02 Marzo 2016, 11.15
BLOG - Eppur si muove

Vendola e il paradiso della tecnica

di Leretico

Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...


Invece è nato Antonio Tobia, da madre surrogata, con il seme di Ed Testa, fidanzato di Vendola.
Finché ci si ferma al pensiero di una nuova vita che viene al mondo, tutto ci sembra positivo, ma non appena pensiamo alla madre surrogata qualche brivido ci corre lungo la schiena.
Che ne è del rapporto madre fisica-bambino? Tutta quella naturale propensione all'amore tra donna e pargolo dove la mettiamo, la dimentichiamo?

Gli americani, gli stessi che hanno permesso a Vendola di sperimentare la paternità, ci hanno abituati alla libertà della tecnica, agli estremi del ciò che è possibile e quindi, prima o poi, lecito.
Ma come riuscire a comporre la contraddizione che proprio in uno come Vendola compare, micidiale, all'alba del giorno più felice della sua vita?

Molte dunque le domande, qualche risposta la vorremmo dare noi.
Esiste ormai in tutto il mondo un movimento per i diritti civili che tende a fare giustizia rispetto alle discriminazioni subite nei secoli dai gay. Nulla da eccepire sulla battaglia e sul diritto dei gay ad amare chi vogliono.

Se la Costituzione ha un senso, allora la discriminazione deve essere tolta come contraddizione.
L'articolo 3 così recita solennemente: "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali".

Quello che tuttavia la Costituzione non ha previsto è riuscire a far nascere un bimbo da due persone dello stesso sesso, almeno per ora.
Certo la tecnica arriverà un giorno anche a questo, ma per ora occorre, insieme al seme maschile, anche il buon vecchio utero, invenzione eccelsa di qualche milione di anni fa e che funziona alla grande, se lo si sa usare bene ovviamente.

E lo sanno usare molto bene quelle signore che in California decidono, per qualche decina di migliaia di dollari, di affittarlo a chiunque voglia diventare padre ma non trova tale organo miracoloso a disposizione presso il supermercato di quartiere, né sulle bancarelle sotto i portici della propria città.

È giusto mercificare una parte del corpo umano?
A sentire Vendola e la sua ira funesta abbattutasi più volte nel tempo politico della sua carriera sui destrorsi privi di umana pietà, ciò non avrebbe mai dovuto accadere.
Immigrati e ambiente non dovevano subire l'onta di essere mercificati e quindi privati della dignità. Figuriamoci se per lui potesse mai essere accettabile che donne bisognose di denaro per sopravvivere dovessero essere costrette ad adattarsi alla prostituzione o all'affitto dell'utero. Impossibile. In ogni caso: guai a confondere le due attività, la seconda è per procreare quindi ammissibile, la prima è di tipo ludico quindi non ammissibile.

Di fronte al sogno della paternità il Vendola ha fatto radicalmente marcia indietro su tutti i principi. 
Anni di militanza in nome dei diritti, della difesa dei deboli, della lotta contro le destre inumane, contro lo sfruttamento dell'ambiente da parte del capitale anch'esso inumano, tutto bruciato in un attimo: cosa volete che sia mai un utero in affitto? Se possiamo, perché non raggiungere la felicità?

È strano come gli eroi dei deboli tendano sempre a far la fine di Masaniello.
Ma il Nichi nazionale è riuscito in un colpo solo a cadere due volte in contraddizione: la prima perché ha accettato di usare disumanamente il mercato, lo stesso da lui sempre condannato come disumano; la seconda dichiarando di averlo fatto per amore, ossia utilizzando un argomento irrazionale come l'amore a fondamento di una risposta che voleva e doveva essere razionale.

Nonostante tutto il tema di fondo rimane sempre lo stesso, con o senza Nichi Vendola: si possono superare con la tecnica i limiti naturali della procreazione, è giusto superarli?
In nome della vita si sarebbe tentati di rispondere affermativamente, ma per essere certi bisognerebbe allargare il discorso ad altri casi, ad altre situazioni. Bisognerebbe risalire dal particolare al generale e verificare se una tale impostazione possa ancora reggere, riesca ancora a stare in piedi.

Lungo questo percorso potremmo ricordare la Germania del periodo pre-bellico.
Quello che va dal 1933 al 1945, in cui dominava il partito nazista. Quella Germania era uno Stato di diritto, riconosciuto dalle altre nazioni, con leggi da osservare e uno Stato che se ne faceva garante.
Tra quelle leggi alcune permettevano indirettamente l'annientamento degli ebrei, che infatti morirono a milioni. Quelle leggi erano espressione della potenza della tecnica, del dominio della forza rappresentata dalla razza considerata tragicamente migliore.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, molti si chiesero cosa fosse venuto meno in una nazione come la Germania, patria della filosofia, erede della grecità e dell'occidentalità, tanto da permettere il male assoluto dello sterminio di milioni di persone, avvenuto sotto l'ombrello del diritto.
Ebbene ciò che mancò fu il valore metafisico dell'uomo, quel valore che epistemicamente si pone al di sopra delle singole volontà che vogliono dominare il mondo.
Nel momento in cui il limite della sacralità della vita, nelle sue diverse accezioni di dignità morale e fisica, viene superato in nome di una presunta superiorità tecnica, alla quale alla fine si abdica, in quel momento tutto diventa possibile anche un nuovo sterminio di innocenti. È forse già avviene, ancora avviene.

