30 Ottobre 2020, 11.10
Blog - 21 grammi di psicologia

Insonnia

di Sabina Moro

Uno dei sintomi che spesso ci porta a rivolgerci ad un professionista è la riduzione o l’aumento del sonno. Ma come possiamo favorire il nostro sonno e limitare episodi di insonnia?


Il sonno è lo stato di riposo che si oppone allo stato di veglia.

Tra i vari disturbi del sonno possiamo trovare l’insonnia ovvero l’insoddisfazione relativa alla quantità o alla qualità del sonno. L’insonnia comprende la difficoltà ad addormentarsi la sera, a dormire in modo continuativo durante la notte o, a svegliarsi prima del solito la mattina. Può essere causata da periodi di vita stressanti o essere una conseguenza di un’ altra condizione medica sottesa.

Alcuni consigli per favorire il sonno:

- Andare a letto soltanto quando si ha veramente sonno, riducendo il tempo a letto senza dormire, al fine di associare il letto allo stato di sonno e non allo stato di veglia;

- Cercare di mantenere un ritmo sonno-veglia regolare andando a dormire ed alzandosi circa alla stessa ora, tutti i giorni;

- Alzarsi e fare qualche attività rilassante se ci si sveglia durante la notte e non si riesce a riprendere sonno, al fine di non trascorrere a letto molto tempo in stato di veglia;

- Effettuare attività connesse alla veglia, come leggere, scrivere, guardare la tv, in stanze diverse dalla camera da letto;

- Se riteniamo indispensabile fare un sonnellino, è consigliato che venga effettuato entro le prime ore del pomeriggio;

- Non assumere sostanze eccitanti contenenti caffeina, nelle sei ore precedenti all’addormentamento o sostanze alcoliche nelle tre ore precedenti in quanto svolgono un ruolo stimolante;

- Limitare l'assunzione di cibo e sostanze zuccherine prima di andare a letto;

- Non effettuare attività fisica nelle ore precedenti all’addormentamento in quando l’attività fisica è un’attività attivante che può ritardare la comparsa del sonno;

- Organizzare la camera da letto affinché sia buia, silenziosa e con una temperatura non troppo alta e non troppo bassa;
Fare un bagno caldo prima di andare a letto può favorire il sonno, rilassando la muscolatura e abbassando i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress;

- Non paragonare le tue ore di sonno con quelle delle altre persone. Ci sono persone che necessitano di 8 ore di sonno e altre che vengono rigenerate da 6 ore di sonno;

- Cercare di limitare la rimuginazione sulla propria difficoltà a dormire in quanto, continuare a pensare a questo durante la fase dell’addormentamento, inibisce il sonno e favorisce lo stato di veglia.

Dormire poche ore per qualche giorno non è un rilevante problema se non si manifestano peggioramenti sulla nostra conduzione delle attività quotidiane. I giorni successivi infatti potranno essere utilizzati per recuperare le ore di sonno perse in precedenza.

Il problema può insorgere se, il dormire meno del nostro solito, perdura per molto tempo e ci si sente stanchi, più irritabili, tristi o ansiosi e si notano difficoltà di memoria, concentrazione e attenzione.

Dott.ssa Moro Sabina
3934107718
sabina.moro@outlook.it
Instagram: 21grammi_di_psicologia




Vedi anche
02/05/2021 10:00

Lavoro In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro

15/07/2020 09:20

Autostima L’autostima è la credenza positiva o negativa che si ha di sé stessi. Ma come possiamo imparare a potenziarla?

17/03/2021 09:09

Depressione “La depressione è una signora vestita di nero che bisogna far sedere alla propria tavola ed ascoltare”, scriveva Jung

01/03/2021 08:56

Ruminazione e rimuginio La ruminazione e il rimuginio sono due processi di pensiero ripetitivi disfunzionali che possono condurre allo sviluppo di sintomi ansiosi o depressivi

30/03/2021 09:11

Distress ed eustress Il termine "stress" è solitamente associato ad una definizione negativa. Tale termine, in realtà, corrisponde ad una risposta, adattiva e naturale dell’organismo, rivolta ad uno stimolo (definito "stressor") che fa pressione su di esso




Altre da Blog-21grammi
17/05/2021

Narcisismo

Uno dei disturbi di personalità inserito all’interno del Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali è il narcisismo. Ma di cosa si tratta?

02/05/2021

Lavoro

In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro

15/04/2021

Cura di sè

Quanto è importante imparare a prendersi cura di sé e cosa ci blocca nel prendersi cura sia della propria mente che del proprio corpo? Scopriamolo insieme

30/03/2021

Distress ed eustress

Il termine "stress" è solitamente associato ad una definizione negativa. Tale termine, in realtà, corrisponde ad una risposta, adattiva e naturale dell’organismo, rivolta ad uno stimolo (definito "stressor") che fa pressione su di esso

17/03/2021

Depressione

“La depressione è una signora vestita di nero che bisogna far sedere alla propria tavola ed ascoltare”, scriveva Jung

01/03/2021

Ruminazione e rimuginio

La ruminazione e il rimuginio sono due processi di pensiero ripetitivi disfunzionali che possono condurre allo sviluppo di sintomi ansiosi o depressivi

15/02/2021

Dipendenza da caffè

Nel manuale diagnostico dei disturbi mentali, tra i disturbi legati alle dipendenze, è inserita la dipendenza da caffeina. Ma di cosa si tratta e come poterla gestire?

31/01/2021

Ansia da malattia

Il disturbo da ansia da malattia o, più comunemente definitivo, ipocondria, fa riferimento ad un’eccessiva preoccupazione per il proprio stato di salute. Vediamo insieme di cosa si tratta.

15/01/2021

Definizione di obiettivi

Dopo l’anno appena concluso abbiamo l’opportunità di definire nuovi obiettivi affinché il nuovo anno venga sfruttato al massimo. Ma come devono essere gli obiettivi?

31/12/2020

Riflessione di fine anno

Questo è stato un anno difficile e diverso, un anno che ha sconvolto il mondo intero ma, cosa possiamo trarne di buono?