18 Gennaio 2008, 00.00
Roè Volciano
Musica

Questione di etichetta

Nasce a Ro Volciano la nuova etichetta discografica indipendente “Polka Dots”, un progetto interessante e ambizioso portato avanti da tre giovani gardesani e valsabbini per promuovere anche gruppi musicali locali.

In principio fu “Sabbie Mobili”, un progetto nato dalla collaborazione fra Marco Caldera e la cooperativa sociale “Area” di Barghe, volto a far emergere la scena musicale valsabbina e dare la possibilità ai tanti giovani che in valle coltivano l’hobby della musica di registrare i propri pezzi con apparecchiature professionali e organizzare concerti, momenti d’incontro e scambi di idee.
Marco, giovane musicista (qualcuno lo ricorderà con i mitici “Grest”!), fonico e produttore discografico di Roè Volciano, in questi anni si è dato un gran daffare, dando vita ad una vera e propria etichetta indipendente, la “Quicksand Records”, ora restaurata, ampliata e trasmigrata sotto il nuovo marchio “Polka Dots”.
«“Polka Dots” – ci dice Marco Caldera – nasce dalla consapevolezza acquisita durante i primi due anni di Quicksand che, essendo gli sforzi concentrati quasi totalmente su di me, da solo non ce l’avrei fatta. Quindi, insieme a Fausto Zanardelli, un ragazzo di Salò che gestiva già un suo studio di registrazione, abbiamo deciso di unire le forze e dare vita a qualcosa di più strutturato, che riuscisse meglio a lavorare alla produzione dei gruppi».
Completa la squadra Francesco “Pimpumpam” Vezzola, un ragazzo di San Felice che cura il sito internet, la pagina Myspace dell’etichetta e gli altri aspetti di promozione dei gruppi e l’organizzazione di concerti.

I tre paiono essere un team parecchio affiatato ed efficiente, con le idee ben chiare sul futuro del progetto. Per il primo di marzo è prevista l’uscita dei dischi d’esordio di ben tre delle quattro band che gravitano nell’orbita dell’etichetta: i “Low Frequency Club”, con base operativa a Gavardo, i desenzanesi “The Oranges” e i salodiani “Gretel e Hansel”, un “interessante progetto di psichedelia barrettiana un po’ matta”.
Nel corso del 2008 uscirà anche il primo disco ufficiale di “Ectoplasma? Yes I am”, progetto solista del chitarrista gavardese Cristian Ruggeri, che si avvale di numerose collaborazioni e, a detta di Marco, “sta preparando proprio un bel dischetto».
Chi, lo scorso novembre, ha fatto una gita fuori porta al Meeting Etichette Indipendenti di Faenza ha già potuto ascoltare alcune anteprime dei quattro lavori in cantiere, oltre al concerto dei “The Oranges” durante la serata conclusiva della manifestazione.

«Il MEI – prosegue Marco – è una bella iniziativa, che mette in contatto tante realtà discografiche piccole e indipendenti, dando la possibilità di instaurare rapporti diretti, non mediati, certamente più solidi e fruttuosi rispetto a quelli basati su una telefonata o uno scambio di e-mail. Inoltre è un’ottima vetrina, che consente di dare visibilità al proprio marchio e alle proprie produzioni: molti pezzi di gruppi della nostra etichetta sono in rotazione in alcune radio in giro per l’Italia».
Chiediamo a Marco quanto sia difficile per una piccola realtà come “Polka Dots” costruirsi un nome e trovare gruppi validi su coi puntare.
«Acquisire credibilità è una cosa abbastanza difficile: o un gruppo dell’etichetta riesce a emergere, acquistando notevole popolarità e, automaticamente, trascinando con sé anche le altre band, oppure si procede a piccoli passi, lavorando su progetti a lunga durata, come stiamo cercando di fare noi. Per quanto riguarda i gruppi, credo ce ne siano parecchi davvero meritevoli e interessanti. Al MEI abbiamo ricevuto una valanga di demo: certo, produrli tutti sarebbe impossibile, viste anche le ristrettezze economiche con cui dobbiamo fare i conti, ma stiamo cercando di inviare a tutti una risposta, chiedendo la disponibilità per organizzare concerti e scambi di date».