Il dramma del mortale è tutto qui e non è poco.

Vendola non è l'unico e non sarà l'ultimo che predica bene e razzola male, ma in fondo anche lui ha seguito la corrente: ha fortificato la tecnica che gli ha concesso la felicità di essere padre, mentre si è dimenticato della disumanità che ha colpito quella madre, costretta o convinta, non fa differenza, dalla nuova morale che vendere un figlio sia giusto.

Si potrebbe insinuare che dai ricchi comunisti ci si può attendere questo ed altro, ci limitiamo invece a considerare infelicemente quanto sia lontano l'uomo da tutto questo è quanto, d'altro canto, sia imminente l'avvento del paradiso della tecnica, se anche i comunisti più radicali vi si sono ormai definitivamente votati.

Leretico


Commenti:
ID64539 - 02/03/2016 11:57:38 - (Giacomino) - Ben detto.

Nessuno pensa ai fiumi di lacrime che verranno versati in avvenire da una madre che in un certo modo è stata costretta a vendere la sua creatura portata con trepidazione in grembo per nove mesi, senza neanche averla potuta stringere al seno per allattarla come vuole il desiderio NATURALE di ogni madre e di ogni bambino. Mi si dirà che queste cose sono sempre avvenute ma qui abbiamo a che fare con dei venditori di bla-bla pubblici che dovrebbero sapere cosa è il bene e cosa è il male e c'è di mezzo un bambino appena nato.Mi viene in mente l'orco.

ID64541 - 02/03/2016 13:38:39 - (pierdo53) - IL MIO PENSIERO VA' AL BIMBO

Come crescerà questo bimbo "acquistato" coi soldi dei contribuenti italiani e costretto dall'egoismo del "difensore dei deboli" a crescere senza una madre, anche se prevedo in un ambiente "agiato" sempre con soldi di noi contribuenti.Ma questa è la coerenza dei nostri politici.

ID64544 - 02/03/2016 15:38:55 - (robixxx) - BAH

una trama per un film dell'orrore

ID64547 - 02/03/2016 18:04:15 - (bob63) - che Dio salvi la regina

Complimenti Leretico, quando tutto e' il contrario di tutto, io non sono un filosofo e nemmeno tanto credente, ma spesso spero che Dio esista, e che un giorno cominci a lanciare fulmini e saette, ma come si puo' concedere questa liberta'/ brutalita' che non esiste nemmeno nel mondo animale? il papa presumo sia in virtu' di uomo di Dio sia in virtu di comune mortale ha detto: i figli non sono un diritto e io aggiungo che sono una concessione donataci dalla natura che sia divina o no, ma dove stiamo andando? e' proprio vero ogni cultura a un certo punto e' destinata a crollare e forse e' bene cosi'.

ID64559 - 03/03/2016 06:43:34 - (Ila77) -

Affondereste con gusto barconi carichi di bambini che scappano dalla guerra, ma ad un tratto vi preoccupate solo del bambino di Vendola! Imparate a pensare alla vostra di famiglia, che ne avrete abbastanza!

ID64562 - 03/03/2016 08:08:27 - (Leretico) - ila77 lei si contraddice...

Invitandoci a pensare alla nostra famiglia lei sta forse pensando alla sua? Ma lei, ovviamente si sente superiore a tutti gli altri e quindi, titolare di questa capacità illuminata, si può permettere di pensare alle famiglie degli altri. Inoltre non è pertinente l'accusa gratuita di godere dell'affodamento di barconi carichi di bambini. Forse prima di replicare in questo modo becero bisognerebbe pensarci su qualche secondo, altrimenti si viene presi per fanatici irragionevoli. Non che lei sia nuovo/a a queste uscite un po' sguaiate ma fa sempre specie leggere insulsi giudizi sparati gratuitamente e contraddittoriamente.

ID64563 - 03/03/2016 10:04:03 - (bob63) - x Ila 77

No non e' solo il bambino di Vendola ma i vari bambini dei vari Vendola, l'inizio di una atrocita'in contraddizione a qualsiasi logica umana, e come le ha gia risposto Leretico a riguardo dei barconi, fare illazioni gratuite e'degno solo di una persona vuota e meschina.

ID64569 - 03/03/2016 13:03:30 - (snaf) -

è ovvio che questa pratica è insana in sè. Oltre al fatto non casuale che l'utero è di una donna del terzo mondo, mentre il dna di un'americana doc, di certo spezzare la procedura in due è funzionale anche alla limitazione del danno morale. Mi spiego, premesso che non posso sapere com'è avere qlcn in pancia, ma se presto un'utero col mio ovulo, il bimbo è mio e darlo via è atroce, ma se dono un ovulo, 100 ovuli e me ne vado, mi duole meno se miei figli che non ho portato in grembo nascono a mia insaputa. Se porto in pancia un figlio che non è mio, certo mi dispiace darlo, ma in fondo non mi appartiene. In tutto questo c'è qlcn che non sa nulla di tutto ciò e pensa o sente di appartenere in tutte e per tutto al corpo in cui sta crescendo...Non so se basteranno soldi e amore a cancellare un trauma recondito così importante, e quando arriverà l'età della ragione saranno cavoli amari...Caro

ID64570 - 03/03/2016 13:04:55 - (snaf) -

... caro Vendolama perchè la finestra messaggi dice sempre che ci sono ancora a disposizonei tot caratteri ma poi taglia i post?

