16 Settembre 2021, 07.41
Valsabbia
Territorio

Progetto Ambra

di red.

Fondazione Comunità Bresciana finanzia il progetto Ambra e la Cooperativa Area cerca nuove case per ampliare il progetto di “housing sociale” sul territorio valsabbino


Implementare un servizio di housing sociale diffuso all’interno del territorio valsabbino e offrire una risposta ai bisogni che, anche a causa della situazione pandemica, sono sempre più presenti: sono questi gli obiettivi primari del progetto Ambra Social Housing promosso dalla Cooperativa Sociale Area con il sostegno dei comuni di Vobarno e Vestone che ha ricevuto in questi giorni un riconoscimento concreto anche dalla Fondazione Comunità Bresciana attraverso un finanziamento erogato dal bando “Sociale 2021”.

Grazie al sostegno della Fondazione Bresciana, il progetto rafforzerà la sua diffusione sull’intero territorio valsabbino, ampliando la propria offerta anche su altri comuni e creando così una rete di strutture di co-housing sociale che permetteranno sia la semplificazione dei rapporti di convivenza sia dei problemi di mobilità, in particolare la mobilità casa/lavoro, di tanti cittadini.

Il servizio di Cooperativa Area, con due appartamenti attivi su Vobarno e Vestone, si rivolge alle famiglie del territorio valsabbino che non si trovano in condizione di conclamata fragilità, ma che attraversano un momento di difficoltà temporanea, giovani che sperimentano un percorso di autonomia prima della costituzione di un nucleo familiare autonomo, coppie con o senza figli, nuclei monogenitoriali, persone con anziani conviventi.
In particolare il progetto Ambra si rivolge alle persone singole che, per una serie di motivi rilevanti, tra i quali la necessità di contenere i costi per l’alloggio, sono disponibili a condividere lo spazio abitativo.

Ambra è a tutti gli effetti un progetto di “co-housing” in quanto l’obiettivo primario è creare delle convivenze che, come ormai accade spesso nei grandi centri urbani, rispondano all’esigenza di uno spazio abitativo individuale anche in un contesto di condivisione di spazi comuni.

La Cooperativa Area gestisce, ponendosi come intermediario tra i proprietari e i singoli utenti, appartamenti di media/grande dimensione che vengono utilizzati in condivisione fra più utilizzatori.
Questo sistema garantisce ai proprietari una tranquillità organizzativa, trovandosi ad avere come unico interlocutore operatori della Cooperativa, e allo stesso tempo agli utenti un servizio completo e semplificato (ad esempio, utenze e spese di gestione dell’immobile sono gestite direttamente dalla Cooperativa Area) che permette di migliorare la propria qualità di vita semplificando anche la fase di accesso/recesso al servizio abitativo.

Per poter ampliare la propria offerta di Social Housing
anche su altri comuni, la Cooperativa Area è alla ricerca di nuovi appartamenti, in particolare nella zona della bassa valle, per poter rispondere ai bisogni abitativi sempre più diffusi.

Per maggiori informazioni sul servizio è possibile contattare la referente Chiara Cavagnini scrivendo a chiara.cavagnini@areaonlus.org




Vedi anche
16/09/2020 11:01

«Effetto ambra» per ricaricare le nostre comunità Si è tenuto a Villanuova sul Clisi un incontro nell’ambito di un progetto di housing sociale promosso dalla Cooperativa Area. Quali comunità sono abitate dai giovani? Come possiamo rivitalizzare la partecipazione sociale?

05/10/2020 09:23

I giovani e la sfida della partecipazione sociale Perché i giovani partecipano poco alla vita sociale? In che modo è possibile coinvolgerli? Intorno a queste domande è ruotato un incontro del progetto di Housing sociale “Effetto ambra”

17/10/2020 08:00

Immaginare nuovi spazi di partecipazione sociale Immaginare nuovi spazi di partecipazione, in altri modi e con altri perché. È questo il tema affrontato in un incontro del progetto di Housing sociale “Effetto ambra”

16/12/2017 08:25

Housing sociale, salute e autonomia È stato inaugurato ieri l’appartamento che servirà per il progetto sperimentale di housing sociale per il territorio della Comunità montana di Valle Sabbia

05/02/2021 06:17

Ambra, chef bagossa alla Nic Nic sta per Nazionale Italiana Cuochi. Da qualche settimana ne fa parte Ambra Marca, chef, imprenditrice della ristorazione, di Bagolino. Unica bresciana, per la Nic si occupa di formazione




Altre da Valsabbia
28/01/2022

Aperte le iscrizioni per gli accompagnatori di media montagna

Le prove attitudinali per il corso di formazione 2022 si terranno ad Eupilio (CO) a marzo. L'iniziativa di Regione Lombardia a tutela del mondo dell'escursionismo

28/01/2022

Aspettando il Giro d'Italia

Ieri in Broletto l’incontro tra la Provincia di Brescia e il Comitato organizzatore della tappa bresciana in calendario il prossimo 24 maggio

28/01/2022

Gusto Giusto, successo per il negozio online di prodotti tipici

Il progetto della bottega sociale valsabbina nato in sinergia tra la Cooperativa Sociale Co.Ge.S.S. e nove aziende agricole e alimentari sta già portando i frutti desiderati

27/01/2022

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

27/01/2022

Stanziamento per il funzionamento delle Comunità montane

Anche la Comunità montana di Valle Sabbia fra i destinatari dei fondi regionali per la gestione degli enti comprensoriali montani

27/01/2022

Al nuovo Prefetto l'appello dei comitati

Il Presidio “9 Agosto”, prossimo al compimento dei sei mesi di protesta contro il depuratore del Garda sul Chiese, spera che Maria Rosaria Laganà – neo insediata come Prefetto e Commissario – accolga le istanze del territorio

26/01/2022

Smart Working: dolori articolari e soluzioni

Lo smart working può favorire l’insorgenza di dolori posturali, dolori alla schiena e cattive abitudini. Viene approfondito l’argomento in questo articolo del Centro Medico Fisioterapico Equilibrio di Salò

25/01/2022

Le vostre foto più belle

Tante ce ne avete inviate, ma tante altre ne aspettiamo ancora per la rubrica della “Foto del giorno”

25/01/2022

«Parola di bambino», ridisegnare la bussola emotiva

Come rispondere ai traumi causati ai bambini dalla pandemia? Per genitori, educatori ed insegnanti arriva un percorso di otto incontri per approfondire il tema

25/01/2022

E c'è anche una raccolta fondi

«Ho pensato che non era sufficiente starmene qui a piangere disperato per i miei amici scomparsi, che bisognava fare qualche cosa»