23 Novembre 2022, 07.00
Gavardo
Amministrazioni

Il torrente Gombra messo in sicurezza

di Cesare Fumana

Un importante intervento di messa in sicurezza del territorio contro le esondazioni con lavori alla vasca di laminazione e al corso d’acqua che scenda la località San Carlo


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...



«È una delle opere più costose degli ultimi anni e sicuramente l'investimento più alto mai realizzato a Gavardo per la sicurezza idrogeologica del territorio al fine di salvaguardare l’incolumità della collettività e di mitigare gli eventi di allagamento dell’edificato cittadino».

Spiega così il sindaco Davide Comaglio i lavori che sono iniziati nei giorni scorsi a Gavardo per la messa in sicurezza del torrente Gombra, che scende dalla località San Carlo e si immette nel Naviglio Grande Bresciano.

Un intervento su una porzione del territorio comunale a rischio idrogeologico completamente finanziato dal Ministero per 900 mila euro.

I lavori riguarderanno l’alveo del torrente, ma anche la vasca di laminazione, che permette di rallentare il flusso delle acque e riducendo così i rischi di esondazione.

Nello specifico sono in corso lavori di manutenzione straordinaria dell’alveo e delle sponde del tratto di torrente compreso tra la via Fornaci, la via Emblegna, la via Quarena e lo sbocco nel Canale Naviglio Grande Bresciano, con taglio della vegetazione infestante, rimozione del materiale detritico depositato nell’alveo, la costruzione di nuovi manufatti di protezione delle sponde,  rivestimento del fondo alveo in pietrame intasato in calcestruzzo e manutenzione manufatti esistenti, per una lunghezza complessiva di circa 1568 m.

Inoltre si provvederà a una manutenzione straordinaria delle pertinenze dell’esistente vasca di laminazione del torrente Gombra, con il potenziamento del sistema di svuotamento della vasca stessa con una nuova motopompa.

A questo si aggiunge l’installazione di un impianto di monitoraggio idrologico del torrente Gombra - San Carlo.

«È importante il potenziamento del sistema di svuotamento della vasca tramite una nuova potente motopompa, il cui funzionamento associato a quella di cui è già dotata la vasca di laminazione consente lo svuotamento totale della vasca stessa entro 48 ore – evidenzia il primo cittadino –. L’intervento viene completato con l’installazione di un impianto di monitoraggio idrologico del torrente Gombra - San Carlo per il rilievo delle principali variabili idrauliche del torrente e della vasca di laminazione».



Vedi anche
03/01/2022 16:15

Territorio messo in sicurezza Nell’anno appena concluso è stata data priorità alla manutenzione del territorio con la messa in sicurezza dei torrenti, della viabilità e dei beni comunali

07/07/2021 09:22

Cariadeghe, continua la regimazione idraulica Per fermare le frequenti esondazioni procede l’intervento sui corsi d’acqua dell’altopiano di Serle. La seconda tranche si concluderà nei prossimi mesi

05/11/2020 10:21

Intervento di messa in sicurezza in Gavardina La Giunta comunale del paese ha approvato il progetto di riqualificazione di un tratto della pista ciclo-pedonale, che garantirà maggior sicurezza a chi vi transita

17/03/2021 08:00

Contro il dissesto idrogeologico Sono numerosi gli interventi di messa in sicurezza eseguiti dall’amministrazione comunale di versanti montani e di torrenti per evitare danni da caduta massi ed esondazioni

19/11/2020 10:29

Sicurezza a scuola Terminati alla primaria “Don Milani” i lavori di messa in sicurezza promossi dall'Amministrazione comunale e realizzati con l'aiuto degli Alpini e di un'associazione locale




Altre da Gavardo
27/11/2022

Le cose perdute

Seguendo il filo della memoria, cerco cose e tradizioni di quando ero bambino e che sono cambiate nel tempo. Infine alcuni eventi, un compleanno e vari onomastici “speciali”

25/11/2022

La caccia, una tradizione verso il futuro

A Gavardo una serata per discutere su quale può essere il futuro della caccia nella nostra società

25/11/2022

Gavardo, «Una luce differente» di Paola Baratto

Questa sera del 25 novembre, in occasione della giornata inernazionale contro la violenza sulle donne, l'ultimo del ciclo d'incontri «Parole di donna, donne di parola»

24/11/2022

Una nuova medicina per l'ospedale di Gavardo

Rinnovato e ampliato con nuovi posti letto il reparto per acuti, in stretta connessione con la sede di Prevalle per la lunga degenza

23/11/2022

Anche a Gavardo la tariffa puntuale

Il nuovo metodo di misurazione della tassa rifiuti entrerà in vigore col nuovo anno e sarà applicato al residuo indifferenziato. In programma alcune serate informative

22/11/2022

Inaugurazione della mostra «Arte in famiglia, colorie e stoffe»

Nella sera del 18 novembre è stata inaugurata la mostra “Arte in famiglia, colori e stoffe” nella quale sono esposte le creazioni di Daniela Zucchetti e i dipinti della sorella Sandra

22/11/2022

Successo per la prima di «Edith»

Svelato alla comunità il film realizzato dall’associazione culturale gavardese Violet Moon, vincitore nel 2022 del premio Impact Award al Giffoni Film Festival

22/11/2022

Il Parlamento europeo cassa la petizione

«L’archiviazione è stata chiesta dai gruppi di cui fanno parte FI, FdI e Italia Viva-Azione. Aspettiamo le motivazioni, poi vedremo come replicare». Così il Comitato La Roccia in occasione di un incontro avvenuto nel luogo dove dovrebbe sorgere il depuratore

21/11/2022

Festa del Ringraziamento in bassa valle

Le sezioni Coldiretti di Gavardo, Villanuova, Vallio Terme e Calvagese della Riviera si sono ritrovati quest'anno nel paese della Valtenesi per il tradizionale appuntamento autunnale

21/11/2022

Gavardo punta al titolo di «città»

La proposta dell’amministrazione comunale sarà al vaglio del prossimo consiglio comunale con una relazione storica redatta dalla prof.ssa Emilia Nicoli