ID64577 - 03/03/2016 14:01:09 - (Dru) - Di Quello che in questo articolo Leretico scrive è l'essenza della stroia dell'Occidente, se si hanno occhi per guardare

Se il pensiero non guarda alla storia del pensiero, è un pensiero acritico. La storia del pensiero mostra che al bisogno di sicurezza (di certezza) si contrappone, nel pensiero, il bisogno di insicurezza (incertezza), alla fede si contrappone il dubbio, alla costrizione la convinzione. Alla volontà si contrappone la volontà. Ora, dar valore non è il valore, e l'etica, di qualsiasi colore, è un dar valore.

ID64580 - 03/03/2016 14:30:50 - (snaf) -

per favore non facciamo filosofie di un problmea così materiale. Ci sarà anche di mezzo l'etica me essa risiede in modo diverso dentro ognuno, il resto ha a che vedere col tipo di società che vogliamo attorno a noi. Se famigli di tutte le conformazioni, se bimbi di diversa procedura di concepimento etc, con tutto ciò che questo comporta a livello di coesione sociale e precezione del decadimento culturale. Se poi uso parole come percezione, etica, senso proprio, etc., non mi si rbalti la frittata dicendo che sono materia di filosofia. L'articolo la metta nel modo che vuole, ma qui è evidente che l'abbiamo inteso in relazione ai FATTI acaduti e non ci interessa filsofeggiare su nulla, ma scambiare opinioni su fatti REALI.

ID64582 - 03/03/2016 15:44:37 - (Dru) - vediamo

"per favore non facciamo filosofie di un problema così reale"

ID64583 - 03/03/2016 15:45:23 - (Dru) - a snaf

mi saprebbe dire cosa è un problema?

ID64584 - 03/03/2016 15:46:30 - (Dru) -

e se è un problema, mi saprebbe dire come possiamo dirlo reale? cosa significa reale...

ID64585 - 03/03/2016 15:52:13 - (Dru) -

ma lei parla di fatti, cosa é il fatto... eee, cosa intendiamo nella storia del pensiero per materiale.. etica... ognuno... risiedere.. modalità.. diverso... identico... il resto... ciò.. decadimento culturale.. cultura.. ah vedo adesso... evidente.. evidente.. evidente.. evidente.. evidenza.. cosa significa? relazione ai fatti, l'intenzione in relazione.. e non ci interessa filosofeggiare cosa vuol dire? che non vuole che io la deprima? che non vuole pensare? o significa altro.. evidenza.. evidenza.. evidenza.. evidenza.. cosa significa?

ID64586 - 03/03/2016 16:05:34 - (Dru) - noi diciamo, di una cosa che è, una cosa evidente

ma diciamo anche: non facciamo filosofia. diciamo e non diciamo, diciamo contraddittoriamente.. filosofia significa (è) attenzione per ciò che si mostra, e allora? come facciamo a porre attenzione a ciò che si mostra senza far filosofia? infatti, non la facciamo quasi mai la filosofia, perché ciò che si mostra ha bisogno, comunque, della nostra attenzione. ma, aimè, o più verosimilmente, aitè, questo non lo hai capito, come si mostra dalle tue parole.

ID64595 - 03/03/2016 19:52:25 - (snaf) -

vabbè prosegua il suo soliloquio come al solito, faccia pure pelo e contropelo a parole come "problema" che possono essere sinonimo di "questione" come di "argomento della discussione". Quanto ci mette prima di decidere cosa prepararsi per cena? e quando poi ce l'ha nel piatto mangia o si chiede se è cioè che sembra o sembra cio che è?

ID64598 - 03/03/2016 20:18:10 - (Dru) - Facciamo cosí

Problema è ció che non ci appare come immediatamente contraddittorio, ma non è nemmeno evidente. Però nella mia compare "apparire", "contraddittorio" e"evidente".. "ente".."ente",.."ente"."argomento della discussione" non è "problema", almeno per quella parte che è l'essere argomento.

ID64599 - 03/03/2016 20:32:50 - (snaf) -

avviso a tutti per le prossime volte, visto che dopo Dru difficilmente i commenti proseguono, quando leggete articoli dell'eretico che è il suo degno compare se non lui stesso, non fraintendete che siano per voi. I commenti sono riservati solo a Dru. Facciamo tutti ammenda per avergli rubato la stanza degli specchi e stiamo più attenti la prossima volta.

ID64600 - 03/03/2016 20:35:24 - (Dru) - Allora

O consideriamo che quello in discussione è un problema, ma allora a qual guisa opinare, o se é un problema non son fatti reali...

ID64601 - 03/03/2016 20:37:02 - (Dru) - .. non è..

