15 Luglio 2017, 10.22
Agnosine
Parrocchie

La Madonna del Rosario ritorna a casa

di Enneci

Il prezioso dipinto cinquecentesco è stato ricollocato nella sua sede orginale nell’altare laterale della chiesa parrocchiale di Agnosine dopo un attento intervento di restauro


Di fronte ad una platea di fedeli, giovedì sera, nella chiesa parrocchiale di Agnosine, si è svolta la cerimonia di presentazione del prezioso dipinto dopo i lavori di restauro per riportarlo allo stato originale

Dopo una breve cerimonia di benedizione della pala d’altare, officiata da un felice don Pietro, il parroco di Agnosine, la serata è proseguita con la “lectio magistralis” dello storico dell’arte Andrea Crescini.

Dopo una preziosa introduzione sull’importanza delle immagini nella cultura occidentale, non a caso le Chiese cristiane sono colme di immagini di Gesù e dei Santi, mentre le Sinagoghe e le Moschee ne sono sprovviste, lo storico si è addentrato nella spiegazione dell’opera d’arte appena restituita alla comunità di Agnosine.

Si presume che il dipinto sia stato creato negli anni immediatamente successivi alla Battaglia di Lepanto svoltasi il 5 ottobre 1571, che vide due mondi in guerra per l’egemonia del Mediterraneo.

La vittoria arrise alle truppe federate sotto il vessillo dello Stato Pontificio al tempo retto da Papa Pio V. Lo stesso Papa successivamente impose a tutta la Cristianità il culto della Madonna del Rosario poiché attribuì la vittoria della battaglia all’intervento della Vergine e
da quel momento in poi tutte le Chiese dovettero dotarsi di un altare dedicato.

Scendendo poi nel dettaglio il dott. Crescini ha spiegato la composizione del dipinto che vede ritratte numerose figure: nella parte alta del dipinto è ritratta la Madonna circondata da due angeli (uno con una corona del rosario in mano, l’atro con delle rose).
Si collocano appena al di sotto San Domenico e Santa Caterina da Siena. Ancora sotto dei due Santi troviamo poi una platea composta da uomini nella parte sinistra e da donne nella parte destra.
Nel gruppo degli uomini si trovano: il Doge di Venezia, presumibilmente Papa Pio V e un terzo personaggio posizionato all’estrema sinistra che rimane sconosciuto ma è ipotizzabile sia un cittadino di Agnosine che contribuì all’opera.

Nella parte destra si trovano raffigurate: una donna con un bimbo, una suora e una terza figura femminile che va interpretata come una allegoria in quanto potrebbe raffigurare la Chiesa stessa o la Repubblica di Venezia.

Insomma un dipinto colmo di significati che le abili mani dei restauratori hanno riportato allo splendore di un tempo. Notevoli le difficoltà tecniche per il suo recupero a causa di danni dovuti alle tecniche usate all’epoca della sua creazione e al passare del tempo che inevitabilmente hanno lasciato sul quadro una patina che ne aveva oscurato i vividi colori.

Fortunatamente nessun danno che non possa essere sistemato grazie alle moderne tecniche di recupero e conservazione delle opere pittoriche.

Ora la parrocchiale di Agnosine è tornata completa: il vuoto in quell’altare è stato riempito dal suo legittimo “proprietario”, restituito all’ammirazione e alla devozione della comunità.


Commenti:
ID72793 - 16/07/2017 06:34:25 - (lorenz) - lorenz

Dipinto bellissimo..peccato che il dottor Crescini non abbia specificato a chi sia attribuita la preziosa opera ciquecentesca.

ID72803 - 16/07/2017 12:16:34 - (andreacrescini) -

Buongiorno Lorenz. Lei ha perfettamente ragione e me ne scuso. Risulta difficile al momento proporre un'attribuzione definitiva al dipinto. Gli stilemi presenti, tuttavia, rimandano agli ambienti post moretteschi della seconda metà del XVI secolo, propri di un pittore che ha subito l'influenza non solo delle opere di Moretto stesso, ma anche di Luca Mombello. Al tempo stesso è rintracciabile un'eco bagnadoriana, in particolare di una tela raffigurante anch'essa la Madonna del Rosario e Santi conservata nella parrocchiale di Marmentino.

