17 Aprile 2016, 10.11
Salò
Presentazione libri

Testimoni di Libertà, Chiesa bresciana e Rsi

di Redazione

Sarà presentato martedì prossimo a Salò il libro promosso dalla Diocesi e dalla sezione Aned di Brescia in memoria di monsignor Carlo Manziana, deportato a Dachau, e degli altri religiosi bresciani che si opposero alla Repubblica Sociale Italiana


In vista della festa del 25 Aprile, marted’ 19 aprile, alle 20.30, presso la Sala dei Provveditori del Municipio di Salò, per iniziati dall'Anpi di Salò e del coordinamento di Garda e Valle Sabbia, sarà presentato il libro “Testimoni di Libertà. Chiesa Bresciana e Repubblica Sociale Italiana (1943-45 )”.

Sarà presente l’autore, Maurilio Lovatti, docente di Filosofia e Storia e autore di saggi di storia locale. Introdurrà Agide Gelatti, presidente dell’Aned di Brescia; coordinerà la serata Paolo Canipari, presidente dell’Anpi di Salò e membro del direttivo provinciale Anpi.

Il libro è frutto di una collaborazione fra Aned, vescovo di Brescia e Maurilio Lovatti.

Il presidente dell'Aned di Brescia, nel 2014 contattò il Vescovo di Brescia, Luciano Monari, donando la Tessera dell'Associazione e invitandolo ad un “pellegrinaggio” di “religiosi” e “non” presso il campo di sterminio di Dachau, dove fra i tanti deportati vi fu anche Padre Manziana di Brescia.

Il viaggio si concretizzò dal 25 al 27 maggio 2015. E venne dato, poi, incarico al prof. Maurilio Lovatti, docente di Filosofia e Storia presso il Liceo Arnaldo di Brescia, di scrivere un libro, che trovò forma e sostanza in “Testimoni di Libertà. Chiesa Bresciana e Repubblica Sociale Italiana (1943-45 )”.

 “Questo libro – scrive nella presentazione del volume Agide Gelatti, Presidente Aned di Brescia – vuole anche ricordare che le radici del male non sono mai estirpate per sempre dal seno della società: in una nuova situazione di crisi sociale e di violenza “il mostro” potrebbe rinascere, perchè se l'uomo dimentica la storia passata , corre il rischio di riviverla. Questa mia premessa all'appassionato lavoro di Maurilio Lovatti, in un tempo che vede il tentativo di screditare la Resistenza, vuole essere un emozionato grazie a tutti coloro, che in nome della dignità dell'uomo diedero il meglio di sé”.

“Il giudizio nei confronti del fascismo è sufficientemente condiviso nella società italiana di oggi – gli fa eco mons. Luciano Monari, vescovo di Brescia –, ma non si può mai dare nulla per scontato. Bisogna far emergere le motivazioni per le quali un certo giudizio viene emesso: bisogna mettere in luce i valori che sono operanti in un giudizio. Solo così si può trasmettere da una generazione all'altra una base ferma, che permette di procedere rettamente e di costruire solidamente. Il libro di Lovatti ci accompagna in questo itinerario...).


Aggiungi commento:
Vedi anche
23/07/2014 08:28

«Le fantasie di Clio» Da venerdì presso la Loggia della Magnifica Patria, sotto il palazzo municipale di Salò, la presentazione di libri di autori gardesani e valsabbini e l'avvio il bookcrossing

31/08/2011 10:00

Salò d’autore Cinque incontri con la presentazione di libri a partire da venerd 2 settembre presso la Sala dei Provveditori del municipio di Sal.

08/11/2019 07:00

Viaggio nel neofascismo bresciano Questa sera a Gavardo, per iniziativa dell’Anpi Bassa Valle Sabbia, la presentazione del libro “Il cuore nero della città” di Federico Gervasoni

26/08/2015 18:03

Adozione e dintorni Questo giovedì sera alle 18 nel cortile della biblioteca di Salò, per la serie "I colori dei libri", la presentazione del volume "I colori del vuoto. Storie di adottati, genitori adottivi e genitori biologici"

14/05/2014 09:08

«Il giudice Albertano», presentazione a Civiltà Bresciana Il romanzo di Enrico Giustacchini, ambientato sulle sponde del Chiese, sarà presentato questo giovedì 15 maggio nella prestigiosa cornice della sede di Fondazione Civiltà Bresciana in città



Altre da Salò
23/01/2021

Servizio civile in biblioteca

Anche il comune gardesano offre a due giovani l'opportunità di affiancare il personale della biblioteca comunale nelle sue attività, per un anno, con un contributo mensile. Ecco come candidarsi

19/01/2021

Record mondiale per Antonio Taranto

Il canottiere del Gruppo Volontari del Garda di Salò a soli 13 anni ha fatto suoi ben due record mondiali di categoria nella gara indoor su vogatore. Ottimi risultati anche per Alberto Caviezel e Nicola Speziani

13/01/2021

Pranzo clandestino

I carabinieri hanno sorpreso dieci commensali, che hanno provato senza successo ad accampare scuse poco plausibili

30/12/2020

Nella difficoltà rinascono solidarietà e speranza

Un’intuizione, in un momento di solitudini e di tristezze.  E l’idea arriva da una signora di Milano...

29/12/2020

Rurale, ecco le nomine

Dopo l’Assemblea di nomina del 18 dicembre scorso, questo lunedì si è riunito per la prima volta il neocostituito Cda della Cassa Rurale Adamello Giudicarie Valsabbia Paganella. A un Valsabbino la Vicepresidenza

16/12/2020

Sindaci gardesani: mozione «atto di mero indirizzo»

In una lettera al presidente della Provincia, i sindaci dell’Associazione temporanea di scopo “Garda Ambiente” manifestano tutto il loro “disappunto e rammarico” per la mozione sui depuratori approvata dal Consiglio provinciale

09/12/2020

L'alpino Romuli è «andato avanti»

Penne nere della “Monte Suello” in lutto per la scomparsa dell’amato alpino del gruppo di Salò che tanto si è speso per le iniziative del sodalizio e della sezione

08/12/2020

Mamme del Chiese: «E gli scarichi a lago?»

All’ennesima battuta (infelice) del sindaco di Salò ribadiscono per le rime chiedendo conto di quanto fatto dalla sua amministrazione per la tutela delle acque del lago

05/12/2020

Fusione Rurale, ultimo atto

Ci sono da eleggere Cda e Collegio sindacale e i soci non possono mancare ad esprimere il loro voto: per sostenere chi sul territorio si occupa di emergenza, ma anche perché la nuova Rurale possa continuare a svolgere la sua funzione sociale.
Vediamo come e perché

04/12/2020

Lo spirito e gli scopi delle mamme del Chiese

«Chiamate in causa dal sindaco di Salò, non vogliamo cadere nell'errore di fare sterili polemiche, ma sentiamo il dovere di puntualizzare qual è lo spirito e gli scopi che ci animano». Pubblichiamo volentieri