09 Maggio 2018, 09.20
Blog - Glocal

Coltivare tartufi

di Valerio Corradi

La coltivazione di tartufi può essere un fattore di sviluppo delle aree interne? La Valle Sabbia è un territorio favorevole alla tartuficoltura? 


La presenza di tartufi nella zona di Garda e Valle Sabbia è attestata fin dall’epoca medioevale in molte testimonianze bibliografiche. Tuttavia, i pregiati tuberi di questi territori solo di recente sono stati riscoperti, anche con l’obiettivo di valorizzare gli ecotipi locali.
 
Oggi, in Valle Sabbia la coltivazione del tartufo è oggetto di un crescente interesse per la promozione di forme innovative di attività agricola o per realizzare investimenti che potranno generare reddito nel medio e lungo periodo.

All’interno di politiche di sviluppo locale in aree montane sono molti che guardano alla tartuficoltura come a un possibile fattore di crescita. Tuttavia non è facile riconoscere le zone adatte a questa coltivazione e salvaguardarle nel tempo. E’ noto che per realizzare una tartufaia con buone possibilità di successo si devono conoscere nel dettaglio l’assetto del terreno, le sue caratteristiche fisico-chimiche, le specie arboree che lo contornano, la percentuale di sabbia-limo-argilla, il Ph, la presenza di calcare totale ed attivo, di azoto, fosforo, potassio e, non da ultimo il livello di esposizione al sole. 
 
Il tartufo ha infatti bisogno di condizioni favorevoli per crescere altrimenti il rischio è di perdere l’investimento iniziale. Non sono infatti rari i casi di fallimenti dovuti a leggerezza nella selezione dei terreni. Il terreno richiede poi accorgimenti particolari in fase di preparazione pre-impianto.
Uno dei tartufi più diffusi tra quelli che crescono spontaneamente in Valle Sabbia è il Tuber aestivum uncinatum che si sviluppo soprattutto a contatto con i nocciali ma molti sono gli ecotipi locali.
 
Accanto ai motivi economici si ritiene che i tartufi e la tartuficoltura in genere possano essere messi al centro di un ecosistema che concorre al mantenimento della diversità biologica e di un ambiente sostenibile di cui contribuiscono alla tutela e alla manutenzione soprattutto quando avanza lo stato di abbandono.
 
Approfondire gli aspetti ecologici di un prodotto naturale come il tartufo, consente poi di fornire alcune coordinate per riscoprire le stesse aree fragili interne come luoghi adatti alla conservazione e alla generazione di biodiversità. Infatti i prodotti naturali, anche quelli spesso trascurati quali funghi, erbe aromatiche e medicinali, frutti del bosco ecc. presentano un notevole interesse per uno sviluppo dei territori basato sul mantenimento e sul potenziamento della diversità biologica. 
 
 
 


Aggiungi commento:

Vedi anche
14/05/2018 07:00

Come si vive in montagna? Come si vive oggi nei territori montani? Quali sono i vincoli e i fattori d’innovazione? Un convegno offre l’occasione per confrontare la Valle Sabbia con altre aree 

21/03/2007 00:00

Il prezioso tubero è coltivato in Valle Sabbia Nel Comune di Vobarno, nel Comune di Pertica Alta e in quello di Ro Volciano esistono impianti sperimentali per la coltivazione del Tuber melasporum, il tartufo nero, grazie alla presenza di terreni porosi.

17/11/2018 08:00

Il genio ingegneristico di Angelo Omodeo La geniale figura dell’Ing. Angelo Omodeo e la sua attività tra Garda e Valle Sabbia

24/09/2018 09:05

Imparare a essere cittadini E’ in corso la raccolta firma di ANCI per reintrodurre l’Educazione alla cittadinanza a scuola. Tra Valle Sabbia e Garda alcuni Comuni hanno già aderito 

19/06/2020 08:00

L'opera delle Confraternite In molte chiese della Valle Sabbia sono ancora oggi visibili dipinti, sculture, cappelle realizzate dalle Confraternite religiose. Gruppi di fedeli che hanno contrassegnato la storia delle nostre comunità




Altre da Glocal
22/04/2021

Un turismo a misura di lavoratore agile

Il turismo è un comparto economico strategico per molte aree della provincia di Brescia. Come ripartire dopo l’emergenza Covid? Come potrebbe cambiare l’offerta?

06/03/2021

La cura del volontariato ai molti egoismi

La prolungata emergenza sanitaria sta mettendo in luce l’importante opera delle associazioni di volontariato che, nonostante le molte difficoltà, sono riuscite a garantire servizi preziosi, supportando comuni, ospedali, realtà socio-sanitarie e assistenziali nelle loro attività ordinarie e straordinarie

19/01/2021

Per una geriatria territoriale

La seconda proposta del progetto “H+Valore alla Sanità” prevede l'istituzione del servizio di Geriatria territoriale integrato nelle cure primarie, di grande utilità visto l'aumento, nel bresciano, del numero degli assistiti ultra 65enni

28/12/2020

La fiducia tra medico e paziente

La sanità locale ha bisogno di rafforzare la fiducia e la collaborazione tra medici e pazienti, per una relazione di cura all’insegna della reciprocità

21/12/2020

Il monitoraggio dei bisogni sanitari

Tracciare, raccogliere e consultare rapidamente i dati dei pazienti è un’attività strategica per la sanità. Si pensi al potenziale del fascicolo sanitario elettronico e degli strumenti della sanità digitale

15/12/2020

La Telemedicina

Nella proposta per una nuova sanità di territorio, uno snodo importante è lo sviluppo della Telemedicina e delle tecnologie per la cura in ambito domestico

09/12/2020

La medicina di prossimità

Riprendendo la proposta per una nuova sanità di territorio, cerchiamo di capire cosa significa puntare sulla medicina di prossimità

05/12/2020

Sanità di territorio, opera incompiuta

Sono soprattutto le realtà periferiche come la Valle Sabbia a subire l’impoverimento della medicina di territorio. Ecco una proposta alla Regione che parla anche valsabbino

29/11/2020

Per una fratellanza glocale

Tra i molti spunti offerti, l’Enciclica di Papa Francesco “Fratelli tutti” conduce una riflessione sul modo di vivere il globale e il locale prendendo le distanze dalle finte aperture e dalle sterili chiusure al mondo

17/10/2020

Immaginare nuovi spazi di partecipazione sociale

Immaginare nuovi spazi di partecipazione, in altri modi e con altri perché. È questo il tema affrontato in un incontro del progetto di Housing sociale “Effetto ambra”