21 Settembre 2019, 09.00
Paitone Valsabbia
Marcia di regolarità in montagna

La Spac Paitone vince i Campionati Italiani per associazioni

di Emanuele Corti

La 40esima edizione, andata in scena il 7 e 8 settembre scorso a Ponte di Legno, ha visto trionfare la società valsabbina. Terzi i campioni uscenti del Gam Vallio Terme


Settembre è sempre il mese dell'attesissimo appuntamento con i Campionati Italiani per Associazioni. L'organizzazione della 40^ edizione di questa intensa due giorni di gare è stata affidata al Comitato Regionale Lombardo della FIE che, con il patrocinio della Regione Lombardia, ha preso il via nella bella località di Ponte di Legno, dove l'amministrazione comunale ha messo a disposizione il palasport dov'erano incentrate logistica, partenze e arrivi.

Certo, il weekend, dal punto di vista meteorologico, non è stato dei più felici: alla giornata freddina e uggiosa del sabato gara a coppie) fa da contraltare, in peggio, la gara individuale della domenica, dove il previsto acquazzone si è ben presto trasformato in una fitta nevicata fino all'arrivo in paese, che ha messo in non poche difficoltà parecchi atleti sorpresi dall'inusitato quanto improvvisato colpo di freddo.

Dal punto di vista della partecipazione i numeri hanno confortato gli organizzatori: oltre 100 coppie al sabato e 210 partecipanti alla gara individuale della domenica. Nei percorsi di gara, com'era prevedibile, hanno prevalso strade bianche alternate da qualche interessante single-track; nonostante ciò, alcuni tratti apparentemente facili sono stati decisivi ai fini della classifica: per esempio la lunghissima salita ed altrettanto lunga discesa della gara a coppie (il punto più alto si toccava nei pressi della malga Pozzuolo, mentre la discesa era condotta attraverso la valle Seria) hanno di fatto determinato la classifica.

Infatti nella categoria Open A ha visto trionfare i biellesi del Gs Ermenegildo Zegna, di Trivero, Riccardo Lazzarotto e Gianluca Mello Grand con 74 penalità, alle loro spalle si sono piazzati Raffaele Scaglia e Alessandra Zucchi del Gsa Rezzato, in terza posizione si piazza un'altra coppia piemontese quella formata da Mauro Perino e Magda Bianchetti del Gs Genzianella di Coggiola(BI).

Nelle Open M tornano al successo Maurizio Nolli ed Emanuele Corti, del Gam Vallio Terme, con 121 penalità; staccati di 4 secondi troviamo Tomaso Bonetti e Giovanni Apolone, del Rezzato, mentre al 3° posto salgono i veronesi Giampietro Menegotto in coppia con Marco Fasoli, dell'Apss Abazia.

Nelle categorie giovanili vittoria per i fratelli Torresan, Riccardo e Isabella, del Gsds San Zenone (TV) tra i cadetti/ragazzi e di Manuela Archetti con Giacomo Gatta, del Gam Sarezzo sant'Emiliano, tra gli juniores.

Dopo la prima giornata nella classifica per società guida a sorpresa il Gs Genzianella, tallonato da Spac Paitone e Gsa Rezzato, mentre i campioni uscenti del Gam Vallio Terme arrancano in 5^ posizione.

Il percorso della seconda e decisiva disputa prevede che dall'abitato di Ponte di Legno si percorrano i sentieri a ridosso del Dosso del Talasso ed il Dosso di Mezzo (2 salite consecutive), quindi attraverso una mulattiera si raggiunge la contrada di Vescasa Alta, e quindi intersecando la pista del bike park e la ciclabile della val Sozzine si torni all'arrivo presso il palazzetto dello sport.

La migliore prestazione di giornata è opera di Luigi Bussi, del Gam Vallio Terme, che sfodera una performance eccellente con 29 penalità aggiudicandosi la vittoria tra i master; alle sue spalle si piazzano Renato Ragnoli, del Paitone ,e Raffaele Scaglia, del Rezzato, rispettivamente con 36 e 43 penalità.

Tra i senior bella vittoria per Alessandra Conforti, del Paitone, con 79 penalità; alle sue spalle per meno di un secondo è Paolo Torresan, del San Zenone, e al 3° posto (meno di 3 secondi) si piazza Tiziano Uberti, del Gsa San Giovanni.

