31 Dicembre 2020, 09.18
Valsabbia Garda Provincia
Lettere

La politica con la «P» maiuscola

di Le Mamme del Chiese

Sempre più spesso, nelle diatribe che contrappongono gli  amministratori pubblici al mondo ambientalista, da entrambe le parti si ricorre ad una citazione di grande spessore, che evoca grande responsabilità ma che, se non riempita dei necessari contenuti etici e morali, si riduce ad una misera scatola vuota


Stiamo parlando della frase “La Politica con la “P” maiuscola”, espressione alla quale si ricorre sempre più spesso, dandole troppe volte un valore interpretativo soggettivo in base alle  finalità e ai  propositi che si intende raggiungere, snaturandone quindi la credibilità.

Occorre dunque fare chiarezza e indagare sul significato profondo e univoco di questa locuzione. 
E chi meglio di coloro che hanno fatto della politica con la “P” maiuscola la loro ragione di vita può indicarci la corretta interpretazione?

Abbiamo trovato molte testimonianze in proposito, tutte molto significative, ma quella che in questo momento storico riteniamo la più adatta a definirne il reale significato è contenuta nell’intervista che Enzo Biagi fece al cancelliere tedesco Willy Brand nel 1987:

Domanda: “Che cos’è per lei la politica?”

“La politica deve essere al servizio degli uomini, non viceversa. Certo poi nel dettaglio le cose non sono così facili, però l’uomo politico responsabile deve sempre chiedersi: Posso rendere più facile la vita del singolo? Questo vale per la convivenza pacifica e vale per la giustizia. Io comunque penso che tutta la politica potrebbe essere mandata al diavolo se non avesse come scopo lo sforzo di rendere più vivibile la vita del singolo”.

“Che rapporto c’è tra politica e morale?”

“Certo che c’è un rapporto conflittuale tra questi due concetti, però una politica all’insegna della responsabilità, deve orientarsi in base ai veri valori della vita, altrimenti è cinismo puro: il potere per il potere. Quindi la politica dovrebbe sempre coincidere con la verità e con i valori basilari della libertà, della giustizia e della solidarietà tra gli uomini, cercando sempre di raggiungere al massimo queste mete.

Ecco in poche parole spiegata l’etimologia di questa frase: La Politica con la P maiuscola non è un esercizio di potere ma è un servizio da rendere alla comunità.

E’ il concetto che vorremmo fosse ben chiaro
a chi ritiene che il ruolo della politica sia altro dal buon governo che sa interpretare le istanze dei propri concittadini e si adopera per il loro benessere e la tutela dei territori.

Infatti, ogni giorno giungono notizie di comunità impegnate in proteste e manifestazioni che nascono per i più svariati motivi ma che stanno ad indicare la distanza abissale che sempre più si instaura fra cittadini e Istituzioni. Ad esempio c’è chi sollecita gli Enti preposti a trovare soluzioni a problemi vecchi di decenni e mai risolti , oppure c’è chi contrasta decisioni insensate e discriminatorie, frutto di imposizioni e non di condivisione con i territori.

Queste reiterate situazioni dimostrano il fallimento della politica  adottata da certe istituzioni pubbliche, i cui rappresentanti non sanno ascoltare e non vogliono approfondire le sollecitazioni che arrivano dal basso, anzi, con atteggiamento di altezzoso distacco, che può arrivare  anche all’ irrisione, ostentano la loro supposta onnipotenza, pregiudicando irrimediabilmente il rapporto di fiducia che dovrebbe esistere tra i cittadini e le loro Istituzioni.

Ora che le comunità si stanno risvegliando ad una rinnovata consapevolezza rispetto a temi importanti quali salute, giustizia, tutela dell’ambiente e beni comuni, ci auguriamo che anche quella parte delle istituzioni politiche, ancora trincerate dietro luoghi comuni ormai superati, si rendano disponibili ad attuare quel cambio di passo tanto necessario quanto ineludibile.

Recentemente, dopo molti tentennamenti e tempo inutilmente sprecato, sembra che la politica bresciana ora abbia deciso di prendersi le sue responsabilità. Ci riferiamo in particolare  al Consiglio provinciale che recentemente ha approvato una mozione di indirizzo riferita alla pianificazione del Servizio Idrico Integrato. Approvando questa mozione si è stabilito un principio importante: i reflui fognari vanno depurati all’interno del bacino che li produce.

Un punto fermo nell’annosa questione della depurazione dei reflui fognari dei comuni della sponda bresciana del lago di Garda, che ha visto cittadini e sindaci dell’asta del fiume Chiese impegnati al massimo nel contrastare, con documenti ineccepibili, un progetto inutile per la depurazione delle acque del lago e dannoso per il fiume Chiese.

