01 Luglio 2013, 09.00
Vobarno
Acque e Terre Festival

Moni Ovadia legge Pier Paolo Pasolini

di Redazione

Una serata speciale questo martedě 2 luglio a Vobarno nell'ambito dei Viaggi di Acqua: l'artista di origini bulgari di cultura ebrea-sefardita legge e commenta gli Scritti Corsari dello scrittore e regista italiano

 

Una serata unica in esclusiva per Acque e Terre Festival. Martedì 2 luglio alle ore 21.15, presso il Parco della Salute della Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, Moni Ovadia sarà protagonista di un appuntamento speciale, costruito ad hoc per il pubblico dei Viaggi di Acqua. Sul palco saranno idealmente uniti un artista, Moni Ovadia appunto, e uno scrittore, Pier Paolo Pasolini. Due menti che non hanno mai smesso di analizzare la società nei suoi risvolti meno evidenti, a volte terribili e contraddittori.

Pasolini fu lucido analista di un mondo intriso di perbenismo e conformismo. Moni Ovadia è spirito critico che si batte contro chi ancora racconta la favola secondo cui il nostro sarebbe il migliore dei mondi possibili. Moni Ovadia legge e commenta, dunque, quegli Scritti Corsari che furono pubblicati fatalmente subito dopo la morte di Pier Paolo Pasolini, nel 1975, ma che lo scrittore aveva redatto e pubblicato sui principali quotidiani italiani nei due anni precedenti. Pagine rimaste nella storia, che esprimono concetti che ben riassumono la situazione sociopolitica italiana di quegli anni: dalla rivoluzione antropologica all'omologazione culturale, passando attraverso alcuni snodi cardine di quegli anni tormentati, come l'analisi dell'etica politica e della religione, il dilagare dello stragismo e il referendum sul divorzio.

Moni Ovadia nasce a Plovdiv in Bulgaria nel 1946, da una famiglia ebraico-sefardita. Dopo gli studi universitari e una laurea in scienze politiche, dà avvio alla sua carriera d'artista come ricercatore, cantante e interprete di musica etnica e popolare di vari paesi. Nel 1984 comincia il suo percorso di avvicinamento al teatro, prima in collaborazione con artisti della scena internazionale, come Bolek Polivka, Tadeusz Kantor, Franco Parenti, e poi, via via proponendo se stesso come ideatore, regista, attore e capocomico di un "teatro musicale" assolutamente peculiare, in cui le precedenti esperienze si innestano alla sua vena di straordinario intrattenitore, oratore e umorista. Filo conduttore dei suoi spettacoli e della sua vastissima produzione discografica e libraria è la tradizione composita e sfaccettata, il "vagabondaggio culturale e reale" proprio del popolo ebraico, di cui egli si sente figlio e rappresentante, quell'immersione continua in lingue e suoni diversi ereditati da una cultura che le dittature e le ideologie totalitarie del Novecento avrebbero voluto cancellare, e di cui si fa memoria per il futuro.

L'accompagnamento musicale della serata sarà a cura di Maurizio Dehò, violino, e Nadio Marenco, fisarmonic.

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili (in caso di maltempo Teatro Comunale Piazza Migliavacca 1).



Aggiungi commento:

Vedi anche
12/06/2013 10:10

Dodici appuntamenti per i Viaggi di Acqua Moni Ovadia, Alessandro Bergonzoni, Charlie Cinelli, Teatro Gavardo e molti altri per la prima parte di Acque e Terre Festival, la rassegna teatrale estiva lungo l'asse del fiume Chiese

03/07/2019 08:00

«Quelli che...», ironia metropolitana e racconti sconclusionati Questo giovedì 4 luglio a Preseglie, nell'ambito di Acque e Terre Festival, andrà in scena la lettura musicale del regista Alberto Salvi con il chitarrista Luigi Suardi, un lavoro inedito tratto dagli scritti di Beppe Viola e dalle canzoni di Enzo Jannacci

21/06/2018 15:00

Esprimi un desiderio Nell’ambito dei Viaggi di Acqua, fa tappa questo venerdì 22 giugno a Villanuova sul Clisi il Carrozone degli Artisti, che vede sul palco alcuni attori disabili con i loro educatori

21/06/2017 08:19

Al via i Viaggi di Acqua Come consuetudine, il 21 giugno, giorno del solstizio d'estate, prende il via con un raro e particolare appuntamento musicale la tredicesima edizione di Acque e Terre Festival, rassegna che offrirà anche quest’anno uno sguardo sulla cultura etnico-popolare

23/07/2018 09:15

Venti del nord, tempi d'Italia Questo martedì 24 luglio in piazza De Medici a Gavardo il penultimo appuntamento dei Viaggi di Acqua di Acque e Terre Festival con la musica celtica e folk dei Cisalpipers




Altre da Vobarno
12/01/2022

«La bellezza oltre lo specchio»

Tornano, a cura di Synlab Santa Maria, i Tè della Salute in edizione digitale. Appuntamento giovedì 20 gennaio, necessaria l'iscrizione online

07/01/2022

Sostegno alle famiglie in difficoltĂ 

C’è tempo fino al 31 gennaio per presentare la domanda per buoni alimentari e contributi per affitti, utenze domestiche e tassa rifiuti

28/12/2021

Svista all'incrocio

Non si ferma allo stop, urta un’altra auto che finisce sul marciapiede. Per fortuna solo ferite lievi

25/12/2021

Natale coi nonni

Una giornata speciale quella vissuta dagli ospiti della Fondazione I.R. Falck di Vobarno con un pranzo di Natale con lo spiedo degli Alpini

23/12/2021

Dottoressa Arianna

Complimenti ad Arianna, di Vobarno, che si è laureata in Scienze della formazione primaria con 110 e lode

17/12/2021

Compendio d'idraulica

Un volume promosso dalla Ivar come strumento didattico per gli studenti di Vobarno

16/12/2021

Il musical dei giovani dell'oratorio di Vobarno approda a Salò

Dopo il successo del debutto alla festa della Madonna della Rocca lo scorso settembre e altre repliche in provincia, lo spettacolo musicale arriva ora sul Garda

13/12/2021

Natale a Vobarno

Dalle Natività allestite dalle scuole dell'infanzia ai cori gospel con tè e vin brulè, tante le iniziative per vivere insieme le festività natalizie

12/12/2021

Occhio al ghiaccio

Sbanda, sale sul marciapiede e si ferma solo dopo aver divelto alcuni metri di staccionata. Paura per una 19 enne a Carpeneda di Vobarno

11/12/2021

In memoria di Italo Franzi

«Caro, carissimo Presidente, i tuoi occhi si sono spenti per sempre dopo che già da qualche anno ti avevano abbandonato...». Pubblichiamo volentieri il ricordo inviato in redazione dal Corpo bandistico Sociale di Vobarno