01 Settembre 2021, 10.23
Gavardo Valsabbia Muscoline Garda
Lettere

I due depuratori sul Chiese: cui prodest?

di Redazione

Fabrizio Landi, autore delle poesie di denuncia contro il famigerato progetto dei depuratori per i reflui dei comuni gardesani sul fiume Chiese, torna sul tema con alcune riflessioni


Le mie semplici rime
“Èl ragionamènt del Cés col Sarca” e “ Se ‘l Cés èl cambiarà nòm”, non hanno certo la pretesa di essere considerate … “poesie”.

Si tratta infatti di componimenti che hanno il solo scopo di arrivare il più possibile al “cuore” della questione, sensibilizzando – attraverso la loro semplicità – gli animi di tutti coloro che abbiano un po’ di attenzione agli argomenti trattati, dibattuti, discussi, quasi risolti e, infine (ahimè) completamente ribaltati utilizzando posizioni di potere e, secondo me, nient’altro: a chi giova?

Mentre ringrazio il cantautore bresciano Piergiorgio Cinelli per la sua capacità artistica con la quale ha saputo “amare” il messaggio contenuto nelle mie rime e, quindi, trasformarlo in melodia, - correggendo anche la metrica non sempre corretta – mi faccio una domanda che ritengo fondamentale: CUI PRODEST? Vale a dire: a chi giova la realizzazione di quest’opera di depurazione?

Ho conosciuto – e conosco – moltissime persone della sponda bresciana del Garda; vorrei citarne alcune tra le tante,  per interrogarmi – con loro – sulla necessità di spendere in questo modo un’incredibile cifra di risorse pubbliche e prevedere in futuro – e ciò è incontrovertibile –l’inutile sperpero di energia elettrica per vincere la forza di gravità…

A tal proposito: davvero geniale il monologo che il grandissimo Maestro e regista John Comini affida alla “siùra Maria” nella magistrale interpretazione di Paola Rizzi!

Vorrei porre la domanda a Ruggero, il cui compianto padre era un Reduce della “Campagna di Russia” e già amministratore di Tremosine, o a suo fratello Franco, già Sindaco dello stesso comune.

Vorrei chiederlo al sig. Bertera, mio ex commilitone e da tanti anni imprenditore in quel di Limone del Garda.
Lo vorrei chiedere anche al professor Piercarlo Belotti – se purtroppo non se ne fosse andato prematuramente – e del quale conservo una foto in cui, con la fascia tricolore del comune di Gardone Riviera, saluta - appena prima di me, in piazza Paolo VI – il Papa Giovanni Paolo II e il sindaco Mino Martinazzoli, nel 1998…

Vorrei chiederlo alla “nonna Angelina” di Navazzo di Gargnano, della quale conosco la gentilezza, disponibilità e schiettezza…
E vorrei chiederlo a tutti gli amici e conoscenti –Sergio, Mariangela, Dario, Renato, Luca, Alvaro, Beatrice, Marisa, Letizia, Marco, Gigi, ecc – che abitano nei comuni della sponda bresciana di questo bellissimo lago, fino a Desenzano: CUI PRODEST ?

Come cambierebbe la vostra vita, sapendo che i “reflui” fognari dei vostri comuni, anziché continuare ad essere depurati – come avviene da decenni – a Peschiera del Garda, semplicemente sostituendo le condotte sublacuali ( e con costi assolutamente contenuti), fossero smaltiti presso altri territori, con l’aggiunta di un assurdo ed inutile consumo di energia elettrica per vincere la forza di gravità e con gli annessi rischi e costi assolutamente elevati?

E, riproponendo un tema elementare già affrontato, cosa avrebbero detto i vostri Amministratori locali se, negli anni ’90 i Comuni valsabbini e/o dell’asta del Chiese avessero pensato di realizzare un collettore fognario in discesa (senza dover vincere la gravità, quindi) e mandare i propri reflui a Peschiera?

Se ritenete improponibile, pretestuosa, ridicola o infantile questa domanda, interrogatevi seriamente sulle proposte progettuali che si vogliono realizzare ora !!!

Ed allora, di nuovo: CUI PRODEST? Non credo proprio che la risposta possa essere: il lago di Garda e i suoi cittadini!
Dal 1985 fino al 1999 e, successivamente per altri anni ancora, i concittadini da me amministrati sono stati costretti non senza disagi, ed in ottemperanza alle normative vigenti, a separare accuratamente le acque meteoriche dai reflui fognari civili e/o industriali, per poter fruire di una corretta depurazione tramite un impianto realizzato nel nostro territorio.

Ed allora: che i fondi statali – non indifferenti – a disposizione, vengano utilizzati per questi scopi assolutamente legittimi, opportuni e corretti !

Per le decine di migliaia di cittadini residenti e per le centinaia di migliaia di turisti – che tutti si augurano presenti sul lago di Garda – non cambierà assolutamente nulla rispetto alla localizzazione della depurazione; migliorerà invece la qualità delle acque lacustri e, cosa non indifferente, anche il rapporto con i territori confinanti.

Senza pretesa alcuna dal punto di vista tecnico, a me sembra comunque una cosa davvero “lapalissiana”: perché complicarla in un modo così insensato?
CUI PRODEST?                                 

Fabrizio Landi


Commenti:
ID82677 - 01/09/2021 14:32:37 - (lz) - L.Gabrieli

Come non condividere queste considerazioni di assoluto buono senso che inquadrano con chiarezza e semplicità la questione? L'interrogativo a chi giova , in assenza di risposta lascia spazio a varie congetture. Di sicuro questo progetto non giova a coloro che dovrebbero esserne i beneficiari e l'unica risposta inequivoca sarebbe il suo abbandono. Questo rappresenterebbe già una prima efficace "depurazione".

