28 Marzo 2020, 09.00
Valsabbia Garda Provincia
Lavoro

Cooperative sociali, con l'emergenza stipendi a rischio

di Federica Ciampone

Con le scuole chiuse da fine febbraio per l’emergenza coronavirus più di 300 educatori e operatori sociali dipendenti delle cooperative si trovano in uno stato di “fermo salariale” fino a data da destinarsi


Della difficile situazione in cui versano i tanti educatori e operatori, anche valsabbini, dipendenti dalle cooperative sociali in questo momento di emergenza avevamo già scritto all’inizio del mese.

Di fatto, con le scuole chiuse, dal 26 febbraio scorso questi educatori di bambini e ragazzi disabili non percepiscono alcuno stipendio, stipendio che tra l’altro è di norma già “decurtato” di suo, dal momento che si tratta di contratti ciclici da settembre a giugno, seguiti dai tre mesi estivi di aspettativa non retribuita e priva del versamento dei contributi ai fini pensionistici.

Lo stato di emergenza coronavirus ha peggiorato ulteriormente la situazione e in provincia e in Valle Sabbia sono ancora in moltissimi a non avere la certezza dello stipendio a fine mese.

Le cooperative hanno ora accesso al FIS (Fondo d’Integrazione Salariale), è vero, ma non possono anticipare ai propri dipendenti la retribuzione perché a loro volta in attesa del tempo previsto dall’INPS, quantificato in tre mesi.

Nonostante l’entrata in vigore del decreto dello scorso 17 marzo, che ha previsto per le Pubbliche Amministrazioni la possibilità di procedere comunque con le erogazioni a fronte dell’emergenza in corso, sembra che alcuni Comuni scelgano di interpretare il contenuto del decreto a proprio favore, mandando di conseguenza in crisi le cooperative.

La soluzione della didattica a distanza, proposta da diversi Comuni, non è una via praticabile per gli educatori, il cui lavoro sulla persona si basa sull’affiancamento, l’integrazione e l’autonomia, impossibili da replicare attraverso uno schermo.

“Noi siamo come figli di nessuno – ci scrivono in una nota - lavoriamo nel pubblico e dobbiamo stare alle regole del pubblico, ma al contempo siamo appaltati, quindi con contratti del privato, e ci troviamo sempre penalizzati: basti pensare che se i nostri utenti (persone fragili e spesso con patologie gravi che richiedono lunghi tempi di guarigione, anche a fronte di una semplice influenza) sono assenti noi rimaniamo a casa, non pagate e senza la possibilità di recuperare le ore in altro modo”.

A Brescia sono più di 300, complessivamente, i dipendenti delle cooperative che si trovano in questa complicata condizione.





Vedi anche
02/03/2020 15:34

«Debellare il virus sì, uccidere le cooperative sociali no» È l’appello dei tanti educatori e operatori sociali, anche valsabbini, dipendenti dalle coop delle tre regioni più colpite dall’emergenza coronavirus, a casa dal lavoro e senza stipendio per la seconda settimana di fila

27/02/2020 10:00

Valutazione rischio biologico per Coronavirus Sicurezza e Igiene del Lavoro, di Sabbio Chiese, è preparata per questa fase di emergenza con Valutazione del rischio biologico correlato all’improvvisa emergenza legata alla diffusione del virus SARS-CoV-2 noto come Coronavirus

21/05/2020 16:11

Proroga per rinnovo bonus sociali È stata ufficializzata la proroga al 31 luglio 2020 per la richiesta del rinnovo dei bonus sociali nazionali (elettrico, gas e idrico) presso i Comuni

30/03/2020 10:30

Fondi ai Comuni per buoni spesa Il governo ha assegnato dei fondi ai Comuni per l'emergenza alimentare per sostenere le famiglie rimaste senza possibilità di fare la spesa. Il riparto dei fondi in Valle Sabbia

26/11/2020 07:00

Fondi ai Comuni, arriva il Ristori ter Reintrodotti, in questa seconda ondata di emergenza sanitaria ed economica, i buoni spesa a favore delle famiglie in difficoltà. A distribuirli, anche questa volta, i Servizi Sociali di ciascun Comune



Altre da Valsabbia
17/01/2021

Contagi ancora alti

Lieve flessione dei positivi rispetto al picco della scorsa settimana in Valle Sabbia. Cambia la distribuzione all'interno dei paesi valsabbini: colpiti anche centri minori

17/01/2021

Nel 2020 forte inasprimento della repressione in Russia

Lo denunciano i Testimoni di Geova, oggetto di intolleranza religiosa, «colpevoli solo di professare, in casa propria, una religione ritenuta 'sbagliata'».

16/01/2021

Zona rossa, Girelli: «Polemiche sui dati pretestuose»

Per il consigliere regionale valsabbino del Pd critica la posizione della maggioranza in consiglio regionale: «Dopo quasi un anno manca ancora trasparenza sui numeri»

16/01/2021

La «Ciclabile alta» per unire il Garda all'Eridio

Il progetto messo in campo dalla Comunità montana del Parco Alto Garda è finanziato con i fondi dei Comuni di confine e recupererà sentieri escursionisti per collegare il Garda con la Valsabbia

16/01/2021

Zona rossa, Massardi: «Bene ha fatto Fontana a chiedere una revisione»

Il consigliere regionale valsabbino della Lega: «Il sistema dell’indice RT si basa su dati vecchi, sembra che vogliano punire la Lombardia»

(4)
16/01/2021

Lombardia in zona rossa

Da domenica 17 gennaio scattano le nuove restrizioni per spostamenti e aperture negozi e bar. Eccole nel dettaglio

(6)
15/01/2021

Nuove opportunità di lavoro per lo sviluppo e la valorizzazione turistica della Valle Sabbia

Comunità Montana Valle Sabbia investe in risorse umane con il bando di assunzione per il coordinatore del turismo

15/01/2021

Le sorelle di Mozart

La musica: nome comune femminile singolare.
Ma nella storia la musica è maschile.

15/01/2021

Zanardi: «Regione Lombardia inadeguata nella gestione delle scuole»

Il segretario provinciale del Pd, nonché sindaco di Villanuova: «È l’ennesima conferma di quanto Regione Lombardia non riesca a connettersi con le reali esigenze del cittadino»

15/01/2021

Il Tar boccia l'ordinanza regionale sulla rientro in classe

Da lunedì 18 gennaio la Lombardia potrebbe riaprire le scuole superiori, ma solo se non verrà dichiarata zona rossa per via del diffondersi della pandemia