01 Settembre 2020, 15.03
Blog - Genitori e figli

Ritorno a scuola. Ma quale?

di Giuseppe Maiolo

A pensarci bene, la scuola che oggi riparte è la partita più importante da giocare in questo strano e incerto andare dell’estate 2020


E non tanto perché con la scuola si rimette in moto la conoscenza e si torna a sostenere lo sviluppo cognitivo dei bambini e degli adolescenti, quanto per il fatto che essa è il perno attorno al quale ruotano i destini degli individui e il centro da cui parte lo sviluppo produttivo e la crescita psicologica individuale e collettiva della società.  

La sua riapertura non dovrebbe nemmeno essere ritenuta necessaria per consentire a famiglie e genitori di tornare alle faccende lavorative proprie e permettere di ridare “normalità” a quei i giorni in sospensione che abbiamo conosciuto e vorremmo rapidamente dimenticare.

Di certo è fondamentale che si esca dalla lunga angoscia del lockdown e si possa contenere lo spettro di un ritorno alla quarantena collettiva che ci viene continuamente prospettato. È sicuramente necessario risolvere vari dilemmi come “sicurezza o niente ripresa”, “mascherine sì o mascherine no”, “banchi nuovi e spazi adeguati o scuola chiusa”.

Alcuni di questi non sono dettagli o questioni di poco conto, ma naturali e precisi interrogativi a cui bisognerebbe rispondere sempre anche senza un Covid-19 che incombe sulle teste di genitori, studenti e docenti.

Perché sicurezza delle strutture, spazi ristretti, classi pollaio, strumenti didattici e formazione dei docenti da adeguare ai nuovi modi di comunicare e di “sentire” la vita in un tempo che trasforma rapidamente pensieri, parole e gesti, dovrebbero essere per la scuola prioritari e svincolati dall’emergenza.

Invece un mare di polemiche
con poche e isolate progettualità sta paralizzando la scuola italiana e annebbiando la prospettiva verso cui dovrebbe puntare un sistema scolastico da rinnovare e svecchiare. Una babele di messaggi confusi e contraddittori e molte informazioni oscure e ritardate rispetto alle necessità, stanno disorientando tutti e mettono a rischio la riapertura strana e probabilmente caotica del luogo da considerare insostituibile per la crescita.

Non tanto perché lì si impara “a leggere e a far di conto”, idea vecchia e persistente della scuola che punta “al sapere” e non “all’essere”, alla competizione e non alla cooperazione, quanto perché non fa ancora crescere la scuola del “fare insieme”, la quale con urgenza deve spostare il focus formativo dal versante apprendimento a quello dello sviluppo emozionale degli individui, utenti e formatori.

Nonostante si sia detto in tutte le salse che dopo la tragedia collettiva del coronavirus nulla sarà più come prima, non si vede ancora all’orizzonte un pensiero costruttivo per una scuola rinnovata e al passo con i tempi, un “scuola attiva” di cui già parlavano Freire, Montessori, don Milani.

Per questa scuola non c’è bisogno di spazi particolari ma del sostegno di tutta la comunità educante e oggi più che mai, di competenze rinnovate che consentano alla la didattica tradizionale di integrarsi con le nuove tecnologie della comunicazione e con i nuovi linguaggi.

Una scuola fatta di docenti attrezzati con competenze non emergenziali, ma quotidiane. Perché nel prossimo anno dovremmo avere non solo i banchi con le rotelle e prescrizioni severe sull’uso delle mascherine e dei comportamenti corretti, ma modelli educativi di adulti autorevoli e coerenti capaci di gestire le proprie ansie e quelle altrui e in grado di coniugare lavagna e tablet, didattica in presenza e a distanza.

Educare continuerà ad essere un “tirar fuori” e non un “mettere dentro” ma dovrà appartenere al patrimonio di adulti di riferimento in grado di regolare lo sviluppo dei minori e al contempo essere facilitatori della loro crescita che sanno all’occorrenza sfruttare l’educazione tra pari, oggi il versante educativo più avanzato e necessario per il processo di individuazione.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it



Vedi anche
01/06/2020 09:21

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

03/09/2019 09:20

La scuola riparte Ecco ci risiamo. Tra pochi giorni si riparte con la scuola e con il suo carico di aspettative e di ansie per tutti 

07/09/2020 09:30

La scuola che verrà, tra attese e speranze Sembrerà una ripetizione, ma insistere a parlare della scuola che riapre i cancelli è doveroso. Perché l’attività scolastica che riprende vede in campo una quantità di aspettative

09/09/2018 08:33

Scuola e famiglia ai blocchi di partenza Pronti via, fra attese e speranze. Ma com'è cambiato nel tempo il rapporto fra le famiglie e la scuola? Ce ne parla oggi Giuseppe Maiolo

04/08/2020 08:00

La scuola del dopo Covid -19 C’è una sola cosa certa nella scuola che ripartirà a settembre: la data d’inizio, anche se non per tutte le regioni sarà la stessa



Altre da Genitori e Figli
23/02/2021

Pandemia e nuove dipendenze tra i giovani

Il lockdown con il tempo dilatato della distanza, nel male e nel bene ha cambiato il modo con cui usiamo la tecnologia

01/02/2021

Fatti gli affari tuoi

Cyberbullismo senza confini e ragazzi senza empatia. Le storie incredibili di intolleranza e di bullismo si aggiungono le une alle altre

27/01/2021

L'importanza della memoria

“Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo… ” scriveva Primo Levi

24/01/2021

Fermiamo i «giochi» estremi e mortali degli adolescenti

Fermiamoli! Non c’è tempo da perdere. Facciamoli crescere e diventare autonomi questi ragazzini se non vogliamo vederli morire a 10 anni per un assurdo gioco di imitazione, come è accaduto a Palermo

18/01/2021

Solitudine e isolamento in adolescenza, come aiutare i giovani

La solitudine è per chiunque una compagnia difficile e faticosa, ma l’isolamento lo è ancora di più perché tra l’una e l’altro c’è la dimensione dell’esclusione e il sentimento pesante della perdita di contatto con il mondo

10/01/2021

Una scuola da ricostruire in fretta

Non si fa che parlare della scuola e della didattica mentre la pandemia imperversa. Giustamente se ne parla

28/12/2020

Un lungo anno di paura e la strada che cura

Un lungo anno di paura, verrebbe da dire. O meglio, un interminabile tempo di angoscia che non si è ancora concluso. Perché non si tratta solo di paura, che è reazione di difesa a qualcosa di conosciuto, ma di fare i conti con l’indeterminato e l’invisibile

22/12/2020

Natale in lockdown con i figli, tempo da condividere

“Sarà un Natale diverso” è la frase che risuona di più in questi giorni. Lo abbiamo capito da un po’ a prescindere dalle indicazioni governative. Ma questo ritornello credo ci serva per prepararci alla ricorrenza da vivere quest’anno come una preziosa occasione relazionale e educativa

07/12/2020

Fiabe che curano. Storie per far crescere la fiducia

C’è un mondo da scoprire quando si è bambini e poche sono le cose che la ragione può spiegare loro

30/11/2020

Nuove forme di violenza sulle donne

La violenza sulle donne, di cui si parla in questi giorni di novembre, non diminuisce. Cresce invece e si trasforma, oppure si sposta dalla realtà al web e viceversa