31 Gennaio 2021, 06.47
Blog - 21 grammi di psicologia

Ansia da malattia

di Sabina Moro

Il disturbo da ansia da malattia o, più comunemente definitivo, ipocondria, fa riferimento ad un’eccessiva preoccupazione per il proprio stato di salute. Vediamo insieme di cosa si tratta.


La preoccupazione per il proprio stato di salute è un fattore comune, studi hanno infatti dimostrato che circa il 10-20% delle persone sviluppa un’eccessiva preoccupazione per la propria salute almeno una volta nella vita.

Il problema insorge quando la preoccupazione non è causata da malattie fisiche, è prolungata nel tempo, eccessiva, influenza la normale conduzione di vita e la persona continua a richiedere rassicurazione a familiari, amici o attraverso visite mediche.
Non sempre la persona si sente capita e spesso crede che gli altri stiano sottovalutando le sue sensazioni. Tende inoltre ad evitare attività che potrebbero renderlo più vulnerabile allo sviluppo di una malattia (come l’attività fisica).

Da cosa è generata questa eccessiva preoccupazione?

Il modello cognitivo comportamentale sostiene che le persone con ansia da malattia tendono a interpretare le sensazioni, provenienti dal proprio corpo, come prove della presenza di una malattia. L’ansia aumenta sulla base di pensieri legati alla probabilità che la malattia si manifesti realmente, alle conseguenze immaginate della malattia (fisiche, di ruolo, influenza sui propri cari, ecc..), al grado di controllo che penso di poter avere sul decorso della malattia e alla possibilità che qualcuno mi possa aiutare nella cura della malattia.

In questo senso però, come in un circolo vizioso,
più si è vigili rispetto ai segnali fisici più sarà probabile che si noti qualcosa che, secondo noi, non va, più salirà l’ansia, più emergeranno altri cambiamenti fisiologici come tachicardia, sudorazione, verigini, ecc..

Facendo un esempio, noto un fastidio al petto, mi siedo e passo del tempo concentrato solo sul mio fastidio, inizio a toccarmi insistentemente il petto (cosi’ che il dolore aumenta a causa della mia palpazione), controllo ripetutamente il mio battito, inizio a sperimentare ansia che aumenta il mio battito, cerco informazioni su internet o nel contesto che confermino la mia idea, inizio a pensare (che sono affetto sicuramente da una grave malattia, che non ci saranno più speranze, che i miei familiari rimarranno soli, ecc..), l’ansia aumenta.

Come posso risolvere questo ciclo?
Ci sono altre spiegazioni alternative al mio iniziale fastidio? Potrei fermami, dire stop ai miei pensieri e riflettere su una spiegazione alternativa: “ho un fastidio al petto che può essere alimentato anche dalla mia attenzione focalizzata su questa sensazione e dalla mia eccessiva ansia, troverò quindi delle attività piacevoli da fare ora. Inoltre non ci son prove che dimostrino che la mia sensazione sia connessa ad una grave malattia fisica, ho infatti già fatto visite mediche e non ho avuto riscontri”.

Nell’ansia da malattia, il ruolo del terapeuta è quello di aiutare a trovare spiegazioni alternative alla presenza dei segnali fisici, limitando l’interpretazione erronea e catastrofica, la messa in atto di comportamenti evitamento e la continua ricerca di rassicurazioni.
La persona imparerà ad identificare i propri pensieri sulla malattia e sulle sensazioni fisiche, provando a depotenziarli attraverso prove di realtà.

Il disturbo da ansia da malattia si differenzia dal disturbo da sintomi somatici in quanto, in quest’ultimo, sono invece presenti significativi sintomi somatici.

Dott.ssa Moro Sabina  
3934107718
sabina.moro@outlook.it
Instagram: 21grammi_di_psicologia
www.psicologasabinamoro.it



Vedi anche
07/05/2013 09:00

Che ansia! Quali sono le caratteristiche fondamentali dell'ansia e come influisce l'ansia sulla vita quotidiana?

30/09/2020 15:29

Ansia L’ansia è un’emozione secondaria attivata quando siamo a contatti con stimoli, o eventi, percepiti come minacciosi. Ma quando diventa disfunzionale?

02/12/2013 09:47

L'agopuntura contro la paura del dentista Tutti, chi pi chi meno, temono la visita dal dentista, ma alcuni pazienti non provano solo sensazioni fastidiose o poco dolorose, bens si fanno prendere dall'ansia vera e propria, con sensazione di soffocamento e nausea causata dagli strumenti ortodontici. Ma l'agopuntura pu aiutare

07/06/2013 07:00

Lo stress ingrassa, il rilassamento dimagrisce In questo secondo post sulle relazioni tra psicologia e metabolismo Gianpiero Rossi chiarisce come ansia, paura, stress limitino il dimagrimento, che invece favorito da un rilassamento fisiologico e da un saper mangiare lentamente

28/06/2017 12:13

Donne valsabbine più sicure, grazie al Rotary Il Rotary Valle Sabbia Centenario ha consegnato al presidio sanitario di Nozza un nuovo ecografo, frutto del sostegno alla salute pubblica da parte di associazioni di categoria ed imprese




Altre da Blog-21grammi
17/05/2021

Narcisismo

Uno dei disturbi di personalità inserito all’interno del Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali è il narcisismo. Ma di cosa si tratta?

02/05/2021

Lavoro

In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro

15/04/2021

Cura di sè

Quanto è importante imparare a prendersi cura di sé e cosa ci blocca nel prendersi cura sia della propria mente che del proprio corpo? Scopriamolo insieme

30/03/2021

Distress ed eustress

Il termine "stress" è solitamente associato ad una definizione negativa. Tale termine, in realtà, corrisponde ad una risposta, adattiva e naturale dell’organismo, rivolta ad uno stimolo (definito "stressor") che fa pressione su di esso

17/03/2021

Depressione

“La depressione è una signora vestita di nero che bisogna far sedere alla propria tavola ed ascoltare”, scriveva Jung

01/03/2021

Ruminazione e rimuginio

La ruminazione e il rimuginio sono due processi di pensiero ripetitivi disfunzionali che possono condurre allo sviluppo di sintomi ansiosi o depressivi

15/02/2021

Dipendenza da caffè

Nel manuale diagnostico dei disturbi mentali, tra i disturbi legati alle dipendenze, è inserita la dipendenza da caffeina. Ma di cosa si tratta e come poterla gestire?

15/01/2021

Definizione di obiettivi

Dopo l’anno appena concluso abbiamo l’opportunità di definire nuovi obiettivi affinché il nuovo anno venga sfruttato al massimo. Ma come devono essere gli obiettivi?

31/12/2020

Riflessione di fine anno

Questo è stato un anno difficile e diverso, un anno che ha sconvolto il mondo intero ma, cosa possiamo trarne di buono?

15/12/2020

Senso di colpa

Una delle emozioni secondarie che spesso viene nominata è il senso di colpa. Ma cos’è il senso di colpa e cosa comporta?