13 Gennaio 2018, 06.38
Pertica Alta
Terza pagina

Il Carnevale di Livemmo

di Giuseppe Biati

Si parla già di Carnevale. Il professor Biati ci manda questa riflessione sulla tradizione a lui più cara, quella di Livemmo, che però abbraccia anche tutte le altre


Nelle comunità agricole, come la Pertica, dopo la specifica festa di S. Antonio abate, che termina generalmente con l’inizio della Quaresima, il gruppo abbandona  la norma, cioè il quotidiano, decretando un periodo di “caos”, di mondo alla rovescia, nel quale il buffone può diventare re e viceversa, invertendo così l’ordine sociale costituito.

Decade ogni tipo di gerarchia.
Attraverso il mascheramento, arriva il Carnevale: si esce dal quotidiano, ci si disfa del proprio ruolo sociale (soprattutto se basso) e, negando la propria identità a se stessi, si può diventare qualsiasi altro.
Ci si inoltra nel sovvertimento, nell’eccesso, nella lotta o rivalità tra entità e/o ceti diversi, quasi opposti: bene-male, bello-brutto, sacro-profano, maschio-femmina, contadino-allevatore, padrone –servo, ecc.

A Livemmo, nella Pertica, questa interpretazione della vita  raggiunge, nel suo Carnevale, momenti di controllato delirio nelle tre maschere fondamentali, (ma semplicistica ne è tale riduzione): la “vècia del val”, l’”omahì dal zerlo”, il “doppio”. 
Esse portano in campo, anzi in piazza, la ribellione ad uno “status” generazionale, a classi sociali rese chiuse, forse non istituzionalmente, ma da una endemica povertà e conseguente incapacità situazionale a risollevarsi, a condizioni servili umili – quale quella femminile – e di sottomissione totale.

L’uomo privilegiato, la donna asservita;
l’uno dedito alla vita sociale di ritrovo, l’altra rifugiata tra le pareti domestiche; il primo gestore del proprio patrimonio sia umano che pecuniario, la seconda dedita ai lavori dei campi, quelli più noiosi e trascurati dal maschio.

Da qui alla “ribellione” nei giorni carnevaleschi il passo è breve; poi si rientra ciclicamente nel silenzio, nel quasi tutto prestabilito e pattuito, come succede e succedeva in comunità ad economia chiusa, curtense (e non).

Accanto a queste tre maschere – date come fondamentali – pullulano una serie di personaggi della vita quotidiana, ciarliera e bigotta: la vecchia e il vecchio in chiacchierato e rinnovato amore, il contadino nei tradizionali abiti di grezzo fustagno, le vicende notturne di persone che pongono all’attenzione la vivace quotidianità arricchita di sotterfugi, gabbature, rivalse.

Presenza non meno scontata quella del diavolo, tutto rosso, cornuto e munito di forca.
A parte le leggende locali che ne dichiarano la sua nascosta presenza nei balli licenziosi, travestito da prestante giovanotto con i piedi caprini, accompagnato da avvenenti fanciulle, risulta essere il contraltare alla vita di ogni giorno, vita intrecciata di crudi risvolti lavorativi e di inesauribili espedienti per campare la giornata.

E così il carnevale, con tutto il suo gruppo di “comedie humaine”, si snoda, a suon di zufoli e di fisarmonica, di via in via, di piazzetta in piazzetta, raccogliendo, dopo il ballo, nella  momentanea frenesia, quanto la gente può offrire in termini di beni immediatamente fruibili: vino, formaggio, salame, denaro.
Il tutto deve servire ad alimentare la grande cena di carnevale, la sera, tutti in ebbrezza sfrenata e, naturalmente, tutti maschi, ormai svestiti dalle maschere della  multiforme rappresentazione.
Parlare di carnevale è parlare di maschere, le vere protagoniste dei carnevali tutti.

La “maschera” materialmente un manufatto
, di varia forma e di variegato colore, ha un valore simbolico funzionale ad esigenze individuali e sociali.
Appare, nell’uso che ne fa l’uomo, un modo ancestrale di esprimersi, di porsi, di comporsi, persino di “ri-conoscersi”.

Da vivo e, poi, un tempo almeno, anche da morto, prima della sepoltura.
Come le maschere funerarie utilizzate nella civiltà egizia e non solo avevano lo scopo di restituire ruolo pubblico, onore e qualità al defunto per il passaggio nell’aldilà, o di fissare e trattenere l’anima, anche le simboliche maschere carnevalesche fungono da amplificazione del carattere del personaggio rappresentato.
Fissità ed ieraticità sottolineano i tratti del personaggio, ed indossarla equivale ad identificarsi con questo.

