17 Agosto 2018, 08.01
Idro Bagolino Anfo
Ambiente

Eutrofizzazione e meromissi

di val.

«Che cosa sta succedendo al lago d’Idro?» il grido d’allarme arriva corredato di fotografie da un “residente estivo” dell’area dei Tre Capitelli, a Idro


Il lettore aggiunge che gli scatti eseguiti col telefono non rendono bene l’idea della reale situazione, che si presenta anche in prossimità delle rive e afferma: «E’ un peccato che questo piccolo paradiso, proprio nei 15 giorni di massima affluenza turistica, soffra di questo problema».

Il fenomeno, purtroppo, è ben noto
.
Soprattutto ad agosto, ad ogni modo quando la stagione si fa più calda, le belle acque dell’Eridio tornano a presentare quelle striature bavose che denunciano senza tema di smentita la sua progressiva eutrofizzazione, evidente soprattutto al mattino, quando le acque sono più calme.

Note sono anche le cause, recentemente studiate con una campagna durata due anni che ha coinvolto i ricercatori dell’Università di Pavia.
Purtroppo, soprattutto le attività umane, provocano l’immissione nelle acque del lago dei nutrienti per queste alghe, cioè fosforo e azoto, che le fanno proliferare con conseguente produzione di cianobatteri.

Si sa anche che provare ad estirpare le alghe meccanicamente, come è stato fatto per decenni, provoca invece una più veloce diffusione delle spore.
Il fatto che non tutto il periplo del lago sia stato “collettato”, non fa che peggiorare di anno in anno la situazione.

Il fenomeno dell’eutrofizzazione delle alghe, sul lago d’Idro, fa il paio con quello definito “meromissi”, cioè l’incapacità delle acque di rigenerarsi.
Un problema anche questo conosciuto da tempo.

Solo uno strato superficiale di poche decine di metri, infatti, è soggetto a ricambio per scorrimento.
Al di sotto di 30/40 metri, fino a profondità che superano anche di molto i 100 metri, l’acqua è più fredda perché non sale mai in superficie, manca l’ossigeno quindi la vita, ed è in pratica un grande serbatoio con grandi quantità di fosforo e di ammoniaca, sembra in diretta relazione col formarsi dei cianobatteri.




Commenti:
ID77178 - 17/08/2018 08:47:19 - (roberdux) - per i prof . del lago

questo fenomeno quando anni fà da inizio agosto fino ad autunno inoltrato il lago lo facevano abbassare c'era il ricambio dell'acqua ! TENGO A PRECISARE CHE IL LAGO LO CONOSCO FIN TROPPO BENE, ...meglio delle mie tasche. vogliono il lago alto ? : ebbene allora si tengano le alghe, ORA PASSO LA PAROLA AI PROFESSORI DELL'H2O e del CO2

ID77179 - 17/08/2018 13:51:15 - (Denis66) - .....

Il livello è perennemente alto ma la quantità d acqua è diminuita a dismisura...grazie a chi più di 20anni fa hanno proibito il dragare il lago a Ponte Caffaro...

ID77181 - 17/08/2018 16:28:50 - (Tc) - ...

e se continua cosi...questoione di tempo e sparira' tutto l'ecosistema vegetale ed animale che in esso vive...non e' mai troppo il mal che si vuole...

Aggiungi commento:

Vedi anche
07/08/2017 17:41

Com'è conciato il lago? «Possibile che nel 2017 si riesce ad analizzare le sorgenti su Marte e non si riesca a capire cosa riduce il bellissimo lago d'Idro così?» Questo ci scrive un lettore, inviandoci delle fotografie molto eloquenti

05/08/2006 00:00

chiudete i rubinetti dell'azoto Eccedenza di ossigeno disciolto, superiore al 120 per cento, ph oltre le 9 unit, eutrofizzazione e proliferazione di cianobatteri pericolosi per la salute. Pessime le condizioni del lago d'Idro...

04/07/2008 00:00

Critico lo stato di salute del lago d’Idro Eutrofizzazione delle acque, proliferazione di alghe, sfruttamento eccessivo della risorsa idrica e scarso trattamento degli scarichi civili e industriali: sono questi i mali di cui soffre l'Eridio secondo Legambiente.

05/07/2012 08:00

Sale la temperatura, fioriscono le alghe Anche questa estate sull'Eridio si sta ripresentando il problema delle alghe e delle microalghe. Una questione che, come altre sul lago, tarda a trovare una soluzione.

11/08/2015 09:40

Estate 2015 a gonfie vele Incremento del 6 percento delle presenze, maggiore permanenza nelle strutture ricettive, arrivi da nuovi paesi per il turismo sul lago d’Idro e in Valle Sabbia. Agosto da tutto esaurito anche in montagna




Altre da Idro
13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992

09/05/2021

Strada chiusa, ma si passa

Un’ordinanza comunale vieta il transito anche a piedi lungo la Comunale che a Idro unisce le località Vantone e Vesta. Quest'ultima località dunque, sarebbe raggiungibile solo via lago. Fra le transenne però passano persino i camper

09/05/2021

Uno schianto terribile

Si chiamava Ferruccio Arsuffi la vittima dell'incidente di Idro. L'esatta dinamica dell'incidente è stata ricostruita dagli agenti della Stradale di Salò
VIDEO

08/05/2021

Mortale lungo la Sp58

A perdere la vita nello scontro con un’autovettura un motociclista bergamasco di 60 anni

05/05/2021

Al Perlasca con Fiammetta Borsellino

Sono ricominciate le lezioni in presenza all’Istituto superiore di Valle Sabbia. E che “presenza”!

16/04/2021

Laghi di Garda, Idro, Ledro, recupero strade di montagna per cicloturismo

M5S: "Positivo che la Lombardia si stia muovendo nella direzione del recupero, purtroppo Provincia autonoma di Trento ad oggi non interessata"

25/03/2021

Lavori fermi al municipio

Come era già successo a Treviso Bresciano, dove la situazione si sta evolvendo in modo positivo, anche a Idro i lavori del municipio sono fermi al palo. Ecco perchè

(3)
24/03/2021

Scossa a Capovalle

Scossa a Capovalle
Un terremoto di magnitudo 2.5 è stato avvertito fra la Valle Sabbia e la Valvestino

15/03/2021

Schiacciato dal trattore

Incidente mortale questo lunedì a Idro dove un pensionato impegnato a fare la legna è rimasto schiacciato sotto il suo mezzo agricolo

10/03/2021

Processionaria, problema persistente in alta valle

Sono due le zone particolarmente colpite dall’insetto che forma dei nidi soprattutto sugli alberi di pino nero. Il fenomeno segnalato in Regione