12 Giugno 2015, 15.02
Lavenone
Incidente

Frontale in centro a Lavenone

di val.

Per fortuna a bassa velocità l'incidente frontale avvenuto lungo la 237 del Caffaro in pieno centro a Lavenone


Il "tre assi" di una ditta di Magenta stava scendendo da Storo e ha allargato sulla sinistra per superare un gruppo di motociclisti che si erano fermati davanti al Bar Nazionale in centro a Lavenone per decidere dove andare.

Erano all'incirca le 12 e 15 di oggi e pioveva.
In quel momento dall'altra parte, cioè da vestone, lungo la 237 del Caffaro, nonostante l'ora di punta, non stava salendo nessuno.
Il caso ha voluto però che prima che il camion riuscisse ad effettuare del tutto la manovra di rientro sulla sua corsia di marcia è sopraggiunto un Fiat Fiorino alla cui guida c'era un 41enne di Idro.

L'uomo, appena superato lo spigolo delle case che in quel punto obbligano ad una curva secca a destra, nel vedere la sagoma del camion occupare la sua corsia di marcia ha frenato.
L'asfalto reso viscido dalla pioggia ha fatto il resto e i due mezzi sono finiti uno addosso all'altro, frontalmente.

Per fortuna a quel punto le velocità di entrambi erano ridotte al minimo.

I due occupanti così non si sono fatti nulla.
Per evitare che si formassero lunghe code hanno deciso di spostare i mezzi, poi però non riuscivano ad accordarsi sulle ragioni e sui torti.

Sul posto è intervenuta una pattuglia dei Vigili dell'Aggregazione valsabbina, col comandante che, in mancanza della possibilità di effettuare dei rilievi oggettivi, ha convinto i due contendenti a compilare un modulo per la denuncia amichevole, allegando le fotografie scattate ai mezzi coinvolti.
Saranno poi le rispettive assicurazioni a stabilire il da farsi.

Dal motore del Fiorino
è uscito parecchio olio, che la pioggia ed i mezzi in transito hanno poi trascinato per un centinaio di metri almeno, rendendo quel tratto di strada particolarmente insidioso, soprattutto per i mezzi con due ruote.



Commenti:
ID58510 - 12/06/2015 16:54:34 - (mark) - assurdo...

per superare i motociclisti fermi??? ma quindi questi si erano fermati sulla strada???

ID58511 - 12/06/2015 17:40:07 - (Tc) - ...

A parte i motociclisti fermi...ma li sembra di capire (almeno da una delle foto) ci sia riga continua e sorpassare non dovrebbe essere consentito...forse una bella strombata ai 2 ruote li avrebbe fatti spostare e proseguire poi senza invadere la corsia opposta...se arrivava invece di un fiorino uno in motorino,l'esito sarebbe stato diverso...

ID58513 - 12/06/2015 19:00:47 - (zine) - a memoria

a memoria mi sembra che in quel tratto di strada non vi sia la linea di mezzeria.....e questo potrebbe comportare un problema anche per il "fiorino"; se chi segue la pratica del mezzo pesante è abile, potrebbe riuscire a strappare pure un concorso di colpa. Quel che è certo è che quelli che considero i veri colpevoli, ossia chi ostruiva impropriamente la sede stradale già di per sè stretta, resterano impuniti da tutto. Per quanto ne so, l'art. 161 del c.d.s si parla di "ingombro della carreggiata".

ID58515 - 13/06/2015 12:19:54 - (Venturellimario) -

Ma sapete leggere le notizie?Davanti al bar, non in mezzo alla stradaLa riga continua in foto è dopo il centro abitato dove è successo incidenteSempre a dare la colpa ai motociclisti , anche quando sono fermi.Se aveva così fretta di passare e se veramente le moto ingombravano la sede, non faceva altro che aspettare si spostassero o come detto un colpo di clacson e poi passava

ID58516 - 13/06/2015 13:01:27 - (zine) -

Certo, Venturelli Mario, che sapiamo leggere.....così come abbiamo capito che moralmente i colpevoli sono i motociclisti che intralciavano la sede stradale già di per se stretta. Il codice della strada non prevede il "non faceva altro che aspettare si spostassero o un colpo di clacson (che poi al giorno d'oggi bisogna anche stare attenti ai colpi di clacson....ti randellano per molto meno)". Il buon senso ed il rispetto per il prossimo ti deve far pensare che devi sostare altrove e non occupare la sede stradale (preciso che questo vale motociclisti, automobilisti e via dicendo). Qui evidentemente è mancato o l'uno o l'altro, o tutti e due.

ID58519 - 13/06/2015 16:32:52 - (Venturellimario) -

Si da il caso che davanti al bar c'è un bel piazzaleQuindi meglio invadere l'altra corsia invece di fermarsi?

