30 Settembre 2020, 15.29
Blog - 21 grammi di psicologia

Ansia

di Sabina Moro

L’ansia è un’emozione secondaria attivata quando siamo a contatti con stimoli, o eventi, percepiti come minacciosi. Ma quando diventa disfunzionale?


Ad ognuno di noi, almeno una volta nella vita, sarà capitato di sperimentare quell’emozione definita ansia.

L’ansia è una risposta funzionale che viene attivata, solitamente, quando siamo messi a contatto con uno stimolo, o stiamo vivendo un evento, percepito come minaccioso, imprevedibile e pericoloso.

Una persona potrebbe, per esempio, provare ansia nel momento in cui dovrà parlare in pubblico in quanto potrà avere pensieri come “farò una pessima figura”, “tutti mi giudicheranno”, “sicuramente andrà male”. La situazione, di per sé non pericolosa, apparirà però tale agli occhi della persona, che svilupperà di conseguenza uno stato di forte preoccupazione.

Tra i sintomi legati all’ansia possiamo trovare:

- Sintomi comportamentali (insonnia, irrequietezza, distraibilità, evitamento, ecc.)
- Sintomi cognitivi (paura di morire, paura di perdere il controllo, ecc.)
- Sintomi fisiologici (tremori, sudorazione, palpitazioni, vertigini, ecc.)

Spesso può capitare che la persona interpreti erroneamente i sintomi fisiologici connessi all’ansia, valutandoli come segnali di un malessere fisico.

L’ansia diventa disfunzionale quando c’è:

1. Errata valutazione di pericolo;
2. Compromissione del funzionamento in aree quali il lavoro, la scuola, le relazioni, ecc.;
3. Generalizzazione a molteplici situazioni, anche in assenza di stimoli temuti;
4. Evitamento delle situazioni che appaiono pericolose.

Alcuni consigli per gestire l’ansia:

- Impara a riconoscere ed interpretare i sintomi connessi all’ansia, in modo funzionale. Se interpreterai i sintomi fisici dell’ansia pensando che qualcosa di terribile ti stia succedendo, molto probabilmente l’ansia aumenterà;

- Interpreta l’ansia come una passeggiata in montagna, ci sarà una salita con i sintomi che aumentano, l’arrivo alla vetta nella quale il picco dei sintomi sarà attivato e una discesa nella quale i sintomi inizieranno a diminuire. Immaginandoti questo andamento potrai scoprire che l’ansia, anche se dovesse arrivare, è destinata a diminuire di intensità, solitamente in 15-30 minuti.

- Compila una lista di attività piacevoli che potrebbero servirti nel momento in cui stai iniziando a sperimentare l’attivazione ansiosa;

- Modifica i tuoi pensieri catastrofici cercando di dare un’interpretazione più oggettiva alla situazione che ti preoccupa, valuta le probabilità che l’evento si manifesti realmente come te lo sei immaginato;

- Sperimenta pratiche di rilassamento, che ti consentiranno di focalizzarti sul momento presente, stimolando una sensazione di calma;

- Prova la respirazione diaframmatica. Metti le mani sulla pancia ed immagina di avere all’interno un palloncino da dover gonfiare e sgonfiare poi, inspira con il naso ed espira con la bocca.

Dott.ssa Moro Sabina
3934107718
sabina.moro@outlook.it
Instagram: 21grammi_di_psicologia



Vedi anche
02/05/2021 10:00

Lavoro In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro

15/07/2020 09:20

Autostima L’autostima è la credenza positiva o negativa che si ha di sé stessi. Ma come possiamo imparare a potenziarla?

17/03/2021 09:09

Depressione “La depressione è una signora vestita di nero che bisogna far sedere alla propria tavola ed ascoltare”, scriveva Jung

01/03/2021 08:56

Ruminazione e rimuginio La ruminazione e il rimuginio sono due processi di pensiero ripetitivi disfunzionali che possono condurre allo sviluppo di sintomi ansiosi o depressivi

30/10/2020 11:10

Insonnia Uno dei sintomi che spesso ci porta a rivolgerci ad un professionista è la riduzione o l’aumento del sonno. Ma come possiamo favorire il nostro sonno e limitare episodi di insonnia?




Altre da Blog-21grammi
17/05/2021

Narcisismo

Uno dei disturbi di personalità inserito all’interno del Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali è il narcisismo. Ma di cosa si tratta?

02/05/2021

Lavoro

In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro

15/04/2021

Cura di sè

Quanto è importante imparare a prendersi cura di sé e cosa ci blocca nel prendersi cura sia della propria mente che del proprio corpo? Scopriamolo insieme

30/03/2021

Distress ed eustress

Il termine "stress" è solitamente associato ad una definizione negativa. Tale termine, in realtà, corrisponde ad una risposta, adattiva e naturale dell’organismo, rivolta ad uno stimolo (definito "stressor") che fa pressione su di esso

17/03/2021

Depressione

“La depressione è una signora vestita di nero che bisogna far sedere alla propria tavola ed ascoltare”, scriveva Jung

01/03/2021

Ruminazione e rimuginio

La ruminazione e il rimuginio sono due processi di pensiero ripetitivi disfunzionali che possono condurre allo sviluppo di sintomi ansiosi o depressivi

15/02/2021

Dipendenza da caffè

Nel manuale diagnostico dei disturbi mentali, tra i disturbi legati alle dipendenze, è inserita la dipendenza da caffeina. Ma di cosa si tratta e come poterla gestire?

31/01/2021

Ansia da malattia

Il disturbo da ansia da malattia o, più comunemente definitivo, ipocondria, fa riferimento ad un’eccessiva preoccupazione per il proprio stato di salute. Vediamo insieme di cosa si tratta.

15/01/2021

Definizione di obiettivi

Dopo l’anno appena concluso abbiamo l’opportunità di definire nuovi obiettivi affinché il nuovo anno venga sfruttato al massimo. Ma come devono essere gli obiettivi?

31/12/2020

Riflessione di fine anno

Questo è stato un anno difficile e diverso, un anno che ha sconvolto il mondo intero ma, cosa possiamo trarne di buono?