29 Settembre 2014, 07.00
Gavardo
Parrocchie

Commosso saluto a don Giacomo

di Cesare Fumana

L’intera comunità parrocchiale gavardese si è raccolta alla messa di domenica mattina per esprimere il proprio grazie al parroco che lascia dopo 17 anni


Non sono mancati momenti di commozione per il saluto a don Giacomo Bonetta, parroco di Gavardo, che dopo 17 anni alla guida della grande parrocchia valsabbina lascia per raggiunti limiti di età.
L’intera comunità parrocchiale gavardese si è riunita ieri mattina alla messa delle 10.30 per salutare e ringraziare il parroco per la sua lunga attività pastorale: tanti bambini e ragazzi dell’oratorio, gli alunni della scuola primaria parrocchiale, di cui don Giacomo era presidente, tante famiglie e fedeli di ogni età.

D'altronde un parroco lascia il segno nella vita di tante persone: dai matrimoni, ai battesimi, dalle cresime ai funerali, sono molti i momenti della vita cristiana che vedono il sacerdote presente.
In questi lunghi anni in tanti hanno avuto modo di conoscerlo e di apprezzarlo per le numerose iniziative che la parrocchia ha portato avanti.

Ieri don Giacomo non ha voluto fare bilanci né portare un saluto ufficiale, lo ha fatto dalle pagine de “Il Ponte”, il giornale parrocchiale. Nell’omelia ha preso spunto dalla parabola del Vangelo della domenica per invitare i fedeli a non essere cristiani di facciata ma persone impegnate nella vita della comunità e a rispondere affermativamente alla chiamata del Signore.

Al termine della messa un rappresentante del Consiglio pastorale parrocchiale e Affare economici ha preso la parola per un saluto “sincero e malinconico” ed esprimere il “grazie sincero e riconoscente”. Un saluto anche da parte di un rappresentante dell’oratorio: “Il distacco provoca sofferenza per la lontananza ma è sinonimo di autenticità dei rapporti”, ha detto una ragazza.

È toccato poi a don Fabrizio, l’attuale curato, portare il suo saluto con il quale ha tracciato un profilo di don Giacomo: un “prete prete” lo ha definito, “dedito alla sua comunità, senza una terra, senza una casa sua. Il prete – ha continuato – è per definizione un uomo senza terra: la sua terra è il Signore”. E prendendo spunto dalla pala dell’altare, fatta restaurare dal parroco, con la Madonna Assunta con le braccia aperte ha detto: “Anche la comunità di Gavardo la accoglierà a braccia aperte quando vorrà tornare a farci visita”.

Don Giacomo si trasferirà nei prossimi giorni a Brescia, dove è stato nominato canonico della cattedrale. Per questo la comunità gli ha donato il rocchetto e la mozzetta da indossare per le cerimonie in duomo.


Aggiungi commento:

Vedi anche
16/09/2015 09:30

L'ultimo saluto a don Giacomo Si svolgeranno nella mattinata di questo giovedì 17 settembre in città i funerali del sacerdote che per sedici anni è stato parroco di Villanuova sul Clisi e Prandaglio

04/09/2014 13:32

Don Italo, da Serle a Gavardo Mons. Italo Gorni è stato nominato nuovo parroco di Gavardo. Prende il posto di don Giacomo Bonetta che lascia per raggiunti limiti di età

21/07/2021 08:00

Il saluto a parroco e curato In occasione della festa patronale a Prezzo il saluto al parroco don Vincenzo Lupoli e a don Michele Canestrini che lasciano per nuovi incarichi pastorali

01/02/2021 08:00

Il parroco saluta e va in monastero Ha colto di sorpresa i fedeli di Villanuova sul Clisi, ma non quelli che lo conoscevano bene, la decisione del parroco di lasciare la guida delle due parrocchie. Ieri il saluto delle due comunità

22/10/2018 10:55

Commosso saluto a don Fabrizio Le comunità parrocchiali di Gavardo, Soprazocco e Vallio Terme domenica hanno salutato il curato che domenica prossima farà il suo ingresso come parroco a Prevalle




Altre da Gavardo
24/07/2021

Depuratore del Garda, è questa la Transizione Ecologica?

L'Era della Transizione Ecologica nasce in perfetto stile Made in Italy, sotto forma di due grandiosi depuratori delle fognature del Garda, contrariamente al volere dei territori destinati

24/07/2021

Comitati, appello alla politica bresciana

Anche il variegato mondo ambientalista a difesa del fiume Chiese non nasconde la delusione ma non starà con le mani in mano

24/07/2021

Delusione e amarezza

Solo i politici del Garda esultano per la decisione del Prefetto-Commissario. Per il resto della Provincia è una decisione inaccetabile a cominciare dai comuni coinvolti

23/07/2021

Il Prefetto-Commissario ha scelto Gavardo-Montichiari

Nonostante le forti e persistenti contrarietà, oggi il Prefetto Attilio Visconti ha deciso che i depuratori delle fogne dei comuni gardesani dovranno essere fatti a Gavardo e Montichiari e scaricare nel fiume Chiese

23/07/2021

Musica live al Cogess Bar

Questo sabato sera, 24 luglio, appuntamento al Cogess Bar Sport di Gavardo con un'iniziativa nell'ambito del “Brescia Buona Festival”

22/07/2021

Il comitato Acqua pubblica chiama in causa l'Europa

In merito al commissariamento del depuratore del Garda il comitato bresciano si è interfacciato con Eleonora Evi, europarlamentare del Gruppo dei Verdi/Alleanza libera europea, per portare la questione a livello europeo

22/07/2021

Una staffetta per «difendere la democrazia dei territori»

E' l'obiettivo dichiarato della corsa organizzata da “Basta Veleni” per venerdì mattina, 23 luglio. Protagonisti due eccellenti camminatori e un podista, uniti per la difesa del fiume Chiese dalla minaccia del depuratore

21/07/2021

Tetto a fuoco

Ad alimentare le fiamme la catramina che alcuni operai stavano sistemando sul tetto di una casa in ricostruzione

20/07/2021

Alla scoperta della Chiesa di San Rocco

Nel mese di agosto sarà possibile partecipare a visite guidate in italiano, inglese e tedesco grazie alla collaborazione tra il Sistema Museale della Vallesabbia e il Battisti di Salò. Ecco come

18/07/2021

In auto a farsi di eroina

Nessun ubriaco al volante durante i controlli del fine settimana, durante i quali gli agenti della Locale della Valle Sabbia hanno sorpreso due ragazzi a consumare droga in auto