23 Novembre 2022, 16.28
Eco del Perlasca

«Mi hanno chiesto il perchè»

di Cinzia Tiseo

Ha vinto il concorso e da un momento all'altro la "profe" ha dovuto cambiare scuola. Al termine dell'ultima lezione l'ha comunicato ai "suoi" ragazzi. Ecco sull'Eco le sue riflessioni

Sono una di quelle insegnanti con la valigia pronta dietro la porta che si è spostata verso il Nord per andare ad insegnare.
Dico con la valigia perché da un momento all’altro, in un lasso di tempo che va da agosto a novembre, a noi, insegnanti con la valigia pronti a tutto, potrebbe capitarci di essere convocati dall’altro lato della provincia.

E così, come ogni anno in questo periodo, in attesa della prossima convocazione e in balia degli algoritmi del Ministero, restiamo col fiato sospeso, con la paura di dover trovare un’altra casa e caricare nuovamente la macchina e il cuore per riportarci dietro quel mondo fatto di masserizie e affetti lontani.

Fortunatamente è da un po’ che insegno, per cui sono riuscita ad assicurarmi lo stesso posto nella stessa scuola da ormai tre anni.
Una scuola un po' defilata, incastonata in una valle che avevo scelto un po' per caso, senza sapere di preciso dove fosse posizionata geograficamente. Ed è proprio lì che oggi lascio il cuore.

Allo scoccare del mio quinto anno di insegnamento, ho sostenuto il concorso per l’immissione in ruolo.
Dopo tanti mesi passati a studiare e un precedente concorso a crocette andato male, svolgerò il mio anno di prova grazie al concorso straordinario bis.

Ma a quale prezzo?
Lasciare la scuola in cui insegnavo da ormai tre anni.
E nonostante sia felice per il traguardo raggiunto, non è a cuor leggero che sono andata via. Eppure l’ho fatto, facendola sembrare ai miei studenti come la cosa più naturale del mondo.

Il 29 ottobre 2022 è avvenuta la mia presa di servizio nella nuova scuola
.
“Da che scuola arriva, professoressa?”, mi chiedono dall’alto.
“ITIS Perlasca della Valsabbia”, rispondo io.
“Ah beh allora sa già come fare”.

Non credo di sapere esattamente tutto, ma so bene quanto ho imparato grazie a questa scuola.
Il 28 ottobre ho condotto le ultime lezioni ai miei ragazzi, un po' vivaci, come sempre, ma ignari di quello che gli avrei detto a fine ora.
Nonostante sapessi di questa insensata permuta di insegnanti messa in atto dal Ministero, ho sperato fino all’ultimo che le cose potessero andare per le lunghe.

Purtroppo, contro ogni previsione, questa volta sono stati celeri; dunque pochi giorni dopo la fine del concorso, 7 ottobre, la graduatoria regionale è uscita e in men che non si dica ci hanno fatto scegliere provincia e scuole.
Tanta agitazione e molto poco tempo per pensare. Molti insegnanti si sono ritrovati a dover accettare un posto fuori provincia o comunque molto lontano da casa e famiglia.

Prendere o lasciare.
Ma oltre alla dimensione personale di ognuno di noi, nemmeno lontanamente considerata da chi ci sposta come fossimo pedine, credo sia stata dimenticata la tanto decantata continuità didattica, che stavolta è andata ad infrangersi contro una realtà burocratica difficilmente traducibile.
So di colleghi che hanno preferito rinunciare al tanto agognato “posto fisso”, pur di non lasciare le classi in cui lavoravano da anni, pena l’esclusione dalla graduatoria.

Quale ragione abbia condotto gli organizzatori di questo concorso
a spostarne i vincitori ormai già in servizio da settembre, lasciando che le loro cattedre venissero nuovamente occupate, resta un mistero.
Non sarebbe stato più coerente lasciarci tutti dove eravamo e permetterci quantomeno di portare a termine il lavoro già iniziato?
Tuttavia, l’amarezza non mi ha impedito di fare le mie lezioni, pur sapendo che sarebbero state le ultime in questa scuola.

Dov’è andato a finire il bene dello studente
a cui tanto si inneggia dall’alto del Ministero dell’Istruzione e che solo noi insegnanti provvediamo puntualmente a salvaguardare giorno dopo giorno?
Non sono forse gli insegnanti quelli che attraverso un percorso di tentativi, errori e conquiste rivedono e adattano le proprie strategie intessendo un proprio stile di insegnamento poliedrico e adattabile alla moltitudine dei bisogni educativi degli studenti?

Insegnare non vuol dire forse trasmettere un messaggio di lealtà che talvolta va ben aldilà dei semplici contenuti didattici?
Eppure chi vuole fare questo lavoro in Italia deve sottostare ad un meccanismo burocratico paradossale che prima ci butta nelle classi a tappare buchi, e solo in un secondo momento ci dice che dobbiamo formarci, senza tenere conto del fatto che la competenza del docente ce la si costruisce man mano stando in classe.

Inutile menzionare quante considerazioni questo sistema di reclutamento fuorviante susciti a scapito di chi questo lavoro lo fa con dedizione.

