01 Ottobre 2020, 10.31
Gavardo Garda
Lettere

Lettera aperta a tutti i sindaci della provincia di Brescia

di Redazione

È quella inviata dalle Mamme del Chiese e del Garda a tutti i primi cittadini bresciani che a breve sa-ranno convocati in assemblea dall'ATO per discutere in merito al progetto di depurazione del Lago di Garda


Entro pochi giorni, presso la sede di A.T.O Brescia, verrà convocata l’Assemblea dei Sindaci promossa dai Primi Cittadini di Montichiari, Gavardo, Muscoline e Prevalle, condivisa da molti di voi, tanto che la proposta ha raccolto in totale l’adesione di ben oltre 50 sindaci.

Questa assemblea riguarderà l’ormai noto e controverso progetto di collettazione e depurazione delle fognature dei comuni della sponda bresciana del lago di Garda, che continua a provocare un confronto molto acceso tra le parti in causa e che rientra a pieno titolo fra le grandi questioni ambientali del nostro territorio.

Una questione che si trascina da lungo tempo e che giustamente è ora di risolvere, ma non certo nel modo arrogante di chi  vuole imporre al bacino del fiume Chiese un progetto di una portata e di un impatto ambientale tali da far risultare eticamente inconcepibile l’esclusione dal processo decisionale di tutti  coloro che, nella peggiore delle ipotesi, lo dovranno subire, mentre condivisione e trasparenza, da ricercare a tutti i livelli, dovrebbero essere il consolidato modus operandi.

Per questo, noi mamme del Chiese e del Garda unite, sentiamo il dovere di far sentire la nostra voce forte e chiara affinché si giunga ad una soluzione davvero efficace per il lago di Garda senza coinvolgere in maniera illogica e innaturale il bacino del Chiese, il suo territorio e la sua comunità.

A questo proposito riteniamo utile precisare che da alcuni anni l’ente “Comunità del Garda”, presieduto dall’ On. Mariastella Gelmini, si è adoperata per raccogliere finanziamenti per portare avanti un progetto che viene “venduto” come opera di massima tutela e salvaguardia di uno dei bacini idrici più importanti d’ Italia.

Purtroppo contrariamente a quanto è stato detto: nulla è così!
Si punta tutto su una mega opera pronta tra forse 10 anni e non risulta invece che vengano effettuati in maniera sistematica ed efficace i controlli degli scarichi abusivi e quelli sui reflui zootecnici. - Anche per la separazione delle acque bianche dalle  nere su tutta la costa bresciana non risulta vi sia un piano di interventi risolutivo. Nemmeno vengono posti limiti alla navigazione a motore nei porti turistici, fonte di grave inquinamento. –

Nessuna azione mirata alla rinaturalizzazione delle coste, anzi, sul lago di Garda è in atto da decenni una speculazione edilizia fuori controllo che non ha nulla a che vedere con il potenziamento della di-fesa delle caratteristiche naturali e paesaggistiche tanto cara ai turisti.
Dopo questi errori e questa mancanza di prevenzione ora viene proposto di scaricare l’intero costo sul fiume Chiese e sulla sua comunità!

E’ noto che il territorio bresciano risulti essere il più inquinato d’ Italia, particolarmente nelle zone dove il progetto prevede di  localizzare i due depuratori in questione, crediamo che la si-tuazione di Montichiari sia un caso nazionale e ciò è ignorato  dalla politica e dagli Enti prepo-sti, che finora non hanno evidentemente svolto un ruolo di tutela della salute del nostro territo-rio ; anzi troppo spesso mettendo in atto discutibili strategie  che nulla hanno a che vedere con l’etica del  buongoverno, consentendo  a interessi economici non certo di valenza pubblica, di  prevalere.

Voi Sindaci oggi siete chiamati ad una grande responsabilità che va ben oltre questo progetto e che si sviluppa su alcuni principi che non sono negoziabili: democrazia, trasparenza, tutela del-la salute. Lo dovete alle future generazioni e ai quei bambini e ragazzi le cui giovani vite sono state spezzate dai tumori causati dal grave inquinamento che caratterizza le nostre terre!  Sia-mo pertanto, con la presente, ad invitarvi:

-    a non disertare la convocazione dell’assemblea voluta da oltre 50 dei vostri colleghi sin-daci così da permettere il dibattito e il voto legalmente riconosciuto evitando di lasciare in mano una questione di tale importanza al CDA di nomina politica.