Finisce, la maschera, di impersonare l’uomo stesso nel suo ruolo famigliare e sociale.
Ed è significativo come  la scuola psicanalitica adotterà il termine “persona” per indicare la “maschera” che l’individuo assume nelle sue relazioni con ciò che lo circonda.

In tal senso la “maschera”, pur frapponendosi come diaframma tra il volto (l’individuo) e gli altri, non nasconde, ma rivela aspetti della psiche e della personalità, magari tenute nascoste da chi la indossa.
Allora “maschere” e “persone”  coesistono nelle rappresentazioni carnevalesche come subliminali messaggi di vita.

Sono “persone” che ti attraversano con i loro artistici suoni (“per-sona” = attraverso i suoni), ti ammaliano e ti stregano.
Sono “maschere” che attraverso l’atavica “masca” (“masca” significa anche “strega”) hanno l’incanto della magia: una moderna stregoneria, diremmo oggi!

Alla fin fine appare che il Carnevale non è solo gioco di un affascinante sentiero etimologico, dove “maschera” e “persona” semanticamente coincidono, ma, andando ad “essere oltre”, una armoniosa espressione di un non troppo recondito volto dell’animo umano.

In questo senso non vi sarà un grande stacco tra la fantasmagorica messa in scena del martedì grasso e l’approssimarsi dell’incipiente e grigio mercoledì, quello delle Ceneri, “memento” per tutti di caducità e di fragilità.



Aggiungi commento:

Vedi anche
01/02/2017 14:40

Il Carnevale di Livemmo Avrà luogo nel pomeriggio di domenica 19 febbraio, quest'anno, il Carnevale di Livemmo. Sul quale pubblichiamo volentieri un contributo del professor Biati, profondo conoscitore dei luoghi e della loro storia

28/01/2021 06:36

Livemmo e il suo Carnevale Giuseppe Biati, in questo volume, individuandone gli archetipi, dimostra l’origine atavica di una manifestazione che, per quanto recente nel manifestarsi, affonda le radici nell’inconscio collettivo

27/01/2008 00:00

Va in scena il Carnevale di Livemmo Oggi torna protagonista, in Valle Sabbia, il carnevale di Livemmo, una delle pi interessanti manifestazioni popolari della montagna bresciana.

07/02/2010 22:05

Maschere, fra agricoltura e metallurgia Il carnevale di Livemmo una delle pi interessanti manifestazioni popolari valsabbine che hanno luogo in questo periodo dell'anno.

17/02/2020 10:23

I protagonisti del Carnevale di Livemmo Grande festa e tanta gente ieri nella frazione di Pertica Alta per uno dei carnevali più tipici della Valle Sabbia
• Video




Altre da Pertica Alta
15/05/2021

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare

15/05/2021

Un sentiero da recuperare

L’antica strada comunale da Nozza porta a Belprato è ora un sentiero che necessiterebbe di un intervento di sistemazione e recupero

13/05/2021

Odeno, borgo gentile e signorile

Con questa "cartolina" di Alfredo Bonomi, la trentesima, si conclude la serie di preziosi spunti per conoscere ed apprezzare alcuni fra gli "scorci" più interessanti della Valle Sabbia

25/04/2021

Don Lorenzo Salice, un grande prete partigiano

È sempre bene e doveroso ricordare padre Bonifacio, al secolo don Lorenzo Salice, grande prete partigiano, parroco e monaco. Mai dimenticato in Valle Sabbia e anche oltre!

(2)
17/04/2021

Beatrice da 110 e lode

Congratulazioni a Beatrice Gabusi, di Belprato di di Pertica Alta, che il 15 aprile si è laureata in Psicologia Clinico Dinamica col massimo dei voti

09/04/2021

La via degli alpeggi

È il progetto messo in campo dall'amministrazione comunale di Pertica Alta per la valorizzazione turistico-ricettiva delle malghe di montagna

08/02/2021

Caduta massi

Intervento dei tecnici questa mattina per verificare la stabilità di un tratto di versante lungo la Bongi-Noffo dove ieri sera sono cadute due grosse pietre. Strada riaperta in tarda mattinata

28/01/2021

Livemmo e il suo Carnevale

Giuseppe Biati, in questo volume, individuandone gli archetipi, dimostra l’origine atavica di una manifestazione che, per quanto recente nel manifestarsi, affonda le radici nell’inconscio collettivo

23/01/2021

Frane

Notte difficile per la viabilità valsabbina. Due almeno i blocchi: non si passa fra Sant’Antonio e Bagolino e fra Nozza e Belprato.
Aggiornamento ore 11

02/01/2021

Ambulanza bloccata nella neve, intervengono i pompieri

Un albero caduto sulla Provinciale impediva il passaggio di autolettiga con paziente e medicalizzata