26 Luglio 2016, 14.30
Pillole di spicologia

Perché è importante il gioco per i bambini?

di Annalisa Croci

Per i bambini giocare sembra naturale e ovvio, mentre per gli adulti spesso rappresenta una “perdita di tempo”. È importante che i bambini giochino: ecco perché


È importante per lo sviluppo intellettivo del bambino, poiché quando gioca, ricorre alla creatività e acquisisce nuove modalità che gli consentono di relazionarsi con il mondo esterno.
Permette di sviluppare capacità cognitive e intellettive, ad esempio permette di conoscere le forme, colori, distanze e rapporti causa-effetto.

Inoltre il gioco sviluppa le potenzialità affettive e relazionali; infatti quando i bambini giocano insieme fanno esperienza l’uno dell’altro, anche il conflitto e disaccordo sperimentato è importante, perché influenza le abilità sociali e aiuta ad entrare in contatto emotivo. Così il bambino capisce che esistono nuove prospettive e nuovi modi di pensare o di giocare simili o diversi dai suoi.

Il gioco poi permette di modulare le azioni in base ai contesti, chiarire le intenzioni; giungere ad un accordo tra i bambini nel compiere le azioni. Il gioco può quindi assumere anche la dimensione di gruppo, pertanto entrare in un gruppo di gioco è un compito importante e permette di sperimentare accettazione, rifiuto, isolamento che rappresentano esperienze sociali che il bambino vivrà nell’inserimento nel gruppo- classe a scuola, nel gruppo dei pari e nella squadra sportiva.

Le attività ludiche crescono e si modificano di pari passo con lo sviluppo intellettivo e psicologico del bambino. Considerando che già a un anno e mezzo il bambino è in grado di camminare, correre, manipolare gli oggetti, si possono proporre numerose attività.
È possibile infatti utilizzare giochi reali e manuali, che sostituiscono la tecnologia, vi propongo alcuni esempi.

A partire dai 2 anni si possono proporre al piccolo giochi con le ruote, che si spingono, pastelli per disegnare, costruire torri di oggetti. In seguito automobili a pedali, tricicli, costruzioni semplici.
Dai 6 anni possono essere utilizzati giochi con la palla, puzzle, giochi in scatola.

È importante sottolineare che dai 6 anni e durante il periodo della scuola elementare i bambini aumentano le abilità sociali, infatti cooperano, giocano insieme e si organizzano. In questa età i giochi sono anche di gruppo e hanno regole, divenendo più complessi; così il bambino impara a coordinare il proprio comportamento con quello degli altri.

Molto importante: anche i genitori possono partecipare al gioco con i figli e interagire con loro, così tali attività diventano un momento di forte scambio affettivo.

Dott.ssa Annalisa Croci
Psicologa psicoterapeuta
www.ascoltopsicologo.it



Aggiungi commento:
Vedi anche
01/04/2016 15:33

Giochi reali Spesso si vedono bambini, anche molto piccoli, utilizzare cellulare e tablet come attività ludica; in questi dispositivi si possono trovare infatti videogiochi, quiz, disegni da comporre. E’ possibile suggerire altri giochi? Sì.

16/05/2016 16:42

Giochiamo alle bancarelle Il gioco simbolico che perdura anche nell’età della scuola primaria: un’occasione di crescita e di sviluppo delle proprie capacità

27/06/2020 06:39

Disturbi specifici dell'apprendimento. Di cosa si tratta? Leggiamo che “esistono molti bambini e ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti, ad esempio nella lettura, nella scrittura o nel calcolo...

06/11/2019 09:09

Bambini e ragazzi che chiedono aiuto Nel pomeriggio di sabato 9 novembre a Villanuova sul Clisi un convegno interdisciplinare dedicato ai disturbi dello sviluppo, dell’attenzione, dell’apprendimento, del comportamento nei bambini e nei ragazzi in età scolare

29/10/2013 10:05

In piazza coi giochi di una volta Domenica prossima i giochi che un tempo facevano per strada i bambini rivivranno a Vobarno per iniziativa delll'associazione Facciamo Rivivere Vobarno



Altre da Pillole di Psicologia
10/01/2021

Una scuola da ricostruire in fretta

Non si fa che parlare della scuola e della didattica mentre la pandemia imperversa. Giustamente se ne parla

20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

30/08/2020

Comunicazione Aggressiva

I principali stili di comunicazione sono assertivo, passivo e aggressivo. Vediamo cosa contraddistingue la comunicazione aggressiva

27/06/2020

Disturbi specifici dell'apprendimento. Di cosa si tratta?

Leggiamo che “esistono molti bambini e ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti, ad esempio nella lettura, nella scrittura o nel calcolo...

19/06/2020

Oltre la paura del contagio

Stiamo vivendo una crisi epocale. Crisi come queste per la storia si ripetono quasi in modo ciclico. Negli ultimi quaranta, cinquant’anni, abbiamo vissuto mutamenti degli assetti geopolitici, economici, sociali.

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Fame emotiva

In alcune situazioni, principalmente quando stiamo sperimentando emozioni negative, può nascere la voglia di consumare cibo. Ma, cos’è la fame emotiva?

15/05/2020

Sindrome della capanna

In questo periodo di quarantena, costretti a stare a casa per un lungo periodo di tempo, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini. E se ora non fossimo più disposti a tornare alla vita di prima?

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
05/05/2020

Relazioni in quarantena

In questo momento difficile le relazioni di coppia sono messe a dura prova. Alcuni consigli utili per poter gestire le relazioni h24 e il conflitto che potrebbe nascere