In barba a chi dipinge i giovani come una generazione di abulici debosciati, Marco, Fausto e Francesco, insieme ai musicisti e agli altri collaboratori di “Polka Dots”, sono un bell’esempio di come sia possibile costruire progetti interessanti e ambiziosi anche nella nostra fredda e troppo spesso sonnolenta Valle Sabbia.
È possibile reperire ulteriori informazioni sulle iniziative di “Polka Dots” sul sito www.myspace.com/polkadotslabel, da cui è possibile accedere anche alle pagine Myspace dei gruppi dell’etichetta.

Alfredo Cadenelli


Commenti:
ID23 - 18/01/2008 00:00:00 - (hal_9091) - Hal

Tanti e sinceri auguri !

Aggiungi commento:

Vedi anche
01/05/2008 00:00

Musica d’acque dolci Week-end lungo e fitto d’appuntamenti musicali, quello da poco trascorso. Gioved sera Low Freqency Club e The Oranges, due giovani gruppi valsabbino-gardesani legati all’etichetta Polka Dots di Ro Volciano.

30/03/2008 00:00

...e la ricerca continua Abbiamo intervistato Giorgi, bassista gavardese dei Low Frequency Club, promettente terzetto che a Brescia, ha presentato “Low Frequency Club”, cd realizzato in collaborazione con l’etichetta valsabbina Polka Dots.

20/04/2021 10:00

«Hellmate», da Bione al Time Lab con il primo singolo Il DJ valsabbino Matteo Cavagnini, in arte “Hellmate”, ha pubblicato la sua prima traccia da autore tramite la nuova etichetta della storica casa discografica “Time Records”

27/11/2007 00:00

Chiusura in grande stile per il Mei di Faenza Si concluso domenica sera con il concerto della “cantantessa” Carmen Consoli il Mei di Faenza, il Meeting delle etichette indipendenti, uno tra gli appuntamenti pi importanti per la produzione discografica indipendente.

13/07/2010 12:00

Kailas, la musica senza le parole In Valsabbia c’ anche un’interessante band che si dedica alla musica strumentale senza l’apporto del cantato.




Altre da Roè Volciano
17/06/2021

Assorbenti gratuiti al bar, un aiuto per le donne

Un’iniziativa che è stata molto apprezzata dalle clienti quella di un noto locale di Roè Volciano, i cui titolari hanno dimostrato un’attenzione non comune ad un tema ancora molto sottovalutato

16/06/2021

Charlie Cinelli sul palco con Si può fare band

Questa sera alla Scar di Roè Volciano la prima serata della rassegna “Il dono del tempo”, nell'ambito del progetto “Oltre il Chiostro”, per promuovere la cittadinanza attiva

11/06/2021

Benvenuto don Roberto

Dopo lunghi mesi di attesa, domenica scorsa ha fatto il suo ingresso il nuovo parroco di Roè Volciano

10/06/2021

«Il dono del tempo»: promuovere la cittadinanza attiva

Una rassegna con quattro appuntamenti nell'ambito del progetto “Oltre il chiostro” promosso dalla Rsa e dal comune di Roè Volciano per passare dal fare comunità all'essere comunità

08/06/2021

Trasporti e sicurezza, il caso di Roè Volciano

Anche il “nodo” dei Tormini, punto di interscambio tra le valli, il Garda e Brescia, necessita di un intervento di riqualificazione. La lettera del comitato “Vado a scuola sicuro”

03/06/2021

La vita dopo la terapia intensiva

Cosa succede a chi ha vissuto in ospedale la terapia intensiva e poi viene dimesso? Se lo sono chiesti i ragazzi delle Terze F e G delle Medie di Roè

01/06/2021

Contro lo scuolabus

Solo danni ai mezzi nello scontro fra un’auto e lo scuolabus nel passaggio in una via stretta di Roè Volciano

30/05/2021

Non ce l'ha fatta

Luciana Avanzi, 72enne di Roè Volciano, era stata investita venerdì a Salò mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali, è spirata il giorno dopo in ospedale

30/05/2021

Lorenzo diventa maggiorenne

Tanti auguri a Lorenzo Gregori, di Roè Volciano, che proprio oggi, domenica 30 giugno, compie i suoi primi 18 anni

27/05/2021

I 64 di Armando

Tanti auguri, ad Armando Ponchiardi, di Roè Volciano, che oggi, 27 maggio spegne 64 candeline