In questa fase della vita in cui ottengo quello che da mesi stavo aspettando, un po' mi sento sconfitta. Sconfitta da uno Stato che mi ha messo alle strette oggi per domani, rendendo vere e proprie utopie la continuità e la centralità dei bisogni educativi propinate dai libri che finora ho letto, non soltanto per dare prova alla commissione esaminatrice, in soli quindici minuti, di quanto fossi capace in classe ma anche per provare a migliorarmi.

La vera vittoria per un’insegnante non è forse condurre le proprie classi all'esame finale dopo anni di continuità?
Ho assaporato il mio ultimo giorno di lezioni al Perlasca fino all’ultimo respiro prima di informare i miei ragazzi del fatto che da quel momento in poi la scuola avrebbe provveduto a sostituirmi.

Raramente mi sono sentita impreparata come il momento in cui mi hanno chiesto il perché.
Eppure ogni “perché” ha perso di significato di fronte alla consapevolezza di ciò che mi sarei portata dietro: i frutti di questi ultimi anni trascorsi a migliorarmi tramite i miei ragazzi, in questa scuola, l’Istituto Giacomo Perlasca della Valsabbia, a cui oggi dedico il mio traguardo.

Cinzia Tiseo




Vedi anche
24/05/2017 15:48

Gita premio in Cilento Grazie ad un progetto sul turismo ad "Impatto zero"  che coinvolge la Rocca di Manerba, i ragazzi del Perlasca hanno vinto l'edizione 2017 del concorso nazionale Erica Fraiese

23/11/2019 07:15

Primo posto all'Alberti di Bormio Gli studenti valtellinesi hanno vinto a Idro la finale di un prestigioso Concorso Agroalimentare-Caseario, contro i colleghi del Perlasca detentori del titolo nel 2018

01/12/2016 07:19

Intervista al direttore Gli alunni della classe quinta della scuola Primaria di Barghe hanno intervistato il direttore: non quello della loro scuola stavolta, ma quello del nostro giornale, Ubaldo Vallini. Ed ecco cosa hanno scritto

11/04/2017 07:37

Una scuola da primo premio Erano in cinquemila, ma a vincere il concorso sono stati i 16 della Seconda "Amministrazione Finanza e Marketing" del Perlasca, con un "servizio TG" sull'acqua Maniva. VIDEO 

30/11/2017 08:00

A scuola con il geologo Venerdì 20 ottobre 2017 gli studenti del triennio del liceo scientifico del Perlasca di Idro hanno partecipato ad una conferenza dal titolo “A scuola con il geologo” tenuta dal dott. geol. Gianantonio Quassoli, iniziativa promossa dal Consiglio nazionale geologi per la “Settimana del pianeta Terra”.




Altre da Eco del Perlasca
27/11/2022

Non tutto è oro quello che... corre

Il mondo dello sport comprende una vasta gamma di discipline, che vanno dalle più famose alle meno conosciute, ed è proprio di una di queste che parlerò oggi, ovvero le corse di cammelli

25/11/2022

La mafia uccide, il silenzio pure

“All’interno della mafia l’omertà, la legge del silenzio, continua ad essere la regola”. Giovanni Falcone

22/11/2022

Ecco perché il lunedì non bisogna fare verifiche

Un tema caldo quello di cui parleremo oggi...

09/11/2022

Ai futuri «echi» del Perlasca

«Quello dell'ultima campanella è il suono della libertà», un aforisma in cui probabilmente si rispecchierà la maggior parte degli studenti

02/09/2022

L'Alberghiero stupisce ancora

Ed eccoci con un articolo riguardante le seconde dell'alberghiero, che hanno nuovamente deliziato i palati di professori e ospiti con i propri piatti.

29/08/2022

Erasmus+, anche il Perlasca oltre i confini

Tre studenti dell’indirizzo alberghiero del nostro istituto sono stati selezionati per partecipare ad un tirocinio all’estero tra tutti quelli delle scuole della provincia partecipanti, vediamo come ci sono riusciti

27/08/2022

Ci mancherà profe...

La nostra prof.ssa Antonella Ali è andata in pensione, dopo quasi 44 anni di insegnamento, di cui 39 trascorsi al Perlasca di Idro. Noi vogliamo salutarla così, ricordando la sua storia lavorativa. L'abbiamo dunque intervistata

(4)
11/08/2022

Tre, due... uno!

Vi ricordate del concorso “Poesia d’istanti”, indetto lo scorso anno, in cui due studentesse del Perlasca si sono aggiudicate il secondo e il terzo posto? Bene, una di loro ci ha riprovato e questa volta ha ottenuto il primo premio

25/07/2022

Mostra "Dalla testa ai piedi", anche lì c'era il nostro zampino...

Il 28 maggio scorso si è tenuta, presso le piste ciclabili di Nozza e Treviso Bresciano, l’inaugurazione della mostra della Fondazione PInAC di Rezzato, intitolata “Dalla testa ai piedi”, con un nostro piccolo contributo…

23/07/2022

Una cosa in meno o una in più?

Come possiamo definire l’inclusione? Quanto è importante nella vita di tutti i giorni? Vediamo cosa ne pensano i ragazzi del nostro istituto