919 durante il primo conflitto mondiale) appositamente invitato dal parroco per l'occasione, inaugurò la Santella difronte ai numerosi presenti.

Nei decenni successivi, il popolo trevigiano è rimasto devoto a tale luogo e spesso è ricorso all'intercessione dei morti di peste del 1630, soprattutto nei periodi di gravi siccità chiedendo l'acqua dal cielo, senza mai venire deluso.

Dopo il restauro del 1984, la Santella aveva proprio bisogno di un ulteriore intervento da parte dei propri trevigiani. E in questo particolare anno 2020 la Madonna ci ha richiamato a tale attenzione, con l'augurio che mani pietose e devote continuino a depositare una preghiera, un lume, un fiore ai piedi della Madonna del Carmelo posta nella Valle dei Morti.



Vedi anche
17/09/2018 16:00

La santella restaurata In tanti hanno partecipato ieri all’inaugurazione del restauro conservativo dell’edicola votiva dedicata alla Madonna nella contrada di Oriolo

23/01/2012 07:33

La peste a Treviso La peste di manzoniana memoria, quella che con i lanzichenecchi entr in Lombardia nel 1630 a Treviso Bresciano fece strage di almeno 1000 morti?

22/11/2017 07:39

La Madonna della Febbre Poco più di un mese è servito per fare tornare al suo antico splendore la santella votiva posta lungo la strada comunale che a Bione unisce la frazione Bersenico di Sopra alla località Salto, antica via di comunicazione che un tempo portava fino a Lumezzane

02/09/2020 10:45

La Madonna delle Grazie riapre ai fedeli Domenica prossima la chiesetta periferica di Prezzo riapre al culto dopo un importante intervento di restauro

03/06/2014 07:36

Splendore ritrovato per la pala del Bertanza E' stata restaurata dallo studio Seccamani e riconsegnata alla devozione popolare di Treviso Bresciano, una pregevole opera realizzata nel 1626



Altre da Treviso Bs
15/02/2021

Pulmini... al barolo

Per la prima volta, almeno in Valle Sabbia, i Fondi dei Comuni di confine vengono spesi anche per le municipalità "di seconda fascia"

06/02/2021

«Guarda con me», l'arte e il punto di vista dell'infanzia

Anche in Valle Sabbia il progetto di Fondazione Pinac di Rezzato con un innovativo percorso di produzione culturale partecipata in collaborazione con la Comunità montana

09/01/2021

In difficoltà nella neve

Hanno provato anche a montare le catene, ma la conseguenza è stata il danneggiamento dell’impianto frenante. Sono dovuti intervenire i Vigili del fuoco

08/01/2021

Strada sgombra

Ripuliti da una ditta locale i 600 metri di strada privata alla Cavacca, dove non era riuscita l’ingombrante ruspa milanese della Protezione civile

07/01/2021

È successo per davvero

Casa isolata nella neve alla Cavacca: la Protezione civile manda una ruspa da Milano, ma è troppo grande

03/01/2021

Vecchi e cadenti

I paesi si svuotano e le case disabitate non solo invecchiano, ma quando il maltempo imperversa crollano pure. A Vestone come a Treviso Bresciano i due blocchi stradali sono stati risolti con interventi tampone, ma...

02/01/2021

Pericolo di crollo: paese bloccato

Era ormai un rudere, la casa che in pieno centro del paese si affaccia sulla Provinciale 111, a Treviso Bresciano

27/12/2020

I pacchi solidali di Coldiretti

Hanno raggiunto anche la Valle Sabbia, consegnati dai delegati di zona ai sindaci

20/11/2020

«Deliver-Read», prestiti a domicilio

Sono sempre di più le biblioteche valsabbine che, grazie anche ai volontari, continuano ad offrire il servizio di prestito libri con consegne a domicilio

12/11/2020

Il vescovo per la festa patronale

Nella ricorrenza di San Martino di Tours, a cui è dedicata la chiesa parrocchiale di Treviso Bresciano, è salito in Valsabbia mons. Pierantonio Tremolada
. VIDEO