-    ad andare a votare per sottolineare che Brescia non può pretendere di non essere considerata la pattumiera d’Italia se prima non si smette al suo interno di accettare che ci siano territori di serie a e di serie c

-    a pretendere che il sacrifico economico che verrà chiesto ai vostri concittadini (aumento bollette ciclo idrico di almeno il 50%) serva a produrre risultati reali e con la miglior so-luzione possibile per la salute del lago di Garda

-    a richiedere ad ATS i dati epidemiologici dei singoli comuni al fine di valutare le mal-formazioni genetiche ed i tumori, recentemente aumentati nei bambini e negli adolescen-ti e che sono assolutamente riconducibili ai numerosi fattori inquinanti presenti sul terri-torio. (Come prevede la Legge 22 marzo 2019, n.29 art.1-2-3-4-5-6-7-8)

A fronte di quanto sopra un appello particolare lo facciamo agli Amministratori locali della sponda bresciana del lago di Garda presenti in Ato: abbiate l’orgoglio e la coerenza per rimediare a tutti gli errori del passato che tante criticità stanno creando al nostro Lago, pensando ad un sistema di depura-zione all’avanguardia da realizzare all’interno del bacino gardesano. Sarà il coinvolgente biglietto da visita per un turismo sempre più attento, responsabile ed ecosostenibile; un fiore all’occhiello per le vostre amministrazioni.

Infine, dopo aver analizzato tutti gli elementi a disposizione, ci sia da parte Vostra il coraggio di fare un passo indietro, valutando soluzioni alternative che forniscano reali e concrete garanzie per tutti i territori!


Per le mamme del Chiese: Piera Casalini  e Roberta Caldera
Per le Mamme del Garda: Paola Pollini

 
 





Vedi anche
02/09/2020 07:45

Depuratore nel Chiese: il NO delle mamme del Garda Anche le mamme del Garda si schierano coi sindaci valsabbini, che cercano di impedire che il Chiese venga uilizzato come organo ricettore dei reflui gardesani: «Non risolve le problematiche del lago»

30/07/2020 09:21

Le mamme del lago: «Ci siamo anche noi» Le Mamme del Lago prendono spunto dalla lettera da noi pubblicata sottoscritta da una delegazione delle mamme del Chiese. E dicono la loro

30/06/2019 07:59

Le mamme scrivono all'on. Gelmini Un centinaio (per ora) le firme in calce ad una lettera aperta con la quale le mamme soprattutto gavardesi chiedono a Mariastella Gelmini di riconsiderare l'ipotesi di scaricare nel Chiese i reflui depurati del bacino del Garda

05/08/2020 09:15

Le mamme del Chiese e del Garda confidano in una soluzione di buon senso Mamme del Chiese e mamme del Garda, unite per il buon esito della questione depurazione del Garda, in risposta ad alcune affermazioni lette a seguito del rinvio del Tavolo Tecnico, ritengono necessarie alcune puntualizzazioni. Pubblichiamo volentieri

21/06/2020 10:20

Il flash mob delle «mamme del Chiese» Alla protesta di comitati e associazioni ambientaliste si unisce quella di alcune mamme che ieri pomeriggio si sono radunate a Gavardo per ribadire il loro “no” al progetto del maxi depuratore del Garda



Altre da Garda
24/10/2020

Conferenza dei Comuni, mozione esclusa dall'ordine del giorno

La mozione sul maxi depuratore del Garda, firmata da ben 59 primi cittadini della provincia, non sarà discussa nella Conferenza dell'Ufficio d'Ambito. Lo sconcerto dei sindaci

22/10/2020

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

20/10/2020

Voglia di castagne... con frattura

Scivola sulla mulattiera e non riesce più ad alzarsi. Ottantenne recuperato dagli uomini del Soccorso alpino

20/10/2020

Giro dei tre laghi a favore di Spazio autismo

Un’occasione per ammirare gli splendidi paesaggi lacustri baciati dal sole autunnale il giro turistico benefico effettuato dai motociclisti di Italian Custom Family

18/10/2020

Una medaglia per Nicola

Ai Campionati Italiani ragazzi 2020 disputati a Varese c'era con tre atleti anche il Circolo canottaggio del Gruppo Volontari del Garda Salò

18/10/2020

Anno scolastico all'estero?

“Intercultura” riparte con il bando 2021-22 e centinaia di borse di studio. I volontari del Centro di Salò aspettano il 20 e il 23 ottobre gli studenti interessati, il 29 i loro genitori. Tutto online

17/10/2020

Da oggi anche col conto corrente

Anche chi non possiede carte di credito, da oggi può attivare un abbonamento a Vallesabbianews. «Ogni mese un caffè e Vallesabbianews è con te”. Ecco come fare

15/10/2020

Dopo una stagione difficile, torna l'olio bresciano

Coldiretti: «lavoriamo per la valorizzazione e la tutela di questa eccellenza produttiva». Anche il GAL Garda Valsabbia impegnato ad attivare iniziative per continuare a migliorare la qualità dell'olio

15/10/2020

Mozione in Consiglio Provinciale: «Ci sentiamo prese in giro»

Le mamme del Chiese unitamente a quelle del Garda dopo aver assistito al Consiglio provinciale in questione esternano il loro totale disgusto per come si è svolto il dibattito relativamente alla mozione sul depuratore del Garda

14/10/2020

«No alla guerra Garda-Chiese, sì alla sostituzione della condotta sub-lacuale»

Il dubbio che il progetto del maxi depuratore dei comuni gardesani a Gavardo e Montichiari sia la soluzione migliore per il Garda si insinua anche sulle sponde del Benaco, come nel caso del gruppo di minoranza di Padenghe che sollevano diverse perplessità