ID64600 - 03/03/2016 20:35:24 (Dru) AlloraO consideriamo che quello in discussione non è un problema, ma allora a qual guisa opinare, o se é un problema non son fatti reali.

ID64602 - 03/03/2016 20:39:31 - (Dru) -

Opinare su fatti reali è quantomeno buffo, significherebbe ridurli a qualcosa che non sono..

ID64603 - 03/03/2016 21:03:11 - (Dru) -

Non si discutono i fatti reali, perché se si discutono, da fatti reali diventano problemi o comunque non fatti, ma da fare.

ID64606 - 03/03/2016 21:16:34 - (Dru) - Ma fatti reali

Cosa sono?

ID64607 - 03/03/2016 22:22:31 - (Leretico) - I commenti

I commenti non sono assolutamente riservati a Dru. E poi confonderci significa non vedere la differenza notevole tra quanto scrivo io e quanto "tenta" di scrivere lui. Mi piacerebbe poi capire cosa Snaf intenda per "degno compare". Si intende compagni di merende? È ovvio che le mie idee sono diverse da quelle di Dru, ma addirittura pensare che uno sia l'altro mi sembra davvero esagerato. A volte mi sorprendo davvero! E poi io non faccio disquisizioni ontologiche su ogni cosa che appare. Distinguo la cacca di mosca da quella di elefante ma in sostanza sono lo stesso.

ID64610 - 04/03/2016 00:59:46 - (Dru) -

La storia del pensiero mostra che al bisogno di sicurezza (di certezza) si contrappone, nel pensiero, il bisogno di insicurezza (incertezza), alla fede si contrappone il dubbio, alla costrizione la convinzione. Alla volontà si contrappone la volontà. Ora, dar valore non è il valore, e l'etica, di qualsiasi colore, è un dar valore.

ID64611 - 04/03/2016 01:11:46 - (Dru) - Distinguo la cacca di mosca da quella di elefante ma in sostanza sono lo stesso.

.. in qualcosa sono identici anche se in sostanza si distinguono...

ID64612 - 04/03/2016 01:34:40 - (Dru) - Caro Letetico

Tra la cacca di elefante e quella di mosca, in quanto cacche sono cose identiche, in quanto cose sono l' esser sè e il loro non esser l'altro da sè.. questo è l'esser lo stesso. Che la sostanza (soggetto) sia lo stesso è il pensiero epidermico ad evocarlo, per stabilire un'identità tra le differenze, identità che, sul presupposto della separazione, è identificazione degli "assolutamente" diversi.... ma se sono presupposti "assolutamente diversi" è originariamente impossibile una loro identità. Chi "tentenna"?

ID64613 - 04/03/2016 01:56:47 - (Dru) - Se in sostanza fossero lo stesso

Significherebbe che l' uno è l'altro .. ma che l'uno sia l'altro è contraddizione.

ID64757 - 10/03/2016 10:25:15 - (nimi) - maternità surrogata

Esiste da sempre, ve ne state preoccupando dall'altro ieri. Dire che siete incoerenti e omofobi è dire poco.Nicola

ID64760 - 10/03/2016 14:11:02 - (Leretico) - Ma di chi parli?

Non capisco dove sia l'omofobia in questo articolo né capisco come tu faccia ad affermare che di questi temi ce ne stiamo occupando dall'altro ieri. Deduzione gratuita e senza argomentazione, dogmatica. Stile inquisizione. La maternità surrogata non esiste da sempre. Comunque, anche se lo fosse, se volessimo confutare un ragionamento così debole potremmo dire che anche l'omicidio esiste da sempre ma non è certo per questo una cosa giusta.

ID64762 - 10/03/2016 16:42:00 - (nimi) - cosa giusta cosa sbagliata

Mi sembra che anche nelle tue parole risieda una bella dose di dogmatismo e gratuita debolezza, perché io mai ho affermato che la maternità surrogata sia "una cosa giusta". Ho detto che c'è. E sì, c'è "da sempre", c'è da quando re e imperatori, vecchie megere e altre figure legate al potere si servivano del ventre di donne giovani, per poi strappare loro il frutto di quel ventre. Cosa giusta? Non so. Cosa sbagliata? Può darsi, ma 40 anni fa era "sbagliato" anche essere mancini. La mia "protesta" riguarda soltanto la tempistica. La faccenda riguarda Vendola e quindi il pollaio del web si scatena come non mai. Non ci è dato sapere dove fossero gli stessi soloni quando le normalissime coppie eterosessuali andavano (vanno) nei paesi del terzo mondo a comprare bambini per mille euro.

ID64763 - 10/03/2016 16:45:07 - (nimi) - la coerenza

Se invece l'argomento è la coerenza di Vendola e il "ribaltamento" dei suoi valori, allora mi arrendo. L'Italia è un posto strano, dove la gente reclama coerenza, ma sempre e solo dagli altri. Negli ultimi sessant'anni gli italiani hanno legittimato, col loro voto, la DC, il PSI di Craxi, Berlusconi, la Lega nord, eccetera. Nessuno di questi mi pare si possa erigere a monumento della coerenza. Eppure si chiede coerenza a un comunista che non ha mai rappresentato più del 4% degli elettori. Che strano posto l'Italia, davvero. Forse dovremmo impegnarci a pretendere la stessa coerenza da chi si arroga il diritto di rappresentare/governare (e la faccenda è trasversale, bipartisan, senza colori politici). Ma io, l'ho già detto, qui mi arrendo.