ID58524 - 13/06/2015 19:35:10 - (Dru) - Tosca

Te l'ho detto mille volte che non puoi. Incoere contro un camion...

ID58525 - 13/06/2015 19:35:52 - (Dru) - Bah

Incoere dovrebbe essere vincere

ID58527 - 13/06/2015 21:57:06 - (brogio) -

Dalla seconda fotografia sembra emergere una condotta irresponsabile dell'autista del mezzo pesante, completamente giù di mano in prossimità di una brutta curva. Manovra senza dubbio censurabile. I motociclisti invece, vista la mal parata se la sono svignata, magari senza ricevere le indicazioni richieste. Vedrete che tra motociclisti incauti, camionista imprudente la colpa andrà al povero Freddi ovvero l'automobilista che non aveva ne colpa ne peccato

ID58536 - 14/06/2015 20:53:27 - (frejus) - il cds dice

il CDS dice che anche dove non c'è la linea che separa i 2 sensi di marcia (e nel punto dell'incidente non c'è) i conducenti sono comunque tenuti a stare il più a destra possibile della carreggiata. quindi è vero che se non c'è la linea in caso di frontale c'è il concorso di colpa, ma la maggior parte della colpa se la prende chi era in mezzo alla strada. se fanno bene i rilievi al conducente del fiorino andrà non più di un 20-30% di concorso di colpa probabilmente, perchè comunque procedeva a velocità non idonea a potersi fermare in caso di pericolo.

Aggiungi commento:

Vedi anche
10/05/2015 07:00

Olio sulla 237 del Caffaro Un'auto sbanda, finisce addosso a un muretto e dal motore esce tutto l'olio: pomeriggio "scivoloso" quello di sabato a Lavenone

11/06/2014 01:08

Frontale a Lavenone Uno schianto piuttosto violento quello che ha distrutto due autovetture lungo la 237 del Caffaro, a Lavenone, poco prima dell'ingresso in paese per chi sale da Vestone

12/07/2016 15:32

Olio sulla 237 del Caffaro Un camion stava affrontando la salita che, viaggiando in direzione di Idro, porta a Lavenone, quando si è rotto un tubo dell'impianto di lubrificazione

13/12/2012 08:01

Frontale fra Vestone e Lavenone Per fortuna senza gravi conseguenze l'incidente che nel pomeriggio di ieri ha coinvoltotre autovetture lungo la 237 del Caffaro. La provinciale rimasta per bloccata per pi di un'ora.

19/04/2018 06:42

Un malore e poi il frontale Tre persone in ospedale, una delle quali in gravi condizioni, a causa dell''incidente che a Barghe ha tagliato in due la Valle per quasi due ore




Altre da Lavenone
07/01/2022

Mattia Frapporti, amaro addio al ciclismo

Troppe delusioni e amarezze nelle ultime stagioni e il ciclista professionista di Lavenone ha deciso di appendere la bici al chiodo

04/01/2022

Incendio lungo la Comunale

Solo il tempestivo intervento da parte del gruppo “Aib Protezione civile” ha evitato che un piccolo incendio potesse propagarsi al bosco circostante

27/12/2021

Canto della Stella? Sì, no, forse

A Idro e attorno al lago, il tradizionale canto di questua è "in forse" anche quest'anno

27/12/2021

Bilancio di fine anno

Servizi, infrastrutture, risparmio energetico e viabilità fra gli ambiti d’intervento dell’amministrazione comunale nel corso del 2021

16/12/2021

Inizio lavori nel 2022

Ci sono accordi e firma: sarà la Collini - Pavoni a realizzare la Variante di Lavenone. Cantieri nel secondo quadrimestre 2022. Trenta mesi di tempo per concludere l'opera

(1)
21/11/2021

Doveva starsene lontano: arrestato

Una storia di alcool, violenza e degrado quella che ha messo ulteriormente nei guai in 54enne di Lavenone, al quale già era stato vietato di avvicinarsi alla moglie

29/10/2021

Nuovo progetto di svaso

Acque nuovamente agitate, sul lago d’Idro, a causa della partecipazione della Comunità montana, insieme a Regione Lombardia e Aipo, alla formulazione di un nuovo progetto per la regolazione delle acque

27/10/2021

Mortale a Lavenone

Lungo la 237 del Caffaro, a Lavenone, ha perso la vita un motociclista di 64 anni. Si chiamava Renzo Vaglia ed abitava a Idro
VIDEO

25/10/2021

«Baremo 10 K», Frapporti compie l'impresa

Operazione compiuta! Il Frappo ha superato i 10 mila metri di dislivello scalando per 10 volte il Baremone percorrendo 220 km di sola salita

22/10/2021

Marco Frapporti sfida il Baremone

Per chiudere la sua stagione il Frappo ha deciso di dare vita a una sfida contro il tempo lungo i tornanti della strada del Baremone