24 Novembre 2018, 15.00
Blog - Genitori e figli

Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne

di Giuseppe Maiolo

Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza 


Quando poi leggi che la cooperante di un’organizzazione umanitaria è stata rapita, ti rendi conto una volta di più che la cultura della violenza imperversa. Il sequestro di Silvia Romani, qualsiasi possano essere le motivazioni che l’hanno determinato, rappresenta in maniera emblematica una duplice forma di violenza che le donne abusate e maltrattate conoscono bene e che subiscono ogni volta, perché l’esperienza del maltrattamento fisico è sempre accompagnata da una devastante violenza psicologica.
 
La ragazza sequestrata e forse in ostaggio di gruppi terroristici, nei giorni successivi alla diffusione della notizia, ha infatti subìto in rete un vero e proprio linciaggio in quanto aggredita con frasi offensive e inaccettabili. 
 
Affermare con il megafono dei social che “se l’è cercata” e che può essere “lasciata lì dove è voluta andare” nega da una parte il valore dell’altruismo e dall’altra non mostra alcuna differenza da quello che viene detto quasi sempre dopo uno stupro e solitamente come difesa della cultura violenta e machista degli uomini.
 
Una volta di più la storia di Silvia, che fatalmente si sviluppa nei pressi della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, ci deve far pensare a quanto questa pianta infestante non solo fatichi ad essere estirpata, ma rischi oggi di diffondersi in maniera virale e incontrollata se non mettiamo in campo efficaci strumenti di prevenzione.
 
Sappiamo che la piaga sociale del maltrattamento, della violenza domestica, quella spaventosa del femminicidio di cui ogni giorno ci parlano le cronache, si può combattere sensibilizzando la società e aumentando l’attenzione al fenomeno. Siamo ormai consapevoli che va curato quel maschile fragile o realmente disturbato che si nasconde dentro le esistenze “corazzate” di quegli uomini capaci di occultare i sentimenti oscuri e perversi del male. 
 
Ma ancora di più ci è chiaro che urge cambiare direzione al progetto educativo dei minori, soprattutto maschi. È fondamentale educarli al rispetto dell’altro, all’ascolto e all’empatia, così come sostenere l’espressione dell’altruismo e non equipararlo alla colpa. 
 
Serve invertire la rotta che stiamo seguendo e che sta facendo crescere bambini analfabeti a livello delle emozioni e adolescenti sordi sul piano empatico che diventano poi adulti in grado solo di urlarsi addosso espressioni odiose e violente con il compiacimento di una moltitudine di spettatori plaudenti che le nuove tecnologie della comunicazione amplificano a dismisura.
 
A mio avviso l’impegno primario che dovrebbe contenere la ricorrenza ormai consolidata del 25 novembre è quello di far crescere ogni giorno dell’anno una coscienza di valori in grado di ostacolare il rischio costante della normalizzazione della violenza, e che al contempo deve far innalzare l’indignazione sociale e quella riprovazione collettiva da esprimere apertamente verso ogni forma di offesa e di prevaricazione.  
 
Giuseppe Maiolo
Psicologia delle età della vita – Università di Trento
 


Commenti:
ID78626 - 26/11/2018 09:14:23 - (Iva) - Non capisco

Non capisco chi può denigrare una ragazza che si impegna nel volontariato per i bambini africani. E' il colmo e io l'ammiro tantissimo in quanto questa ragazza ha un cuore d'oro ed una sensibilità eccezionale, se facciamo poi il confronto con i giovani che attualmente si occupano solo di telefoni cellulari, giochi, automobili etc. e fanno anche bullismo se uno è più povero o vestito male, senza pensare mai agli altri che come questi bimbi soffrono la fame , questi sono i veri mostri dell'età moderna e non questa povera ragazza che è solo da ammirare per il suo coraggio e la sua sensibilità che io spero non sia stata uccisa da queste persone squallide

Aggiungi commento:

Vedi anche
07/05/2019 08:45

Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi

30/11/2020 09:40

Nuove forme di violenza sulle donne La violenza sulle donne, di cui si parla in questi giorni di novembre, non diminuisce. Cresce invece e si trasforma, oppure si sposta dalla realtà al web e viceversa

04/08/2021 07:16

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversità e in particolare quelle riguardanti la sessualità

15/07/2018 08:00

Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

25/11/2019 10:00

Coltivare la tolleranza La giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne che ogni anno ricorre il 25 novembre, a mio avviso dovrebbe essere prima di tutto un’occasione per condividere la lotta all’intolleranza




Altre da Genitori e Figli
04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversità e in particolare quelle riguardanti la sessualità

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da più parti e da tempo, ormai, si dice che nell’educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese

19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C’è da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

10/07/2021

In vacanza da soli. Adolescenti alla ricerca dell'autonomia

L’estate è già iniziata e le vacanze pure. Per la generazione del lockdown, oltre alla sensazione di una libertà riconquistata data dall’allentamento delle restrizioni, c’è anche un appuntamento importante per la crescita: la vacanza da soli

05/07/2021

Sfide e sport estremi, cosa ci sta dietro questi comportamenti

La notizia del ragazzo trovato morto la settimana scorsa alla stazione di Merano impressiona e sconvolge

26/06/2021

L'estate della ripresa e i progetti per il benessere familiare

Dopo il lungo tempo dell’allarme, sembra arrivare un po’ di leggerezza. Ci prepariamo ad una nuova estate che speriamo serva a noi e ai figli per recuperare benessere psicologico e ridurre gli effetti dello stress

18/06/2021

Trovare risposte urgenti al disagio giovanile

“Sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti” scriveva così Seid Visin, il ragazzo 20enne di Nocera Inferiore che si è suicidato pochi giorni fa

15/06/2021

Le parole di odio in rete. Una forma di violenza da conoscere e arginare

“Vai a lavorare cretino!” e “Sei un escremento di rinoceronte” sono solo alcuni dei messaggi offensivi che il professor Roberto Burioni, virologo di fama, ha ricevuto nelle settimane scorse sui social

06/06/2021

Una scuola rinnovata come laboratorio per la crescita

La scuola sta per concludersi dopo un anno infinito di stop and go, di presenza e distanza

31/05/2021

Ascoltare gli adolescenti. Ovvero l'arte di farli crescere

“Parlare è una necessità. Ascoltare un’arte” diceva Goethe. Non facile, pertanto. Anzi complicato