ID64767 - 10/03/2016 19:04:24 - (Dru) - Ora

che l'omicidio non sia cosa giusta è un'affermazione gratuita, tale quale quelle di nimi, il suo "può darsi" che odora di "dipende". Riflettete, solo una minoranza, nel mondo, afferma che uccidere è una cosa ingiusta.

ID64768 - 10/03/2016 19:11:13 - (Dru) - Giusto

che si mostra con autorità. Dove il che significa quello.

ID64769 - 10/03/2016 19:12:12 - (Dru) - Quello che si mostra

è il manifestantesi

ID64770 - 10/03/2016 19:19:24 - (Dru) - Se il manifestantesi

è una seggiola e dico, quella è una seggiola, quello che dico, cioè la seggiola, corrisponde al giusto, dove il giusto non è semplicemente ciò che si mostra, ma ciò che si mostra con autorità, e qui l'autorità sono le mie parole che corrispondono a quello. Se dicessi che quella non è una seggiola, quella seggiola, allora sarei ingiusto, cioè direi il contraddittorio rispetto il manifestantesi.

ID64771 - 10/03/2016 19:27:25 - (Dru) - Ora

pensare che un evento storico sia giusto è pensare l'ingiusto, poiché l'evento storico, qualsiasi evento storico, non è una constatazione, ma un'ipotesi, bella, confortante e rassicurante quanto lo si voglia. Si che appoggiare le proprie affermazioni su fatti storici è come costruire la propria casa su fondamenta melmose: il meno che ti può capitare, per chi fa l'architetto del pensiero come me , è di prenderti dello sciocco. Pensare un evento storico come giusto è pensare che ciò che non si mostra, e sfido chiunque a contraddirmi qui, si mostri con autorità.

ID64772 - 10/03/2016 19:32:30 - (Dru) - Poi nimi

dici che non sai se è giusto o ingiusto, ma però dici che c'è da sempre e dire che c'è è dire, o pretendere di dire, il giusto.

ID64784 - 11/03/2016 14:21:36 - (Leretico) - la cosa giusta

Riprendo dalla tua "io mai ho affermato che la maternità surrogata sia 'una cosa giusta'". Dicendo che "esiste da sempre" hai inteso dire che noi, tra cui io, ce ne occupiamo dall'altro ieri mentre il la maternità surrogata esiste da sempre. In questo modo ha ivoluto criticare chi scrive definendolo perlomeno superficiale per il fatto che si permette di parlare di un problema che "esiste da sempre". In seconda battuta poi, ed è qui che si aggancia la mia risposta, hai definito me e altri che commentano come incoerenti e omofobi, legando la cosa al concetto precedente ossia: visto che la maternità surrogata esiste da sempre e voi "superficialmente" ve ne occupate dall'altro ieri, allora come minimo siete incoerenti e omofobi. A parte la pesantezza del giudizio di omofobia che ti inviterei a riconsiderare, come già ti ho suggerito, le tue affermazioni sono dognamtiche, e quindi inquisitoriali, quando appunto

ID64786 - 11/03/2016 14:31:00 - (Leretico) - continua

caro Nimi, deduci illogicamente dal "sempre esistito" il fatto che io (noi) sia omofobo e incoerente. Siccome qui c'è una contraddizione palese allora le tue accuse mascherate da critiche si evidenziano come inconsistenti. Inoltre, vista la tua replica, e vista la tua posizione implicita derivante dalla tua critica, mentre scrivendo come scrivo io sarei omofobo e incoerente, tu non lo saresti. Così io che ho affermato che la maternità surrogata come utilizzata dal comunista Vendola non mi sembra cosa giusta, tu definendomi omofobo e incoerente poiché la maternità surrogata esiste da sempre (vedi re e regine ecc.) intendi dire che invece essa è giusta, sia per come è stata utilizzata dal ricco comunista nostrano che in generale. Per concludere chiedo sempre a tutti, politici e non, rossi o verdi o blu che siano, di essere coerenti, non solo ai ricchi comunisti che predicano bene e razzolano male. Quindi anche a te.

ID64803 - 11/03/2016 23:22:13 - (Leretico) - Il giusto che appare

Il giusto è legato alla verità. Dal vero procede il giusto. Chiaramente se la volontà è fede e quindi non è verità, segue che dalla volontà e dalla fede non può venire giustizia. Ecco perché il diritto non ha verità e dal diritto non viene giustizia ma prevalenza del più forte o della parte più forte sul più debole. O meglio quello che la volontà chiama ingiustizia diventa giustizia e viceversa. Detto questo rispetto al piano filosofico, aggiungerei, portandomi su quello della volontà, unico luogo del mortale, terra isolata dal destino, dove l'uomo non può che scegliere, dove non si può esimere dal decidere, che è nella scelta del criterio che si definisce ciò che è giusto. E tale scelta/volontà/fede determina risultati (anche se presunti tali) valutabili in relazione a tale criterio. Nel mondo del mortale tutto è volontà che

ID64804 - 11/03/2016 23:25:21 - (Leretico) - continua

il criterio esista e che, tramite la sua esistenza, si possa discriminare ciò che giusto da ciò che non lo è.