ID82678 - 01/09/2021 21:01:27 - (ibisco) - Perché giova?

A chi giova una opera costosissima e che non influirà, mi sembra di capire, minimamente sulla qualità delle acque del Garda? Di sicuro chi a vari livelli sostiene la realizzazione di questo progetto esercita, come chi si oppone, un diritto

ID82679 - 01/09/2021 21:06:07 - (ibisco) -

un diritto sacrosanto. Secondo me' il problema è di capire perché giova.

ID82680 - 03/09/2021 09:09:07 - (Albino.Zabbialini) - Albino Zabbialini

Sottoscrivo in toto e faccio mie le considerazioni di Fabrizio Landi in merito al depuratore. Anche durante la mia amministrazione, che è succeduta a quella di Fabrizio, abbiamo continuato con apposita ordinanza a sollecitare i nostri bravi ed operosi concittadini ad ultimare i lavori di separazione degli scarichi delle acque reflue. C'è quindi da chiedersi a che punto sono i lavori di separazione delle acque reflue nei comuni che sostengono questo progetto? È certo che se questi lavori di separazione fossero ultimati e fatti bene, come hanno fatto i cittadini di Muscoline, con tutta probabilità non esisterebbe la necessità di creare altri depuratori. A chi giova?

Aggiungi commento:

Vedi anche
10/07/2019 10:15

No depuratore, la protesta si sposta in città Il 26 luglio a Brescia una grande mobilitazione per ribadire il no deciso all’ipotesi di costruire i depuratori per le fogne dei comuni dell’Alto Garda a Gavardo e Montichiari.

23/07/2021 13:33

Il Prefetto-Commissario ha scelto Gavardo-Montichiari Nonostante le forti e persistenti contrarietà, oggi il Prefetto Attilio Visconti ha deciso che i depuratori delle fogne dei comuni gardesani dovranno essere fatti a Gavardo e Montichiari e scaricare nel fiume Chiese

01/01/2020 08:00

Appuntamento il 12 gennaio a Gavardo e Prevalle Il Comitato Gaia di Gavardo, col supporto del Tavolo Basta Veleni e il Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro hanno indetto una grande manifestazione per ribadire il no ai depuratori del Garda sul fiume Chiese

11/12/2018 08:00

Quale depuratore per il Garda? Giovedì 13 dicembre a Gavardo un incontro con tecnici e politici sul progetto del depuratore del lago di Garda promosso dal comitato ambientalista Gaia

04/10/2021 10:20

Mondo agricolo contro il depuratore Le aziende agricole del territorio solidali con il presidio delle associazioni ambientaliste e ribadiscono la loro forte contrarietà al progetto dei due maxi depuratori delle fogne del Garda sul fiume Chiese




Altre da Garda
23/10/2021

Ospitalità diffusa, ecco il piano del Gal

Formazione, affiancamento, scuola e incentivi. Ecco i pilastri del nuovo piano di lavoro del Gal a seguito del workshop

23/10/2021

«Avanti così»

Dal Ministero della Transizione ecologica, in risposta ad un’interrogazione, una doccia fredda sulla possibilità di cambiare la soluzione Gavardo-Montichiari del depuratore gardesano

20/10/2021

La biomeccanica nel ciclismo. Come settare correttamente la bici?

Per gli amanti del ciclismo sportivo ed agonistico è disponibile un nuovo servizio teso a migliorare le prestazioni ciclistiche degli sportivi, ossia la prova di messa in sella tramite test biomeccanico. Ne parla in questo articolo il Dottor Luigi Ruggeri del Centro Medico Fisioterapico Equilibrio Salò

20/10/2021

Depuratore alla sinistra del Chiese, i cittadini non ci stanno

Spostare la collocazione dell'impianto sul lato opposto del fiume, come suggerito da Ato al Commissario, significherebbe demolire le abitazioni presenti. Residenti e proprietari preparano le barricate

20/10/2021

Depurazione del Garda, Regione vota a larga maggioranza la mozione Girelli

Regione Lombardia chiederà al Governo di rivedere le decisioni assunte in precedenza e riprendere il percorso interrotto, seguendo un iter istituzionale condiviso con tutti gli Enti coinvolti

20/10/2021

In arrivo Case e Ospedali di comunità

Con i fondi del Pnrr anche Regione Lombardia sta ridisegnando la sanità territoriale con due nuove tipologie di struttura. Novità anche per la Valle Sabbia

18/10/2021

Mamme del Garda: «Toccati nel portafogli, i politici gardesani si sono svegliati»

Dopo che il Prefetto-Commissario in audizione alla Camera ha detto che il 50% della tassa di soggiorno dei comuni gardesani sarà utilizzata per il progetto del nuovo depuratore, c'è stata una levata di scudi da parte dei sindaci gardesani

15/10/2021

Casa della comunità, approvato il protocollo d'intesa

La nuova struttura socio-sanitaria, che sorgerà a Cunettone nell'ambito del Piano nazionale ripresa e resilienza, verrà ultimata da Asst del Garda in circa quattro anni

15/10/2021

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

15/10/2021

«Una pessima figura, per il Commissario e per le istituzioni»

Una dura riflessione quella espressa dai Comitati ambientalisti a seguito dell'audizione alla Camera dei Deputati, in occasione della quale è stato ascoltato anche il Commissario alla depurazione Attilio Visconti

(2)