02 Dicembre 2020, 09.08
Blog - 21 grammi di psicologia

Fame emotiva

di Sabina Moro

Dopo aver compreso, in uno degli scorsi articoli, cos’è la fame emotiva, ora vediamo insieme alcune modalità utili per poterla affrontare


La fame emotiva si differenzia dalla fame fisiologica principalmente perché si presenta successivamente ad un bisogno emotivo e non ad una reale sensazione di fame.

Ma, quando abbiamo imparato a riconoscerla, come possiamo gestire la fame emotiva?

- Cavalcare l’impulso del momento. L’impulso che ci spinge ad assumere cibo è soltanto temporaneo, avrà un inizio, un picco ed una fine.  Proviamo a cavalcarlo e a vedere se diminuisce;

- Analizza il bisogno che il cibo è in grado di soddisfare e trova alcuni comportamenti alternativi che rispondono, in egual modo, al tuo bisogno. Compila quindi una lista soggettiva di attività piacevoli, attuabili in qualsiasi momento e incompatibili con l’alimentazione (fare un bagno caldo, prendere aria, leggere un libro, fare un disegno, chiamare un amico, ascoltare musica, ecc);

- Stabilisci un’alimentazione regolare: 3 pasti al giorno più 2-3 spuntini. Utile sarebbe definire in anticipo orari dei pasti e gli alimenti che si andranno a consumare durante l’arco della giornata. Una corretta panificazione aiuta ad avere un controllo sull’alimentazione e a essere meno preoccupati per il cibo in altri momenti della giornata;

- Mangia lentamente e cerca di non mangiare mentre svolgi altre attività: Regola la velocità del pasto, almeno 15 minuti, allungando i tempi appoggiando le posate o bevendo sorsi d’acqua. Mangiare lentamente permette di focalizzarsi sul momento presente e sperimentare  i sapori e le emozioni che il cibo ci trasmette;

- Evita di mangiare dalla confezione. Cerca di consumare i pasti seduto a tavola apparecchiata, limiterai la possibilità di perdere il controllo;

- Elimina le tentazioni. Può essere utile avere in casa alcuni cibi salutari come frutta, verdura, yogurt, ecc.. che potrebbero essere assunti nel caso in cui non riusciamo a resistere ad un attacco di fame;

- Compila un diario alimentare. Il diario alimentare è in questo caso un utile strumento per annotare ciò che mangiamo, quando, dove e con chi. Possiamo anche annotare emozioni e pensieri connessi a quello che abbiamo mangiato per comprendere le emozioni connesse all’assunzione di cibo. Il diario alimentare ci permette dii conoscere meglio il problema, contestualizzarlo, trovare delle possibili soluzioni e monitorare i risultati.

Le conseguenze legate alla fame emotiva possono essere:

Fisiologiche: aumento di peso, diabete, problemi ormonali, problemi gastrointestinali, ecc..

Psicologiche: pensieri come “ho perso di nuovo il controllo”, “non farò mai nulla di buono”, “tutti riescono ad avere un’alimentazione sana tranne me”, “sono una fallita”, “la gente noterà che sono aumentata di peso”, ecc.. che comportano la sperimentazione di emozioni negative come tristezza, rabbia, senso di colpa e un abbassamento dell’autostima.


Dott.ssa Moro Sabina
3934107718
sabina.moro@outlook.it
Instagram: 21grammi_di_psicologia




Vedi anche
01/06/2020 09:30

Fame emotiva In alcune situazioni, principalmente quando stiamo sperimentando emozioni negative, può nascere la voglia di consumare cibo. Ma, cos’è la fame emotiva?

26/02/2013 16:15

Perché ho ancora fame dopo aver mangiato? Nel post di questa settimana lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi va alla radice di quella fama insaziabile che spesso ci assale, identificata come "fame emotiva": sintomo che il bisogno del corpo non pi il cibo ma un'altra forma di arricchimento

20/04/2012 11:00

Fame nervosa Gli spuntini fuori pasto sono spesso uno strumento di consolazione per chi soffre di fame emotiva. La fame nervosa subentra in situazioni di stress, ansia, insicurezza, rabbia e frustrazione ed nemica della linea

22/12/2013 18:37

Perché non possiamo controllare la fame emotiva Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi evidenzia alcune idee sbagliate che circondano spesso l'argomento del mangiare sotto la spinta di emozioni: l'effetto della dieta, l'insistere con pi forza di volont, la lotta con il cibo

02/05/2021 10:00

Lavoro In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro




Altre da Blog-21grammi
17/05/2021

Narcisismo

Uno dei disturbi di personalità inserito all’interno del Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali è il narcisismo. Ma di cosa si tratta?

02/05/2021

Lavoro

In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro

15/04/2021

Cura di sè

Quanto è importante imparare a prendersi cura di sé e cosa ci blocca nel prendersi cura sia della propria mente che del proprio corpo? Scopriamolo insieme

30/03/2021

Distress ed eustress

Il termine "stress" è solitamente associato ad una definizione negativa. Tale termine, in realtà, corrisponde ad una risposta, adattiva e naturale dell’organismo, rivolta ad uno stimolo (definito "stressor") che fa pressione su di esso

17/03/2021

Depressione

“La depressione è una signora vestita di nero che bisogna far sedere alla propria tavola ed ascoltare”, scriveva Jung

01/03/2021

Ruminazione e rimuginio

La ruminazione e il rimuginio sono due processi di pensiero ripetitivi disfunzionali che possono condurre allo sviluppo di sintomi ansiosi o depressivi

15/02/2021

Dipendenza da caffè

Nel manuale diagnostico dei disturbi mentali, tra i disturbi legati alle dipendenze, è inserita la dipendenza da caffeina. Ma di cosa si tratta e come poterla gestire?

31/01/2021

Ansia da malattia

Il disturbo da ansia da malattia o, più comunemente definitivo, ipocondria, fa riferimento ad un’eccessiva preoccupazione per il proprio stato di salute. Vediamo insieme di cosa si tratta.

15/01/2021

Definizione di obiettivi

Dopo l’anno appena concluso abbiamo l’opportunità di definire nuovi obiettivi affinché il nuovo anno venga sfruttato al massimo. Ma come devono essere gli obiettivi?

31/12/2020

Riflessione di fine anno

Questo è stato un anno difficile e diverso, un anno che ha sconvolto il mondo intero ma, cosa possiamo trarne di buono?