23 Novembre 2015, 07.07
Vobarno
Racconti del lunedì

Il volo del cormorano

di Ezio Gamberini

Uno dei periodi più fecondi per la mia scrittura (ah,ah… se non conoscessi a fondo chi scrive, direi che l’incipit è quasi serio), è sicuramente coinciso con gli anni in cui praticai da dilettante podismo a livello agonistico, cioè dal 1999 al 2008...


In realtà i primi racconti li scrissi nel 1992 (si trattava de “Il Dandini” e “Signore del Muschio”, praticamente in contemporanea), e il motivo non è casuale.
In quell’anno nacque Chiara, la nostra ultimogenita, mentre Paolo e Anna avevano otto e cinque anni.

Due anni prima mi ero imbarcato nell’avventura amministrativa.
Insieme con altri due amici, con esperienze comuni trascorse per anni in oratorio, avevamo accettato la proposta di candidarci e fummo eletti consiglieri comunali (Fabrizio in seguito sarà più volte assessore e anche vice-sindaco, mentre per Pierenzo e il sottoscritto quella fu l’unica esperienza e nel 1995 non ci ricandidammo).

Io ero stato eletto capogruppo e per due anni passai più serate in Municipio che in casa: per il nuovo Statuto, il nuovo piano Regolatore, le commissioni, ecc.
Se a questo si aggiunge l’enorme fatica personale per sostenere la parte (ritengo di non possedere alcuna qualità “politica”), quando arrivò Chiara decisi di fare un passo indietro.

Nel ruolo di capogruppo mi sostituì l’amica compianta Marina Corradini, che era già stata assessore in precedenza, e in seguito sarà eletta sindaco per due tornate, sino alla sua prematura scomparsa, il 10 agosto del 2003.
Nella piazza a lei intitolata risiedono la Biblioteca Comunale (della quale sono stato presidente per quindici anni) e, da pochissimo, la nuova sede del Municipio.

A quel punto, con molto più tempo a disposizione, decisi di prendere la penna in mano, ci provai gusto e proseguii.
Devo però ammettere che quando a marzo di sette anni dopo cominciai a correre, per preparare la mia prima maratona nel novembre 1999, la mitica New York, cambiai davvero marcia: ogni volta che indossavo scarpe e tuta e percorrevo il sentiero che affianca il fiume e mi addentravo nei boschi da cui è attraversato, mi sembrava di essere in un altro mondo.
Mi estraniavo da tutto, e mille pensieri e sensazioni mi avvolgevano, affascinato dai rumori prodotti dallo scorrere dell’acqua e dalle fronde agitate dal vento.
Quando tornavo a casa, sentivo impellente il bisogno di tradurre in versi queste sensazioni, talvolta dolenti, ma più spesso ilari e spensierate.

Insomma, mi capitò quello che succedeva al mio mentore, Giovannino Guareschi, il quale diceva pressappoco che: “Quando sto scrivendo, alla mia scrivania, disturbatemi pure, non c’è alcun problema.
Ma quando sto costruendo una sedia, piallando un serramento, limando una biella, rettificando un carburatore, allora non permettetevi di importunarmi. Perché è in quel momento che nascono i miei racconti, le mie storie”
.

Ecco, per me è la stessa cosa: i miei racconti e le mie storie nascono principalmente quando corro sul greto del fiume; lì prendono la loro forma, assumono la loro sostanza, insomma, entrano in vita, e il tradurle poi in scritto è un semplice dettaglio.
Come ho già narrato nei miei precedenti racconti, per problemi fisici nel 2008 dovetti abbandonare non solo l’attività agonistica, ma anche la semplice corsa.

Da qualche mese invece, con Grazia, abbiamo affrontato una tabella che ci ha portato in una ventina di sedute a percorrere mezz’ora di corsa consecutiva, e il secondo sabato di novembre, approfittando della sua assenza per partecipare alle sedute di ginnastica per adulti che l’Artistica Dafne organizza alla sede di Barghe, dopo sette anni ho corso per la prima volta un’ora consecutiva, sull’antico tracciato che costeggia il fiume, da Vobarno a Sabbio Chiese.
Che felicità!

Ma la cosa più bella che poteva capitarmi è questa: l’altro ieri, sabato mattina, nel percorrere lo stesso tratto, cento metri dopo aver oltrepassato il ponte alla Corna del Sas, appena usciti dal paese, (alla cui base potete scorgere la scritta “IO E TEX SEMPRE”, che qualche buontempone voleva farmi credere sostituito con “TU E ZAGOR MAI”), ho scorto appollaiato su un masso, in riva destra, un grosso ed elegante cormorano.