Anche tra gli amatori è il gentil sesso a dettar legge per merito di Annalisa Pasina, dell'As Cailinese, che domina con 65 penalità; piazza d'onore per Luigi Cadei, dell'Ana Mazzano, mentre il gradino basso del podio è preso da Elisa Benetti, del Gam Ana Bione.
Vittorie di Matteo Bertella, San Giovanni, Federico Maccarinelli del Paitone e Manuela Archetti del Gam Sarezzo rispettivamente tra i ragazzi, cadetti e juniores.

Al termine della giornata a fregiarsi dello scudetto è la Spac Paitone che torna a vincere lo scudetto a distanza di 21 anni: 3633 punti. Piazza d'onore al Gsa Rezzato con 3466 punti, mentre i campioni uscenti del Vallio Terme si devono accontentare del gradino basso del podio con 3434 punti. 4^ posizione al Gs Genzianella e 5^ piazza infine per il Gsa San Giovanni.

Classifiche su www.marciaregolarita.it.

In foto:
. Spac Paitone Campione italiano per associazioni 2019
. podio open M, vincitori Corti e Nolli Gam Vallio Terme
. podio individuale amatori, Annalisa Pasina, dell'As Cailinese
. podio individuale senior, vinto da Alessandra Conforti del Paitone


Aggiungi commento:

Vedi anche
10/09/2019 10:35

Dominio valsabbino al Trofeo As Cailinese I marciatori del Gam Vallio Terme e della Spac Paitone hanno rispettivamente conquistato la gara e il titolo regionale

24/04/2016 09:00

11ª Coppa città di Albino Si è svolto in Val Seriana, precisamente a Comenduno di Albino, la seconda prova campionato regionale Lombardo a coppie, con buoni risultati per il Gam Vallio Terme e la Spac Paitone

15/07/2018 08:00

7° Memorial dei Soci Fondatori

L’ultima gara ufficiale prima della pausa estiva valeva come quarta e determinante prova del Campionato italiano individuale
 

06/06/2016 15:42

6° Trofeo Emilio e Giancarlo Ratti Una competizione tecnicamente ostica in particolar modo nelle due ripide discese quella andata in scena a Valmadrera, in provincia di Lecco

28/04/2018 07:00

22° Trofeo «Gam Vallio Terme» Si è disputata la scorsa domenica, 22 aprile, a Vallio Terme la prova unica del campionato italiano che ha visto sfidarsi per il titolo un’ottantina di coppie




Altre da Valsabbia
15/05/2021

Approvato nuovo bando Dote Scuola

Il consigliere regionale Floriano Massardi (Lega): “13,6 milioni di euro per gli studenti lombardi under21”

15/05/2021

Covid, Girelli: «Urgente far ripartire la sanità non covid»

Secondo il consigliere regionale valsabbino del Pd in Lombardia si è registrata una pesante riduzione di visite, interventi e screening

15/05/2021

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare

14/05/2021

Tavolo delle associazioni: «Peschiera la soluzione più economica e meno impattante»

La Federazione delle associazioni ambientaliste del Chiese guidata da Gianluca Bordiga ha commissionato uno studio nel quale vengono comparati i diversi progetti per il depuratore che sarà sottoposto all’Ato e alla Cabina di regia

13/05/2021

Un blogger sulle strade della Valle Sabbia

I noto blogger di viaggi Gio del Bianco sta percorrendo questa settimana le strade della Valle Sabbia lungo un itinerario alla scoperta del borghi che circondano il lago d’Idro

13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992

12/05/2021

Depuratore a Lonato, in cosa consiste il progetto?

L’impianto sorgerà nella frazione di Esenta e, secondo Acque Bresciane, darà ampie garanzie di sostenibilità ambientale. Resta da sciogliere il nodo dello scarico dei reflui

12/05/2021

È Lonato la scelta finale per il depuratore

L’ufficialità arriverà nei prossimi giorni, ma la scelta è già stata fatta nel corso della Commissione Ciclo Idrico del Broletto, alla presenza dei vertici di Acque Bresciane e dell’Ufficio d’Ambito

12/05/2021

«Una bestemmia culturale»

Questo, in estrema ed iconica sintesi, il pensiero di un produttore vinicolo valsabbino riguardo all’iniziativa di Bruxelles di togliere l'alcol dal vino e di aggiungervi acqua

(2)
12/05/2021

Medicina di territorio, belle parole ma...

«Si stanno muovendo tutti per invertire lo stato di abbandono che la medicina sul territorio sta subendo da anni (vedi le proteste a Salò). Tutti meno che i valsabbini». Così un lettore, riferendosi al Presidio di Nozza

(1)