01 Gennaio 2009, 00.00
Valsabbia - C
Neve

Un Capodanno con i fiocchi

di Ubaldo Vallini

Sembrava quasi che la neve avesse avvolto tutto e tutti in morbida ovatta nella notte di san Silvestro, in Valle Sabbia...

Sembrava quasi che la neve avesse avvolto tutto e tutti in morbida ovatta nella notte di san Silvestro, in Valle Sabbia.
Non che siano mancate le feste collettive, fuochi d’artificio e petardi sono stati esplosi a iosa, e a spasso per le strade della Valle Sabbia di gente ce n’era parecchia.
Solo che la fioccata, consistente e asciutta ad ogni quota da Gavardo al Gaver, ha avuto il merito di attutire ogni eccesso.

Questa almeno stata l’impressione di quanti si sono dati da fare per festeggiare l’arrivo del nuovo anno, nonostante i timori per gli sconosciuti esiti della recessione, imperante anche nei messaggini scambiati via sms.
E le strade? Bianche per gran parte della notte, tutte quante. Senza per altro che si siano registrati incidenti di rilievo e ad ogni modo senza l’ombra di feriti, tantomeno di interventi polizieschi.
Alla fine, chi ha avuto la pazienza di montare le catene oppure era dotato di mezzo meccanico a quattro ruote motrici, non ha avuto problemi a raggiungere casa nemmeno a notte fonda, quando il manto nevoso ha raggiunto lo spessore massimo d’una ventina di centimetri e c’erano delle salite da percorrere.

A quell’ora i mezzi spazzaneve ancora non erano riusciti ad intervenire ovunque e soprattutto nei centri abitati qualche problemino c’e stato.
Poche per le lamentele vere e proprie. I valsabbini sanno bene che, quando nevica forte, di mezzi con pala, sale e sabbia, ce ne vorrebbero uno per ogni chilometro di strada.
Solo cos la si potrebbe tenere costantemente pulita: un’utopia.

Il rientro alla normalit nella percorribilit di tutte le strade avvenuto comunque entro le dieci del mattino, ovunque.
Dopo una nevicata di quella portata, con i fiocchi bianchi che hanno avuto modo di posarsi fin da subito su un terreno ben gelato e per di pi il primo giorno dell’anno... beh, ci pare un rispettabile risultato, per stradini e amministratori.
Allo “spalamento” pubblico, dalle 10 alle 12 di ieri l’ora di punta, si unito poi quello privato di quanti hanno smaltito la baldoria notturna liberando vialetto e cancelletto.
Ma questa un’altra storia.
Come dice quel proverbio? Chi spala il primo dell’anno...


Aggiungi commento:

Vedi anche
27/12/2012 07:44

Riapre il Gaver Contrordine: nella stagione che sembrava persa, per gli impianti di risalita del Gaver, nasce invece una nuova opportunit. E si riparte a San Silvestro, forse prima.

25/02/2013 07:24

Avanti tutta con la neve Fine settimana innevato, quello appena trascorso. I fiocchi sono caduti in abbondanza anche sulla Valle Sabbia senza per altro creare grossi problemi. Oggi replica

31/12/2016 10:54

Capodanno secondo tradizione Per il veglione di San Silvestro i ristoranti e i rifugi della Valle del Chiese hanno registrato il tutto esaurito. Manca solo la neve

06/12/2015 07:15

Tutto pronto per il Gaver senza skilift In attesa della neve, purchè non sia troppa e pregiudichi il transito lungo la via d'accesso, al Gaver tutto è pronto per una stagione sciistica... coi fiocchi

08/12/2007 00:00

Solo pelli e ciaspole al Gaver Se i fiocchi di neve oggi si faranno vedere, la Sat pronta ad attivare Gaverland gi da domani, a costo di battere le piste la notte. Fino ad oggi, le temperature troppo alte non hanno permesso di utilizzare l’innevamento artificiale.




Altre da Valsabbia
15/05/2021

Approvato nuovo bando Dote Scuola

Il consigliere regionale Floriano Massardi (Lega): “13,6 milioni di euro per gli studenti lombardi under21”

15/05/2021

Covid, Girelli: «Urgente far ripartire la sanità non covid»

Secondo il consigliere regionale valsabbino del Pd in Lombardia si è registrata una pesante riduzione di visite, interventi e screening

15/05/2021

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare

14/05/2021

Tavolo delle associazioni: «Peschiera la soluzione più economica e meno impattante»

La Federazione delle associazioni ambientaliste del Chiese guidata da Gianluca Bordiga ha commissionato uno studio nel quale vengono comparati i diversi progetti per il depuratore che sarà sottoposto all’Ato e alla Cabina di regia

13/05/2021

Un blogger sulle strade della Valle Sabbia

I noto blogger di viaggi Gio del Bianco sta percorrendo questa settimana le strade della Valle Sabbia lungo un itinerario alla scoperta del borghi che circondano il lago d’Idro

13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992

12/05/2021

Depuratore a Lonato, in cosa consiste il progetto?

L’impianto sorgerà nella frazione di Esenta e, secondo Acque Bresciane, darà ampie garanzie di sostenibilità ambientale. Resta da sciogliere il nodo dello scarico dei reflui

12/05/2021

È Lonato la scelta finale per il depuratore

L’ufficialità arriverà nei prossimi giorni, ma la scelta è già stata fatta nel corso della Commissione Ciclo Idrico del Broletto, alla presenza dei vertici di Acque Bresciane e dell’Ufficio d’Ambito

12/05/2021

«Una bestemmia culturale»

Questo, in estrema ed iconica sintesi, il pensiero di un produttore vinicolo valsabbino riguardo all’iniziativa di Bruxelles di togliere l'alcol dal vino e di aggiungervi acqua

(2)
12/05/2021

Medicina di territorio, belle parole ma...

«Si stanno muovendo tutti per invertire lo stato di abbandono che la medicina sul territorio sta subendo da anni (vedi le proteste a Salò). Tutti meno che i valsabbini». Così un lettore, riferendosi al Presidio di Nozza

(1)