ID64805 - 11/03/2016 23:50:07 - (nimi) - Vendola? Casini!

Rispondo, a malincuore, perché in realtà ho proprio sbagliato a monte a commentare, in quanto non c'è peggior sordo... Il "casino" (giusto per fare un gioco di parole) nasce nel momento in cui è Vendola a ricorrere alla maternità surrogata, per altro in maniera del tutto legale. E viene tacciato di incoerenza. Ok. Peccato non intravedere la stessa indignazione quando il cattolicissimo Casini divorzia per la ventordicesima volta o quando un qualsiasi altro sostenitore della "famiglia tradizionale" annuncia gravidanze fuori dal matrimonio, chiede di sparare ai barconi oppure sposa la XY moglie. Mi pongo quantomeno il dubbio che se fosse stato un "comunista eterosessuale" a ricorrere a questa pratica, probabilmente le voci di protesta o di dissenso non avrebbero potuto formare nemmeno un coretto di paese. Da qui la mia accusa di omofobia. Per me, questione chiusa, attaccate pure coi pipponi kantiani e kierkegaardiani.

ID64806 - 12/03/2016 07:58:57 - (Dru) - nimi

essere stupidi non è una colpa, colpa è credere di non esserlo "quando" lo si è: più o meno una variante della wittgensteiniana " “su ciò di cui non si può parlare si deve tacere”. Naturalmente da questa proposizione non esulo..

ID64807 - 12/03/2016 08:14:48 - (Dru) - Leretico

la volontà è fede è verità, non il contrario.. che dalla volontà e dalla fede non possa venire giustizia è il pensiero isolante che lo desume. il "non potere" deriva dal "credere di potere"... ecco che il diritto che che non ha verità crede di esserlo, cioè crede di essere diritto, quando invece è fede e fede è prevaricazione della verità di qualsiasi essere anche dell'esser diritto.

ID64808 - 12/03/2016 08:24:00 - (Dru) - detto questo

credere di poter portarsi dal piano filosofico su quello della volontà è volontà, e in quanto tale è negazione del suo fondamento, cioè negazione di ciò che appare. Se ci poniamo dal lato della negazione di ciò che appare allora possiamo credere in ciò che non appare e se vogliamo credere in ciò che non appare allora possiamo certamente dire che la scelta del criterio è ciò che è "ingiusto", non ciò che è giusto Leretico. Giusto è poter scegliere sempre criteri nuovi e non legarsi alla scelta di un criterio.

ID64809 - 12/03/2016 08:28:20 - (Dru) - ..poiché, ciò che viene proprio a mancare nella volontà

è il criterio. Se non esistono limiti , e i limiti sono appunto i criteri o i discriminanti, allora tutto e il suo contrario è giusto. Questo è il mondo frantumato, questa la filosofia moderna che porta a galla, della negazione del divenire, la significanza non epistemica di quello.

ID64818 - 12/03/2016 18:18:36 - (Dru) - Tutto e il suo contrario è giusto

Significa che tutto e niente (del tutto) si mostrano come realtà, dove se per realtà si accetta anche il niente, allora il tutto non è il tutto e a regnare la realtè è la contraddizione

ID64821 - 12/03/2016 20:27:47 - (Leretico) - Nimi e la supercazzola

Da wikipedia: "supercazzola indica un nonsense, una frase priva di senso logico composta da un insieme casuale di parole reali e inesistenti, esposta in modo ingannevolmente forbito e sicuro a interlocutori che pur non capendo alla fine la accettano come corretta". Forse quello che scrivi vuole essere una supercazzola? Ti piace scrivere ma non ami le repliche? Fammi capire così mi adeguo subito. Non solo quello che hai scritto è illogico ma insisti. Bene, mi sai dire chi mai ha affermato di essere difensore della famiglia tradizionale? E' una tua interpretazione errata e su questa hai basato le tue sparate. Vendola ha predicato per anni certi valori e poi in un attimo, per interesse personale, forse illegale in Italia, se li è rimangiati. Qualcuno segnala l'incoerenza. Tra essi anche io. Casini? Incoerente anche lui. E allora? Giuro non capisco. Io non sono casiniano. Evidentemente la tua è una supercazzola.

ID64822 - 12/03/2016 20:34:14 - (Leretico) - Per Dru

Mi sa che questa volta ti sei incartato. Scrivi "credere di poter portarsi dal piano filosofico su quello della volontà è volontà, e in quanto tale è negazione del suo fondamento, cioè negazione di ciò che appare". In primis ho scritto che tutto è volontà, poi che esistono due piani, due ambiti: il primo della volontà il secondo filosofico. Il primo rappresenta l'uomo mortale, il secondo il destino. Se parlo del primo uso termini consoni e comprensibili per esso, se parlo del secondo altrettanto. Quindi non confondo i due ambiti. Io quindi non credo di portarmi dal piano filosofico su quello della volontà, semplicemente li distinguo. Tu invece non li distingui, tutto qui.

