08 Ottobre 2017, 08.05
Blog - Genitori e figli

Adolescenza e depressione

di Giuseppe Maiolo

Flavia Bustreo: «La depressione è una minaccia sottovalutata nel mondo moderno, soprattutto verso le fasce più deboli della popolazione, fra cui donne dopo la gravidanza e gli adolescenti»


È lapidaria Flavia Bustreo, vice direttore generale dell’OMS, quando addita le vittime più esposte al male oscuro e sottolinea che nei confronti di questa malattia in aumento tra i giovani e i giovanissimi c’è una scarsa attenzione.

I numeri sulla depressione giovanile sono inquietanti e spietati quelli sul suicidio in adolescenza che risulta essere la seconda causa di morte dopo gli incidenti stradali.
Non solo, ma gli atti di autolesionismo che sono in costante aumento, spesso vengono “condivisi” tra i ragazzi come una sorta di gioco e, peggio ancora, ignorati dagli adulti.

Se, per quanto riguarda i giovani, molti di questi comportamenti sono derivati dal un diffuso piacere del rischio per nulla controbilanciato da un’educazione alla consapevolezza delle conseguenze, dall’altra pare inspiegabile la distanza degli adulti da quel male di vivere che nascostamente accompagna gli adolescenti di oggi.

A spiegare questo ci potrebbe essere la lontananza fisica ed affettiva dei grandi, la disattenzione e la trascuratezza emotiva di genitori e famiglie in altre faccende affaccendati.
Quell’essere altrove degli adulti, con l’alibi del lavoro, delle mille cose da fare, degli impegni o, come appare sempre piu’ frequente, della distrazione prodotta dai nuovi media, onnipresenti, loro, ma capaci di renderci un po’ tutti assenti o carenti nelle nostre relazioni.

Di certo il dolore interno che spinge a gesti estremi i nostri giovani possono essere azioni incomprensibili che generano smarrimento e confusione. Ci mancano gli strumenti necessari per leggere in maniera appropriata i comportamenti autolesivi come il tagliarsi i polsi o altre parti del corpo. 

Eppure nulla accade all’improvviso e niente per caso.
Al contrario ogni gesto è sempre pensato a lungo e tenuto dentro  perché associato a un dolore interiore sordo e profondo che lentamente scava dentro e crea un solco sconfinato di sofferenza. E di solitudine.

Sta qui il problema: l’isolamento.
La depressione dei giovani in questo momento sembra alimentarsi della solitudine relazionale e affettiva, della mancanza di quel controllo familiare che vuol dire presenza, attenzione e disponibilità, ma soprattutto della carenza di riferimenti stabili e coerenti che gli adulti dovrebbero saper offrire.

Aiutare a uscire da quel tunnel oscuro o prevenire il peggio del malessere giovanile, vuol dire intervenire il piu’ presto possibile, ai primi segnali.

È  necessario chiedere un aiuto specialistico se un adolescente vive troppo isolato dal mondo reale, se è frequentemente insonne o, incurante della propria incolumità, se ha comportamenti a rischio, pratica sport estremi o ha rapporti sessuali promiscui e  non protetti.

Ma è altrettanto importante fare in modo che gli adolescenti riconoscano la sofferenza dei pari, la sentano come un pericolo reale e sostengano chi sta male aiutandoli a non azzerare la fiducia.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista 
www.officina-benessere.it



Commenti:
ID73710 - 09/10/2017 00:41:04 - (Tc) - ...

credo che a certi adolescenti,manchi una cosa che alle generazioni prima non mancava...il lavoro...altro che no...dovessero lavorare dopo le scuole dell'obbligo,come molti come me dell'epoca...a 14 anni...passan tante balle e paranoie,si matura prima,e magari non serve continuare a prolungare l'eta' pensionabile,si va prima al lavoro e si esce prima dal mondo del lavoro (anche se pura utopia,ma bello crederci...),ci si ostina a far studiare anche contro la loro voglia,ma poi non possono fare altro...quindi cadono in situazioni stupide e ludiche,tentando poi di trovare un perche' nelle famiglie o nelle scuole...scuole che comunque dovrebbero imporre piu' disciplina e d educazione (naturalmente anche le famiglie),come lo era negli anni 60/70...poi con l'arrivo dei 80/90 sparito tutto...e da li i risultati dei nostri giorni attuali...bha...

