10 Gennaio 2021, 06.11
Blog - Gira la Ruota

Ingegneria e due ruote

di Luca Pietrobelli

Ciò che rende affascinante il ciclismo non è solo il gesto atletico dei campioni, le sfide al fulmicotone e l’incedere elegante degli scudieri, ma anche, soprattutto al giorno d’oggi, la ricerca tecnica e scientifica che accompagna lo sport


La ricerca tecnologica che è custodita in una bicicletta di oggi è paragonabile, con il giusto fattore di scala, a quella contenuta in un’auto di Formula 1.

Fin dalla notte dei tempi, dal primo Giro d’Italia, si è ricercata la prestazione affidandosi alla scienza: prima sviluppando nuovi rapporti per le biciclette, poi concentrandosi sull’alimentazione degli atleti, sull’aiuto della sdoganata “bomba” ormai bandita e sull’ottimizzazione perfino dell’abbigliamento.

Tutto questo oggi è scontato, tanto che all’Università di Perugia si è studiata la bicicletta per il record dell’ora, per dare il mezzo migliore e più prestazionale, impegnando ingegneri e ricercatori dedicati al massimo.

La storia della ricerca della velocità da un punto di vista ingegneristico nasce però davvero molto lontano: nel 1913 Marcel Berthet, vincitore della 6 giorni di Bruxelles nel 1921, guidò una strana bicicletta progettata dall’ingegnere aeronautico francese Etienne Bunau-Varilla, la “Velò Torpille”.
Questa bicicletta proiettile permise a Marcel di segnare il record dei 5 km da fermo in 5 minuti e 46 secondi, cioè pedalare ad una velocità media di 52 km/h circa.

Dall’anno successivo questi record non furono più accettati, per non dare troppo spazio alla fantasia di visionari ingeneri del pedale, un po’ come successo con i supercostumoni in neoprene nel nuoto degli ultimi anni, banditi senza possibilità d’appello.

Oggi velocità del genere vengono raggiunte e mantenute anche per un’ora, come dimostra l’attuale record dell’ora di 55.089 km, detenuto dal belga Victor Campenaerts.

Miglioramenti fisici dati dall’evoluzione e ricerca serratissima, chissà fino a dove potremo arrivare?



Aggiungi commento:
Vedi anche
01/01/2021 08:02

Nuovo anno, nuove avventure e sogni realizzati Arriva il 2021, anno carico di aspettative, speranze e novità. La più bella e interessante per lo sport valsabbino è il passaggio nel grande ciclismo di Filippo Tagliani, gavardese classe ’95, che correrà la sua prima stagione tra i professionisti

07/09/2020 11:33

Il «mio» Gavia Iniziamo con oggi ad ospitare un nuovo Blog, frutto della collaborazione con Luca Pietrobelli, gavardese, giovane ingegnere meccanico che ama condividere la sua passione per lo sport, in particolare il ciclismo. E quando c'è passione c'è storia

13/11/2020 08:00

Lockdown, Dpcm vari e fantasia del pedale 7 novembre 2020: il primo week-end del nuovo grande blocco della circolazione. Il nuovo lockdown, così l’hanno chiamato, ha definito limiti invalicabili per chi si trova in “zona rossa”

16/11/2020 07:02

Bicicletta e democrazia Il nostro territorio, per la storia che lo lega al ciclismo, con campioni nati qui o che hanno risieduto stabilmente nelle nostre zone, vede una passione radicata e molto forte, con un numero di cicloamatori da far invidia ai cugini francesi

23/09/2020 06:31

Razionalità e inganno Un viaggio nel tempo attraverso la storia per scoprire e riscoprire l’attacco al cronometro



Altre da Blog-GiraLaRuota
20/01/2021

Mario, rivoluzionario del pedale

Con il Natale sotto copertura, per gli ovvi motivi arcinoti ai più, ho avuto tempo di pensare, programmare la stagione e soprattutto ricordare

01/01/2021

Nuovo anno, nuove avventure e sogni realizzati

Arriva il 2021, anno carico di aspettative, speranze e novità. La più bella e interessante per lo sport valsabbino è il passaggio nel grande ciclismo di Filippo Tagliani, gavardese classe ’95, che correrà la sua prima stagione tra i professionisti

21/12/2020

I monti di Gavardo e la prima della classe

Altro capitolo del viaggio ciclistico alla scoperta del territorio “sotto casa”.

08/12/2020

Il sogno che non ti aspetti

Cavallini rampanti, cavalli da corsa e colpi di pedale...

22/11/2020

Barba o capelli? Osvaldo!

Proprio come in una celebre battuta del film “Bulldozer” con Bud Spencer, barba, capelli e Osvaldo sono legati tra loro, anche nel mondo delle due ruote bresciane.

16/11/2020

Bicicletta e democrazia

Il nostro territorio, per la storia che lo lega al ciclismo, con campioni nati qui o che hanno risieduto stabilmente nelle nostre zone, vede una passione radicata e molto forte, con un numero di cicloamatori da far invidia ai cugini francesi

13/11/2020

Lockdown, Dpcm vari e fantasia del pedale

7 novembre 2020: il primo week-end del nuovo grande blocco della circolazione. Il nuovo lockdown, così l’hanno chiamato, ha definito limiti invalicabili per chi si trova in “zona rossa”

04/11/2020

Polaveno al Buio

In un mondo sempre più rivolto ai pollici, ai GPS e a numeri da interpretare, a volte ritornare alle origini, affrontando la vita in modo più naïf, può essere un modo per ritagliarsi lo spazio per pensare, riflettere e staccare totalmente la spina

24/10/2020

La Valsabbia oltreoceano

Viaggiando per l'Italia in cerca di ciclismo, durante la prima tappa del Giro d'Italia 2019, mi è capitato di conoscere una signora Venezuelana, Eskarne, moglie di un tecnico del suono al seguito della corsa...

12/10/2020

L'importanza di avere i calzini

Tra le varie chicche che si possono scovare su giornali e riviste parecchio datati ci sono utili informazioni sull'abbigliamento