13 Marzo 2018, 09.50
Roè Volciano
Ateneo di Salò

Roè Volciano nel progetto «Storia di Salò e dintorni»

di Redazione

Nell'ambito del progetto "Storia di Salò e dintorni" l’Ateneo di Salò terrà un incontro questo giovedì 15 marzo a Roè Volciano per approfondire la storia di questo paese spartiacque fra Garda e Valsabbia


Della storia di Roè Volciano hanno già scritto numerosi autori. Nel 1856 Federico Odorici, il grande storico di Brescia originario di Trobiolo, oltre alla ricostruzione della vita di alcuni personaggi illustri, citò una serie di documenti, i più antichi dei quali, dal 1150, sono stati ripresi da Guido Lonati nella sua Storia della pieve di Salò del 1931. Il più recente volume Roé Volciano nella storia, scritto da Venturini e Busi nel 1994, ha approfondito soprattutto le vicende delle chiese in età moderna e del processo di industrializzazione del XIX-XX secolo. In precedenza E. Ronchi, nel 1985, in Roé Volciano. Una lettura storico-urbanistica del territorio, aveva pubblicato numerose foto degli edifici residenziali dei centri storici che ne testimoniano la vitalità, tra XV e XVIII secolo, al tempo della Repubblica di Venezia.

Nuove ricerche, promosse dall’Ateneo di Salò su Roè Volciano rientrano nella Storia di Salò e dintorni, la cui pubblicazione è prevista dal 2019. I risultati già ottenuti in questi primi mesi e quelli che arriveranno grazie alla collaborazione con l’amministrazione comunale, potrebbero peraltro trovare spazio in uno specifico volume.

Il nuovo progetto nasce dunque per iniziativa della comunità locale. E la richiesta di approfondire le conoscenze sul proprio passato proviene dalla gente. Sorge spontanea una domanda: quale futuro si intende proporre per le testimonianze materiali e per la memoria storica del proprio passato? La risposta spetta a chi abita questo territorio, come comunità, associazioni e come individui. Il compito di chi si è assunto l’onere, a titolo del tutto gratuito, di scrivere questa storia è di organizzare scientificamente le informazioni raccolte con il contributo di tutti. L’obiettivo è di approfondire quegli elementi che ci permettono di ricostruire le vicende di una comunità, frutto dell’interazione tra ambiente e uomo :

(a) gli aspetti ambientali (geomorfologici, pedologici, della vegetazione, climatici) che l’uomo del passato ha sfruttato e trasformato, quasi sempre attento alla loro sostenibilità, ma impotente di fronte alle periodiche calamità;

(b) i paesaggi produttivi dell’agricoltura, accanto ai pochi destinati all’alpeggio e al bosco, dell’artigianato, divenuto poi industria, sfruttando inizialmente l’energia idraulica del Chiese e dei corsi d’acqua che sfociavano nel golfo di Salò;

(c) gli abitati che si sono sviluppati tutti in relazione alle strade;

(d) le architetture, molte della quali ancora leggibili nella loro sequenza, che raccontano storie di successi economici e sociali (dal XII al XVIII secolo, tra la fine del XIX e il XX secolo), alternati a pause e regressioni (nell’altomedioevo, nel primo ‘800).

Dalle residenze si risalirà poi alle famiglie che le hanno costruite e abitate e ai numerosi personaggi (uomini di cultura e imprenditori) che hanno dato lustro a questo territorio. Per scrivere queste nuove storie si partirà dalle fonti sistematiche: i nomi dei luoghi, le mappe catastali napoleonica e austriaca della prima metà del XIX secolo e i relativi registri; gli estimi per i tre secoli precedenti; alcuni, più antichi, censimenti di proprietà.

Fonti che forniscono migliaia di informazioni
che possono ora essere gestite e analizzate grazie agli strumenti informatici, nel nostro caso con il QuGIS, un software open source per apprendere il quale l’Ateneo di Salò ha organizzato un apposito corso tra gennaio e febbraio.

La raccolta di questi dati richiede la fattiva collaborazione degli abitanti, soprattutto dei più anziani, nati in un mondo che era ancora, almeno nel settore non industrializzato del comune, quello tradizionale della civiltà contadina.

Il progetto è coordinato da Gian Pietro Brogiolo (già professore ordinario e direttore della Scuola di specializzazione in Archeologia dell’Università di Padova). Ora in pensione, alterna attività di ricerca specialistica (quali la codirezione di tre riviste scientifiche di classe A e con ranking internazionale: “Archeologia Medievale”, “Archeologia dell’Architettura”, “Post Classical Archaeologies”) e di divulgazione (è curatore della mostra “I Longogardi. Un popolo che cambia la storia”, che dopo Pavia è ora esposta al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e approderà, a maggio, all’Hermitage di San Pietroburgo).