Aggiungi commento:

Vedi anche
05/06/2013 11:10

La pala restaurata Grazie all'interessamento di Alberto Vaglia stata restaurata la pala dedicata alla Madonna del Rosario e Santi, della chiesa parrocchiale di San Lorenzo in Presegno, frazione montana di Lavenone

03/10/2016 15:31

Madonna del Rosario, tradizione rispettata Tanta partecipazione alla solenne processione per la ricorrenza mariana che a Castel Condino si festeggia la prima domenica di ottobre

15/02/2009 00:00

La Madonna di San Luca si fa bella Sar inaugurato oggi il restauro dell’ancona lignea del 1688 che si trova nella parrocchia di Bagolino e che incornicia l’altare della cappella nella quale viene conservata l’icona della Madonna di San Luca, tanto cara ai bagossi.

22/12/2007 00:00

Restaurata la pala dell'altare Dopo la chiesa parrocchiale e la torre campanaria a Muscoline torna a splendere a muscoline un'importante opera artistica: la pala dell'altare maggiore della chiesa di Santa Maria Assunta. Stasera l'inaugurazione con un concerto gospel.

10/05/2019 15:00

Baitoni onora la Madonna del Rosario Il mese mariano a Baitoni è iniziato alla grande onorando la protettrice Madonna del Rosario, a cui è dedicata la chiesa, con la solenne processione per le vie del paese 




Altre da Agnosine
16/04/2021

Agnosine e i tamponi

L’Amministrazione comunale di Agnosine si ripete: dopo l’esperienza di “tamponamento” per gli over 70, ecco quella per tutti i maggiorenni

12/04/2021

Spiedo e taragna per l'ambulanza

Polisportiva e cacciatori Acl insieme, ad Agnosine, per una giornata di solidarietà. Obiettivo: una nuova ambulanza per Pronto Emergenza

12/04/2021

Da Odolo a Villanuova

Nuova destinazione per don Gualtiero Pasini che lascia la guida delle parrocchie di Odolo, Binzago e Gazzane per diventare amministratore parrocchiale nel suo paese natale

07/04/2021

Franco e Tina, grazie di cuore

Una lettera di ringraziamento, da parte di un'amica, ai due farmacisti di Agnosine che ora si godranno la meritata pensione

01/04/2021

Cade con l'e-bike, vola in elicottero

Brutta avventura quella occorsa ad un biker di 63 anni scivolato lungo un ripido sterrato sul Bertone

20/03/2021

Carissimo Don Pietro Chiappa

E’ con immensa gioia che oggi voglio scriverti e altrettanto fiero, orgoglioso di te per il nuovo incarico che il Vicario zonale ti ha assegnato...

20/02/2021

Agnosine punta tutto sulla sicurezza

Contributi regionali, l'aiuto della Comunità Montana di Valle Sabbia e risorse comunali in campo per la messa in sicurezza di alcuni punti critici del paese

03/02/2021

Dal Cavallo... a cavallo del guard-rail

Tanto spavento, per fortuna pochi danni e nessuno ha dovuto ricorrere al ricovero in Pronto soccorso

04/01/2021

Geiger vince il ricorso contro la Provincia

Mancano le prove. L’ente pubblico è stato condannato a rifondere alla società che gestisce l’impianto di trattamenti rifiuti le spese di giudizio

24/12/2020

Tamponati al 70%

Sono gli ultrasettantenni di Agnosine, che in massa hanno partecipato allo screening-Covid proposto dall’Amministrazione comunale, di cui abbiamo già scritto nei giorni scorsi

Agnosine, il paese la sua gente

Il Santuario della Madonna di Calchere

14/04/2020

Il nuovo municipio di Agnosine è stato inaugurato nel 2006. Lo stabile, 340 metri quadri di nuovi uffici sistemati assieme ad un vasto complesso abitativo che ospita negozi ed appartamenti

14/04/2020

E’ stata l’azienda che per più di 50 anni, fino alla fine degli anni ’70 del secolo scorso, più di altre ha tracciato la storia italiana del mobile multiuso (2)

14/04/2020

E' la chiesa parrocchiale di Agnosine, tempio dalle antiche origini, già citata in un documento del 1037.
L’edificio attuale risale al 1771


14/04/2020

Col suo campanile domina la valle.
L’attuale costruzione risale al 1674 ed è stata eretta su una struttura precedente