Un punto fermo che non è ancora un punto d’arrivo; la strada da percorrere non è breve ma ci aspettiamo determinazione, coerenza e costanza da parte di chi ha compiuto questo importante primo passo affinché tutto l’iter giunga alla sua conclusione. E auspichiamo una presa di coscienza e responsabilità da parte di tutti gli altri Enti coinvolti nel processo decisionale. Enti che, ricordiamo, sono espressione della politica, quella politica che auspichiamo dimostrerà di essere: Politica con la “P”  maiuscola.

Per le mamme del Chiese

Piera Casalini e Roberta Caldera




Vedi anche
13/07/2019 08:00

Propongo lo scambio depuratore - ex ospedale Vorrei cortesemente chiedere spazio nella rubrica "Lettere al direttore" per poter pubblicare queste mie riflessioni sul tema maxi depuratore a Gavardo

28/09/2020 07:07

Lettere non lettere Spett. Vallesabbia news da sempre sono poco incline a leggere e soprattutto ad apprezzare le rubriche "lettere al direttore", non solo del vostro giornale, ma anche degli altri...

26/01/2015 09:40

Alcune precisazioni Ritengo doverose alcune precisazioni in merito all’articolo da voi riportato, essendo stato a sproposito tirato in ballo

06/09/2018 15:15

A Prevalle tutto bene Egregio Direttore, ci tengo a trasmetterle un mio pensiero, dal profondo del cuore, per l’ennesimo cartello luminoso apparso da poco per le vie del mio paese. La ringrazio per lo spazio che vorrà concedermi

20/11/2017 09:03

«E la forza pubblica dove è?» Buongiorno direttore. Qualche tempo fa Le scrissi in merito al degrado del centro storico di Gavardo. Pensavo che non si potesse raccontare ancora altro .... ma mi sbagliavo. Aggiornamento martedì 21 h13:30



Altre da Garda
24/01/2021

Rigenerazione urbana e borghi antichi, pubblicati i bandi

È di ben 130 milioni di euro lo stanziamento di Regione Lombardia a favore della riqualificazione territoriale e della ripresa economica post emergenza, anche in prospettiva turistico - culturale

23/01/2021

La Lombardia torna in zona arancione

La Lombardia passa da zona rossa a zona arancione a partire da domani, domenica 24 gennaio, dopo la correzione dei dati relativi all'Rt. Ecco cosa si può fare e cosa no

22/01/2021

Punti Acqua presto a pagamento?

Un servizio finora gratuito e presente in diversi Comuni valsabbini che potrebbe a breve diventare un'erogazione a pagamento. Le modifiche proposte ai sindaci dall'Ufficio d'Ambito

20/01/2021

Gaia: «Depuratore, scelta tecnica o politica?»

I due aspetti si scontrano e si sovrappongono nella decisione da prendere che deve giungere dai gardesani, ma sul fronte Chiese le sentinelle sono sempre all’erta

19/01/2021

Record mondiale per Antonio Taranto

Il canottiere del Gruppo Volontari del Garda di Salò a soli 13 anni ha fatto suoi ben due record mondiali di categoria nella gara indoor su vogatore. Ottimi risultati anche per Alberto Caviezel e Nicola Speziani

16/01/2021

La «Ciclabile alta» per unire il Garda all'Eridio

Il progetto messo in campo dalla Comunità montana del Parco Alto Garda è finanziato con i fondi dei Comuni di confine e recupererà sentieri escursionisti per collegare il Garda con la Valsabbia

14/01/2021

Baristi e ristoratori in protesta per la chiusura

Anche nel bresciano alcuni esercenti aderiranno, domani - 15 gennaio - a #IoApro1501, la protesta nazionale contro la prolungata chiusura dei locali disposta dal Governo. La Prefettura di Brescia ha disposto l’intensificazione dei controlli in città e provincia

(4)
14/01/2021

La mozione allunga il processo decisionale

La mozione Sarnico ha dilatato l’iter di approvazione del progetto del doppio depuratore del Garda sul Chiese, data la considerazione di soluzioni alternative. A febbraio una nuova Cabina di regia per fare il punto

13/01/2021

Corsi di formazione per le imprese del territorio

Aperte le iscrizioni per il ciclo di incontri di formazione online rivolto alle imprese agricole, turistiche e dei servizi localizzate nel territorio del GAL GardaValsabbia2020 in partenza nel mese di gennaio

13/01/2021

Cabina di regia «frenata» dalla mozione

L'incontro convocato stamani dal Ministero dell'Ambiente dovrà necessariamente tenere conto dell'avvenuta approvazione della mozione Sarnico a livello provinciale. I sindaci del Chiese: “No ai balzi in avanti”