01 Marzo 2021, 09.20
Blog - Gira la ruota

La mia prima corsa

di Luca Pietrobelli

Il ciclismo, come dicono in tanti, non è come il calcio. Non ci si appassiona al ciclismo vedendolo in televisione, non ci sono stadi e non se ne parla tra i banchi di scuola fin dalle elementari


Il ciclismo è uno sport la cui passione nasce se qualcuno, da bambino, ti porta a vedere le corse, in strada, seguendo il rituale della preparazione dello zainetto, del panino col prosciutto e della lattina di the al limone. Il ciclismo, il più delle volte, te lo insegna il nonno, e così è stato per me.

La mia prima corsa,
la ricordo bene, è stata nel ’96, bambino, a fianco di mio nonno, sul traguardo della classicissima bresciana, la coppa San Geo. Ricordo il freddo e la gara per accaparrarsi i posti a sedere sui muretti per vedere meglio il passaggio del plotone.

La mia prima corsa è poi stata all’età di sei anni, in sella stavolta, ad un circuito a Nuvolento, conclusa anzitempo a causa di una caduta di cui ancora oggi porto una cicatrice sul ginocchio sinistro.

La mia prima corsa è stata una tappa del Giro d’Italia, con il solito rituale a cui ho aggiunto quello della caccia alla borraccia più bella, il passatempo più famoso di tutto il movimento ciclistico.

La mia prima corsa
è stata quando portavo le borracce per i ragazzi dell’UC Soprazocco e li aspettavo all’arrivo col cuore in gola, nell’attesa dello sprint.

La mia prima corsa è stata vedere l’arrivo del Tour de France 2019 sugli  Champs-Élysées, tifando i miei beniamini, con a fianco una delle persone che più mi è vicina in queste passioni e che più di tutte mi ha spronato a raccontare le due ruote, Emanuela; se volete vederle brillare gli occhi parlatele di Alex Zanardi e delle sue imprese sulla sua handbike, ma non ditele che l’avete letto qui!

La mia prima corsa è stata sabato 27 febbraio, ancora la San Geo, quasi una chiamata del destino a ricordarmi da dove è partito tutto: stavolta in veste di cronista per il Giornale di Brescia, con la possibilità di vedere i dietro le quinte e poter scambiare qualche parola in più con i ragazzi in corsa e tutti gli addetti ai lavori, per una passione che ancora insiste e mi dà ora la possibilità di raccontare a avvicinare nuovi appassionati.

Non so quando sarà la mia prossima prima corsa, ma sono sicuro che sarà un’altra volta un qualcosa di tutto nuovo!




Vedi anche
10/04/2021 10:32

Briano, un piccolo Gavia a due passi da casa Dopo un avvio di primavera con temperature da peschi in fiore, l’inverno, con un colpo di coda micidiale, ha deciso di ricordarci il detto popolare “Aprile non ti scoprire”...

20/02/2021 08:00

Matricole, meteore, fuoriclasse, e poi Peter Sagan Nel freddo di Gennaio trovare gli stimoli per una pedalata in compagnia è semplice e veloce, ma doverli trovare per un’uscita solitaria risulta alquanto difficile

12/02/2021 12:48

Personaggi e storia del ciclismo. Il «mattacchione» Il nuovo anno si è aperto con il saluto ad un corridore che è stato protagonista sulle due ruote dal 1952 al 1965 con ben 27 vittorie a palmares: il francese Roger Hassenforder

10/03/2021 09:22

Tipo pista, un tipo non più di moda e i «curidùr del martedè» Oggi il ciclismo è diventato uno sport globale, con atleti da tutto il mondo che si contendono la vittoria ai più alti livelli nelle grandi corse dalla vetrina internazionale

30/03/2021 08:56

Personaggi e storia del ciclismo. Dino Zandegù Tra i tanti personaggi un po’ istrionici che il ciclismo può vantare, mi sento simpaticamente legato a Dino Zandegù




Altre da Blog-GiraLaRuota
10/04/2021

Briano, un piccolo Gavia a due passi da casa

Dopo un avvio di primavera con temperature da peschi in fiore, l’inverno, con un colpo di coda micidiale, ha deciso di ricordarci il detto popolare “Aprile non ti scoprire”...

30/03/2021

Personaggi e storia del ciclismo. Dino Zandegù

Tra i tanti personaggi un po’ istrionici che il ciclismo può vantare, mi sento simpaticamente legato a Dino Zandegù

20/03/2021

Primavera e due ruote

La primavera è alle porte, lo scandire delle stagioni influenza dalla notte dei tempi la vita dell’uomo e, a scandire la primavera del ciclismo è l’arrivo della Milano-Sanremo

10/03/2021

Tipo pista, un tipo non più di moda e i «curidùr del martedè»

Oggi il ciclismo è diventato uno sport globale, con atleti da tutto il mondo che si contendono la vittoria ai più alti livelli nelle grandi corse dalla vetrina internazionale

20/02/2021

Matricole, meteore, fuoriclasse, e poi Peter Sagan

Nel freddo di Gennaio trovare gli stimoli per una pedalata in compagnia è semplice e veloce, ma doverli trovare per un’uscita solitaria risulta alquanto difficile

12/02/2021

Personaggi e storia del ciclismo. Il «mattacchione»

Il nuovo anno si è aperto con il saluto ad un corridore che è stato protagonista sulle due ruote dal 1952 al 1965 con ben 27 vittorie a palmares: il francese Roger Hassenforder

30/01/2021

Il presidente

Fra i vari volti del ciclismo bresciano, la Valsabbia può vantarne uno fra i più importanti, quello di Enzo Brioni, storico presidente dell’U.C. Soprazocco, carica ricoperta per ben 36 anni

20/01/2021

Mario, rivoluzionario del pedale

Con il Natale sotto copertura, per gli ovvi motivi arcinoti ai più, ho avuto tempo di pensare, programmare la stagione e soprattutto ricordare

10/01/2021

Ingegneria e due ruote

Ciò che rende affascinante il ciclismo non è solo il gesto atletico dei campioni, le sfide al fulmicotone e l’incedere elegante degli scudieri, ma anche, soprattutto al giorno d’oggi, la ricerca tecnica e scientifica che accompagna lo sport

01/01/2021

Nuovo anno, nuove avventure e sogni realizzati

Arriva il 2021, anno carico di aspettative, speranze e novità. La più bella e interessante per lo sport valsabbino è il passaggio nel grande ciclismo di Filippo Tagliani, gavardese classe ’95, che correrà la sua prima stagione tra i professionisti