26 Giugno 2022, 07.30
Valsabbia
Formazione

I maturandi maturano ma...

di P.D.

I dati Istat mostrano che la Valle Sabbia resta fanalino di coda in provincia di Brescia per numero di laureati: solo 4 comuni su 27 si avvicinano alla media, ben 10 su 27 si trovano tra i peggiori 20 della provincia


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...


 
Se la provincia di Brescia arranca in quanto a titoli di studio rispetto alla media regionale, la Valle Sabbia resta tra i fanalini di coda per numero di laureati e/o dottorati. La media regionale di abitanti con laurea o dottorato si aggira attorno all’11,6%, ben tre punti in più dell’intera provincia di Brescia che tra la propria popolazione vede solo l’8,3 % di laureati. Ancor più basso il dato valsabbino, che si attesta a 5 punti percentuali. 
 
Sebbene una motivazione possa indubbiamente essere riscontrata nelle difficoltà logistiche, ovvero, chi abita in città o nei pressi di essa incontra minori difficoltà nel raggiungimento delle sedi universitarie rispetto a chi abita in valle, motivo per il quale il numero di studenti che intraprende il percorso universitario è maggiore in città rispetto alla periferia.

Per 23.853 abitanti in possesso di licenza media, e, 25.714 diplomati, ci sono solo 3.787 laureati o dottorati, e vi sono ben 20.330 abitanti senza alcun titolo di studio o con la sola licenza elementare. Questo a dimostrazione della storica povertà educativa della valle sabbia che spesso ha condizionato la popolazione tanto dal lato formativo che per la ricerca nel mondo del lavoro di figure manageriali, quanto per la ricerca di manodopera specializzata, che tutt’ora si fatica a trovare.
 
Infatti, con i tempi che cambiano, e con le richieste di formazione sempre maggiori, un tasso di diplomati e laureati così basso risulta preoccupante: dei 27 comuni valsabbini, solo Gavardo (7,7 %), Roé Volciano (7,6%), Villanuova s/C (7,1%) e Muscoline (7%) si discostano di poco dalla media provinciale, tutti gli altri comuni non vanno oltre il 5,5% con importanti picchi verso il basso. 
 
Capovalle, Mura, Treviso Bs, Serle, Bione, Pertica Bassa, Odolo, Lavenone, Agnosine, Anfo e Casto, invece, non superano la soglia del 3,8% entrando tra i 20 comuni con l’indice più basso della provincia. 
 
Dato curioso è l’abbandono scolastico e la dispersione che subisce spesso il nostro territorio nel passaggio sia da medie a superiori che in modo particolare da superiori ad università: il passaggio da scuola media a superiori ancora vede il percorso secondario avere la meglio, infatti nonostante in ben 13 comuni l’indice di non diplomati sia sotto la media provinciale, ragionando per numeri la differenza valsabbina vede un positivo di 69 unità medie in favore dei diplomati. 

Più drastico è invece il dato di dispersione scolastica che subisce la Valle Sabbia quando si tratta di fare una scelta post diploma: in questo caso, sono mediamente 810 i giovani che non intraprendono un percorso universitario, da qui nasce la minor percentuale di laureati e/o dottorati valsabbini. 
 
Laurea non è sinonimo di qualità, questo è certo, ma quantomeno è sinonimo di formazione e conoscenza, e tra questi la formazione in modo particolare è un aspetto che continua a mancare in valle, dove l’atto pratico è ancora preferito da molti, ma che a lungo andare rischia di essere penalizzante. 
 
Il tasso di occupazione tra le persone meno scolarizzate è in discesa, tra il 2019 e 2020 infatti, tra i laureati la flessione è stata dello 0,6%, contro l’1,3% dei diplomati (il doppio) ed il 3,5 % per chi in possesso di licenza media (quasi 6 volte di più), e la pandemia ne ha accentuato maggiormente il calo, portando il divario totale tra laureati e non a circa 12 punti percentuali.  
 