ID64823 - 12/03/2016 20:38:13 - (Leretico) - continua

Nessuno nega ciò che appare. La volontà appare. Se non apparisse la volontà, la fede, la scelta, non potrebbe esistere la verità. Perché se la volontà, la fede, la scelta sono errore, senza di esso non potrebbe esistere nemmeno la verità. L'errore, la volontà, la fede, la scelta sono negazioni che si autonegano. Dunque la volontà non è negazione del suo fondamento come hai scritto.

ID64824 - 12/03/2016 20:57:16 - (Dru) - che mi incarti è difficile, ma può anche darsi, vediamo...

che tutto sia volontà nega la verità, in quanto se tutto lo fosse allora la verità sarebbe nulla.Allora direi piuttosto che tutto ciò che nega la verità è volontà.

ID64825 - 12/03/2016 21:04:58 - (Dru) - poi che esistono due piani

che esistono due piani non significa che puoi distinguere sul fondamento dell'esistenza di due piani, perché l'esistenza di due piani è fondata dall'esistenza appunto, ma che sull'esistenza, che è il fondamento, puoi distinguere due piani, quello della verità o della necessità autentica e quello della volontà.

ID64826 - 12/03/2016 21:09:18 - (Dru) - come rappresenti i piani tu

dell'esistenza della volontà e dell'esistenza della necessità, cospira l'equipotenza fra piani, dove a vincere (cioè a superare) non è alcuno dei due. Questo è impossibile. su questa tua incertezza fondi il mortale e rinunci alla vera scelta.

ID64827 - 12/03/2016 21:19:49 - (Dru) - poi scrivi: nessuno nega ciò che appare, riducendo l'apparire alla coscienza come pensiero individuale

Ma in vero, nessuno può negare davvero ciò che appare, anche quando vuole ridurre ciò che appare, come fai tu, in coscienza del pensiero individuale.

ID64828 - 12/03/2016 21:26:44 - (Dru) - poi che se non apparisse la volontà non apparirebbe nemmeno la verità

è qualcosa che non esiste, e in quanto tale, in quanto ipotesi è volontà. che sia l'errore a mostrare la verità non significa che se non vi fosse errore non ci sarebbe nemmeno la verità. quest'ultima parte della mia precedente proposizione è ipotesi, e in quanto tale (apparire) non esiste.

ID64831 - 13/03/2016 07:38:06 - (Dru) - Veniamo a nimi

Se hai percepito, nelle parole de Leretico, la difesa della famiglia naturale contro le nuove libertà contro quella, allora non ti discosti,in questa percezione, dalla stessa situazione in cui il pensiero marxiano concepiva le leggi naturali del capitale, assediate, inutilmente secondo lui,dalla volontà di superarle. Cospiravano allora le nuove forze pagane contro le leggi naturali e cospirano con la consapevolezza maggiore della propria forza oggi. Se restiamo sul piano delle scelte politiche non comprendiamo cosa determini queste scelte e ci chiediamo,chi a destra chi a sinistra, come fate tu, qui ingenuamente, e Letetico, cosa sia il giusto.

ID64832 - 13/03/2016 07:47:43 - (Dru) - La tua ingenuità

si esprime nella volontà di non volere; ad esempio di non volere indicare cosa è giusto e cosa no, ma non volere giudicare è giudizio. Non pensare è impossibile come è impossibile per un vedente non vedere.

ID64833 - 13/03/2016 07:53:09 - (Dru) - Le tue

Retoriche affermazioni di rispondere a malincuore,fanno sorrifere.. non credi?

ID64834 - 13/03/2016 07:54:03 - (Dru) -

Sorridere

ID64993 - 19/03/2016 19:54:20 - (Dru) - Caro Letetico

Vedo che non vuoi capire, anche se poi quello che, in fondo alla superficie che ami frequentare, capisci combacia in sintesi con quello che precedentemente dico.

ID64994 - 19/03/2016 19:57:59 - (Dru) - Credere di potere

è fede. La contraddizione, cioè la fede, quando è vista è risolta e quindi non è possibile che non lo sia,,è impossibile che non lo sia. Un poco come l'innegabile. L'innegabile non è possibile negarlo.

ID64995 - 19/03/2016 20:04:40 - (Dru) - Logica ferrea Leretico, logica ferrea.

Se il fondamento della fede è il divenire altro di ogni e qualsiasi essente, significa che la fede per esser fede,,questo il suo essente, deve negare il proprio fondamento, altrimenti non sarebbe fede. Così capisci meglio?

ID64996 - 19/03/2016 20:21:43 - (Dru) - Quando ti dico che non è possibile che non lo sia è cioè che risolta la contraddizione non è la soluzione l'esser contraddizione, ma il suo superamento

...nego che tu possa parlare indistintamente dei due piani e su due piani diversi, come se tu appunto potessi, perché potere è fede di potere.

ID64997 - 19/03/2016 20:25:34 - (Dru) - Quindi

la tua posizione di equipotenza,,il voler distinguere e il voler stare con un piede in due scarpe, o è davvero contraddizione, e allora non l'hai ancora risolta, o fai retorica....