Era a sei o sette metri di distanza, e quando mi ha sentito arrivare, ha spiccato il volo.
Mi sono bloccato all’improvviso e sono rimasto fisso a guardarlo, affascinato: ha dispiegato le ali, la cui apertura superava il metro, e con incedere elegante e regale ha percorso trenta o quaranta metri è si è posato su un altro masso, in riva sinistra.
La visione è stata davvero fantastica, e mi ha emozionato oltremisura.
In questo momento di puro sgomento, causato dai recenti attacchi terroristici che hanno martoriato Parigi e il Mali, ho paragonato il volo di quel cormorano a un grido di libertà, a un anelito di pace.

E così sia.



Commenti:
ID62700 - 23/11/2015 07:42:43 - (EnzoBoschi) - Enzo Boschi

Devo fare i complimenti al Sig Ezio Gamberini per i Suoi scritti alle volte anche poetici che sono sempre piacevolissimi da leggere e non nascondo che attendo sempre il luned, con l'auspicio di trovare un altro nuovo e bel racconto settimanale da visionare ,grazie.

Aggiungi commento:
Vedi anche
23/03/2009 00:00

Salò invasa dai bambini Pi di un migliaio i partecipanti alla Corsa per la pace e per la vita che si svolta domenica mattina per le strade di Sal.

12/11/2008 00:00

Pace ed economia, con Gabriele Smussi Ultimo appuntamento per la VII edizione di Cammini di Pace questo gioved 13 a Vobarno. Nel teatro comunale alle 20 e 30, sul tema quanto mai attuale “La pace nelle odierne condizioni di crisi finanziaria-economica”.

05/10/2016 09:47

Legalità e pace Venerdì il primo appuntamento dei Cammini di Pace, rassegna organizzata per il 14° anno a Vobarno dal Gruppo “Giorgio La Pira”, in collaborazione con il Centro Sociale parrocchiale e la Fondazione Toniolo di Verona e con il patrocinio del Comune

08/04/2015 09:11

Domenica la decima Corsa per la pace e per la vita Forte del successo riscosso nelle precedenti edizioni, torna anche quest'anno a Salò l'evento solidal-sportivo, a sostegno del Comitato “Tegla Loroupe”

17/03/2014 07:57

Cammini di Pace Inizia questo lunedì sera a Vobarno la XII edizione della rassegna di incontri organizzata dal Gruppo Giorgio La Pira e dal Centro sociale parrocchiale, con la collaborazione della Fondazione “G. Toniolo” di Verona



Altre da Vobarno
25/01/2021

I 95 di nonna Bianca

Tanti auguri a Bianca Vella, di Vobarno, che proprio oggi, lunedì 25 gennaio, raggiunge la veneranda età dei 95 anni

22/01/2021

«Cuore di donna, battiti da non tradire»

Quanti di noi sanno che il killer numero uno per le donne non è il cancro al seno o all’utero, ma la cardiopatia ischemica? Per saperne di più Santa Maria Synlab organizza un “tè della salute” digitale

22/01/2021

Fondi per manutenzione straordinaria delle riserve naturali

Anche le riserve naturali valsabbine potranno beneficiare dello stanziamento di 867mila euro per la tutela ambientale e la salvaguardia delle riserve naturali

21/01/2021

A ricordo del collega Giorgio Zaninelli

Profondo cordoglio ha destato fra i colleghi la prematura scomparsa del 52enne di Idro. La vicinanza alla famiglia

18/01/2021

Investita sulle strisce

E’ successo ad una ragazzina di dieci anni che stava andando a scuola. Emergenza da “codice rosso”, per fortuna risultata poi meno grave

12/01/2021

Dedicata a Giuseppe Zanardelli

Sull’elegante facciata del municipio di Vobarno è posto un ricordo marmoreo alla memoria di Giuseppe Zanardelli, il grande statista bresciano

11/01/2021

Abbandonata in galleria

Che ci faceva quella moto da fuoristrada parcheggiata sul cordolo della galleria? Se la sono ritrovata gli agenti della Locale di Vobarno, che si sono poi dati da fare per ricostruire la vicenda

11/01/2021

Buoni spesa negli esercizi convenzionati

Le famiglie messe in difficoltà economica dall'emergenza Coronavirus potranno richiedere presso il Comune dei buoni spesa per acquistare generi alimentari e di prima necessità. Ecco come

08/01/2021

Open day virtuali all'Istituto Perlasca

Imprescindibili in un periodo in cui organizzarli in presenza è impossibile, gli open day dell'Istituto superiore valsabbino sono in programma per la settimana prossima

07/01/2021

Aperitivo al bancone in zona rossa

Pesanti sanzioni sia per gli avventori sia per i gestori del bar dove ieri nonostante i divieti i clienti stavano consumando all’interno del locale