12 Ottobre 2020, 15.25
Valsabbia
Lettere

«Siamo di fronte ad un punto di non ritorno»

di Valsabbin* Refrattar*

In risposta alla lettera di Mario Pavoni, sulla tangenziale incapace di reggere il traffico attuale, riceviamo questa di Valsabbin* Refrattar*, che pubblichiamo volentieri


Gentile Sig. Pavoni,

abbiamo letto con attenzione la sua lettera, le premesse sono condivisibili, le evidenze delle code sono oltremodo note, pure le domande che pone sono plausibili ma la possibile risposta che paventa tra le righe del suo scritto ci ha lasciato parecchio basiti e ci ha spinti a scrivere questa lettera di risposta.

Siamo di fronte ad un punto di non ritorno, se già non l'abbiamo passato, a cambiamenti climatici che stanno portando alla desertificazione e allo spopolamento di vaste aree con tutte le conseguenze migratorie connesse e che ci devono da un lato far riflettere e dall'altro ci impongono di pensare al futuro con occhi diversi del passato.

Le parole, le promesse e le idee di sviluppo sociale ed economico di un politico del PCI o della DC visti oggi appartengono ad un'altra era geologica.

C'è stato uno sviluppo economico in valle, ma a quale prezzo? A quello che è meno evidente, a quello che non si paga subito, ossia a quello ambientale.

Il fondo valle è stato praticamente tutto cementificato, i terreni agricoli sono merce rara e se a questo aggiungiamo le numerose discariche abusive che annualmente si scoprono e la gestione dei rifiuti industriali fatta in passato e non solo possiamo ben immaginare lo stato di salute del nostro territorio.

In un territorio vicino al nostro, nella Val del Chiese stanno monitorando le falde dall'inquinamento da pfas; se le falde sono inquinate pure la nostra vita lo è.

Quest'anno l'Earth Overshoot Day, ossia il giorno in cui l'umanità ha consumato interamente le risorse prodotte dal pianeta, è caduto il 22 agosto, in pratica siamo in debito ecologico di più di 3 mesi.

Senza cadere nella retorica del far muovere idee e non mezzi o persone, consapevoli delle peculiarità della nostra valle non possiamo che sottolineare che forse è giunta l'ora di smettere con la sottrazione di terreni per l'interesse di pochi, di rivedere il sistema di lavoro e di utilizzare la tecnologia, con tutti i suoi lati oscuri, per limitare il più possibile gli spostamenti fisici delle persone.

Pure l'evidenza mostrataci dalla diffusione del Covid, che ci ha reso assolutamente dipendenti dall'estero o dall'esterno dal punto di vista alimentare ed energetico, ci deve fare riflettere sull'importanza fondamentale di un mercato contadino locale e sull'utilità di togliere verde, togliere quelli che lei definisce "solo campi" a favore del grigio del cemento o del nero dell'asfalto.

Quindi come può essere pensata la futura mobilità?

Purtroppo una risposta non c'è, magari l'avessimo.

Sicuramente ritornare a vivere i nostri territori senza considerarli dormitoi o da pendolari potendo lavorare da casa e difendere la terra e l'acqua dalla continua speculazione edilizia e industriale possono essere un grande passo, se non altro per ridurre il più possibile il momento in cui dovremo pagare il conto dei danni ambientali fatti finora, perché diversamente avremo una fantastica "grande strada" a 4 corsie che ci porterà dritta all'estinzione.

Valsabbin* Refrattar*


Vedi anche
09/12/2008 00:00

Variante, il Comitato ringrazia Il Comitato Strada Vobarno e Valle Sabbia dice la sua, dopo aver verificato che finalmente, dallo scorso primo dicembre, sono ripresi i lavori di completamento della strada di fondo valle nel tratto che va da Pompegnino a Sabbio Chiese.

04/11/2015 10:31

Strada stretta non più Centomila euro per allargare la Provinciale numero 50 che collega Nozza in valle Sabbia a Tavernole in Valle Trompia, in uno dei suoi tratti più stretti

10/01/2017 13:01

Carambola all'uscita dalla galleria Maxi tamponamento in tarda mattinata sulla tangenziale della Valle Sabbia in prossimità dell’uscita di Barghe a causa del fondo stradale ghiacciato

09/10/2019 06:25

Finalmente Il Servizio manutenzione strade della Provincia ha posizionato inequivocabili cartelli per segnalare ai ciclisti la direzione giusta da prendere

27/09/2007 00:00

La strada a primavera, parola di ministro Strada di Valle Sabbia: avanti tutta con la procedura d’appalto. La conferma in una lettera inviata dal ministro Antonio Di Pietro al presidente della Comunit montana di Valle Sabbia Ermano Pasini... sempre che il Piano Anas venga finanziato.



Altre da Valsabbia
25/10/2020

«Non è il tempo delle polemiche»

«La situazione incerta, per alcuni aspetti imprevedibile, sta purtroppo gettando nello sconforto migliaia di cittadini. Per questo oggi siamo chiamati a un surplus di responsabilità». Così in una nota Gianni Girelli, presidente della Commissione d’Inchiesta Covid

24/10/2020

Conferenza dei Comuni, mozione esclusa dall'ordine del giorno

La mozione sul maxi depuratore del Garda, firmata da ben 59 primi cittadini della provincia, non sarà discussa nella Conferenza dell'Ufficio d'Ambito. Lo sconcerto dei sindaci

24/10/2020

La Valsabbia oltreoceano

Viaggiando per l'Italia in cerca di ciclismo, durante la prima tappa del Giro d'Italia 2019, mi è capitato di conoscere una signora Venezuelana, Eskarne, moglie di un tecnico del suono al seguito della corsa...

23/10/2020

Distopie pandemiche

Sulla scia di quanto espresso su questo portale mesi fa  e delle analisi a firma "Valsabbin* Refrattar*", torniamo ad affrontare il tema "emergenza pandemica"...

22/10/2020

Autonomia della Lombardia, ancora nulla di fatto

Floriano Massardi (Lega): “A tre anni dal referendum il Governo calpesta volontà dei lombardi”

22/10/2020

Aeroporto di Montichiari, manca una strategia

Il consigliere regionale Gian Antonio Girelli: "Regione Lombardia non ha una strategia per il futuro dello scalo"

22/10/2020

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

22/10/2020

Nuove regole per scuole superiori, sport, attività e centri commerciali

E' stata pubblicata la nuova ordinanza di Regione Lombardia dopo la norma che prevede il divieto di spostamenti dalle 23 alle 5. Da lunedì didattica a distanza per le scuole superiori. Consentiti allenamenti con distanziamento per sport di contatto

21/10/2020

Coprifuoco notturno in tutta la Lombardia

A partire da questo giovedì 22 ottobre vietati gli spostamenti su tutto il territorio regionale. Torna lʼautocertificazione per spostarsi di notte

21/10/2020

Nuovi bandi territoriali da Fondazione della Comunità Bresciana

Con contributi per 343mila euro complessivi, l'Ente ha stanziato quattro nuovi bandi, di cui due dedicati rispettivamente alla Valle Sabbia e alla Valle Trompia