Vedi anche
28/01/2022 10:30

Aperte le iscrizioni per gli accompagnatori di media montagna Le prove attitudinali per il corso di formazione 2022 si terranno ad Eupilio (CO) a marzo. L'iniziativa di Regione Lombardia a tutela del mondo dell'escursionismo

06/05/2017 10:32

Sergio Rassega dottore a 80 anni Il pensionato di Storo ha conseguito il diploma di laurea in Filosofia presso l'Università di Bologna, con una tesi sull'occupazione giovanile nel mondo

30/07/2022 07:00

La Valle quadruplica il consumo di suolo Nel 2021 la provincia di Brescia è maglia nera in Lombardia per consumo di suolo. In Italia seconda solo alle provincie di Roma e Napoli, anche la Valle Sabbia segue la tendenza 

 

05/08/2022 09:27

Unità Cinofila Antiveleno della Polizia Provinciale contro il bracconaggio

Accordo di collaborazione tra Regione Lombardia e la Provincia di Brescia per la costituzione, la formazione e la gestione di un nucleo cinofilo antiveleno, previsto dal progetto europeo LIFE WolfAlps EU.

08/08/2020 07:00

Un nuovo corso per Oss a prezzo agevolato Il prossimo 24 agosto al via il nuovo corso di formazione per Operatori socio sanitari promosso da CMVS, Valle Sabbia Solidale, Solco Brescia e Consorzio Laghi presso l'ex centrale di Barghe, un’iniziativa a sostegno della ripartenza occupazionale post Covid-19




Altre da Valsabbia
10/08/2022

«Fine settimana all'Ecomuseo»: i musei della Valvestino visitabili liberamente

Nell’ambito del progetto “I fine settimana dell’Ecomuseo”, i musei disseminati in Valvestino, tra il Garda e l’Eridio, apriranno le loro porte gratuitamente ogni fine settimana a partire dal prossimo fino all’11 settembre

10/08/2022

«È l'occasione buona per un cambio di passo»

Gentile direttore, con l'odierno sequestro della discarica di Vergomasco, ancora una volta, e questa in modo assai eclatante, Odolo finisce sulle pagine dei giornali per il non invidiabile primato che detiene nell'inquinamento industriale...

09/08/2022

Il grande rock con gli Storm

La musica che ha fatto la “storia” suonata a tutto volume sabato 13 agosto nella storica Rocca d’Anfo con il concerto del gruppo bresciano

05/08/2022

Unità Cinofila Antiveleno della Polizia Provinciale contro il bracconaggio

Accordo di collaborazione tra Regione Lombardia e la Provincia di Brescia per la costituzione, la formazione e la gestione di un nucleo cinofilo antiveleno, previsto dal progetto europeo LIFE WolfAlps EU.

05/08/2022

La Cooperativa Area riporta la Trekking Talk Therapy sul Garda e arriva anche al mare

Un trekking di cinque giorni lungo i sentieri del Garda Bresciano per sei ragazzi messi alla prova per un percorso di riflessione anche interiore

04/08/2022

Gli appuntamenti del weekend

Cosa fare nel fine settimana? Ecco le principali attività ludico-culturali del weekend valsabbino e non solo...

04/08/2022

Il M5S interroga il presidente provinciale

In seguito ai prelievi forzosi di acqua dal lago d’Idro ed ai pesanti danni al biotopo del lago, il consigliere Marini presenta un’interrogazione per la tutela dell’habitat

04/08/2022

Terziario, nel 2° trimestre 2022 stabile la fiducia, poco sopra i livelli di fine 2020

Tra aprile e giugno, il clima di fiducia delle imprese bresciane attive nel settore dei servizi si è attestato a 109, di fatto invariato rispetto a quanto rilevato nel periodo precedente (108). Tale evoluzione si inserisce all’interno di un movimento ribassista iniziato nella seconda metà del 2021.

04/08/2022

Maniva, 10 interventi strategici per 12,5 milioni di euro

Via libera dalla Regione a un accordo per lo sviluppo economico, ambientale, sociale e della mobilità del territorio del Monte Maniva: stanziati più di 12,5 milioni di euro per la realizzazione di dieci interventi infrastrutturali strategici per il comprensorio, su un importo complessivo di 17 milioni di euro

(3)
03/08/2022

Le associazioni per il Chiese e l'Eridio in commissione provinciale

In Terza commissione, nell’incontro di martedì, si è parlato della situazione del fiume Chiese e del Lago d’Idro con l’audizione dei rappresentanti della Federazione delle associazioni che operano in difesa del corso e dello specchio d’acqua