03 Giugno 2007, 00.00
Gavardo
Medici in bidonville

Da Gavardo ad Haiti per «formare»

Giovanni Galli, medico psichiatra dell’ospedale di Gavardo, insieme a Marcello Kreiner e Maria Ferretti (che gestiscono il Centro di Psicologia clinica e formazione in via Fornaci a Gavardo) si recato ad Haiti su richiesta dell’Asvi.

Giovanni Galli, medico psichiatra dell’ospedale di Gavardo, aderente all’associazione Avsi (Associazione volontari per il servizio internazionale) da molti anni è impegnato nel volontariato internazionale e soprattutto nella formazione degli operatori locali. Il dott. Galli partecipa a corsi che lo vedono impegnato nella preparazione di percorsi di formazione. Questa volta, insieme a Marcello Kreiner e Maria Ferretti (che gestiscono il Cpf, il Centro di Psicologia clinica e formazione in via Fornaci a Gavardo) si è recato ad Haiti su richiesta dell’Asvi.

«Siamo stati contattati - spiega Giovanni - per svolgere la formazione degli operatori locali (psicologi, assistenti sociali, educatori, animatori) che lavorano in 3 centri di detraumatizzazione nella bidonville di Cité de Soleil a Port au Prince capitale di Haiti. Cité de Soleil ha 250.000 abitanti ed è una delle 10 bidonville presenti nella capitale».
Avsi si occupa del trattamento e del recupero dei bambini e adolescenti che hanno vissuto e subìto violenze, svolgendo anche attività di formazione professionale. Lo scopo è di offrire un’alternativa alla violenza e ridare la speranza che i valori di pace, amicizia, bellezza, giustizia, bene sono ancora possibili.

«È una goccia in mezzo al mare - prosegue il dott. Giovanni Galli - ma per tantissimi di loro è fondamentale e rispetta il nome del progetto che è "Rispettiamo la persona per costruire la casa". Ed infatti sarebbe inutile solo costruire delle case al posto delle baracche di lamiera se la persona non si sente di valere, di essere amata e considerata. Il nostro corso è intitolato "Approccio psicosociale alla persona vulnerabile e traumatizzata"».
Il Centro Cpf contemporanaemente con altri operatori ha svolto nello stesso periodo una missione in Ruanda e in Congo dove ha formato assistenti sociali e insegnanti sempre in progetti di Avsi impegnati in questo caso in programmi di prevenzione dell’Aids.

«Abbiamo intenzione - sottolinea ancora Giovanni Galli - di trasformare il centro in una onlus che si occuperà di formazione in ambito psico-socio-educativo in ambito internazionale. Per il momento sta svolgendo attività formative nelle scuole della provincia e si avvale della collaborazione di Mariella Bombardieri, Chiara Borghi e Sergio Gelfi».
«Io, Mariella e Annette Devreux - conclude - abbiamo l’anno scorso svolto due missioni a Betlemme (sempre al momento come Cpf di Gavardo e chiamati da un’altra ong italiana Ovci La nostra Famiglia), nel territorio palestinese, dove abbiamo formato gli insegnanti sull’educazione socioaffettiva e sull’approccio al bullismo».

p. p. dal Giornale di Brescia


Aggiungi commento:

Vedi anche
24/03/2010 08:00

Vallio pro Haiti Associazione volontari, oratorio, comitato genitori in campo per raccogliere fondi per l’associazione gavardese Resilience che opera ad Haiti.

29/01/2010 10:00

«Forneria» scolastica per Haiti La gara di solidariet per portare sollievo ai terremotati di Haiti passa anche per le medie di Villanuova.

19/03/2014 09:00

Il mondo delle emozioni Giovedì sera nell’auditorium “Cecilia Zane” a Gavardo un nuovo incontro del progetto “Genitori in cammino” con lo psicologo e psicoterapeuta Marcello Kreiner

19/07/2017 09:25

Sanità e ospedale, un confronto col Pd Il tema della riforma sanitaria regionale e le ricadute sul territorio, Ospedale di Gavardo compreso, al centro di un incontro organizzato questo venerdì sera a Gavardo dal Partito Democratico della Valle Sabbia con amministratori, medici e sindacati

22/04/2019 08:00

Futuri medici in tirocinio all'Asst del Garda Anche l’ospedale di Gavardo, con quelli di Desenzano e Manerbio, sarà sede di tirocinio ospedaliero per alcuni aspiranti medici di famiglia, con la speranza che poi prendano servizio sul territorio 




Altre da Gavardo
13/04/2021

Meno ricoveri per Covid

Situazione in netto miglioramento anche negli ospedali dell’Asst del Garda dove come conseguenza di meno malati Covid alcuni reparti stanno tornando alla loro funzione originale. Intanto prosegue la campagna vaccinale

13/04/2021

Niente tasse per chi apre nei centri storici

Due anni di esenzione dalle tasse e imposte comunali per chi apre esercizi commerciali nei centri storici del paese e delle frazioni

12/04/2021

Hub ampliato ma avvio a scartamento ridotto

Completato in tempo record l’ampliamento del centro vaccinale valsabbino, ma al momento sono in funzione solo tre linee sulle dieci ora a disposizione

11/04/2021

Danni in paese, recidivo e denunciato

Prima danneggia fioriere e manufatti in paese, poi taglia la gomma ad un’auto. Individuato dalla Polizia Locale della Valle Sabbia, è stato preso e denunciato

09/04/2021

Prenotazioni 70-74, ancora disguidi sull'hub di Gavardo

Nonostante le rassicurazioni ricevute da Asst anche ieri si sono verificati disguidi sulle prenotazioni della nuova fascia di popolazione, con posti esauriti in poco tempo per il Centro vaccinale valsabbino

(2)
08/04/2021

«Imparare dal dolore per cercare risposte»

Il secondo appuntamento della rassegna organizzata dall’associazione “La Rosa e la Spina” si terrà questo venerdì sera, 9 aprile

08/04/2021

«Happy Mavs», incontri con l'archeologia

Questo venerdì, 9 aprile, il primo appuntamento del ciclo di conferenze online organizzato dal Museo archeologico valsabbino

07/04/2021

Prenotazioni già esaurite all'hub di Gavardo, valsabbini dirottati altrove

Ancora problematiche legate alla campagna vaccinale stavolta per gli under 80, e i presidenti di Comunità montana e Ambito 12 scrivono ad Ats e Asst Garda per chiarimenti

(5)
06/04/2021

Terapie intensive ancora piene

Calano i ricoverati e i posti letto Covid negli ospedali dell’Asst del Garda ma non nelle terapie intensive

05/04/2021

Casa don Bosco, per un servizio agli oratori

È un’esperienza vocazionale e di servizio per le parrocchie della zona quella che sta coinvolgendo quattro giovani ospiti presso la canonica di Sopraponte