La maggior parte del suo tempo è però dedicata ad iniziative di “ricerca partecipata” che consistono nel costruire (attraverso la collaborazione tra studiosi e la gente del posto) la storia di una comunità. Ad esempio, quelle già pubblicate di Vobarno e Toscolano Maderno e quella in corso di edizione di Vallio , per citare solo quelle relative a comuni nei quali opera l’Ateneo di Salò.

A questa nuova storia collaborano fattivamente l’assessore Simone Don (esperto di epigrafia romana), alcuni studiosi coinvolti nella Storia di Salò (Giovanni Cigognetti, Monica Ibsen, Giovanni Pelizzari) e appassionati.

Al fine di informare e coinvolgere la popolazione, se ne parlerà il 15 marzo alle ore 18 presso l’Auditorium Comunale di Roè Vociano, in Via Verdi, con la partecipazione di Gian Pietro Brogiolo e Simone Don.


Aggiungi commento:

Vedi anche
06/05/2017 11:11

Storia di Salò e dintorni L’Ateneo di Salò si è fatto promotore di un’iniziativa per dare alle stampe la storia della cittadina gardesana, coinvolgendo studiosi e associazioni culturali del territorio

03/10/2019 15:44

Storia e attualità delle biblioteche accademiche italiane Anche l’Ateneo di Salò al tavolo del convegno internazionale di studi in programma a Rovereto questo venerdì 4 ottobre

10/05/2017 14:54

Ambiente e paesaggio della Riviera gardesana Prosegue sabato prossimo, 13 maggio, con gli interventi di Antonio Foglio e Gian Pietro Brogiolo, il percorso di ricerca sull'«Ambiente e il Paesaggio», in seno al progetto «Storia di Salò e dintorni» promosso dall'Ateneo con la collaborazione e il patrocinio della Città di Salò

21/11/2019 10:47

Alle origini di Salò Questo venerdì 22 novembre presso Auditorium del Palazzo della Cultura di Salò, la prima di quattro conferenze dedicate alla storia di Salò. Inizia il prof. Gian Pietro Brogiolo con un focus sul periodo medievale

23/01/2020 15:20

Personaggi della Salò romana Questo venerdì a Salò il secondo approfondimento dell’Ateneo di Salò dedicati alla “Storia di Salò e dintorni” con una relazione di Simone Don




Altre da Roè Volciano
30/06/2022

«I nostri ricordi» cercansi

Al via una ricerca di materiale e vecchie fotografie per la mostra storica dedicata a Roè Volciano
 

29/06/2022

Elsa Pelizzari, la staffetta partigiana Gloria, ci ha lasciati

Si è spenta ieri a Roè Volciano una delle ultime protagoniste della guerra di Liberazione in Valle Sabbia. Grande il suo impegno per la memoria della Resistenza

(1)
29/06/2022

Elsa, la sua storia, la sua testimonianza

Sono numerose le testimonianze che Elsa Pelizzari ci ha lasciato. In questa intervista di qualche anno fa, ripercorre il suo percorso di staffetta partigiana in Valle Sabbia

28/06/2022

Fondi contro la dispersione scolastica in Valle Sabbia

Con l'approvazione dei fondi del Pnrr da parte del Ministero dell'Istruzione anche i "nostri" istituti  ricevono risorse per aiutare gli studenti più fragili

27/06/2022

Sede e mezzi nuovi per la Protezione Civile

Domenica 26 giugno sono stati consegnati due nuovi mezzi alla Protezione Civile di Roè Volciano e Villanuova s/C, ed in dono, dal gruppo di Calcinato una targa con il logo e la scritta «se ghé de na, ghé de na», perché dopotutto, questa è la protezione civile
 

23/06/2022

Concerto d'estate

Musica da cantare, musica da ballare: sabato sera nel giardino della Scuola media il corpo bandistico di Roè Volciano apre la stagione estiva con la partecipazione di Daniele Gozzetti

22/06/2022

Festa del buon bracconiere sul Manos: «Torneremo, ma non prima del prossimo anno»

Chiuso (forse) il pericolo pandemia, non si farà comunque a fine agosto la Festa del Buon Bracconiere sul Monte Manos. E Antonio Rizzardini si toglie un sassolino dalla scarpa

21/06/2022

Matteo Pavoni, leader indiscusso nella gara di casa

Lo scorso week end, si è tenuta in Valle Sabbia, la quarta prova del campionato regionale di Enduro, memorial Valco Consoli: ad avere la meglio il pilota di Roè Volciano.

 

11/06/2022

Attesa per le premiazioni del 10° concorso «Memorial Edo Petrilli»

Nel corso del saggio di fine anno degli allievi della scuola di musica “Remo Tura” si conosceranno i vincitori

11/06/2022

Tutto genovese il «Pesto per Amore», ma anche un po' valsabbino

C’è invatti anche un po’ di Valle Sabbia nel “Parco del Basilico”, struttura  votata alla didattica inaugurata nei giorni scorsi a Genova, a Marina di Porto Antico. Ecco perchè. VIDEO