Aggiungi commento:

Vedi anche
17/03/2021 09:09

Depressione “La depressione è una signora vestita di nero che bisogna far sedere alla propria tavola ed ascoltare”, scriveva Jung

19/05/2014 07:21

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2 Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

26/02/2018 09:20

Adolescenza, età del rischio Gli adolescenti, alle prese con la necessità di esplorare il mondo, conoscere se stessi e mettersi alla prova, spesso forzano i limiti e si spingono continuamente verso il rischio, senza rendersi conto del pericolo che corrono 

23/01/2017 08:36

Cogliere il disagio in adolescenza Durante l’adolescenza è importante stare attenti ai segnali che vengono inviati dai giovani come sbalzi di umore, pessimismo, isolamento relazionale. Anche se tristezza e pessimismo non vogliono dire depressione

01/11/2007 00:00

Sabbio: il ruolo dell'assistente sociale Da qualche tempo opera nel Comune di Sabbio Chiese il servizio di assistenza sociale gestito da Flavia Baruzzi. Un servizio di importanza fondamentale soprattutto per le fasce pi deboli della popolazione.




Altre da Genitori e Figli
03/01/2022

Il Capodanno nella psiche e l'arte del cambiamento

Si dice che il Capodanno sia una sorta di compleanno collettivo e i festeggiamenti rappresentino per tutti, nel bene e nel male, la consapevolezza di un anno in più. Ne deriva che le reazioni a questa ricorrenza siano diverse

31/12/2021

Coltivare la speranza

Se c’è una parola che nei giorni natalizi e di fine d’anno ricorre più di frequente, questa è la “speranza”.

22/12/2021

Regali o doni?

Tempo di feste e tempo di regali. O di doni? Non è una domanda retorica, perché le due parole non sono equivalenti né sinonimi. Hanno origini ed etimologia diversa

15/12/2021

L'albero di Natale, ancora metafora della nostra esistenza

Nei preparativi per il Natale ancora oggi, oltre al Presepe come narrazione della cristianità, c’è l’albero da adornare all’esterno o in casa

06/12/2021

Videogiochi da regalare. Pensiamoci!

Regalare videogiochi per le prossime feste? È una domanda che mi sento rivolgere di frequente. La risposta richiede riflessioni e partirei da quelle che possono emergere a seguito di un recente intervento in una scuola primaria relativo alla sicurezza online dei bambini e per la prevenzione del cyberbullismo

29/11/2021

Peccato che tu sia femmina, la violenza psicologica sulle donne

Uomini in scarpe rosse a Ravenna. Un flash mob tutto maschile per manifestare contro la violenza sulle donne e segnalare che serve un processo di cambiamento rispetto alla violenza degli uomini la quale ha radici profonde e radicate

22/11/2021

La gentilezza come cura

Come al solito le giornate dedicate ad un tema sono uno stimolo. E non tanto per proporre slogan accattivanti, che non cambiano nulla, ma azioni di riflessione

13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il “Gioco del calamaro” la serie TV coreana che sta spopolando

31/10/2021

Halloween e il valore delle narrazioni

Halloween non ci appartiene come cultura, ma ai bambini piace questa festa di provenienza celtica. Un tempo serviva a rappresentare il momento del passaggio dalla vita alla morte e a raccontare del cambiamento con cui ogni individuo deve fare i conti

10/10/2021

Scuola. Stanno tutti bene?

Non siamo ancora usciti dalla pandemia e la scuola appena iniziata, impegnata non poco con le misure di controllo, le sicurezze da garantire, i turni e gli innumerevoli problemi gestionali, sembra trascurare interrogativi del tipo “Ma come stanno i ragazzi?” e “Come stanno i docenti?”