ID64999 - 19/03/2016 20:48:23 - (Dru) -

Ti voglio bene Leretico, ma questo bene non deve essere abusato...

ID65002 - 20/03/2016 08:34:50 - (Dru) - Un ultimo esempio

Se tu sapessi che ogni momento uccidi qualcosa, proprio tu, che ami salvare e non uccidere, non uccideresti. Quindi la volontà, quella volontà, in quanto fede, non può sapere del proprio inconscio, in quanto sapendolo, sapendo la volontà del suo inconscio, l'inconscio non sarebbe più inconscio per quella volontà, non credi? Tu credi di esser in grado di camminare tra i due piani, ma, aimeh, aimeh perché sarei felice che tu facessi qualche passo in più, sei ancora sulla nave dei folli...

ID65003 - 20/03/2016 08:44:35 - (Dru) - Infatti

se ti dico che sei tale e quale i più efferati omicidi, ti incazzi, cioè ti ribelli a ciò che ti consente di ribellarti a questo, che è il tuo inconscio, il pensare che le cose possano diventare altro da ciò che sono. Il tuo livore, nei confronti di chi presumi non ti riconosca, in questo specifico caso in me che ti do dell'omicida, è volontà di trasformare la mia affermazione. Affermazione che invece viene confermata immediatamente dal tuo livore, e così cantando e andando per mare con la nave dei folli...

ID65004 - 20/03/2016 08:55:41 - (Dru) - È volontà

di morte, come il più efferato degli omicidi.

ID65005 - 20/03/2016 08:57:39 - (Dru) - Amare salvare

Significa uccidere

Aggiungi commento:

Vedi anche
13/02/2018 08:56

La condizione del fachiro e i cercatori di merda E' utilissimo per concimare, lo sterco. Bisogna però vedere cosa si intende far crescere. Gustosissimo (si fa per dire) questo "Eppur di muove" del nostro Leretico

07/03/2014 07:55

La democrazia dell'espulsione Si definisce paradossale quella proposizione che sembra contraddittoria, perché contro il senso comune, ma si rivela infine sorprendentemente vera

24/05/2020 08:30

Il cammino fino al tramonto La paura è uno dei sentimenti umani più difficili da gestire. Emerge dalle profondità dell’inconscio, si impadronisce di noi e spesso non riusciamo a contrastarla adeguatamente.

01/05/2018 08:30

La verità nell'era dell'imbecille Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato...

12/07/2014 06:22

Aspettative Mondiali, delusioni bestiali E' il gioco delle aspettative a rendere più o meno bruciante una delusione calcistica come quella subita dai brasiliani. Ed è sempre l'impatto emotivo a generare conseguenze macroeconomiche




Altre da Terza Pagina
20/09/2021

«Alfa senza filtro»

Questo martedì sera a Gavardo la presentazione del nuovo libro di Maurizio Abastanotti. Prenotazione obbligatoria

17/09/2021

Un concerto per dire «grazie» al personale sanitario

Quello in programma per domani sera, 18 settembre, a Salò a cura della Banda cittadina è un concerto dedicato a tutti coloro che sono stati in prima linea fin dall'inizio nell'affrontare la pandemia

16/09/2021

Aventino Frau, le opere di un uomo lungimirante

Alla sua figura accademica è dedicata una pubblicazione che verrà presentata questo venerdì pomeriggio, 17 settembre, a cura dell'Ateneo di Salò

14/09/2021

Un autunno di iniziative

Un gruppo di lettura per condividere una passione in comune, ma anche corsi di bella scrittura, recitazione, lingue. Ce n'è per tutti i gusti tra le iniziative in programma a Gavardo nei prossimi mesi

14/09/2021

Marco Cantarini presenta «I risvegliati»

Questa sera – martedì 14 settembre – a Muscoline l'incontro con l'autore, che presenterà il prequel di “Horror vacui”. Ingresso libero con green pass

11/09/2021

Prevalle in fiore

Questa domenica, 12 settembre, a Palazzo Morani un pomeriggio di intrattenimento con la premiazione del concorso “Orti e giardini fioriti” e l'Open Day della Biblioteca comunale

11/09/2021

Cene itineranti a chilometro zero

Sono in programma nell'ambito del Laboratorio Gastronomico delle Valli Resilienti, rassegna organizzata dalle Comunità Montane di Valle Sabbia e Val Trompia

09/09/2021

«Urla» contro la violenza sulle donne

Questa domenica, 12 settembre, in occasione di “Prevalle in fiore” l'inaugurazione del progetto nato dall'idea di un gruppo di fotografi locali

09/09/2021

«Prendo parola. Voci poetiche dal lavoro»

L'associazione “La Rosa e la Spina” organizza due eventi per presentare la raccolta di prose e poesie dei partecipanti al suo concorso letterario

08/09/2021

Omaggio a Lucio Battisti

Torna a Paitone il duo musicale Andrea Butturini e Andrea Ragnoli. Questo volta, a distanza di un anno dall’omaggio a Mina, il ricordo è dedicato ad un’altra icona della musica italiana: Lucio Battisti