24 Maggio 2020, 10.00
Storo
A Riccomassimo

Al via i lavori di restauro della chiesetta

di Aldo Pasquazzo

In ritardo di più di un mese, a causa dell’emergenza coronavirus, sono iniziati a Riccomassimo i lavori di conservazione della piccola chiesa dedicata a San Carlo Borromeo


Da alcuni giorni a Riccomassimo, piccola frazione del Comune di Storo lungo il versante per Bagolino, sono iniziati i lavori di restauro della Chiesa dedicata a San Carlo Borromeo.

L'intervento, finanziato dalla Provincia e che sarà ultimato in autunno, è stato possibile su iniziativa della Parrocchia di Lodrone e successivamente confermato dall’assessore Mario Tonina, venuto in visita lo scorso novembre in occasione della festa del Santo Patrono. In quella circostanza, mentre imperversava una pioggia incessante, la gente si era accalcata non solo all’ interno ma anche sotto un tendone allestito per accogliere paesani e convalligiani convenuti alla più importante funzione religiosa dell'anno.

Il costo dei lavori ammonta a 146 mila euro finanziati per il 75% dalla Provincia e per la parte restante dal Comune e dalla Parrocchia: “Questo contributo – avverte lo stesso Tonina - rientra nell'ambito della rivalorizzazione dei paesi di montagna, che hanno avuto una certa importanza, visto che Riccomassimo un tempo disponeva di un edificio destinato a caserma della Guardia di Finanza”.

La chiesa venne eretta nel 1720 per volontà dei Conti Lodron e, pochi anni dopo, Carlo Ferdinando fece dono alla chiesa della pala posta sull'altare maggiore. In questo dipinto venne ritratto egli stesso. Durante il XIX secolo vennero decorate le volte della sala e della parte presbiteriale. Nella seconda metà del XX secolo la chiesa è stata oggetto di restauri.

“Ora i lavori sarebbero dovuti iniziare ad inizio aprile, ma causa emergenza Covid-19sono stati posticipati”, aggiunge Elisa Lombardi a cui fanno riferimento le venti famiglie per un totale di 51 abitanti, bambini compresi.

L'opera è stata assegnata alla ditta “Effeffe Restauri”, di Cimego, e consistono nella ristrutturazione dell’interno ed esterno con la creazione di opere utili ad evitare infiltrazioni d'acqua e umidità. Solo così facendo la storica chiesetta sarà salvaguardata dallo scorrere degli anni.

Notevole soddisfazione in paese: gli abitanti vedono finalmente la realizzazione di un desiderio condiviso e perseguito dagli stessi negli ultimi anni. Espletata quest'opera, gli stessi riccomassimini guardano al recupero dell'edificio delle ex scuole elementari, nel quale poter ricavare un centro sociale, visto che in paese (come a Por sopra Pieve di Bono) non ci sono né bar, né negozi.

Ancora il vice presidente della Provincia: “Solo così facendo altre piccole nostre realtà potranno dar modo alla gente di continuare a rimanere nel proprio paese. So che quassù ci sono persone che lavorano anche a distanza di cinquanta chilometri se non di più, ma che alla sera tornano volentieri nella propria casa dopo essere partiti all'alba”.

Tra questi il compianto medico Gabriele Lombardi, scomparso meno di un mese fa, che ogni giorno faceva il pendolare con Brescia.


Vedi anche
05/12/2019 08:00

Un bene artistico da salvaguardare Oltre alla sistemazione della copertura, all’interno della curazia di San Carlo Borromeo, a Riccomassimo di Storo, è l’Ancona a necessitare di un intervento di restauro che ne contrasti il deterioramento

15/02/2021 07:50

Eppur si muove A forza di dai e dai, Trento si mette all’opera, per mettere in sicurezza la strada di Riccomassimo, valvola di sfogo in caso di necessità anche per Bagolino

31/08/2018 08:00

Organo in restauro L’organo della chiesa arcipretale di San Floriano di Storo resterà muto per tre mesi a causa di urgenti lavori di restauro

18/07/2017 15:50

Palazzo Conventino, gioiello da valorizzare Sono in corso alcuni lavori di restauro conservativo del nobile palazzo di Lodrone, a ridosso del confine con la Lombardia, affidati dal Bim del Chiese al Comune di Storo, per il quale va pensato un suo utilizzo

03/10/2018 09:20

Un aiuto per il restauro dell'organo Sono già a buon punto i lavori di sistemazione dell’organo della chiesa arcipretale di San Floriano a Storo e la parrocchia fa appello alla generosità di tutti



Altre da Storo
18/02/2021

A Storo arriva la Trafileria Punteria «Ghezzi»

Una realtà con radici e cuore trentini che risponde indirettamente anche ad una necessità occupazionale del territorio. Il commento del sindaco

15/02/2021

Eppur si muove

A forza di dai e dai, Trento si mette all’opera, per mettere in sicurezza la strada di Riccomassimo, valvola di sfogo in caso di necessità anche per Bagolino

(1)
11/02/2021

Corsini primo al Cross del Chiese

Nella gara svoltasi presso il Crossodromo di Storo fra i Cadetti ha tagliato per primo il traguardo l’atleta valsabbino del F.O. Running Team

10/02/2021

Il mercato va bene il martedì, male il sabato

A Storo il solo mercato a vedere numerosi i frequentatori è quello del martedì. Di sabato poche bancarelle e clientela scarsa, tanto che si ipotizza di trasferirlo nella sua vecchia sede

20/01/2021

L'ultimo saluto a Battista Macani

Venuto a mancare all'età di 79 anni, era stato docente, assessore e bancario, nonché presidente della Settaurense e della colonia alpina

20/01/2021

Avis Storo e Bondone, 55 anni di storia

Ben 161 soci e 197 prelievi nel 2020, nonostante la pandemia, da parte degli avisini di Storo e Bondone. Un sodalizio storico basato sui principi di solidarietà e amicizia

19/01/2021

Una nuova sede per i «professionisti» dell'emergenza

I 120 volontari dell'ambulanza di Storo, operativi 24 ore al giorno per soccorrere chi ne ha bisogno, inaugureranno la loro nuova base in estate

19/01/2021

Fiamme al tetto

Ancora una volta l’intervento risolutivo è stato quello di Vigili del fuoco di Storo, in un intervento “fuori provincia”

09/01/2021

Fiamme nella notte

L'incendio si è sviluppato in un appartamento a Ponte Caffaro. Intervento risolutivo da parte dei Vigili del fuoco di Storo insieme ai colleghi di Bagolino e Salò

08/01/2021

Il Bar Centrale in mano a due giovanissimi

Da ieri lo storico locale al centro del paese ha una nuova e giovane gestione. Due ragazzi accomunati dalla stessa professionalità e voglia di fare