09 Febbraio 2023, 08.00
Prevalle
Amministrazioni

Salvaguardia della biodiversità al «Bùs del Frà»

di N.G.

Nel mese di gennaio l'Amministrazione comunale di Prevalle, a conclusione degli interventi di salvaguardia della biodiversità al Bùs del Frà, ha deciso di effettuare un monitoraggio sulla chirotterofauna presente, al fine di verificare l'efficacia degli interventi messi in atto


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...



Sono l'Istituto Oikos e il naturalista dr. Rivellini, come fa saper il Comune di Prevalle, che avranno il compito di effettuare un monitoraggio sulla chirotterofauna presente al Buco del Frate.

L'obbiettivo è quello di verificare gli eventuali effetti positivi degli interventi messi in atto per la salvaguardia della biodiversità di questo monumento naturale: recinzione antintrusione, permeabile al volo dei chirotteri, e pulizia degli accessi dalla folta vegetazione.

Il monitoraggio eseguito nel 2021
presentava 350 esemplari, con un trend delle presenze in calo.

Quello del 2022 vede un cambio di tendenza con un incremento dei chirotteri di ben 100 esemplari, 450 in tutto, e la presenza di 5 specie, una in più rispetto alle 4 individuate l’anno precedente.

Infatti ai già presenti esemplari di miniottero, rinolofo maggiore, ferro di cavallo e vespertillo di capaccini si é aggiunto il vespertillo maggiore/di Monticelli.

In futuro, i tecnici incaricati eseguiranno ulteriori rilievi, al fine di tenere monitorato lo stato di salute di questa colonia dall'elevato interesse conservazionistico.

Ma cos’è il Bùs del frà?

Il Buco del Frate, in dialetto “Bùs del Frà”
è una cavità situata nella sella tra il Monte Budellone, a Prevalle, e il Monte Paitone, ad un'altitudine tra i 253 e i 244 metri sul livello del mare.

L'interesse per questo luogho è vario e vasto: si va dall'aspetto paleontologico a quello speleologico, e poi faunistico e naturalistico. La ricca fauna che popolava le grotte e i suoi dintorni si componeva, principalmente, di lupi, volpi, faine e martore, ma in alcuni casi (più rari) anche iene, marmotte e castori. Si tratta di animali carnivori che rimandano a un clima freddo, quello delle fasi glaciali.

Ma c’è anche l’aspetto folkloristico: storie e leggende, infatti, accrescono ancora oggi la fama di questo luogo, si narra che la misteriosa grotta fu sì covo di banditi, ma anche tana di elfi e del terrificante Bao.

Il Buco del Frate è stato riconosciuto come “Area paesaggistica di particolare interesse regionale” ormai dal 1997 e non solo: con la legge 83 del 1986 è stata inoltre classificato come “Monumento naturale”, per il suo pregio naturalistico e scientifico.




Vedi anche
25/10/2017 11:30

Serpenti valsabbini a rischio In Valle Sabbia, e in particolare nei comuni di Mura e di Pertica Alta, diversi esemplari sono minacciati dall’azione dell’uomo e dai rischi che corrono lungo la strada che costeggia il lago di Bongi. Si auspica un intervento delle istituzioni

16/02/2018 08:00

L'operazione Bufo Bufo si allarga Triplica l’originario progetto di salvaguardia degli anfibi messo in atto a Idro. Due gli interventi previsti prossimamente, uno a Barghe, in località Ponte Re, e uno – ancora in forse - presso il lago di Bongi a Mura

14/06/2012 10:00

Dall'Africa l'allarme per la scomparsa degli anfibi Cause non ancora identificate provocano la scomparsa di queste specie presenti da 320 milioni di anni sulla Terra, creando un allarme per tutta la biodiversit. Questi gli esiti di un convegno tenutosi al Museo di Scienze di Trento, unico museo italiano presente in Africa

08/04/2022 08:00

Manutenzione straordinaria a scuola Gli spazi esterni della Scuola secondaria di secondo grado sono stati soggetti ad alcuni interventi di riqualificazione per valorizzare lo sport in ambito scolastico e associativo

06/08/2012 18:00

La biodiversità minacciata nelle foreste tropicali africane Anche il Museo delle Scienze di Trento ha partecipato allo studio sulla biodiversit che in grave pericolo nelle aree naturali e in quelle protette dell'Africa pubblicato lo scorso 26 luglio dall'autorevole rivista americana "Nature"




Altre da Prevalle
20/02/2024

Scazzottata fra genitori fuori dalla scuola

Mentre le mogli erano all’interno dell’istituto a confrontarsi con le insegnanti, i padri si sono presi a pugni. Ed è partita una querela

14/02/2024

Sulle strade della Vuelta

L’ultima gara del campionato Rec Race 2023-2024, corsa sui rulli “virtuale ma reale”, si è svolta sulle strade di Spagna

14/02/2024

Scuola al Plurale, un nuovo progetto per le scuole bresciane

Sono coinvolti anche due Istituti comprensivi della Valle Sabbia nel progetto della coop. Area per il contrasto della povertà educativa minorile

14/02/2024

Confermato l'autovelox sulla 45 bis

Pioggia di polemiche per l'ultimo decreto stradale prevallese: obiettivo di "riempire solo le tasche del Comune"?

08/02/2024

Foibe: pensieri e musica

Incontro a Prevalle per ricordare, a 80 anni di distanza, l'eccidio italiano 

06/02/2024

Livigno virtual race

La gara sui rulli di sabato 3 febbraio si è svolta lungo le strade del Piccolo Tibet

04/02/2024

«Un vizio di forma da sanare al più presto»

C'è anche Prevalle tra i comuni rimasti esclusi dal bando regionale per l'assegnazione dei fondi alle Comunità energetiche rinnovabili per un errore nella procedura di inoltro della domanda

03/02/2024

Un monito per chi si mette alla guida

È giunta a Prevalle l’installazione dell’Associazione Condividere la Strada della Vita che promuove iniziative per la sicurezza stradale

31/01/2024

La salita dello Stelvio

Un tracciato di gara impegnativo, completamente in salita, per la prova del campionato Rec Race

30/01/2024

Le città del domani: incontro con l'autrice

Elena Granata ci racconta della società odierna analizzando i luoghi dove avviene la sua massima manifestazione: le città 
Evento annullato